Scalzo e vincente.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Scalzo e vincente.

Messaggio  Marc_63 il Ven Mag 23 2014, 11:04

Fino a due anni fa riuscivo anch'io a fare un po' di corsa a piedi nudi; poi un po' per il poco tempo libero, un po' per la stanchezza ho lasciato perdere. Peccato. No 

http://www.newsbiella.it/2014/05/22/leggi-notizia/argomenti/sport-6/articolo/podismo-francesco-arone-alla-due-santuari-a-piedi-scalzi.html
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Appleseed il Ven Mag 23 2014, 15:01

"fino ad arrivare al torinese classe 1976 Francesco Arone (Carignano Run), che detiene il Guinness World Record come uomo più veloce al mondo sulla distanza ultra-maratona di 100 km corsa a piedi nudi (categoria Barefoot)."

Mah ... chiunque sia in grado di correre per 100 km mi fa di per sé una grande impressione: io non credo di avere mai superato i 6-7 chilometri. Però devo dire che leggere di record per barefooters mi disturba un po' ... quasi che correre scalzi fosse una disciplina paralimpica. Abebe Bikila scalzo vinse la maratona alle Olimpiadi nel 1960 (certo: le vinse non tanto perché scalzo ma perché era Abebe Bikila: tanto è vero che 4 anni dopo rivinse la maratona a Tokio con le scarpe). Ma correre scalzi non porta necessariamente a svantaggi a livello di performance e non giustifica a mio parere l'esistenza di classifiche separate per corridori scalzi. E' vero che negli USA esistono corse non competitive dedicate ai barefooters ma  nel senso che si tratta di percorsi con fondi stradali accessibili a chi vuole vivere questa esperienza anche senza un vissuto da barefooter militante. Chi ha velleità agonistiche fa anche le corse normali misurandosi con gli atleti scarpati. Adesso basta teoria. Vado a fare anch'io la mia corsetta. Scalzo: con le scarpe mi viene il mal di schiena.
avatar
Appleseed
Tesoriere Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 473
Data d'iscrizione : 01.08.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Marc_63 il Ven Mag 23 2014, 18:47

Concordo pienamente con te Applesseed.  Smile 
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Alexey il Sab Mag 24 2014, 09:25

Quando si fa qualcosa di un po' "forzato" dal punto di vista fisiologico e si cerca la mera prestazione, la scarpa è sicuramente vantaggiosa, soprattutto perche' siamo scalzi di ritorno. Nello sport agonistico salute e fisiologia vengono accantonati per massimizzare il risultato.
Non a caso gli sportivi agonisti sono molto spesso "acciaccati".
Le ultramaratone creano uno stress da movimento ripetitivo molto importante, considerando anche che siamo plantigradi come l'orso e non unguligradi come il cavallo, che ha un sistema molto più resistente agli impatti reiterati nel tempo.
Sicuramente correre scalzi è biomeccanicamente più efficiente ma può limitare le prestazioni al punto fisiologico per l'essere umano, mentre la scarpa e altre "diavolerie" (come il doping) portano a superare i limiti umani, a vantaggio della prestazione ma spesso a scapito della salute.

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Alexey il Sab Mag 24 2014, 09:31

D'altronde, chi se ne frega se uno "schiatta" a 40 anni o quando va in pensione dallo sport ha le cartilagini, tendini, ecc.. di un vecchio di 80 anni? L'importante è avere un bello spettacolo davanti, partite quasi tutti i giorni, ciclisti che tra un po' vanno più forte delle moto, centometristi gareggiano coi ghepardi (va be non esageriamo...).. Come diceva il caro vecchio Freddie, the show must go on...

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Marc_63 il Sab Mag 24 2014, 12:06

Si, infatti io lo sport agonistico l'ho sempre tenuto ad una certa distanza da me ....  Mad 
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  bfpaul il Sab Mag 24 2014, 12:36

Marc_63 ha scritto:Si, infatti io lo sport agonistico l'ho sempre tenuto ad una certa distanza da me ....  Mad 
Insomma, Francesco Arone è certamente un signor atleta, ma se corresse con le scarpe non desterebbe probabilmente lo stesso interesse che desta correndo scalzo.
E ciò sia detto come semplice considerazione, niente più.
Se andate a visitare il suo sito, potete rendervi conto di come intenda il barefooting e capire se vi interessa il suo modo di interpretarlo.

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2864
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Marc_63 il Sab Mag 24 2014, 13:39

Paolo, gentilmente, potresti inserire il link esatto .... in quel sito c'è di tutto e di più .....  Wink 
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Alexey il Sab Mag 24 2014, 20:18

Pur rispettando ogni punto di vista e stimando chi riesce in grandi "imprese", Personalmente non amo molto presentare l'andar scalzi al mondo calzato come fosse un'impresa da eroe della serie:"bambini non fatelo a casa"...perché a mio avviso si rischia di dare il messaggio contrario a quello che si prefigge il nostro club:"andare scalzi è BELLO (non una pena da sopportare) ed è per TUTTI (non per uno o due "fenomeni" al mondo)." Qui, ma ancor di più nel caso di Tom Perry (che pare essersi addirittura stizzito quando uno di noi gli si è mostrato zompettando teanquillamente scalzo) pare che si parli di cose uniche e record, mentre noi siamo qui per dire "famolo tutti"...

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  bfpaul il Sab Mag 24 2014, 21:23

Marc_63 ha scritto:Paolo, gentilmente, potresti inserire il link esatto .... in quel sito c'è di tutto e di più .....  Wink 
Eh, già e come fanno gli altri a divertirsi allora?  Laughing 
No, in realtà non mi piace fare pubblicità a nessuno, sopratttuto se non condivido le sue idee; comunque per i pigri: http://www.arone.eu/

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2864
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Appleseed il Sab Mag 24 2014, 23:01

Alexey ha scritto:D'altronde, chi se ne frega se uno "schiatta" a 40 anni o quando va in pensione dallo sport ha le cartilagini, tendini, ecc.. di un vecchio di 80 anni? L'importante è avere un bello spettacolo davanti, partite quasi tutti i giorni, ciclisti che tra un po' vanno più forte delle moto, centometristi gareggiano coi ghepardi (va be non esageriamo...).. Come diceva il caro vecchio Freddie, the show must go on...

Non la vedo così. E' proprio di un atleta a qualsiasi livello gareggi cercare di raggiungere e superare i suoi limiti: l'importante nello sport agonistico non è certo partecipare! Quanto ai tendini e alle cartilagini ... sì c'è del vero. Ma poi siamo proprio sicuri che la gara sia arrivare in salute al gran finale?
avatar
Appleseed
Tesoriere Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 473
Data d'iscrizione : 01.08.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Alexey il Dom Mag 25 2014, 08:42

Quello che intendevo dire è che un conto sono i limiti "personali", un conto sono i limiti fisiologici umani. È lo spettacolo che sta dietro allo sport che lo fa marcire, quello che vogliono gli sponsor, i patroni ecc.. Come si fa a giocare quasi ogni giorno, allenarsi in campo e in palestra? Credimi, è quasi impossibile reggere certi ritmi senza infortunarsi, rimetterci in salute o ricorrere al doping. Noi tendiamo a colpevolizzare e condannare sempre la persona, ma molto spesso le persone sono vittime del circolo vizioso nel quale sono entrate, non per giustificarli, ma per capire cosa porta persone per bene a fare certe cose...se non vinci e resisti ai ritmi sovrumani sei out, non sei nessuno e tiri a campare...
Non sempre nel mondo reale dello sport esiste questa visione romantica dell'uomo contro i suoi limiti, è molto bello ma sempre meno "reale".

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Appleseed il Dom Mag 25 2014, 09:02

I limiti fisiologici non sono fissi e immutabili: altrimenti i record non potrebbero essere mai migliorati. Se vogliamo parlare di calcio professionistico (che rappresenta forse l'uno per mille dello sport agonistico) due campioni come Maldini e Zanetti hanno giocato a livelli altissimi anche oltre i 40 anni. Trenta anni fa  non ci arrivava nessuno: bastava un menisco ed eri fuori .... C'e' piu' attenzione oggi alla salute degli sportivi (e non) rispetto a 30 anni fa.
avatar
Appleseed
Tesoriere Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 473
Data d'iscrizione : 01.08.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Marc_63 il Dom Mag 25 2014, 10:00

Very Happy Very Happy Certo è che se Francesco Arone fosse stato un nuotatore, non avrebbe fatto tanto "scalpore", almeno presso di noi ....  Very Happy Very Happy Very Happy 
Purtroppo, lo sappiamo, l' Italia è il Paese dove impera il calcio, e sport come il podismo, praticato a piedi nudi o no, non hanno grande presa nel pubblico.
Se fosse stato diverso, sono certo che Arone, con la sua vittoria, avrebbe per lo meno dimostrato che scalzi si può "vincere".

avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Alexey il Dom Mag 25 2014, 10:19

Certo che i limiti sono quasi "fissi", sono determinati dall'evoluzione. Non correremo mai come un ghepardo e non saremo mai forti come un gorilla... Poi ognuno è diverso e ha dei limiti diversi in un range però non illimitato..Darwin insegna... Con la giusta preparazione, le cure, i farmaci, ecc.. Si può arrivare al "massimo" fisiologico e anche " forzarlo", ma la salute a lungo termine è molto probabile ne risenta...
Ti faccio un esempio, io è da anni che sono nel fitness come appassionato, studi hanno dimostrato che a seguito di un allenamento coi pesi intenso, quando si esaurisce la scorta di cp, le fibre muscolari si lacerano, e per ripristinarle e supercompensare (attivazione dei mioblasti delle stem cells) il corpo ci mette fino a 14 giorni. Con una dieta iperproteica ci mette un po meno, magari 9-10, col doping ci mette forse ancora meno, per questo i campioni di bodybuilding, persone già molto sopra alla norma in termini di predisposizione ad acquisire massa muscolare, e con i farmaci, riescono ad allenarsi molto più spesso di una persona normale, anche se ultimamente anche loro hanno visto che riducendo un po volume si hanno risultati talvolta migliori...
Gli sport di resistenza ovviamente per i metabolismi energetici che coinvolgono richiedono stimoli maggiormente reiterati nel tempo(maggior frequenza), ma anche li se si forza troppo il corpo, che ha limitate capacità di recupero (vedere g.a.s. Theory di Selye), ad un certo punto non ce la fa più (fase di esaurimento), e si hanno infiammazioni, infortuni... Nei casi più gravi la morte...le leggi biologiche, entro un certo range di variabilità soggettivo, sono uguali per tutti, al contrario di quelle dello stato 😄

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Alexey il Dom Mag 25 2014, 10:22

Gli escamotage per far durare un'atleta non gli garantiranno necessarismente una salute ideale per il resto della vita, es. vedere anche incidenza della SLA nei calciatori agonisti, è molto più alta che nelle persone normali, ecc... Di esempi ce ne sono a centinaia...

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo e vincente.

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum