600 metri al giorno...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

600 metri al giorno...

Messaggio  Marco53 il Mer Dic 12 2012, 08:46

600 metri al giorno tolgono il freddo di torno... Very Happy
Ormai i pochi habitué che mi incrociano al mattino mentre da casa salgo verso Piazza Castello per prendere i mezzi pubblici per andare a lavorare, sono rassegnati. Finora non ho mancato un appuntamento giornaliero e i 600 metri di Giardini Reali e Piazza Castello che mi separano dalla fermata li faccio regolarmente a piedi nudi con le scarpe in mano. Niente finte scarpe o finti sandali.
Ed è magnifica la risposta del corpo, perché dopo sto bene per tutto il giorno, anche nelle scarpe senza calze (che tolgo in ufficio) pirat
Per quelli che tentennano do la controprova. Domenica mattina presto sono andato con mia moglie in una cascina vicino a Carignano, per un cosiddetto ritiro. Lì c'é uno stanzone con una stufa che non fa certo miracoli e comunque si sta tutto il giorno praticamente fuori. Noi siamo cittadini termosifonati e non siamo certo abituati come chi vive in campagna.
Viste le temperature (-4°C che poi sono saliti a +3°C nel pomeriggio) ho pensato di mettere (per la prima volta da febbraio scorso quando eravamo a -17°C) le calze.
Errore No
Mi sono sentito i piedi gelati fino a ora di pranzo. Una sensazione orribile che non provavo da tempo. affraid
Così dopo pranzo mi sono allontanato su una stradetta campereccia e appena un po' fuori ho tolto calze e scarpe e viaaa "scaldare" i piedi sul terreno gelato, finché non erano mezzi coperti di fango gelato pure lui. I love you
E' il paradosso del nostro corpo ben costruito che recepisce le temperature con ciò che starebbe a contatto col suolo se la cosiddetta civiltà non ce l'avesse ingabbiato nelle scarpe e regola la propria temperatura di conseguenza. E con un cappello in testa diventa tutto perfetto senza neanche aver bisogno di pastrani siberiani. L'ho detto molte volte e lo ripeto per quelli che arrivando adesso non hanno letto i post molto vecchi: "se avete freddo ai piedi copritevi la testa" dice un adagio contadino che rileva scientificamente come la testa sia un "dispersore" di calore...
Dopo averli lavati bene con acqua bella fresca di stagione, si sono asciugati da sè in un attimo e non ho più avuto i piedi gelati (le calze sono finite nello zainetto in attesa di temperature peggiori) per tutto il giorno.
Ciò vale anche per le infradito. Su un vecchio sito da cui avevo stampato qualcosa che ho ritrovato di recente c'era una bella prova da fare. Chi cammina anche d'inverno con le infradito impara a controllare il freddo ma non ottiene il medesimo risultato da me descritto prima, soprattutto perché le infradito, benché sottili e specie quelle di gomma, isolano la pianta del piede. La gomma poi isola bene dall'umido ma non propriamente dal freddo. Magari quando il suolo è leggermente innevato provate a fare 4 passi con le infradito e poi ripetete a piedi nudi. Vi accorgerete che in breve tempo la sensazione di freddo che avevate lascia il posto a una curiosa sensazione di benessere. Scoprirete che i nostri piedi sono per tutte le stagioni.
Raccomandazione ovvia: tenete d'occhio che il termometro esterno non sia sceso troppo sotto i -3 o -4°C, perché farlo a -17°C come il passato inverno non ve lo consiglio di certo.
Saluti vernini.
Marco
avatar
Marco53

Numero di messaggi : 801
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  Alexey il Mer Dic 12 2012, 18:25

Ciao Marco, hai proprio ragione, ho letto anch' io su vari siti e blog e sperimentato di persona, essendo abituato alle infradito in inverno anche prima di diventare scalzista. Da quando ho iniziato ad indossare le infradito anche in inverno, ho notato un netto miglioramento della termoregolazione, però a piedi nudi è un' altra cosa, i recettori lavorano a dovere e l' effetto circolatorio è immediato, perchè come dici tu il piede non è isolato dal mondo circostante e può ricevere ogni feedback in modo dettagliato ed attuare una controreazione prontamente.
Ho anche dscusso con alcuni che sostenevano che essendoci evoluti principalmente in Africa, non saremmo adatti a climi freddi senza scarpe, ma ho fatto notare che in Africa la temperatura notturna scende anche sotto lo zero, quindi questa è una tesi che non regge molto, anche perchè la nostra esperienza diretta non fa che supportare ulteriormente la nostra tesi.
L' altro giorno ho discusso con l' istruttore della palestra che diceva che non ce la farebbe mai e che quello che faccio io è fuori dal normale, ma ho provato a spiegargli che entro un range fisiologico soggettivo, con l' allenamento tutti possono raggiungere livelli impensabili per la persona media che vive nella "bambagia" e sotto una campana di vetro.
Io stesso, avevo sempre freddo ai piedi quando indossavo scarpe e calze, ma guarda a caso, ho sperimentato poi quello descritto da Marco.
Può anche essere che in alcune persone sia un pò più difficile riattivare il "sistema" dopo anni di inutilizzo, perchè il cervello tende a "tagliare" i collegamenti non utilizzati a favore di altri, per cui la risposta soggettiva può sicuramente variare, e la risposta circolatoria può essere rallentata (come potrebbe essere quella propriocettiva) ma da lì a sostenere che sotto i 25°C sia un' impresa andarsene in giro senza scarpe e calze, ce ne passa...






Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  Alexey il Mer Dic 12 2012, 18:29

Ah, dimenticavo, sempre in palestra l' altro giorno mi hanno soprannominato Jack Frost...
A proposito, sono andato a vedere il film "Le 5 leggende" con mio figlio e in effetti Jack Frost non può che essere il mio personaggio preferito, scalzo sul ghiaccio, meglio di così...



Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  cyberteam il Mer Dic 12 2012, 18:42

Marco53 ha scritto:
Ormai i pochi habitué che mi incrociano al mattino mentre da casa salgo verso Piazza Castello

Leggevo distrattamente, all'improvviso mi si è accesa una lampadina ...... "Piazza Castello" ?
Guardo il tuo profilo, sei a Torino ?

Sto a Torino fino a Venerdì x lavoro. Zona Via Cernaia. Stasera contavo proprio di andare a far qualche foto in Piazza Castello.
Ci potremmo anche incontrare !


avatar
cyberteam

Numero di messaggi : 593
Data d'iscrizione : 16.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  Marco53 il Mer Dic 12 2012, 19:08

Accidenti! Io non sono poi così lontano, anche se Via Cernaia è lunga e dipende da che parte la si prende. Io sto precisamente in Corso Regina Margherita praticamente sulla punta di Corso San Maurizio, appunto a 600 m di strada da piazza castello (in linea d'aria meno di 300) e potrebbe anche andar bene incontrarci però giovedì, perché adesso ti sto scrivendo che sono le 19.00
Chiedi se vuoi al webmaster la mia mail privata e ci scambiamo una mail diretta coi telefoni.
Domani pomeriggio è prevista neve... Very Happy
Mi spiace di non poter fare di più, a meno di riuscire a sentirci per dopo cena stasera stessa. Io tengo il computer acceso e darò un'occhiata se arriva posta.
Spero di incontrarti.
Ciao
Marco
avatar
Marco53

Numero di messaggi : 801
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  cyberteam il Mer Dic 12 2012, 20:05

Marco53 ha scritto:Accidenti! Io non sono poi così lontano, anche se Via Cernaia è lunga e dipende da che parte la si prende. Io sto precisamente in Corso Regina Margherita praticamente sulla punta di Corso San Maurizio, appunto a 600 m di strada da piazza castello (in linea d'aria meno di 300) e potrebbe anche andar bene incontrarci però giovedì, perché adesso ti sto scrivendo che sono le 19.00
Chiedi se vuoi al webmaster la mia mail privata e ci scambiamo una mail diretta coi telefoni.
Domani pomeriggio è prevista neve... Very Happy
Mi spiace di non poter fare di più, a meno di riuscire a sentirci per dopo cena stasera stessa. Io tengo il computer acceso e darò un'occhiata se arriva posta.
Spero di incontrarti.
Ciao
Marco

Sono proprio all'inizio di Via Cernaia, davanti al palazzo della RAI (la mia sede di lavoro x questa settimana).
Stasera non ci sono i colleghi e dovrei farmi una passeggiata x il centro, l'idea è di far foto a Piazza Castello, alla Mole e così via.

Domani probabilmente Museo Egizio poi cena con i colleghi e venerdì parto dopo pranzo.
A queso punto non so se riusciamo ad incrociarci. Cmq dovrei tornare a Torino dopo le feste per continuare il lavoro.
Ho chiesto a Paolo la tua mail privata.

Ciao
Giuseppe


avatar
cyberteam

Numero di messaggi : 593
Data d'iscrizione : 16.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  Marco53 il Mer Dic 12 2012, 22:03

Che ridere. Mi son detto provo ad andare in Piazza Castello dopo le 21.00, magari trovo uno che fotografa e gli chiedo se è Giuseppe. Ci saranno state almeno 25 persone con cavalletti e macchine fotografiche, compatte, reflex e mignon... C'era un'intera scuola di fotografia di Nichelino. Impossibile chiedere a tutti se ci fosse stato un Giuseppe...
Ci sentiamo per mail. lol!
Marco
avatar
Marco53

Numero di messaggi : 801
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  cyberteam il Mer Dic 12 2012, 23:51

Marco53 ha scritto:Che ridere. Mi son detto provo ad andare in Piazza Castello dopo le 21.00, magari trovo uno che fotografa e gli chiedo se è Giuseppe. Ci saranno state almeno 25 persone con cavalletti e macchine fotografiche, compatte, reflex e mignon... C'era un'intera scuola di fotografia di Nichelino. Impossibile chiedere a tutti se ci fosse stato un Giuseppe...
Ci sentiamo per mail. lol!
Marco

Sarò arrivato circa alle 21:40, un gruppone di fotografi se ne stava giusto andando.
Foto al calendario dell'Avvento, a Palazzo Madama e rapida visita ad una installazione d maschere luminose dentro Palazzo Reale.
Un paio di volte ho pensato : adesso strillo "Marco53" vediamo se qualcuno si gira Very Happy .
Fa un freddo polare, molto più che le serate precedenti, durante le quali mi ero fatto un paio di passeggiate per diversi chilometri, a momenti mi si congela anche la macchinetta.

Si, ci sentiamo via mail.
Ciao

avatar
cyberteam

Numero di messaggi : 593
Data d'iscrizione : 16.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  mic60 il Gio Dic 13 2012, 17:25

Ciao a tutti,

bella storia delle ns. origini africane.....

C'erano delle tribu' in Patagonia e nelle Terra del Fuoco che vivevano sostanzialmente nudi (gli Alacaluf, Yamana', etc.). Le donne si immergevano nude nell'oceano per pescare granchi.

Poi arrivo' Darwin, il cristianesimo, la "civilizzazione" e li fecero fuori tutti.....

Saluti,

Mic60

avatar
mic60

Numero di messaggi : 58
Data d'iscrizione : 20.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  Alexey il Gio Dic 13 2012, 19:11

mic60 ha scritto:Ciao a tutti,

bella storia delle ns. origini africane.....

C'erano delle tribu' in Patagonia e nelle Terra del Fuoco che vivevano sostanzialmente nudi (gli Alacaluf, Yamana', etc.). Le donne si immergevano nude nell'oceano per pescare granchi.

Poi arrivo' Darwin, il cristianesimo, la "civilizzazione" e li fecero fuori tutti.....

Saluti,

Mic60


Eh si, le tribù della Patagonia vivevano scalzi e seminudi, e pare che parte del loro sterminio sia anche dovuto ai nostri germi che abbiamo portato durante la nostra opera di colonizzazione...

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  lucignolo il Gio Dic 13 2012, 21:54

mic60 ha scritto:Poi arrivo' Darwin, il cristianesimo, la "civilizzazione" e li fecero fuori tutti.....
Non ho mai capito cosa sia realmente la vera bestemmia: <Porco di qui o porco di là> in un momento di rabbia irrazionale, comprensibile, ma non giustificabile, o l'arroganza di porsi sempre un gradino più in su della saggezza di Dio?
È questo il vero peccato originale?
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  Marco53 il Gio Dic 13 2012, 22:37

Eh si, le tribù della Patagonia vivevano scalzi e seminudi, e pare che parte del loro sterminio sia anche dovuto ai nostri germi che abbiamo portato durante la nostra opera di colonizzazione...
A parte i germi del vaiolo, sconosciuto in America mentre conviveva con noi nel "Vecchio Mondo" tanto da esserne i Conquistadores dei portatori sani, molte tribù che vivevano beatamente nude nei freddi venti della Patagonia vennero sterminate da un germe per noi praticamente innocuo (o quasi): quello del raffreddore. Che si annidava nei luridi stracci con cui gli zelanti Spagnoli si affrettavano a rivestire "cristianamente" gli ignudi. Purtroppo una brutta interpretazione del Cristianesimo dettata dall'ignoranza, da un certo integralismo (del tipo oggi sfoggiato da altre religioni che si stanno comportando come noi 600-200 anni fa) e, diciamolo pure, da qella sottile forma di razzismo che faceva pensare che l'uomo "bianco" fosse superiore agli altri e che ha incrostato secoli di storia al punto da essere ancora piuttosto radicato...
A questo punto ritorna il discorso di come il corpo umano è bene adattato alla maggior parte dei climi del pianeta. Basta abituarsi con una certa gradualità e si acquista la giusta tempra. Non so se qualcuno di voi ha mai visto quelle immagini di bambini giapponesi sui 3-4 anni che giocano in mutande nel cortile di un asilo mentre nevica. Non era l'asilo "De Sade" dove si torturavano i bambini, bensì una scuola molto dura, se la vogliamo vedere la punto di vista di noi mammoni, che insegna anche la disciplina del corpo. Una cosa che farebbe rabbrividire (e non di freddo) più di una mamma italiana...
Saluti col Sol Levante
Marco
avatar
Marco53

Numero di messaggi : 801
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  Grand Choeur il Ven Dic 14 2012, 00:07

lucignolo ha scritto:Non ho mai capito cosa sia realmente la vera bestemmia: <Porco di qui o porco di là> in un momento di rabbia irrazionale, comprensibile, ma non giustificabile, o l'arroganza di porsi sempre un gradino più in su della saggezza di Dio?
È questo il vero peccato originale?
Esattamente.
avatar
Grand Choeur
Admin

Numero di messaggi : 976
Età : 40
Data d'iscrizione : 31.03.12

https://www.youtube.com/user/MicheleGinanneschi?feature=mhee

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  ALEBO il Ven Dic 14 2012, 15:57

mic60 ha scritto:Ciao a tutti,

C'erano delle tribu' in Patagonia e nelle Terra del Fuoco che vivevano sostanzialmente nudi (gli Alacaluf, Yamana', etc.). Le donne si immergevano nude nell'oceano per pescare granchi.

CI SONO STATO NELLA TERRA DEL FUOCO NEL 2004 PRECISAMENTE AD USUHAIA E HO VISTO UN MUSEO CON DELLE IMMAGINI DI QUESTE TRIBU' ERANO NUDI E PUR CON TEMPERATURE MOLTO BASSE. L'ABITUDINE AIUTA AD ADATTARSI A TUTTE LE TEMPERATURE, QUINDI CAMMINARE CON INFRADITO, SANDALI O SCALZI ANCHE IN INVERNO NON E' PROPRIO UN GROSSO PROBLEMA, SEMPRE CHE SI ABBIA VOGLIA DI FARLO.
avatar
ALEBO

Numero di messaggi : 448
Data d'iscrizione : 26.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  cyberteam il Ven Dic 14 2012, 23:53

ALEBO ha scritto:
CI SONO STATO NELLA TERRA DEL FUOCO NEL 2004 PRECISAMENTE AD USUHAIA E HO VISTO UN MUSEO CON DELLE IMMAGINI DI QUESTE TRIBU' ERANO NUDI E PUR CON TEMPERATURE MOLTO BASSE. L'ABITUDINE AIUTA AD ADATTARSI A TUTTE LE TEMPERATURE ....

Durata media della vita ?
Livelli di mortalità infantile ?

Non è che abituarsi ad una condizione sia equivalente a vivere in una condizione ideale.
Il corpo umano è in grado di sopportare più stress di quanto crediamo, ma comunque oltre un certo limite il danno alla lunga si fa sentire.
avatar
cyberteam

Numero di messaggi : 593
Data d'iscrizione : 16.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  Alexey il Sab Dic 15 2012, 21:36

cyberteam ha scritto:
ALEBO ha scritto:
CI SONO STATO NELLA TERRA DEL FUOCO NEL 2004 PRECISAMENTE AD USUHAIA E HO VISTO UN MUSEO CON DELLE IMMAGINI DI QUESTE TRIBU' ERANO NUDI E PUR CON TEMPERATURE MOLTO BASSE. L'ABITUDINE AIUTA AD ADATTARSI A TUTTE LE TEMPERATURE ....

Durata media della vita ?
Livelli di mortalità infantile ?

Non è che abituarsi ad una condizione sia equivalente a vivere in una condizione ideale.
Il corpo umano è in grado di sopportare più stress di quanto crediamo, ma comunque oltre un certo limite il danno alla lunga si fa sentire.

Questi due parametri non dipendono unicamente dalla zona in cui si vive, occorrerebbe esaminare con studi approfonditi le differenze tra queste popolazioni e i loro contemporanei che vivevano in altre zone, però correlando il maggior numero possibile di fattori determinanti...
La teoria dell' adattamento generale ad un fattore stressante fu definita da un fisiologo di origine austriaca, Hans Selye durante la metà del secolo scorso.
Lo stress è il comune denomitatore di tutte le reazioni di adattamento del corpo, una manifestazione di una specifica sindrome che coniste in tutti i cambiamenti non specifici indotti all' interno di un sistema biologico.
Possiamo definire 3 fasi:

- Fase di allarme
- Fase di resistenza e adattamento
- Fase di esaurimento

Il problema sorge quando subentra la terza fase che porta ad una condizione critica, anche fino alla morte.
Quando si studia l' effetto che un fattore stressante ha sul nostro corpo, occorre innanzitutto stabilire se esiste o meno il fattore stressante che porta alla prima fase di allarme, in secondo luogo occorre studiarne l' effetto sul nostro sistema e capire se il nostro corpo ha la capacità di reagire e adattarsi in modo adeguato, e capire quando viene attivata la fase di esaurimento.
Sicuramente la nostra specie ha dei limiti dati dal nostro percorso evolutivo, però prima di cadere in semplicistiche ipotesi che possono portare a conclusioni affrettate, occorre tenere in considerazione un numero notevole di parametri, parametri che tengono già impegnati i ricercatori da molti decenni in numerosi campi come anche l' alimentazione; infatti, attraverso lo studio dei nostri antenati, possiamo anche arrivare a stabilire a grandi linee quale sia il tipo di alimentazione che è più compatibile con il nostro sistema biologico, frutto di milioni di anni di evoluzione.


Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: 600 metri al giorno...

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum