maratoneti scalzi a Vienna......

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  paolo fratter il Lun Apr 18 2011, 19:19

E alla fine è decollato...ma purtroppo anche già finito! Memorabile il week end dei maratoneti del team "nati scalzi" a Vienna....i nostri atleti sono stati a dir poco meravigliosi! Ma andiamo con ordine. Il ritrovo è all'aeroporto di Vienna nella serata di venerdì 15 aprile. Arrivo prima io con un volo da Roma mentre Andrea77 e Pino sono in arrivo poco dopo con altro volo da Milano (...Giorgio/Nonsolosolo purtroppo non è arrivato....ma non sa cosa si è perso!!!). Puntualità perfetta di entrambi i voli e dunque via tutti insieme verso l'hotel in una serata fredda e ventosa, ma il primo a scalzarsi stoicamente è come al solito Andrea che sale sul treno che ci porta in città già a piedi nudi. Arrivo in hotel e veloce cena in un ristorante nelle vicinanze visto che si era fatto abbastanza tardi e la fame e la stanchezza cominciavano a farsi sentire. A fine cena ecco che inaspettatamente e un po' trafelato ci raggiunge scalzo anche Christian (hadashi) testè giunto a Vienna con la sua simpatica moglie dopo un lungo viaggio in auto da Udine. Giusto il tempo per offrigli un veloce caffè e via tutti a dormire. L'indomani ci devono raggiungere Guido (Elan) insieme alla sua compagna per completare il nostro bel gruppetto. Ed infatti puntualissimi eccoli arrivare in volo da Firenze. Il nostro nutrito gruppo è finalmente al completo e via in metro verso la fiera per il ritiro delle pettorine numerate per la staffetta della maratona della domenica successiva. Espletata questa formalità ci dirigiamo tutti e cinque scalzi (tranne le gentili consorti che restano calzate) verso il Prater. Lunga passeggiata attraverso giochi ed attrazioni tra le più vertiginose e disparate del famoso parco di divertimenti e piacevole sosta all'aperto in un simpatico ristorante per la degustazione di tipiche specialità viennesi accompagnate da ridondanti calici di birra. Il tempo è nuvoloso e fresco ma la pioggia ci viene risparmiata! Nel pomeriggio fa capolino il sole e bel giro in centro città, il duomo e la piazza di Santo Stefano, le famose isole pedonali costellate di bar e pasticcerie che fanno girare la testa per la varietà dei loro famosi dolci (torta Sacher compresa....!), l'Hofburg, il teatro dell'Opera e così via. La vista dei nostri piedi nudi resta abbastanza indifferente ai più anche se qualche commento o sguardo stranito non ci vengono risparmiati nemmeno nella - per così dire .- barefootfriendly Vienna, ma di altri scalzi nemmeno l' ombra...forse la stagione è ancora poco matura! Le strade comunque sono molto pulite (...assolutamente nemmeno una cacchina di cane in terra...!!!!!) e facilmente percorribili dalle nostre piante. L'ndomani per i nostri atleti (Andrea,Pino,Christian e Guido) è il fatidico giorno della loro prova e l'agitazione comincia a serpeggiare nei loro animi. Mattino dopo....giornata di sole bellissimo e caldo...tutti e quattro i nostri maratoneti scalzi (indossate le rosse magliette ufficiali del club nati scalzi) sono finalmente pronti e Guido (che dice di non essere particolarmente allenato e neanche particolarmente giovane anche se in realtà ha l'aspetto di un ragazzino simpaticissimo e birichino!!) sembra decisamente il più emozionato. Il primo a partire è l'atletico Christian che deve farsi la prima parte di ben 16 km, e mentre io, Guido e Fulvia lo attendiamo al primo traguardo...arrivano i primi atleti agonisti (quasi tutti negri) seguiti da altri biondi marcantoni nordici che corrono come saette grondando litri di sudore..ma ecco che poi arriva anche il nostro favoloso Christian in forma smagliante e quasi nemmeno sudato (le piante dei piedi perfette...anche se ultranere...hanno retto benissimo, splendida prova !) Parte Guido ultraemozionato per un tratto più breve (6 km) che raggiungiamo poi con Andrea che deve dargli il cambio alla prossima tappa. Arriviamo io Andrea e Fulvia trafelati tra una metropolitana e l'altra e...guarda guarda, contro ogni aspettativa Guido è già arrivato e cerca disperatamente Andrea per dargli il cambio. E' felice e raggiante come un bambino ha superato la prova brillantemente come nemmeno lui immaginava ed è felice.....un grandissimo bravo al nostro Guido! La folla aumenta come pure i corridori fa caldo e l'entusiasmo è alle stelle. Parte Andrea e anche lui dopo 9 km dà il cambio a Pino che ritroviamo all'ultima tappa mentre si sta scaldando balzellando come un grillo su un verde prato. Ultima tappa felicemente superata sia da Andrea (solo una piccola vescica su un dito del piede) che da Pino nonostante la sua non giovanissima età ma con uno spirito da leone! E bravi ragazzi....complimenti vivissimi.....siete stati veramente grandi, meglio di così non potevate fare! Raggiungiamo il traguardo, la folla è immensa, tutte le strade di Vienna sono bloccate per far passare i maratoneti, i nostri favolosi quattro atleti si riuniscono e tagliano il traguardo insieme con le stesse magliette...e tutti scalzi! Io e Fulvia li vediamo correre veloci verso l'arrivo, lei scatta come può una foto istantanea....speriamo che sia riuscita! La maratona è finita....il caos pazzesco...più di 20mila iscritti! Non so come ma io, Fulvia e la moglie di Christian riusciamo a ritrovarli...veramente un miracolo in quella calca! Ma manca all'appello Guido...accidenti si è perso...ma dove lo ritroviamo in quel casino infernale? I cellulari non funzionano e Fulvia è in ansia pensandolo in giro solo, smarrito, scalzo in maglietta e pantaloncini e basta in quella folla indescrivibile!Ma non è finita...si perdono le tracce anche di Christian e Pino... panico totale...con miracoloso finale del ritrovamento di tutti seduti in un bar davanti al duomo di Santo Stefano a gustarci una favolosa Sacher con panna! Purtroppo il nostro eccitante weekend podistico viennese sta per finire, ci attendono i nostri voli di ritorno...grazie ai nostri atleti scalzi (gli unici...no forse solo uno avvistato da Christian), in compenso a fine gara tanti corridori che, toltisi le puzzose scarpe da corsa, vagavano a piedi nudi con aria smarrita e dolorante per le loro estremità distrutte e sanguinanti per le vesciche (....ma finalmente scalzi anche loro..!!!) Grazie agli amici per il bellissimo weekend trascorso in loro compagnia e speriamo di organizzarne altri....alla prossima! Anzi arrivederci tutti all'incontro di Milano il 22 maggio...mi raccomando...cerchiamo di essere numerosissimi!
Un saluto a tutti.
Paolo F.

paolo fratter

Numero di messaggi : 397
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  bfpaul il Lun Apr 18 2011, 21:28

paolo fratter ha scritto:E alla fine è decollato...ma purtroppo anche già finito! Memorabile il week end dei maratoneti del team "nati scalzi" a Vienna....i nostri atleti sono stati a dir poco meravigliosi! Ma andiamo con ordine. Il ritrovo è all'aeroporto di Vienna nella serata di venerdì 15 aprile. Arrivo prima io con un volo da Roma mentre Andrea77 e Pino sono in arrivo poco dopo con altro volo da Milano (...Giorgio/Nonsolosolo purtroppo non è arrivato....ma non sa cosa si è perso!!!). Puntualità perfetta di entrambi i voli e dunque via tutti insieme verso l'hotel in una serata fredda e ventosa, ma il primo a scalzarsi stoicamente è come al solito Andrea che sale sul treno che ci porta in città già a piedi nudi. Arrivo in hotel e veloce cena in un ristorante nelle vicinanze visto che si era fatto abbastanza tardi e la fame e la stanchezza cominciavano a farsi sentire. A fine cena ecco che inaspettatamente e un po' trafelato ci raggiunge scalzo anche Christian (hadashi) testè giunto a Vienna con la sua simpatica moglie dopo un lungo viaggio in auto da Udine. Giusto il tempo per offrigli un veloce caffè e via tutti a dormire. L'indomani ci devono raggiungere Guido (Elan) insieme alla sua compagna per completare il nostro bel gruppetto. Ed infatti puntualissimi eccoli arrivare in volo da Firenze. Il nostro nutrito gruppo è finalmente al completo e via in metro verso la fiera per il ritiro delle pettorine numerate per la staffetta della maratona della domenica successiva. Espletata questa formalità ci dirigiamo tutti e cinque scalzi (tranne le gentili consorti che restano calzate) verso il Prater. Lunga passeggiata attraverso giochi ed attrazioni tra le più vertiginose e disparate del famoso parco di divertimenti e piacevole sosta all'aperto in un simpatico ristorante per la degustazione di tipiche specialità viennesi accompagnate da ridondanti calici di birra. Il tempo è nuvoloso e fresco ma la pioggia ci viene risparmiata! Nel pomeriggio fa capolino il sole e bel giro in centro città, il duomo e la piazza di Santo Stefano, le famose isole pedonali costellate di bar e pasticcerie che fanno girare la testa per la varietà dei loro famosi dolci (torta Sacher compresa....!), l'Hofburg, il teatro dell'Opera e così via. La vista dei nostri piedi nudi resta abbastanza indifferente ai più anche se qualche commento o sguardo stranito non ci vengono risparmiati nemmeno nella - per così dire .- barefootfriendly Vienna, ma di altri scalzi nemmeno l' ombra...forse la stagione è ancora poco matura! Le strade comunque sono molto pulite (...assolutamente nemmeno una cacchina di cane in terra...!!!!!) e facilmente percorribili dalle nostre piante. L'ndomani per i nostri atleti (Andrea,Pino,Christian e Guido) è il fatidico giorno della loro prova e l'agitazione comincia a serpeggiare nei loro animi. Mattino dopo....giornata di sole bellissimo e caldo...tutti e quattro i nostri maratoneti scalzi (indossate le rosse magliette ufficiali del club nati scalzi) sono finalmente pronti e Guido (che dice di non essere particolarmente allenato e neanche particolarmente giovane anche se in realtà ha l'aspetto di un ragazzino simpaticissimo e birichino!!) sembra decisamente il più emozionato. Il primo a partire è l'atletico Christian che deve farsi la prima parte di ben 16 km, e mentre io, Guido e Fulvia lo attendiamo al primo traguardo...arrivano i primi atleti agonisti (quasi tutti negri) seguiti da altri biondi marcantoni nordici che corrono come saette grondando litri di sudore..ma ecco che poi arriva anche il nostro favoloso Christian in forma smagliante e quasi nemmeno sudato (le piante dei piedi perfette...anche se ultranere...hanno retto benissimo, splendida prova !) Parte Guido ultraemozionato per un tratto più breve (6 km) che raggiungiamo poi con Andrea che deve dargli il cambio alla prossima tappa. Arriviamo io Andrea e Fulvia trafelati tra una metropolitana e l'altra e...guarda guarda, contro ogni aspettativa Guido è già arrivato e cerca disperatamente Andrea per dargli il cambio. E' felice e raggiante come un bambino ha superato la prova brillantemente come nemmeno lui immaginava ed è felice.....un grandissimo bravo al nostro Guido! La folla aumenta come pure i corridori fa caldo e l'entusiasmo è alle stelle. Parte Andrea e anche lui dopo 9 km dà il cambio a Pino che ritroviamo all'ultima tappa mentre si sta scaldando balzellando come un grillo su un verde prato. Ultima tappa felicemente superata sia da Andrea (solo una piccola vescica su un dito del piede) che da Pino nonostante la sua non giovanissima età ma con uno spirito da leone! E bravi ragazzi....complimenti vivissimi.....siete stati veramente grandi, meglio di così non potevate fare! Raggiungiamo il traguardo, la folla è immensa, tutte le strade di Vienna sono bloccate per far passare i maratoneti, i nostri favolosi quattro atleti si riuniscono e tagliano il traguardo insieme con le stesse magliette...e tutti scalzi! Io e Fulvia li vediamo correre veloci verso l'arrivo, lei scatta come può una foto istantanea....speriamo che sia riuscita! La maratona è finita....il caos pazzesco...più di 20mila iscritti! Non so come ma io, Fulvia e la moglie di Christian riusciamo a ritrovarli...veramente un miracolo in quella calca! Ma manca all'appello Guido...accidenti si è perso...ma dove lo ritroviamo in quel casino infernale? I cellulari non funzionano e Fulvia è in ansia pensandolo in giro solo, smarrito, scalzo in maglietta e pantaloncini e basta in quella folla indescrivibile!Ma non è finita...si perdono le tracce anche di Christian e Pino... panico totale...con miracoloso finale del ritrovamento di tutti seduti in un bar davanti al duomo di Santo Stefano a gustarci una favolosa Sacher con panna! Purtroppo il nostro eccitante weekend podistico viennese sta per finire, ci attendono i nostri voli di ritorno...grazie ai nostri atleti scalzi (gli unici...no forse solo uno avvistato da Christian), in compenso a fine gara tanti corridori che, toltisi le puzzose scarpe da corsa, vagavano a piedi nudi con aria smarrita e dolorante per le loro estremità distrutte e sanguinanti per le vesciche (....ma finalmente scalzi anche loro..!!!) Grazie agli amici per il bellissimo weekend trascorso in loro compagnia e speriamo di organizzarne altri....alla prossima! Anzi arrivederci tutti all'incontro di Milano il 22 maggio...mi raccomando...cerchiamo di essere numerosissimi!
Un saluto a tutti.
Paolo F.
Che dire?
La nostra squadra sportiva si è comportata benissimo e ne sono molto contento; complimenti a tutti, davvero bravi!!!!
Mi raccomando, quest'anno a Milano dobbiamo essere davvero tanti e non solo i soliti granitici lombardo-piemontesi! Vorremmo davvero conoscere anche i giovani toscani, liguri e vento-friulani che tanto abbiamo apprezzato.
Dai ragazzi, prendetevi una domenica per voi, vedrete che ne vale la pena ...

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  Andrea77 il Lun Apr 18 2011, 22:39

Bravo Paolo x l'avvincente resoconto.
Oggi Christian c'ha mandato questa mail:

Tempi parziali:
A) Christian (16,1km): 1:17:48
B) Guido (5,7km): 45:50
C) Andrea (9,1km): 58:17
D) Pino (11,3km): 1:04:21

Tempo (netto) totale: 4:06:17

Siamo al 1575 posto (di 2602) staffette.

Oggi come va?
Io ho un po' male dietro alle cosce. I piedi quasi ok, la micro vescica non mi da particolari noie.
Questa sera sono persino riuscito ad andare in palestra x il consueto allenamento del lunedì anche se ero un po' rigido di musculatura.
Un grande GRAZIE a tutti i partecipanti a questa entusiasmante avventura (compresi chi non ha corso ma c'ha supportato alla grande. Un unico rammarico x Giorgio che sarebbe potuto venire anche senza correre...).
Io l'ultima corsa calzata è stata la stramilano (10 km) del 2009 con un tempo di poco superiore all'ora.
Ieri è stata la mia prima corsa scalza e devo dire che è andata meglio del previsto visto lo scarso allenamento sia dei piedi che di fiato (andare in montagna aiuta ma non è lo stesso). Molto bella anche l'organizzazione dell'evento che ha visto credo + di 30.000 partecipanti tra maratona, staffetta, mezza maratona e corsa x bambini.
X me è stata una piacevole novità.

Spero di rivedermi, almeno con qualcuno di voi (e ovviamente con chiunque si volesse unire), prima del 22/5. Sabato 30/4 potrebbe andare x una gita in Ligurai tra Genova e La Spezia?

Ciao
Andrea

avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  hadashi il Mar Apr 19 2011, 09:26

Ciao Paolo,
grazie anche da parte mia; bellissimo racconto Very Happy
Sento i polpacci un pò "pesanti"; ma farò una breve corsa in pausa pranzo, così mi dovrebbe passare Wink Per il resto tutto bene!
Speriamo di poter ripetere quest'esperienza avvincente (magari anche partecipando ad altri eventi podistici ? Ci sono tanti eventi con distanze abbordabili a tutti bounce )
Christian
avatar
hadashi

Numero di messaggi : 772
Età : 46
Data d'iscrizione : 08.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  Elan il Mar Apr 19 2011, 11:01

Grazie Paolo del resoconto conciso e pregnante. Cosa posso aggiungere? da quando ho visto le guglie della Schottenkirche stagliarsi contro il cielo azzurro ed il mio fratello di maratona austriaco, che correva accanto, ha pronunciato la fatidica frase "il traguardo è in vista!", per cui ho iniziato ad accelerare per guadagnare qualche secondo, ho vissuto in uno stato di grande felicità e soddisfazione interiore che perdura nonostante un po' di dolorini ai polpacci che si fanno sentire specialmente quando mi metto in movimento. Il motto della maratona di Vienna era :" la vittoria più grande è quella su noi stessi" ed io credo di avere veramente percepito questa verità bellissima. Quando attendevo Christian alla linea di partenza ero persino preoccupato di riuscire ad arrivare di corsa alla linea cronometrica ... invece ho trottato per ben 45 minuti consecutivi e sono arrivato al traguardo senza nemmeno avere il fiatone. Nell' insieme è stata una esperienza splendida, assolutamente da ripetersi.
Quanto allo scalzismo in sè, ammetto che quando giravamo per Vienna scalzi sabato avvertivo un leggero senso di disagio (stranamente maggiore perchè eravamo in gruppo rispetto a se fossi stato solo), mentre lo scalzismo collegato ad una attività sportiva smette di essere una "originalità" e viene percepito da tutti come un "plus", qualcosa di ammirevole. Durante la corsa ho ricevuto continuamente segni e parole calorose di stima e di considerazione per quei piedi nudi: "così dovremmo fare tutti", "così si fa" oppure "Respekt!" ... sia da parte degli altri maratoneti che mi sorpassavano, sia da parte del pubblico ed anche poi per tutta la giornata, quando giravo per Vienna cercando il resto del gruppo, in quel clima sportivo e festoso che aveva contagiato tutta la città, mi rendevo conto che i piedi nudi suscitavano solo simpatia.
Del resto va detto, che nonostante per me il tedesco sia una seconda lingua madre, non ho mai fatto caso a commenti sgradevoli, nemmeno il sabato al Prater o per la città... dipende molto dal fatto che fondamentalmente me ne frego abbastanza degli altri intorno a me. Direi che Andrea e Paolo erano un po' le nostre antenne paraboliche che scutavano incessantemente lo spazio intorno a noi alla ricerca di scrollate di testa o risolini ironici Smile Spesso sono stato apostrofato in maniera scherzosa ed ho risposto altrettanto scherzosamente.
Dopo questa esperienza sono più che mai convinto della naturalità e giustezza del connubbio scalzismo-attività sportiva o escursionistica ed un po' meno dello scalzismo urbano 7-24. In azienda sono stato abbastanza festeggiato, perchè la mia partecipazione scalza alla corsa di Vienna è di pubblico dominio. Mio figlio mi ha definitivamente battezzato Guido Baggins Very Happy



avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  Elan il Mar Apr 19 2011, 11:06

Piccolo post-scriptum: c'è pericolo di contagio ... ieri pomeriggio, tornata dal lavoro, la mia compagna è andata a farsi un giro a piedi e si è messa a correre, dalla voglia che le era venuta domenica ....
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  contessa scalza il Mar Apr 19 2011, 11:13

Bravissimi!!!!!! cheers Complimenti a tutti!!!! sunny

Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  ALEBO il Mar Apr 19 2011, 15:47

Grazie Paolo del racconto dettagliato della vostra esperienza scalza a Vienna con maratona e bravi tutti i corridori e non. Alessandro.
avatar
ALEBO

Numero di messaggi : 448
Data d'iscrizione : 26.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  lucignolo il Mar Apr 19 2011, 21:24

Elan ha scritto:Dopo questa esperienza sono più che mai convinto della naturalità e giustezza del connubbio scalzismo-attività sportiva o escursionistica ed un po' meno dello scalzismo urbano 7-24.
È facile toccare con mano ciò che affermi.
Se cammino scalzo nel quartiere od in città i commenti (negativi) si sprecano.
Se vado scalzo in campagna o nei percorsi abitualmente frequentati dagli sportivi l'atteggiamento è totalmente diverso: curiosità e rispetto la fanno da padroni.
Tu parli di giustezza, ma permettimi di dissentire totalmente.
Chi stabilisce che è giusto stare scalzi per sport e non lo è in ambito urbano?
Non tutti sono sportivi, io stesso sono un ex e non voglio più sentire parlare di sport, almeno in senso agonistico.
Perché una persona comune non deve poter godere della sua libertà e camminare scalzo dove cavolo vuole?
Mi fa piacere la disponibilità della gente in ambiente extraurbano, ma nulla mi fa sentire più libero del camminare scalzo proprio in quegli ambienti non convenzionali.
Pur applaudendo i nostri atleti di Vienna BRAVISSIMI!! cheers, perché se lo meritano alla grande, insisto nel sostenere che scalzi si dovrebbe potere ovunque.
Se accettiamo compromessi (salvo i casi arcinoti per motivi di sicurezza dimostrata e di etichetta in certi locali e sul lavoro) non avremo vita lunga, anzi ammetteremo di essere in torto.
Un po' questo è l'atteggiamento che hanno molti di noi: scusi, posso? Scusi, è vietato? E se chiedi vuol dire che hai dubbi e che parti dal presupposto di fare qualcosa di sbagliato.
Lo scopo del club dovrebbe essere quello di promuovere la nostra attività, non nel nenso di convincere gli altri a buttare dalla finestra le scarpe, ma semplicemente di far capire che l'andare in giro a piedi nudi non è una perversione, una sciatteria, un sintomo di disagio sociale e nemmeno la stigmate di una condizione socio-economica disastrata.
Non mettiamoci anche noi, col nostro masochismo autopunitivo, a dar forza ai pregiudizi sociali già di per sé fortissimi.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  Andrea77 il Mar Apr 19 2011, 21:38

Alla fine della corsa devo dire che non avevo particolari dolori alle gambe e così fino a domenica quando sono andato a dormire. Ieri e oggi ho i muscoli dietro le cosce che mi fanno male (polpacci stranamente no).
La cosa mi ha un po' stupito visto l'allenamento che ho in montagna ma evidentemente la corsa scalza muove altri muscoli o li muove in modo diverso.
Purtroppo sabato quando siamo stati fermi a pranzo e a merenda ho incassato freddo e oggi il raffreddore è esploso in tutta la sua potenza. Sarà per il fatto che non sono abituato a stare scalzo che quando mi scalzo mi raffreddo facilmente?

Concordo con Elan sul fatto che andare scalzi in natura o in contesto sportivo mette meno a disagio. Sabato, complice anche la temperatura non proprio primaverile, sembrava un po' forzoso essere scalzi e quindi si era facile 'vittime' di occhiate stupite o commenti (il vantaggio di non capire la lingua è che non si capisce cosa dicono) mentre i giramenti di testa con occhi sgranati non hanno bisogno di interprete. A segure il gruppo stando qualche metro dietro è divertente notare le facce della gente.
Ero già stato a Vienna in estate e avevo anche visto qualche ragazzo/a scalzo e gli sguardi erano decisamente meno stupiti.

Attendo notizie di Pino che domenica sera era piuttosto provato. Tutto bene?
Attendo anche di vedere alcune foto fatte.

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  Andrea77 il Mar Apr 19 2011, 21:50

Chi stabilisce che è giusto stare scalzi per sport e non lo è in ambito urbano?

Nessuno! E' solo che io, e da quanto mi par di capire pure Elan, ci trovimo + a nostro agio in contesti naturali/sportivi e + a disagio in città. E' x questo che se capita cammino scalzo anche in città ma preferisco un altro contesto visto che vado scalzo per piacere e se mi sento a disagio che piacere è?
Detto questo lungi da me voler ostacolare chi la pensa diversamente e va volentieri scalzo in città. Anzi ne provo invidia ed ammirazione perché riesce a fare con naturalezza una cosa che a me non viene o viene difficile.
Concordo in pieno sul discorso che è totalmente dannoso chiedere 'scusi posso?'.
Piuttosto se il mio 'buon senso' mi fa intuire che la situazione potrebbe essere imbarazzante mi ricalzo.
Al contrario di Elan invece io mi sentirei ancora + a disagio se fossi solo xché il gruppo mi stimola e mi incoraggia anche se ovviamente un gruppo di scalzi si nota maggiormente.

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  lucignolo il Mar Apr 19 2011, 21:58

Andrea77 ha scritto:E' x questo che se capita cammino scalzo anche in città ma preferisco un altro contesto visto che vado scalzo per piacere e se mi sento a disagio che piacere è?
Premessi i complimenti per ciò che hai fatto a Vienna (e non mi stancherò mai di ripeterlo), vorrei che il gruppo ti aiutasse a fare, appunto, una sorta di terapia di gruppo, facendoti sentire meno a disagio in situazioni più facilmente realizzabili e fisicamente più raggiungibili.
Auguri!
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  Andrea77 il Mar Apr 19 2011, 22:18

Infatti è per questo che ci tengo molto ad organizzare uscite di gruppo. Proprio perchè mi sento maggiormente a mio agio i situazioni che altrimenti mi scoraggerebbero.
Devo però dire che non sono il solo ad avere questi problemi. Come ha detto Paolo Fratter venerdì arrivati a Vienna sono stato io il primo a scalzarmi (devo ammettere di non aver avuto ancora il coraggio di prendere l'aereo scalzo).
Sabato sono andato a fare la colazione scalzo, altri no (domenica invece no perché già covavo il raffreddore).
Domenica a colazione si è verificata una cosa bizzarra. Io avevo già messo nel mio zainetto i sandali quando sento che Elan uscirà senza. Questo mi condiziona e decido di correre il rischio e lasciare i sandali in albergo. All'uscita vedo che lui c'ha ripensato e ha preso con se i sandali (forse su consiglio della moglie premurosa).
Come noto ho timore a girare scalzo a Milano e da solo non lo faccio mai xò quando ci sono gli incontri non mi sono mai tirato indietro a differenza d'altri (salvo poi girare guardingo e con lo stomaco chiuso dal nervoso).
Capisco che uno debba anche sforzarsi un po' ma come detto prima uno va scalzo xché gli piace se va in giro con la paura è meglio che stia calzato.
Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  Elan il Mar Apr 19 2011, 22:20

hold on, hold on ... non mi devo essere spiegato bene, caro Flavio: lungi da me il pensare che non si possa andare scalzi ovunque anche al di fuori di attività ludico-sportive. Ho parlato di giustezza (non mi veniva in mente un termine più appropriato, forse armonia o naturalezza) nel senso che quando fai certi tipi di attività lo stare a piedi nudi "ci sta bene" come l'insalata con i Wienerschnitzel ... dovrebbe quasi essere obbligatorio Smile
Poi, a mio avviso una persona deve essere sempre libera di fare ciò che gli da piacere, o che corrisponde ad una sua convinzione interiore o ad un credo religioso o politico, sempre e dovunque, purchè ciò non leda la libertà degli altri e non ne offenda la sensibilità (e qui, purtroppo, il terreno si fa più difficile).
Quindi, con me sfondi una porta aperta, quando affermi che una persona "deve poter godere della sua libertà e camminare scalzo dove cavolo vuole" e che "scalzi si dovrebbe potere ovunque", anche perchè è una cosa innocente e non è vietata ... eccetto che a Pavia Smile
In apparenza è triviale, ma poi, se ci pensi bene non è poi così lineare: altre cose potrebbero essere altrettanto innocenti, ma non arriveresti a dire che nessuno dovrebbe impedirti di farle. Per esempio girare nudi ... cosa che a me piace moltissimo, ma che mi guardo bene dal tentare di fare in luoghi non accuratamente selezionati.
Diciamo allora che oggi, in Italia, in linea di massima, dovrebbe essere consentito a chiunque di girare a piedi nudi, perchè non sussistono motivazioni di carattere legale, sociale, religioso o di costume che giustifichino una proibizione di questa attività, salvo motivazioni di convenienza, addotte in alcuni luoghi o situazioni particolari, a volte da singoli individui, spesso in modo del tutto arbitrario. Crying or Very sad
Io non voglio suggerire regole: ognuno agisca secondo la sua sensibilità, che poi non è una costante, ma è in evoluzione, così come quella collettiva. Per me andare scalzo è piacere e divertimento ... se il disagio supera il piacere, mi rimetto le scarpe, ma questa soglia vale solo per me di volta in volta, non pretendo di estenderla ad altri. Accettare compromessi? Certo! non sono mica l'apostolo dello scalzismo ... mi vengono in mente molte cause migliori cui dedicare un eventuale martirio Very Happy
A Vienna abbiamo fatto vedere che ci piace stare scalzi e correre scalzi ed abbiamo quindi promosso lo scalzismo come da statuto del club ... ma più che altro ci siamo divertiti un sacco e lo stare scalzi è stato solo una parte del divertimento ...
Per concludere, un po' salomonicamente, torniamo al motto della maratona viennese: "la vittoria più grande è la vittoria su se stessi" .... andare scalzo, semplicemente perchè ti va, incurante dell' originalità del tuo comportamento e degli eventuali commenti è una vittoria su se stessi, no? e anche su questo credo che tutti noi possiamo essere assolutamente d'accordo.
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  lucignolo il Mar Apr 19 2011, 22:33

Elan ha scritto:hold on, hold on ... non mi devo essere spiegato bene, caro Flavio
O.K., ma ora ti sei spiegato benissimo. sunny
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  lucignolo il Mar Apr 19 2011, 22:37

Andrea77 ha scritto:.....devo ammettere di non aver avuto ancora il coraggio di prendere l'aereo scalzo.
Ti apparirà strano, ma nemmeno io.
Hanno insistito Paolo Fratter ed Alessandro, quando siamo andati a Valencia.......niente da fare.
Il problema è che se mi fanno osservazione ci resto molto male e resto ingrugnato per....42 anni! Very Happy
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  Andrea Grasselli il Gio Apr 21 2011, 01:55

grazie Paolo Fratter per il bel resoconto e complimenti vivissimi a tutti voi che avete vissuto questa entusiasmante avventura!

lucignolo ha scritto:nulla mi fa sentire più libero del camminare scalzo proprio in quegli ambienti non convenzionali.
è un po' così anche per me.

un saluto dalla svizzera.
Andrea Grasselli
avatar
Andrea Grasselli

Numero di messaggi : 388
Età : 51
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: maratoneti scalzi a Vienna......

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum