Fattore genetico ?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Fattore genetico ?

Messaggio  aldo1953 il Ven Gen 27 2012, 15:48

Leggendo e rileggendo i vecchi post e i profili e confrontandoli con la mia esperienza ho notato parecchie coincidenze. Il desiderio dei piedi nudi è atavico e presente sempre fin dall' infanzia, poi viene calmierato da fattori sociali e famigliari, ma quando torna a galla è prepotente. Una pulsione interna violenta e irrefrenabile che spinge persone stimate, a volte (scusate, ci sono anch 'io) "in età", che senz' altro hanno altre ben maggiori soddisfazioni dalla vita, ad esporsi al disagio, alle prese in giro, alle incomprensioni famigliari pur di essere soddisfatta. Voglio dire che quando andavo sempre in giro in calze e scarpe, anche in Agosto, non avevo assolutamente alcun problema (a parte il caldo). Mi presentavo dovunque e a chiunque con la sicurezza di essere nel giusto. Oggi ,e mi pare di capire non capiti solo a me, il disagio di fare una cosa "non allineata" è spesso presente. Ciò non toglie però che continui a farla perchè la gioia che mi dà è superiore al disagio. E poi c'è una certa complicazione di vita : se esci con le scarpe e le tieni tutto il giorno avrai una vita più semplice; se viaggi come faccio ormai io con in macchina sandali e scarpe-salvagente e alterni i tre tipi di calzature (tre perchè ci metto anche quelle... naturali), be' è tutto un po' più complicato. Dunque se lo faccio è perchè la spinta interna a farlo è innata e naturale. Un altro aspetto della questione è che la maggior parte dei piaceri, se non tutti, sono comprensibili da tutti anche se non sempre condivisibili. Voglio dire che un amante del mare può "capire" il piacere dell' alpinismo pur non condividendolo: chi ama il vino bianco non esclude quello rosso e via dicendo. Invece il piacere dei piedi nudi è del tipo on/off, senza mezze misure. se io dico che un certo tipo di asfalto, liscio e quasi morbido mi dà un notevole piacere anche ora che fa freddo, se uno è "on" tutt' al più mi dirà che preferisce un sentiero, magari con un po' di fango, però mi capirà perfettamente e non lo troverà strano. se lo dico invece a un tipo "off", farà smorfie di disgusto, dirà "Noooooooo!", penserà in cuor suo che mi sono fuso il cervello e alla fine aggiungerà : "Perchè?". E' in quel perchè il problema, se ti chiedi il perchè di una cosa vuol dire che non ce l' hai nell' anima. E spiegare non serve a nulla, tanto il tipo "off" non sarà attrezzato per capire. A questo punto l' unica spiegazione è qualche gene che ad un certo punto si libera e ci condiziona in senso positivo.
Ora mi rendo conto che lo scritto può far pensare che mi sia davvero fuso il cervello, però potrebbe almeno esere uno spunto di discussione.

aldo1953

Numero di messaggi : 1004
Età : 64
Data d'iscrizione : 08.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Verissimo....

Messaggio  mic60 il Ven Gen 27 2012, 18:41

Ciao Aldo,

condivido pienamente quello che scrivi, forse con un unico punto di vista diverso: non credo tanto alle motivazioni genetiche. Credo piuttosto che ad un certo punto della vita nasca il desiderio di liberarsi di certe convenzioni che hanno condizionato la vita, scoprendo verita' di prima mano e non di seconda o terza...

Cosi' facendo si prende coscienza di se stessi sorvolando sui commenti (piu' o meno intelligenti) degli altri. Almeno credo che sia il mio caso: sono ormai 3 anni che vado scalzo con le solite precauzioni (le chappal a portata di mano, le Fivefingers per la palestra, divisa "business" con scarpe per la vita professionale etc.).

D'altro canto debbo dire che le persone che mi guardano i piedi quando sono in giro sono veramente poche e finora ho ricevuto piu' commenti positivi che altro. Anche perche' ora c'e' "la moda", per lo piu' neo-zelandese/americana (e quindi "di valore"), che ci aiuta "a difenderci"....

Saluti,

Michael




avatar
mic60

Numero di messaggi : 58
Data d'iscrizione : 20.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fattore genetico ?

Messaggio  Alexey il Ven Gen 27 2012, 21:09

aldo1953 ha scritto:Leggendo e rileggendo i vecchi post e i profili e confrontandoli con la mia esperienza ho notato parecchie coincidenze. Il desiderio dei piedi nudi è atavico e presente sempre fin dall' infanzia, poi viene calmierato da fattori sociali e famigliari, ma quando torna a galla è prepotente. Una pulsione interna violenta e irrefrenabile che spinge persone stimate, a volte (scusate, ci sono anch 'io) "in età", che senz' altro hanno altre ben maggiori soddisfazioni dalla vita, ad esporsi al disagio, alle prese in giro, alle incomprensioni famigliari pur di essere soddisfatta. Voglio dire che quando andavo sempre in giro in calze e scarpe, anche in Agosto, non avevo assolutamente alcun problema (a parte il caldo). Mi presentavo dovunque e a chiunque con la sicurezza di essere nel giusto. Oggi ,e mi pare di capire non capiti solo a me, il disagio di fare una cosa "non allineata" è spesso presente. Ciò non toglie però che continui a farla perchè la gioia che mi dà è superiore al disagio. E poi c'è una certa complicazione di vita : se esci con le scarpe e le tieni tutto il giorno avrai una vita più semplice; se viaggi come faccio ormai io con in macchina sandali e scarpe-salvagente e alterni i tre tipi di calzature (tre perchè ci metto anche quelle... naturali), be' è tutto un po' più complicato. Dunque se lo faccio è perchè la spinta interna a farlo è innata e naturale. Un altro aspetto della questione è che la maggior parte dei piaceri, se non tutti, sono comprensibili da tutti anche se non sempre condivisibili. Voglio dire che un amante del mare può "capire" il piacere dell' alpinismo pur non condividendolo: chi ama il vino bianco non esclude quello rosso e via dicendo. Invece il piacere dei piedi nudi è del tipo on/off, senza mezze misure. se io dico che un certo tipo di asfalto, liscio e quasi morbido mi dà un notevole piacere anche ora che fa freddo, se uno è "on" tutt' al più mi dirà che preferisce un sentiero, magari con un po' di fango, però mi capirà perfettamente e non lo troverà strano. se lo dico invece a un tipo "off", farà smorfie di disgusto, dirà "Noooooooo!", penserà in cuor suo che mi sono fuso il cervello e alla fine aggiungerà : "Perchè?". E' in quel perchè il problema, se ti chiedi il perchè di una cosa vuol dire che non ce l' hai nell' anima. E spiegare non serve a nulla, tanto il tipo "off" non sarà attrezzato per capire. A questo punto l' unica spiegazione è qualche gene che ad un certo punto si libera e ci condiziona in senso positivo.
Ora mi rendo conto che lo scritto può far pensare che mi sia davvero fuso il cervello, però potrebbe almeno esere uno spunto di discussione.

Ciao Aldo, secondo me dipende dalla differente predisposizione di ognuno di noi alla "sottomissione" totale.
Da bambini riconosciamo le scarpe (giustamente) come "corpo estraneo", ed è per questo che i piccoli cercano disperatamente di togliersele, mentre i furbi genitori fanno di tutto per fargliere tenere ed esclamano pure: "non capisco perchè cerca sempre di togliersi le scarpe".
Penso che noi ad un certo punto della vita abbiamo "riscoperto" il senso di libertà assopito da anni di condizionamenti, mentre altri purtroppo non ce la fanno" e la loro mente sarà per tutta la vita "schiavizzata" dalle scarpe.
I bambini che vivono l' esperienza "emotivamente" sanno istintivamente che le scarpe sono dannose, mentre la mente "razionale" dell' uomo adulto ha ormai schiacciato questa capacità di discernimento "viscerale", che in alcune situazioni si rivela quella giusta; questo non vuol dire che bisogna essere irrazionali, ma che a volte chiamiamo con il termine razionalità cose che di razionale hanno veramente poco, come ad esempio l' utilità delle scarpe.


Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Riscio'

Messaggio  mic60 il Ven Gen 27 2012, 21:25

In questo contesto mi e' molto piaciuto lo studio di Liebermann dell' Harvard University che ha dimostrato scientificamente che correndo con le tanto agognate scarpine da running si sollecitano i giunti molto di piu' che correndo barefoot. Ha inoltre detto che i piedi piu' sani ce li hanno le persone che trainano le riscio' in India (mai in vita loro hanno potuto possedere ne' sandali, ne' scarpe).....

Saluti,

Michael

http://blogs.scientificamerican.com/observations/2010/01/27/running-barefoot-is-better-researchers-find/
avatar
mic60

Numero di messaggi : 58
Data d'iscrizione : 20.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fattore genetico ?

Messaggio  Ospite il Lun Gen 30 2012, 11:46

sono d'accordo, come già accennavo altrove, che la nostra componente paleolitica emerga anche quando meno ce lo aspettiamo.
alcuni comportamenti, infatti, vigono tuttora anche se il sistema in cui viviamo ha tentato in ogni modo di soffocarli.
ciò che si butta dalla finestra, spesso rientra dalla porta..

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Fattore genetico ?

Messaggio  Marco53 il Lun Gen 30 2012, 12:26

Non direi che è un fattore genetico, ma semplicemente naturale, connesso con il nostro essere di essere nati-scalzi e non è il titolo del sito, beninteso! Wink
Bellissima l'idea dei tipi "on" e "off". La condivido! I tipi "off" non si pongono nemmeno la domanda o il perché... sono "off" e basta. Sono come il cretino che imperversa perché essendo cretino non si rende conto di essere cretino, così guasta la vita agli altri con le sue cretinate.
E noi che siamo "on" cerchiamo di rimediare ai guasti causati da questa faccenda delle scarpe. Magari non avremo piedi sani e robusti come i portatori di risciò, ma sicuramente migliori (e di molto) della media degli occidentali scarpati.
Saluti "on"
Marco
avatar
Marco53

Numero di messaggi : 801
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fattore genetico ?

Messaggio  Elan il Lun Gen 30 2012, 12:49

Ho scritto un post, l'ho spedito e non è comparso ... beh, lo riscrivo.

"andare a piedi nudi è un bisogno atavico" ha scritto Aldo ed io ci ho pensato sopra per tutto questo finesettimana allungato, che ho passato scalzo al 95% (il 5% con gli zoccoli per ragioni sociali) ... ho elaborato una teoria che vi sottopongo:

Se ci pensate un attimo sopra, noterete che la Natura ha fatto sì che tutte le attività fisiologiche necessarie alla vita ed alla sopravvivenza dell'individuo e della specie, siano associate ad un piacere fisico. Vale innazitutto per il sesso, che è essenziale alla sopravvivenza, ma anche per mangiare, bere, scaldarsi .... fino ad evacuare Smile

E' assurdo pensare che non abbia voluto associare un piacere fisico anche al camminare, tanto più che la posizione eretta è stata una conquista della nostra specie ... quindi ecco il piacere fisico di sentire il contatto del terreno sotto le piante dei piedi, ricchissime di recettori nervosi, qualcosa di leggermente diverso e addizionale al piacere del movimento muscolare.

E' ovvio che vale solo per i piedi nudi, ovvero la dotazione originale di cui disponiamo .... con i piedi calzati si perde un piacere atavico.

avatar
Elan

Numero di messaggi : 1087
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fattore genetico ?

Messaggio  Ospite il Mar Gen 31 2012, 10:51

cavoli, elan, grazie, che ottimo spunto: eh, si, le attività fisiologiche che mirano alla nostra sopravvivenza (anche in termini di specie) sono collegate al piacere, proprio tutte Smile la Natura non poteva correre il rischio che noi ci estinguessimo per inedia o apatia!

nello studio sui Veda di R.Calasso, si trova la narrazione del fatto che "un tempo" deambulavamo tutti su due gambe, poi gli animali si sono abbassati per offrirsi alla dominazione umana. posso scriverlo anche se per gli induisti è una vera e proprio bestemmia? CHE SCHIFO! e pensare che la nostra società si è basata su QUELLA bibbia per partorire tutte le altre, compreso il pensiero greco..
e pensare anche, però, che i Veda non chiedono agli umani di infilarsi le scarpe per decenza (i vestiti si), e la leggenda di Krisna dice che egli si rifiutava di mettersi i sandali per portare le mucche al pascolo perché così "mamma, dove io posso andare, anche le mucche possono seguire; sarebbe sleale il contrario".

paul@ oggi non sono andata tanto fuori tema...?! Embarassed

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Fattore genetico ?

Messaggio  bfpaul il Mar Gen 31 2012, 13:03

Skamall ha scritto:cavoli, elan, grazie, che ottimo spunto: eh, si, le attività fisiologiche che mirano alla nostra sopravvivenza (anche in termini di specie) sono collegate al piacere, proprio tutte Smile la Natura non poteva correre il rischio che noi ci estinguessimo per inedia o apatia!

nello studio sui Veda di R.Calasso, si trova la narrazione del fatto che "un tempo" deambulavamo tutti su due gambe, poi gli animali si sono abbassati per offrirsi alla dominazione umana. posso scriverlo anche se per gli induisti è una vera e proprio bestemmia? CHE SCHIFO! e pensare che la nostra società si è basata su QUELLA bibbia per partorire tutte le altre, compreso il pensiero greco..
e pensare anche, però, che i Veda non chiedono agli umani di infilarsi le scarpe per decenza (i vestiti si), e la leggenda di Krisna dice che egli si rifiutava di mettersi i sandali per portare le mucche al pascolo perché così "mamma, dove io posso andare, anche le mucche possono seguire; sarebbe sleale il contrario".

paul@ oggi non sono andata tanto fuori tema...?! Embarassed
Ma dai, vai tranquilla ... dici cose un po' fuori dai canoni, ma ok così. flower

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fattore genetico ?

Messaggio  tarzone il Mar Gen 31 2012, 23:46

Ciao Skamall,
scusa ma nel tuo ultimo intervento non ho capito "un beato tubo", in realtà sarebbe una " beata ......." come dice Albanese nel suo ultimo film.
Capisco che qui si va pesantemente O.T., ma ti dispiacerebbe, in altro forum, spiegarmi in parole semplici e comprensibili quel paio di quintali di concetti che hai scritto nel tuo ultimo intervento?
Abbi pazienza ma i miei 55 anni mi costringono a ragionamenti lenti ed approfonditi.
Saluti rimbambiti
Valerio
avatar
tarzone
Presidente Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 320
Età : 61
Data d'iscrizione : 05.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fattore genetico ?

Messaggio  Ospite il Ven Feb 03 2012, 14:40

ma no, valerio, che saluti rimbambiti! ho scritto succinto per evitare i miei soliti sproloqui!
per chiarire, non penso serva un apposito thread, semplicemente:
Krisna:
Krishna e le Gopis, l'adorata manifestazione del dio Vishnu e le sue compagne di giochi, si prendevano cura di bestiame vaccino. Krishna viene infatti spesso indicato col nome di Govinda, il Mandriano o colui che rende il bestiame soddisfatto.
http://www.guidaindia.com/index.php?option=com_content&view=article&id=215&Itemid=64



i Veda sono il testo fondamentale (più testi scritti -e riuniti insieme- fra l'VIII e il IV sec. a.C.) della cultura induista che poi è passata attraverso il medio oriente, la grecia e le aeree latine fino a mettere le basi della nostra società attuale. uno fra i princìpi, a cui appunto accennavo, è che l'Uomo ha supremazia sugli animali (anche se oggi in india sono tutti vegetariani...ma allora sì, se ne vogliamo parlare servirebbe un thread tutto suo..), ma invero tantissimi dei principi vedici compongono ancora la nostra cultura e morale. e nonostante nemmeno nei Veda venga "ordinato" di coprirsi i piedi (il corpo per pudore, si), questa regola ci è piombata addosso culturalmente e socialmente, ecco.
http://it.wikipedia.org/wiki/Veda
anzi, adesso che ci penso, i Veda raccomandano che (soprattutto a chi compie il rituale di offrire carne agli Dèi prima di cibarsene) ci si debba vestire di lino bianco e nient'altro Shocked hanno dato per scontato che avremmo inteso "scalzi", invece...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Fattore genetico ?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum