Non solo i ventenni....

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Non solo i ventenni....

Messaggio  aldo1953 il Mer Gen 16 2013, 12:09

Treno da Malpensa, al ritorno da Mauritius. Io in Luna, tutti gli altri pronti ad esplorare il Polo Sud. Ci accomodiamo . Sulle poltrone accanto a noi due coppie più o meno della mia età quindi ben più che ventenni. Uno si accorge delle mie calzature e dice a voce alta " Ehi, ma voi che scarpe mettete d ' inverno ?" Gli altri tre che non si erano accorti di nulla rispondono a caso, una delle signore addirittura si scusa delle scarpe un po' vecchiotte ma così calde e comode. E lui : " No perchè si vede che è cambiata la moda" poi riprendono i loro discorsi. La cosa non mi ha toccato per nulla, stavo benissimo e comodissimo e peggio per loro. Però vedete che non sono solo i ventenni .

aldo1953

Numero di messaggi : 1004
Età : 64
Data d'iscrizione : 08.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  lucignolo il Mer Gen 16 2013, 22:18

aldo1953 ha scritto:Treno da Malpensa, al ritorno da Mauritius. Io in Luna, tutti gli altri pronti ad esplorare il Polo Sud. Ci accomodiamo . Sulle poltrone accanto a noi due coppie più o meno della mia età quindi ben più che ventenni. Uno si accorge delle mie calzature e dice a voce alta " Ehi, ma voi che scarpe mettete d ' inverno ?" Gli altri tre che non si erano accorti di nulla rispondono a caso, una delle signore addirittura si scusa delle scarpe un po' vecchiotte ma così calde e comode. E lui : " No perchè si vede che è cambiata la moda" poi riprendono i loro discorsi. La cosa non mi ha toccato per nulla, stavo benissimo e comodissimo e peggio per loro. Però vedete che non sono solo i ventenni .
Lo so, il fatto è che il ventenne dovrebbe essere il simbolo del futuro, la negazione dei luoghi comuni.
Poi ti accorgi che è solo un vecchio mentale con un'età cronologica molto ridotta.
Grazie agli insegnamenti inculcati fin da bambino.
E crei l'individuo pronto per la vita sociale secondo le regole che ci piacciono di più.
Ci illudiamo solo che un giovane sia in grado di rompere le catene e superare i limiti del pregiudizio, ma per chi cerca l'identità di gruppo è vero proprio il contrario.
Se parliamo di persone ultraventenni, invece, è normale fare discorsi stereotipati.
Perciò, meravigliamoci dell'atteggiamento cristallizzato dei giovanissimi, non del contrario.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Rei il Gio Gen 17 2013, 09:32

La Teoria della Stupidità di Cipolla sostiene che in ogni gruppo, in qualunque modo lo si selezioni, ci sarà sempre una certa percentuale fissa di stupidi, sia il gruppo di imbianchini o premi Nobel.
Quindi anche tra i giovani, come in qualunque altro gruppo, una percentuale di stupidi esiste.
E li incontri tutti tu. Razz
Scherzi a parte, la quota fisiologica di stupidi di un gruppo qualunque, per quanto alta sia o sembri, non rappresenta il gruppo, anzi, salvo per limitati obbiettivi, tipo sondaggi elettorali, vanno esclusi come si fa nella ricerca per i risultati anomali dovuti ad errori strumentali.
Le caratteristiche di un gruppo sono quelle che si evidenziano dopo averlo depurato della sua componente di stupidità.
Il gruppo dei vincitori di premi Nobel si caratterizza per aver vinto il premio Nobel, indipendentemente dalla stupidità di alcuni suoi membri.
Il gruppo dei "giovani" si caratterizza, oltre che per l'età, da quei comportamenti che notiamo una volta eliminata dall'osservazione la stupidità.
La stupidità, invece, va osservata a parte, come caratteristica autonoma slegata a qualunque gruppo di appartenenza in quanto presente in ogni gruppo ma estranea alle caratteristiche del gruppo stesso.
Stupirsi del comportamento di un giovane stupido in quanto diverso da ciò che ci aspettiamo in un giovane è fare un errore di collocazione: un giovane stupido non va collocato nella categoria "giovani" perché non rappresenta minimamente quel gruppo, ma solo nella categoria "stupidi", in quanto perfetto rappresentante di quel gruppo.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  lucignolo il Ven Gen 18 2013, 21:58

Rei ha scritto:Stupirsi del comportamento di un giovane stupido in quanto diverso da ciò che ci aspettiamo in un giovane è fare un errore di collocazione: un giovane stupido non va collocato nella categoria "giovani" perché non rappresenta minimamente quel gruppo, ma solo nella categoria "stupidi", in quanto perfetto rappresentante di quel gruppo.
È diverso.
Il giovane stupido ci sta e statisticamente è frequente tanto quello molto intelligente (vedi curva normale o di Gauss).
Non è quello che mi preoccupa.
È quel conformismo, quella rigidità mentale, socio-culturale che in un giovane stona.
Il giovane deve osare, abbattere barriere, illudersi, anche, ma mai adeguarsi e conformarsi.
Se accettiamo questo, allore vuol dire rinunciare ad un tesoro inestimabile, investito anche nei nostri geni.
Altrimenti, vale la pena di fare figli?
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Rei il Ven Gen 18 2013, 22:15

lucignolo ha scritto:Il giovane deve osare, abbattere barriere, illudersi, anche, ma mai adeguarsi e conformarsi.
Il giovane, inteso come rappresentante della categoria.
Ma il giovane stupido non rientra nella categoria "giovani", ma in quella "stupidi", quindi non fa testo.
Tutte le tue considerazioni vanno bene per tutti i giovani esclusi gli stupidi.
Ed infatti di solito i giovani, esclusi gli stupidi, osano, abbattono barriere, si illudono, anche, ma mai si adeguano e si conformano.
lucignolo ha scritto:Altrimenti, vale la pena di fare figli?
Se non vengono su stupidi, sì.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  lucignolo il Ven Gen 18 2013, 22:57

Rei ha scritto:Se non vengono su stupidi, sì.
L'intelligenza è una caratteristica poligenica, difficilmente valutabile e quantificabile.
O hai una certa cilindrata mentale o non ce l'hai, ma l'intelligenza va, comunque, sviluppata.
Puoi avere i geni di Shwarzenegger, ma se non hai la determinazione e la costanza di allenarti rimarrai un povero mollusco con pochi muscoli.
Diciamo che è facile mettere sulla lavagna i buoni ed i cattivi e considerarsi dalla parte dei buoni così come tu ti autoreferenzi un genio, ma la mia voleva essere un po' una provocazione che, partendo dalla naturale rarità dei deboli mentali e delle menti superiori, intendeva mettere il dito sulla piaga sui difetti di una sociètà che pone a tutti i costi in prima linea la conformità, la condivisione di idee che portano solo ad un appiattimento globale, additando il diverso non come una possibile alternativa che ci fa riflettere, ma come una piaga da abbattere costi quel che costi.
Ed il male sta proprio qui, non c'è bisogno di risvegliare concetti eugenetici che possono riportarci molto lontano.
Educare dovrebbe voler dire insegnare a camminare in totale autonomia ed a guardare lontano, a rispettare ed a incoraggiare chi tenta di crescere, a spalancare porte e non a chiuderle.
Ma, temo, che il nostro egoismo ci porti ad utilizzare le nuove generazioni come una sorta di scrigno in cui sigillare e tramandare le nostre personali egoistiche aspettative, utilizzandole, educate proprio da noi, come scontato capro espiatorio per giustificare la nostra incapacità acquisita di trasmettere nuovi valori.
Ma, per carità, probabilmente sono io che sono pessimista.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Rei il Sab Gen 19 2013, 07:36

lucignolo ha scritto:Ma, temo, che il nostro egoismo ci porti ad utilizzare le nuove generazioni come una sorta di scrigno in cui sigillare e tramandare le nostre personali egoistiche aspettative, utilizzandole, educate proprio da noi, come scontato capro espiatorio per giustificare la nostra incapacità acquisita di trasmettere nuovi valori.
Riformulo la mia risposta per renderla più chiara: "Se non li educhiamo ad essere stupidi, sì".
La stupidità non è legata all'intelligenza, sono due cose separate e disgiunte: lo stupido è colui che fa un'azione dannosa per gli altri senza averne alcun vantaggio, anzi, spesso, avendone anche lui uno svantaggio.
Tutti noi, a volte, facciamo cosa stupide (io mi sono rotto una caviglia facendo una cosa stupida), ma lo stupido è colui che fa SEMPRE e SOLO cose stupide.
E si può educare un bambino ad essere stupido: il MOIGE, ad esempio, offre ottime linee guida.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  lucignolo il Lun Gen 21 2013, 23:28

Rei ha scritto:La stupidità non è legata all'intelligenza, sono due cose separate e disgiunte: lo stupido è colui che fa un'azione dannosa per gli altri senza averne alcun vantaggio, anzi, spesso, avendone anche lui uno svantaggio.
Tutti noi, a volte, facciamo cosa stupide (io mi sono rotto una caviglia facendo una cosa stupida), ma lo stupido è colui che fa SEMPRE e SOLO cose stupide.
E si può educare un bambino ad essere stupido: il MOIGE, ad esempio, offre ottime linee guida.
L'intelligenza non è quella che si misura con i test, è quella che si manifesta nel cosiddetto comportamento intelligente, fenomeno adattativo che ci consente di sopravvivere.
È diverso sbagliare, rispetto a ciò che si rivela stupido.
Nessuno è immune da errori e nessuno è infallibile, a parte tu, sebbene ogni tanto faccia finta di sbagliare per ritorcere contro gli interlocutori il retro della frittata.
Qualche errore di valutazione ci sta, non ci sta l'errore dopo essere stati inondati di informazioni che avrebbero supportato decisioni del tutto diverse da quelle che raggiunte.
Sì, lo stupido a volte sbaglia spesso, ma l'aspetto critico è che non vede nemmeno l'evidenza, perché non è in grado di elaborare correttamente in dati in entrata.
Il superesperto, che, dopo mille bollettini meteo nefasti, parte lo stesso per un escursione e viene sepolto da una valanga sciando fuoripista, mettendo a rischio la vita di altri e mettendo in moto interventi che pesano sulle tasche di tutti i contribuenti, forse avrà fatto il suo unico errore fatale, ma resta un emerito imbecille.
E cessa di sopravvivere.
È possibile educare ad essere stupidi? Secondo me no.
Piuttosto ho la sensazione che abbiamo fatto passi indietro, perché l'intelligenza è un fattore che dipende dalla pressione selettiva; se questa viene a mancare, può sopravvivere anche il poco dotato.
E non dimenticare che l'intelligenza media, con le sue deviazioni, è un concetto puramente statistico.
La persona intelligente sfugge per natura alle regole precostituite, irradia luce propria e, proprio per questo, può avere molte ombre, ma non vaga mai sicura di se stessa al buio che cerca costantemente di illuminare.
Prima o poi smaschera le fesserie che gli hanno inculcato e si inventa nuovi percorsi.
Nulla a che vedere col risolvere dei reattivi mentali.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Rei il Mar Gen 22 2013, 08:07

lucignolo ha scritto:Nessuno è immune da errori e nessuno è infallibile,
Vero, nessuno è infallibile, con una eccezione: se è vero che nessuno fa sempre la cosa giusta ed a volte (o anche spesso) sbaglia, esistono persone che fanno sempre e solo la cosa sbagliata, una specie di infallibilità negativa. Sono dei fari che ci illuminano l'esistenza: quando abbiamo un dubbio, ci chiediamo cosa farebbero loro e poi facciamo il contrario. Quasi sempre (sempre no, non siamo infallibili) in questo modo facciamo la cosa giusta.
lucignolo ha scritto:a parte tu
Non sono infallibile, ma se ti ho dato questa impressione è perché più che tenere il punto su un'opinione, io cerco la verità. E davanti alla verità sono disposto a cambiare la mia opinione.
C'è un esempio paradossale che cito sempre: molte persone sono come due contendenti che discutono in una stanza chiusa se il Sole sorga ad Est o ad Ovest, cercando di far prevalere la propria opinione con urla e colpi bassi. A nessuno dei due viene in mente di aprire la finestra e guardare.
Io, invece, apro la finestra, vedo dove sorge veramente il Sole e lo mostro agli altri.
A questo punto, quasi sempre, i due mi accusano di voler sempre ragione e di credermi infallibile.
In effetti, invece, ho oggettivamente ragione, semplicemente perché ho cercato un fatto oggettivo, la verità scientifica, senza perdermi in futili prese di posizione aprioristiche.
lucignolo ha scritto:È possibile educare ad essere stupidi? Secondo me no.
Oh, sì, c'è un'intera scienza su questo: la manipolazione, l'inganno delle masse e la propaganda si basano proprio su questo.
Il regime nazista aveva una formidabile macchina di propaganda che portò un'intera nazione a comportarsi da stupidi accettando idee stupide e malvagie.
Non voglio entrare in una dissertazione che richiederebbe non un post, ma almeno un libro (bello grosso), ma il concetto che esprimi, che una persona intelligente prima o poi smaschera le fesserie che gli sono state inculcate è parzialmente vero: a livello di singola persona quasi tutti smascheriamo alcune, ma non tutte, le fesserie che ci hanno inculcato, ma a livello di massa (la massa per definizione è meno intelligente delle persone che la compongono) solo fatti traumatici (ed una manipolazione di senso opposto) possono scardinare concetti stupidi che sono stati inculcati.
Sulle masse, quindi, servono grandi mezzi per manipolarle ed orientarle.
Sul singolo è più facile ed al tempo stesso più rischioso, perché può smascherarti.
Ma la manipolazione può essere usata anche in modo positivo, per aprire gli occhi ad una persona e/o convincerlo ad adottare un comportamento o un concetto diverso se non contrario a quello precedente.
Prendiamo il rompiscalzi: ha dei pregiudizi che gli sono stati inculcati, non l'antiscalzismo in sé, ma concetti negativi che lo portano autonomamente ad elaborare un rifiuto illogico dello scalzismo.
Se lo affronti senza tenere conto di questo, ti troverai davanti ad un muro, se lo affronti, come faccio io, scardinando i concetti che stanno dietro il antiscalzismo, vinci.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  lucignolo il Mar Gen 22 2013, 23:20

Rei ha scritto:Se lo affronti senza tenere conto di questo, ti troverai davanti ad un muro, se lo affronti, come faccio io, scardinando i concetti che stanno dietro il antiscalzismo, vinci.
Non vincerai mai.
O meglio, non sappiamo se vinceremo e se ciò succederà avverrà in tempi che ricopriranno qualche generazione, sempre che i Nati Scalzi non si estinguano con le generazioni di Paolo, Flavio, Cristiana, Valerio, Rei, Elan, ecc.
Mi perdonino quelli che non sono stati nominati.
La speranza? Sì, Alexey, Spyro, EliBet, cito solo i giovanissimi.
Né io né te vedremo il trionfo, non farti illusioni.
Il tuo abbaiare non fa storia.
La via maestra è quella del tempo e della pazienza, del farsi vedere e del piegarsi come le canne al vento che non si spezzano mai.
Perché nessuna zanna, nessun cannone o pistola hanno mai cambiato la storia, non in modo stabile, comunque.
E le menti maturano con una clessidra che si svuota su scala secolare.
Ti potrà sembrare strano, ma penso che i roghi irrazionali, come il Fascismo ed il Nazismo possano alimentarsi con il vento generato dall'accumulo sociale di elementi di intelligenza mediamente ridotta, come il Vaiolo che divampava quando si accumulava un numero sufficiente di individui recettivi, privi di quella memoria immunitaria che ti permetteva di prevenire la pandemia.
E poi ci sono i fattori predisponenti e le cause scatenanti, spesso confuse con le cause causanti, quelle profonde.
Ci ritorneremo, ci stiamo ritornando e mi dispiace. ma è una ruota che gira.
Abbiamo la memoria storica corta e non riusciamo ad imparare dal passato; siamo dominati dalla paura e vorremmo qualcuno che ci protegga, un padre forte e potente che ci faccia dormire sonni tranquilli ed allora siamo disposti ad accettare un governo forte e ci stringiamo uno vicino all'altro in un branco che pensa di essere Über Alles. Basta solo un accumulo di soggetti condizionabili, poco pensanti e con genitori che invece di guardare avanti, sentono nostalgia guardando indietro.

La società, per ritornare in argomento, non è affatto pronta ad accettare lo scalzismo fuori dalla porta di casa.
Inutile latrare, siamo fuori posto.
E ciò impone a noi felici scalzisti il compito di continuare a dimostrare che i piedi sono un meraviglioso organo di senso e che ci sono imponenti aree sensitive cerebrali che li supportano.
Insomma, Rei, potrai mettere a tacere un guardiano idiota, ma non i pregiudizi nei nostri confronti, sempre nascosti sotto un velo di ipocrita indifferenza.
Il cammino è lungo ed in salita.
Servono divulgazione, continuità di azione, coraggio e tanta voglia di fare.
Francamente me ne frego del guardiano di turno: mi metto un paio di infradito e faccio quello che devo fare.
Poi ricomincio a fare ciò che facevo prima, cioè camminare scalzo per la strada, davanti a tutti coloro che mi conoscono.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Rei il Mer Gen 23 2013, 00:05

lucignolo ha scritto:Non vincerai mai.
Beh, visto che in tanti anni ho perso una sola volta e le altre otto / dieci le ho vinte, ho buone speranze anche per il futuro... Very Happy
lucignolo ha scritto:La società, per ritornare in argomento, non è affatto pronta ad accettare lo scalzismo fuori dalla porta di casa.
Mah. Questa è una tua convinzione che immagino sia supportata da fatti concreti.
A Brescia.

Quanto ai fatti a Roma eccotene due:
1) una mia amica, qualche giorno fa, mi ha mandato una sua conoscente affinché la aiutassi a sistemare il Mac nuovo: tarature, programmi (gratuiti), eccetera, per poter lavorare.
Ad un certo punto mi chiede di accompagnarla in tabaccheria a prendere le sigarette.
Salta fuori, tornando dalla tabaccheria, che la mia amica le aveva detto del mio scalzismo e lei era impaziente di vedermi scalzo per strada.
E, sottolineo, non vedeva la cosa in modo negativo, anzi, la vedeva con ammirazione.
A primavera un'altra convertita? Chissà.
Forse no, ma l'importante è che, senza che le abbia detto nulla, perché non l'avevo ancora incontrata, lei aveva già un atteggiamento positivo.
2) Causa piccolo problema al riscaldamento, due giorni fa mi sono risvegliato con la casa trasformata in una ghiacciaia.
Ho risolto in pochi minuti il problema (un filtro da pulire) ma ho preso freddo e stamattina sono uscito con le scarpe.
Passando davanti ad un bar, ho incrociato un mio vicino seduto al tavolino che subito ha esclamato "Ma togliti le scarpe, che mi fai impressione!" Very Happy

Questi sono i fatti che mi succedono abitualmente, praticamente ogni giorno...
Diciamo che la reazione più comune, dopo un'iniziale sorpresa, è nella maggior parte dei casi positiva.
Reazioni negative, schifate o altro, molto poche (ci sono, ma, ripeto, poche, molto poche)
E solo due o tre volte all'anno, invece, trovo dei rompiscalzi.
Tra l'altro facilmente neutralizzabili.

Personalmente trovo che le reazioni negative che incontro siano un po' poche per essere d'accordo con te che la società è contraria allo scalzismo e ci perseguita, emanando, tra l'altro, leggi proibizionistiche.

E poi ricordo che quando sei venuto a Roma notasti anche tu quanto Roma ti apparisse più "barefoot friendly" della tua Brescia.
E parlando della tua Brescia, non posso non notare che, al contrario di altri 6 comuni (su ottomila e rotti), NON ha MAI fatto leggi, ordinanze o grida contro lo scalzismo, nonostante tu da anni le dia per imminenti, sicure ed inevitabili.
Non sarai un po' troppo pessimista?
Perché non ci racconti quali fatti negativi (fatti, non ipotesi sulle ipotetiche reazioni altrui) ti portano ad esserlo e con quale frequenza ti accadono?
Aggiungi anche i fatti positivi che ti accadono, la loro frequenza e la proporzione con quelli negativi.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Elan il Mer Gen 23 2013, 10:18

Piuttosto ho la sensazione che abbiamo fatto passi indietro, perché l'intelligenza è un fattore che dipende dalla pressione selettiva; se questa viene a mancare, può sopravvivere anche il poco dotato.

questa considerazione mi è piaciuta. Aggiungerei di più: c'è una ampia corrente di pensiero ed intere organizzazioni che impegnano tutte le proprie energie soprattutto affinchè i meno dotati, non solo sopravvivano, ma ricevano, senza sforzo, gli stessi riconoscimenti ed emolumenti di chi è più dotato di intelligenza o anche solo di volontà e di impegno.
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  tarzone il Ven Gen 25 2013, 23:56

Scusate l' intromissione, forse non ho inteso correttamente. Se i cosiddetti "meno dotati", a giudizio poi di chi non si sa, non hanno nemmeno il diritto alla sopravvivenza comincio a preoccuparmi.
Dopodomani sarà il 27 gennaio, non vi ricorda nulla?
C'è stato qualcuno che in passato ha pensato bene, a suo insindacabile giudizio, di eliminare coloro i quali, sempre secondo il suo pensiero malato, non erano degni di rimanere al mondo.
Portroppo le cronache di questi giorni ci raccontano che, malgrado siano trascorsi decenni (tanti), c'è ancora qualcuno in giro che si ispira a quelle teorie fanatiche ed omicide per poter violentare, picchiare, umiliare i "diversi".
Diversi da chi?
Sono fiero di essere europeo proprio perchè in Europa si difendono le minoranze, o perlomeno ci si prova, a differenza di grandi stati, che sono grandi solo come estensione territoriale, che pensano di poter gestire la giustizia anche con la pena di morte.
Sono fiero di essere europeo perchè il welfare è un orientamento condiviso, purtroppo sempre meno, nel vecchio continente.
I diritti dell' uomo sono inalienabili, la salute, l'istruzione, la libertà di pensiero non si possono scambiare con nulla e sono un diritto di tutti i cittadini.
Vedasi l' articolo 3 della nostra Costituzione, la più bella del mondo, che molti apprendisti stregoni vorrebbero cambiare a loro vantaggio, dimenticando quanto sacrifiico e quanti morti ci è costata quella costituzione per colpa di un maestro elementare paranoico.
Saluti costituzionali
Valerio
avatar
tarzone
Presidente Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 320
Età : 61
Data d'iscrizione : 05.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  lucignolo il Lun Gen 28 2013, 14:45

tarzone ha scritto:Scusate l' intromissione, forse non ho inteso correttamente. Se i cosiddetti "meno dotati", a giudizio poi di chi non si sa, non hanno nemmeno il diritto alla sopravvivenza comincio a preoccuparmi.
Dopodomani sarà il 27 gennaio, non vi ricorda nulla?
Avrei giurato su questo intervento.
Scusa, Valerio, ma la Natura è matrigna.
Ti alzi la mattina e corri, se non lo fai o non mangi o sei mangiato.
Prova a negarlo.
Questo non vuol dire che devi prendere un'arma e massacrare chi è diverso da te, perché il diverso potrebbe essere meglio di te.
In secondo luogo il più debole non è necessariamente quello che va zoppo, che balbetta o che che ha un qualsiasi genere di svantaggio.
Prova ne sia il geniale Stephen Hawking.
Però abbiamo dimenticato che la tecnologia non può essere la stampella dell'umanità e che se è vero che l'Uomo non ha diritto di dare la morte (cosa peraltro attualmente molto discussa), penso che non abbia nemmeno il diritto di costringere la vita oltre ogni limite (vedi accanimento terapeutico) e che dovrebbe lasciar fare un po' di più a Mamma Natura.
Credo che il supporto artificiale di una tecnologia esasperata ci condurrà ad un generale abbassamento delle capacità intellettive e che se tale supporto verrà meno per un qualsiasi motivo, ci ritroveremo in grossi guai.
E non siamo più capaci di fare una divisione, non dico l'estrazione di una radice quadrata, senza una calcolatrice in mano.
Se a te va bene......
Ma, dico, Valerio, era proprio necessario fare questi chiarimenti?
Siamo uomini o caporali (nazisti)?
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Elan il Mar Gen 29 2013, 13:26

siamo per la meritocrazia, ma nell'assoluta eguaglianza ... concetto recente e caro a qualcuno Smile

Il parallelo con il nazismo è assolutamente fuori luogo, sbagliato ed una sorta di ricatto morale, cui ovviamente non ci piegheremo.

Quanto alla nostra Costituzione, la più bella del mondo ... mi chiedo quante altre ne conosci, ammesso che tu conosca a fondo la nostra ... o lo dici solo perchè ora va detto e perchè l'ha detto Benigni?

A parte la stupidità di giudicare più o meno "bella" una Costituzione, piuttosto che giusta o adeguata ... potremmo fare una specie di concorso di bellezza tra costituzioni? e se poi vince miss America?


avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  tarzone il Mar Gen 29 2013, 13:57

Era comunque la migliore, anche prima che Benigni lo dicesse o nascesse.
Per l' America non c'è partita,come per la Cina e tutti le nazioni che hanno la pena di morte nel loro ordinamento giudiziario.
Valerio
avatar
tarzone
Presidente Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 320
Età : 61
Data d'iscrizione : 05.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  lucignolo il Mer Gen 30 2013, 23:14

tarzone ha scritto:Per l' America non c'è partita,come per la Cina e tutti le nazioni che hanno la pena di morte nel loro ordinamento giudiziario.
Detto per inciso, non tutti gli Stati confederati U.S.A. hanno la pena di morte.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Elan il Gio Gen 31 2013, 18:04

inciso irrilevante ... Smile

Comunque a proposito della "più bella" , qualuno mi faceva notare ed io, sono andato a verificare di persona, per esempio, gli artt. 13, 23 e 25, che nella nostra Costituzione, in molte questioni decisamente delicate sul piano civile (durata della detenzione cautelare, sequestro di beni o imposizioni di prestazioni lavorative), invece di fornire dei principi basilari che non ammettono deroghe (come nel caso della pena di morte), ammette deroghe o si rimette ai "casi previsti dalla legge". Cioè, la costituzione, madre di tutte le leggi, si inchina alla legislazione ordinaria in vigore, qualunque essa sia.

La conseguenza è che, qualora un governo o un parlamento in vena di scelte autocratiche, varassero leggi che prevedano una custodia cautelare di 1 anno, privazione della liberta, sequestro di beni o lavori forzati su base indiziaria o presuntiva, queste leggi non sarebbero affatto in contrasto con la Costituzione, trattandosi di casi ammessi e previsti dalla legge ...

Non mi sembra proprio da oskar ...

Conosco solo un altro caso di testo considerato perfetto in se e non migliorabile in alcun modo ed è il Corano, nella visione dell' islam.
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Alexey il Gio Gen 31 2013, 19:30

Il Corano, la Bibbia, ecc..., come tutti i testi religiosi, contengono insegnamenti che non vanno presi alla lettera, ma sono delle metafore, e sta in chi legge capirle e farne lezioni di vita.
Sono le persone che mal interpretano tali scritture a farne un' arma a doppio taglio; i leader che li usano, sanno benissimo come manipolare gli insegnamenti per far fare ai pecoroni quello che vogliono, riescono a manipolare gli insegnamenti facendoli diventare l' opposto di quello che vogliono essere, riescono perfino a creare kamikaze, come tutti ben sappiamo, ma nessun testo dice di agire in quel modo, solo i leader che hanno interesse da tutto ciò.
Pertanto, non sono i testi che sono fallati, ma chi li usa o erroneamente in maniera letterale, oppure, ancora peggio, chi li usa per fare i propri interessi a scapito della vita delle altre persone.
Guarda che bravi, rinunciano loro alla terra promessa per mandare gli altri... Twisted Evil
E anche i cattolici fraintendono molte volte gli insegnamenti, tramutandoli da lezioni "illuminate" ad atti di bigottismo e chiusura mentale.






Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Elan il Ven Feb 01 2013, 16:11

Sono d'accordo con te: le religioni subiscono delle modifiche per cui, per esempio, afermazioni considerate prima alla lettera, poi vengono considerate solo in maniera simbolica.

Il Corano, che si presume essere stato dettato da Dio stesso, è considerato, nei paesi arabi, anche la più perfetta espressione della lingua araba ed, in conseguenza di ciò, è stato molto utile per mantenere una ortodossia linguistica in questi ultimi 600 anni, un po 'come l'academia della crusca ha tentato, con scarso successo di fare con l'italiano.

Qualcuno sostiene che l raccolta di "sure" chiamata Corano, non sia altro che una bozza di quello che avrebbe dovuto essere un libro sacro redatto in maniera più completa, che però èandato perso o non è mai stato completato. Le sure non sono disposte in ordine cronologico o in maniera rispondente ad un filo logico, ma semplicemente in ordine di lunghezza, dalle più lunghe alle più corte (o viceversa, ora non ricordo). Questa assenza di un ordine logico rende le interpretazini più facili e più abbondanti.

avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non solo i ventenni....

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum