Libro interessante sull'Earthing

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  Elan il Ven Gen 11 2013, 10:05

SE fosse possibile avere la luce gratis stando sotto un cavo dell' a.t. , molti ci farebbero la casa .... in effetti è possibile, ma ci vuole un certo numero di spire ... insomma bisogna ingegnarsi un po'

avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  Grand Choeur il Ven Gen 11 2013, 10:10

E' vero, ma così i soldi che si risparmiano di corrente si spendono in cure mediche... il gioco non vale la candela.
avatar
Grand Choeur
Admin

Numero di messaggi : 976
Età : 40
Data d'iscrizione : 31.03.12

https://www.youtube.com/user/MicheleGinanneschi?feature=mhee

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  lucignolo il Dom Gen 13 2013, 16:14

Elan ha scritto:SE fosse possibile avere la luce gratis stando sotto un cavo dell' a.t. , molti ci farebbero la casa .... in effetti è possibile, ma ci vuole un certo numero di spire ... insomma bisogna ingegnarsi un po'

Tremendo provocatore! Very Happy
È perché sei toscano?
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  Elan il Lun Gen 14 2013, 17:43

No ... è stato il primo collegamento mentale che ho fatto dopo aver studiato la legge di Faraday-Neumann-Lenz: come rubare corrente tramite l'induzione elettromagnetica Smile

Quello che volevo dire è che il fatto che sia possibile una trasmissione di energia tramite il campo magnetico tra un filo percorso da alta tensione ed una spira dimensionata in maniera opportuna, non significa che, nelle stesse condizioni, ci sia una significativa trasmissione di energia tra il suddetto conduttore ed una persona che si trovi ad una certa distanza da esso, perchè il corpo umano non è "attrezzato" per ricevere energia per induzione elettromagnetica. Infatti non c'è alcuna evidenza scientifica o epidemiologica che vivere, poniamo a 30 o 50 m da una linea a.t. faccia male. Tra l'altro tutti si preoccupano delle linee a.t. aeree e visibili e non di quell interrate, magari ancora più vicine.

Per lo stesso motivo non c'è alcuna ragione per temere gli effetti delle trasmisioni di radio vaticana, solo perchè il citofono di casa (relativamente vicina al tramettitore) "riceve" ed amplifica il segnale: non è una questione di energia ma di particolari "risonanze" tra il circuito del citofono e la frequenza radio in oggetto, da eliminare con l'inserimento di qualche condensatore.

C'è però gente che compra un costoso sezionatore per togliere la tensione alla rete di casa, dopo che l'ultima utenza è stata spenta, per evitare il campo elettromagnetico prodotto dal filo a 230V che scorre nel muro dietro la testiera del letto .... fino ad arrivare a queli che mettono piramidi di legno sotto il letto per proteggersi dalle fantomatiche onde "telluriche".

avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  lucignolo il Lun Gen 14 2013, 21:59

Elan ha scritto:Infatti non c'è alcuna evidenza scientifica o epidemiologica che vivere, poniamo a 30 o 50 m da una linea a.t. faccia male. Tra l'altro tutti si preoccupano delle linee a.t. aeree e visibili e non di quell interrate, magari ancora più vicine.
No, non ci sono evidenze, nel senso che i dati raccolti sono insufficienti.
Ma essere assolto per insufficienza di prove non vuol dire essere innocente.
Le onde elettromagnetiche trasportano pacchetti di energia: è sufficiente una media energia protratta nel tempo per indurre danni a lungo termine?
Possono questi bombardamenti energetici perturbare in modo significativo i nostri processi metabolici?
Non si sa.
Tuttavia un po' di prudenza non guasta.
Una goccia è innocua, una goccia tutti i giorni , dopo anni, scava la pietra.
C'è però gente che compra un costoso sezionatore per togliere la tensione alla rete di casa, dopo che l'ultima utenza è stata spenta, per evitare il campo elettromagnetico prodotto dal filo a 230V che scorre nel muro dietro la testiera del letto ....
Cavolata! Che campo vuoi che faccia un filo da 230 V?
fino ad arrivare a queli che mettono piramidi di legno sotto il letto per proteggersi dalle fantomatiche onde "telluriche".
Eh, già!
Se poi va giù la casa, quella piramide ti salva la vita. scratch
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  Rei il Lun Gen 14 2013, 22:37

lucignolo ha scritto:No, non ci sono evidenze, nel senso che i dati raccolti sono insufficienti.
Ma essere assolto per insufficienza di prove non vuol dire essere innocente.
Diciamo che ci sono forti, fortissimi sospetti, indizi pesanti che andrebbero studiati di più per arrivare alla prova scientifica inoppugnabile.
Ma nel frattempo, come si dovrebbe sempre fare in campo sanitario, in presenza di forti indizi e sospetti, in attesa di conferme (o smentite) è meglio agire per prudenza come se il pericolo fosse provato.
Poi, se si scopre che il pericolo è reale, si è già agito in modo corretto, salvando probabilmente delle vite.
Se si scopre che il pericolo non sussiste, si è ecceduto nella prudenza.
Ma è sempre meglio eccedere nella prudenza che rischiare delle vite.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  Rei il Lun Gen 14 2013, 22:49

lucignolo ha scritto:Che campo vuoi che faccia un filo da 230 V?
Un filo genera un campo elettrico che ad un metro di distanza è inferiore (non ricordo di quanto) a quello generato dal cervello. Per una cellula del nostro corpo, il campo elettrico più forte (anche per questioni di distanza) è proprio quello del corpo umano stesso.
E se uno obietta che quello autogenerato non dovrebbe fare danni perché proveniente dall'interno (chissà perché poi), beh, se state abbracciati (o qualcosa di simile Very Happy ) ad un altro essere umano, anche quel campo elettrico è più forte di quello dei cavi elettrici ad un metro di distanza.
Farà male? Personalmente, in questo caso, potendo stare "abbracciato" Very Happy con la mia ragazza, abbandonerei tranquillamente il principio di prudenza e correrei il rischio.
E voi?
lucignolo ha scritto:Eh, già!
Se poi va giù la casa, quella piramide ti salva la vita.
Già, ho sempre avuto un dubbio, quando durante il terremoto dell'Emilia dell'anno scorso ero a casa di mio fratello a 20 Km dall'epicentro: mi ha salvato la piramide di legno o il fatto che stavo in una casa costruita bene, ottemperando tutte le norme antisismiche?
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  John & Jane il Mar Gen 15 2013, 11:13

Elan ha scritto:
Per lo stesso motivo non c'è alcuna ragione per temere gli effetti delle trasmisioni di radio vaticana, solo perchè il citofono di casa (relativamente vicina al tramettitore) "riceve" ed amplifica il segnale: non è una questione di energia ma di particolari "risonanze" tra il circuito del citofono e la frequenza radio in oggetto, da eliminare con l'inserimento di qualche condensatore.

C'è però gente che compra un costoso sezionatore per togliere la tensione alla rete di casa, dopo che l'ultima utenza è stata spenta, per evitare il campo elettromagnetico prodotto dal filo a 230V che scorre nel muro dietro la testiera del letto .... fino ad arrivare a queli che mettono piramidi di legno sotto il letto per proteggersi dalle fantomatiche onde "telluriche".

Anche io sono perfettamente convinto che dalle trasmissioni radio non ci sia nulla da temere: dalla sorgente, il campo elettromagnetico si dimezza in ragione del quadrato della distanza; se tocco un'antenna in trasmissione, anche con soli 100 W in uscita, mi ustiono. Allontanandomi non subisco più alcun effetto; chiarisco con un'analogia: anche l'infrarosso è una radiazione elettromagnetica. Se tocco le braci di un caminetto (sorgente), mi ustiono; a un metro, mi scaldo; a due, mi scaldo meno; a quattro, congelo.
Quanto poi ai cellulari, pretendere che facciano danni è come pretendere di cuocere la pastasciutta con un accendino; non so se ho reso l'idea. La dissipazione dell'energia non la prende in considerazione mai nessuno.

Un conduttore bifilare non genera alcun campo, né a circuito chiuso e tanto meno a circuito aperto; a circuito chiuso perché i campi prodotti dai singoli conduttori sono di segno opposto e quindi si annullano; a circuito aperto, perché non vi è circolazione di corrente;dimostrazione pratica con una pinza amperometrica, che è un aggeggio che rileva appunto il campo elettromagnetico per ricavarne un valore di corrente: in un circuito chiuso, se con la tenaglia dello strumento circondo la linea bifilare non leggerò alcun valore. Per misurare la corrente, dovrò prendere in considerazione UN solo conduttore; apro ora il circuito: non leggerò più nulla, ergo, il campo cessa di esistere. Quindi, vivano in pace i maniaci che si allontanano dalla lavatrice in funzione o quelli che tolgono la radio sveglia dal comodino e via dicendo.

Di baggianate se ne sentono in continuazione, a profusione: a proposito di piramidi, a suo tempo, ci fu chi con ottime (per lui) argomentazioni sostenne che un modellino della piramide di Cheope era in grado di affilare perfettamente le lamette da barba all'uopo riposte all'interno; unico inconveniente, era che il modellino doveva essere esposto alla luce della luna!
Ciao, Gianc.

John & Jane

Numero di messaggi : 376
Età : 69
Data d'iscrizione : 27.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  bfpaul il Mar Gen 15 2013, 13:05

John & Jane ha scritto:
Elan ha scritto:
Per lo stesso motivo non c'è alcuna ragione per temere gli effetti delle trasmisioni di radio vaticana, solo perchè il citofono di casa (relativamente vicina al tramettitore) "riceve" ed amplifica il segnale: non è una questione di energia ma di particolari "risonanze" tra il circuito del citofono e la frequenza radio in oggetto, da eliminare con l'inserimento di qualche condensatore.

C'è però gente che compra un costoso sezionatore per togliere la tensione alla rete di casa, dopo che l'ultima utenza è stata spenta, per evitare il campo elettromagnetico prodotto dal filo a 230V che scorre nel muro dietro la testiera del letto .... fino ad arrivare a queli che mettono piramidi di legno sotto il letto per proteggersi dalle fantomatiche onde "telluriche".

Anche io sono perfettamente convinto che dalle trasmissioni radio non ci sia nulla da temere: dalla sorgente, il campo elettromagnetico si dimezza in ragione del quadrato della distanza; se tocco un'antenna in trasmissione, anche con soli 100 W in uscita, mi ustiono. Allontanandomi non subisco più alcun effetto; chiarisco con un'analogia: anche l'infrarosso è una radiazione elettromagnetica. Se tocco le braci di un caminetto (sorgente), mi ustiono; a un metro, mi scaldo; a due, mi scaldo meno; a quattro, congelo.
Quanto poi ai cellulari, pretendere che facciano danni è come pretendere di cuocere la pastasciutta con un accendino; non so se ho reso l'idea. La dissipazione dell'energia non la prende in considerazione mai nessuno.

Un conduttore bifilare non genera alcun campo, né a circuito chiuso e tanto meno a circuito aperto; a circuito chiuso perché i campi prodotti dai singoli conduttori sono di segno opposto e quindi si annullano; a circuito aperto, perché non vi è circolazione di corrente;dimostrazione pratica con una pinza amperometrica, che è un aggeggio che rileva appunto il campo elettromagnetico per ricavarne un valore di corrente: in un circuito chiuso, se con la tenaglia dello strumento circondo la linea bifilare non leggerò alcun valore. Per misurare la corrente, dovrò prendere in considerazione UN solo conduttore; apro ora il circuito: non leggerò più nulla, ergo, il campo cessa di esistere. Quindi, vivano in pace i maniaci che si allontanano dalla lavatrice in funzione o quelli che tolgono la radio sveglia dal comodino e via dicendo.

Di baggianate se ne sentono in continuazione, a profusione: a proposito di piramidi, a suo tempo, ci fu chi con ottime (per lui) argomentazioni sostenne che un modellino della piramide di Cheope era in grado di affilare perfettamente le lamette da barba all'uopo riposte all'interno; unico inconveniente, era che il modellino doveva essere esposto alla luce della luna!
Ciao, Gianc.
PERFETTO!
Nessuno avrebbe potuto dire di meglio.

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  Elan il Mar Gen 15 2013, 22:51

Il filo elettrico bifilare che va dalla scatola alla lampadina produce un campo elettrico, eccome. Anche perchè se la lampadina è spenta, solo uno dei due conduttori e sotto tensione e quindi il campo elettrico c'è, si può misurare e credo sia maggiore di quello del corpo umano. MA che danno può fare un campo elettrico di quella entità?

Non c'è campo magnetico, che si genera in presenza di cariche elettriche che si muovono, ovvero quando la lampadina è accesa e c'è passaggio di corrente nel filo. In questo caso è vero che i due conduttori sono percorsi dalle cariche in versi opposti e quindi le possibilità di induzione in una spira che circonda il filo si annullano. Lo stesso vale anche per i cavi trifasi dell' alta tensione, dove, in virtù dello sfasamento tra i tre conduttori la risultante dei campi nello spazio circostante dovrebbe essere nulla o quasi (da cui la difficoltà a rubare la corrente con la spira)

Quanto al fatto che una onda elettromagnetica trasporta pacchetti di energia, è vero, ma questa energia deve trovare un "ricevitore" per potersi materializzare in carica o calore .... La materia biologica è tanto più sensibile alle radiazioni eletromagnetiche, quanto più alta è la loro frequenza. Le onde emesse dai telefonini sono a frequenza molto alta, credo che siano microonde, come quelle dei radar o del forno, e quindi possono mettere in vibrazione le molecole d'acqua riscaldandole. Ma le potenze sono infinitamente più piccole, per cui non c'è praticamente un effetto misurabile.

Al crescere della lunghezza d'onda il pericolo diminuisce sempre di più, salvo essere molto vicini alla sorgente , che deve anche avere una potenza adeguata. La frequenza rete di 50Hz, pare, non avere alcun effetto sulle cellule viventi. Dove sarebbero gli indizi del contrario?

avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  Alexey il Mer Gen 16 2013, 12:49

"credo che siano microonde"

Si, visto che le frequenze sono dell' ordine dei GHZ, sono microonde...

Comunque, anche se i dati a disposizione sono ancora insufficienti per appianare una teoria corretta, esitono molti sospetti in campo medico riguardanti la correlazione tra elevati campi magnetici e leucemie, ed è stato visto che molte persone che avevano in comune la vicinanza quotidiana con tali campi ad intensità importanti, si sono ammalate.
Anche il mio professore di campi elettromagnetici dell' università si era ammalato di leucemia, ed era tutti i giorni in laboratorio di campi sottoposto ad elevate intensità (non è che un' indizio fa la prova, ma molte persone che si sono ammalate avevano in comune l' esposizione a forti campi); certo, non esistendo ancora un numero esaustivo di prove, non si può di certo dire che la teoria sia corretta, però sono d' accordo con Rei quando dice che un pò di prudenza non guasta quando c'è in gioco la salute, evitiamo allarmismi avventati però non esageriamo nemmeno dall' altro lato, pertanto eviterei esposizioni "gratuite".
Quello che può provocare problemi, è il comportamento reiterato nel tempo, non la singola esposizione, come il fumo, la cattiva alimentazione, ecc..., anche se al momento è diverso perchè questi due comportamenti sono già stati esaustivamente catalogati come pericolosi, mentre l' esposizione ai campi manca ancora di molti studi.





Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  lucignolo il Mer Gen 16 2013, 23:36

Elan ha scritto:La materia biologica è tanto più sensibile alle radiazioni eletromagnetiche, quanto più alta è la loro frequenza. Le onde emesse dai telefonini sono a frequenza molto alta, credo che siano microonde, come quelle dei radar o del forno, e quindi possono mettere in vibrazione le molecole d'acqua riscaldandole. Ma le potenze sono infinitamente più piccole, per cui non c'è praticamente un effetto misurabile.
Alexey ha scritto:Comunque, anche se i dati a disposizione sono ancora insufficienti per appianare una teoria corretta, esitono molti sospetti in campo medico riguardanti la correlazione tra elevati campi magnetici e leucemie, ed è stato visto che molte persone che avevano in comune la vicinanza quotidiana con tali campi ad intensità importanti, si sono ammalate.
Dunque, come ho già detto, non esistono studi con una base statistica che permetta di stabilire una relazione di causa effetto.
Da un lato, è necessario confrontare soggetti esposti ad un determinato fattore di rischio e soggetti non esposti e valutare quale possa essere il rischio relativo: in sostanza si tratta di soppesare quale sono le probabilità di incorrere in possibili danni da parte di soggetti esposti ad un fattore di rischio, rispetto a chi non è esposto a quel fattore.
Sembrerebbe elementare, ma, dall'altro lato, entra in gioco il fattore tempo, nel senso che, spesso, non è possibile valutare i danni subiti se non dopo moltissimi anni.
E si tratta di valutazioni non scevre da problemi etici importanti: se sospetto che un fattore possa provocare danni, è lecito continuare l'esposizione a fini conoscitivi o è preferibile orientarsi verso una condotta prudente, basata su dati indiziari?
Ora, sono noti gli effetti dei campi elettromagnetici sulla struttura dell'acqua, la più nota e la più studiata, i cosiddetti clatrati.
Se pensiamo che la vita stessa e tutti i processi metabolici, di conseguenza, sono intimamente connessi alle strutture ordinate costituite dalle molecole d'acqua che solvatano, circondano, ingabbiano proteine, Dna, lipidi, steroidi, ecc., non dovrebbe essere difficile comprendere che alterazioni nella struttura dell'acqua indotte dalla presenza di intensi campi elettromagnetici potrebbero influenzare i processi metabolici cellulari e, di conseguenza, i processi metabolici dell'organismo intero.
Ho detto intensi, perché non possiamo trascurare l'evidenza che tutti i giorni e per tutta la vita siamo soggetti a forze esterne, raggi cosmici, campi elettromagnetici naturali, insomma, sorgenti energetiche di varia natura ineliminabili.
Ma il problema sono quelle sorgenti artificiali che emergono in modo significativo dal fondo naturale.
Non è un problema Radio Vaticana Smile , semmai potrebbe (e l'ho sottolineato volutamente) esserlo l'elettrodotto da 200 000 volt che passa sopra il tetto di casa mia o quel radar della Marina Militare a 50 metri dalla mia camera da letto.
E non è solo una questione di frequenza, perché lo sanno tutti che l'energia trasportata da una radiazione elettromagnetica dipende dalla sua frequenza, ma entra in questione anche l'intensità del segnale, da quanto è grande l'onda.
Niente allarmismi, in definitiva.
Volevo solo sottolineare che non è facile quantificare i danni potenziali dovuti all'inquinamento elettromagnetico, il che significa che dobbiamo essere prudenti.
Forse scopriremo che ci siamo preoccupati per nulla e forse no.
Forse scopriremo che le perturbazioni metaboliche indotte da influssi elettromagnetici sono assolutamente prive di conseguenze a lungo termine, ma vorrei saperlo con dei dati quantitativi alla mano e non sulla base di supposizioni emotive, ottimistiche senza supporto obiettivo e/o semplicistiche.
O ci sono dati incontestabili o tutto è opinabile, nel bene o nel male.
Almeno, per me, questo è l'approccio scientifico.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  Elan il Gio Gen 17 2013, 18:43

ho trovato questo testo, che mi sembra molto divulgativo:

http://www.who.int/peh-emf/about/en/whatisemf_italian.pdf
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  lucignolo il Ven Gen 18 2013, 22:23

Elan ha scritto:ho trovato questo testo, che mi sembra molto divulgativo:

http://www.who.int/peh-emf/about/en/whatisemf_italian.pdf
Mi è piaciuto, tanto è vero che l'ho salvato.
Non mi sembra che devii sostanzialmente dai concetti di base che ho esposto.
È anche vero che ci siamo creati un mondo elettromagnetico innaturale, con il quale dovremo fare i conti.
Una sorta di fenomeno di accumulo, soggetto allo stesso principio che sancisce che un bicchiere di vino fa bene, una bottiglia no.
E persino l'acqua, fonte di vita, bevuta in ecceso fa male.
Come disse la Regina di Hong Kong, l'acqua fa galleggiare una nave, l'acqua la fa affondare.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libro interessante sull'Earthing

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum