Mi presento

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Mi presento

Messaggio  aldo1953 il Mer Giu 11 2014, 11:57

icenic89 ha scritto:ciao a tutti,
sono Niccolò e sono nuovo nel forum e nuovo anche nella pratica del barefoot...ho 25 anni, sono di un paese della provincia di Bergamo e nella vita sono fisioterapista.
Da pochissimo tempo ho scoperto questa "moda" e mi ha subito incuriosito (visto anche il tipo di lavoro che faccio) e, perciò, mi sono informato.
Informati di qua, informati di la, ecco che ho pensato che fosse il momento di abbandonare le scarpe (non ancora x tutte le attività e tutta la giornata) , visto che da un punto di vista scientifico fanno veramente male e ci sono alcuni studi studi che lo dimostrano...e da ciò ho pensato di redarre la tesi (che sto inziando a scrivere) del Master in Fisioterapia Sportiva presso l'Università di Pisa a cui sono iscritto e ho quasi concluso.
Perciò mi sono avvicinato al barefoot da un punto di vista "lavorativo" e "scinetifico", ma mi sto piano piano accorgendo che ci sono anche aspetti energetici (non ancora studiati scientificamente, ma con buone basi su cui partire) e anche psicologici...
Spero di mantenermi attivo nel forum, nonostante impegni di lavoro e scrittura della tesi, ma sicuramente riuscirò a rompervi le scatole con molte domande, visto che sono solo all'inizio di questa avventura...

Nik

Ciao, prima di tutto benvenuto, ma è un benvenuto particolare per via della tua professione Come tutti qui sanno faccio il Medico di base e da sempre sostengo che un bravo fisioterapista può fare molto meglio di tanti farmaci o addirittura (mi scuseranno) chirurghi. Mi interessa molto la tua tesi che mi piacerebbe leggere e vedere pubblicata . Oggi esistono per fortuna molti canali per pubblicare le proprie cose anche senza (ma sarebbe meglio) arrivare alle riviste scientifiche. A parte la sezione dedicata alla fisio-patologia del piede, mi piace il tuo interesse per la componente psicologica dell' andare scalzi, sia da parte di chi pratica e sia da parte di chi assiste alla scena. E' questo un campo poco esplorato, forse perchè l' argomento è di scarso interesse per gli psicologi, o forse perchè è comunque una "passione" marginale nella società, anche se il desiderio di camminare scalzi è sopito in tutti. Quanto alle vesciche... hai solo esagerato, ma non mollare.

aldo1953

Numero di messaggi : 1000
Età : 64
Data d'iscrizione : 08.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mi presento

Messaggio  icenic89 il Mer Giu 11 2014, 14:41

aldo1953 ha scritto:
icenic89 ha scritto:ciao a tutti,
sono Niccolò e sono nuovo nel forum e nuovo anche nella pratica del barefoot...ho 25 anni, sono di un paese della provincia di Bergamo e nella vita sono fisioterapista.
Da pochissimo tempo ho scoperto questa "moda" e mi ha subito incuriosito (visto anche il tipo di lavoro che faccio) e, perciò, mi sono informato.
Informati di qua, informati di la, ecco che ho pensato che fosse il momento di abbandonare le scarpe (non ancora x tutte le attività e tutta la giornata) , visto che da un punto di vista scientifico fanno veramente male e ci sono alcuni studi studi che lo dimostrano...e da ciò ho pensato di redarre la tesi (che sto inziando a scrivere) del Master in Fisioterapia Sportiva presso l'Università di Pisa a cui sono iscritto e ho quasi concluso.
Perciò mi sono avvicinato al barefoot da un punto di vista "lavorativo" e "scinetifico", ma mi sto piano piano accorgendo che ci sono anche aspetti energetici (non ancora studiati scientificamente, ma con buone basi su cui partire) e anche psicologici...
Spero di mantenermi attivo nel forum, nonostante impegni di lavoro e scrittura della tesi, ma sicuramente riuscirò a rompervi le scatole con molte domande, visto che sono solo all'inizio di questa avventura...

Nik

Ciao, prima di tutto benvenuto, ma è un benvenuto particolare per via della tua professione Come tutti qui sanno faccio il Medico di base e da sempre sostengo che un bravo fisioterapista può fare molto meglio di tanti farmaci o addirittura (mi scuseranno) chirurghi. Mi interessa molto la tua tesi che mi piacerebbe leggere e vedere pubblicata . Oggi esistono per fortuna molti canali per pubblicare le proprie cose anche senza (ma sarebbe meglio) arrivare alle riviste scientifiche. A parte la sezione dedicata alla fisio-patologia del piede, mi  piace il tuo interesse per la componente psicologica dell' andare scalzi, sia da parte di chi pratica e sia da parte di chi assiste alla scena. E' questo un campo poco esplorato, forse  perchè l' argomento è di scarso interesse per gli psicologi, o forse perchè è comunque una "passione" marginale nella società, anche se il desiderio di camminare scalzi è sopito in tutti. Quanto alle vesciche...   hai solo esagerato, ma non mollare.

Grazie

icenic89

Numero di messaggi : 21
Data d'iscrizione : 03.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum