Beccato da un collega!

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  Alexey il Mer Feb 18 2015, 13:10

Angelica, non voglio di certo giudicare una persona che non conosco, anzi, non mi permetto di giudicare o stereotipare. Tutti noi abbiamo tante sfaccettature e siamo unici a nostro modo. Ho soltanto espresso il mio pensiero riguardo ai concetti di disciplina, libertà e subordinazione. Secondo me, ripeto secondo me, il rispetto vero è quello per la persona, non per il ruolo, lo status quo ecc..., quelli sono il contenitore, non il contenuto, si tende a mangiare la carta invece della caramella. Con questo non demonizzo niente o nessuno, tutti devono essere liberi di seguire il percorso che ritengono più opportuno per loro, altrimenti andrei contro il concetto stesso di libertà e ragionerei esattamente come quelli che vogliono farci ricalzare a tutti i costi

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  young_barefooter il Mer Feb 18 2015, 14:59

Angelica ha scritto:Eccolo lì il punto. Hai voluto forzare troppo la cosa forse. Si voluto arrivare troppo oltre, dove ancora non eri in grado e questo ti ha abbattuto. Questo è proprio contrario al discorso sulla libertà che si faceva prima Very Happy
Io vado scalza dove mi va e quando mi va, così come quando mi va tengo le scarpe senza troppe paturnie e sensi di colpa. Se non riesco pazienza, ci riuscirò quando sarà il momento, un passo alla volta.
Certamente, se sei tu a non sentirtelo di fare è un'altra questione, nemmeno io mi sento di gironzolare scalza al supermercato, non mi interessa farlo e quindi non lo faccio, senza troppi problemi.

Infatti! Leggere dei piccoli e grandi successi altrui sul forum mi ha "gasato" a tal punto da indurmi a tentare di andare oltre i limiti che mi ero fissato. Limiti dettati, badate bene, non tanto dal timore di mostrarmi scalzo in pubblico, ma più che altro dall'ansia che sentirmi al centro dell'attenzione mi da.

Per carattere sono infatti piuttosto schivo e solamente l'idea di attirare l'attenzione altrui mi infastidisce.
Fosse anche perchè indosso abiti particolari o per un taglio di capelli strano, o per il fatto che sono molto caloroso e sto spesso in maglietta quando tutti gli altri hanno su due giacconi e la sciarpa (questo capita spesso). Anche per assurdo se andassi al supermarket in Ferrari, l'idea che parcheggiando tutti si volterebbero a guardarmi mi darebbe fastidio.
O anche banalmente andare al lavoro in pantaloncini e sandali o infradito, la cosa in se è innocente (e il dress-code del posto dove lavoro me lo concederebbe tranquillamente) MA attirerebbe su di me, nel bene e nel male, sguardi e sicuramente qualche commento altrui (i miei colleghi sono un po' fissati su certe cose).

In breve, pur odiando il gregge e bla bla bla, mi piace vivere per così dire "nell'ombra" facendo i cavoli miei, come io lascio tranquillamente fare agli altri.
Non mi pare che ci voglia uno psicologo, tutto sommato è un obiettivo facile da raggiungere se uno non ha pretese di fare cose particolarmente trasgressive o strane o bizzarre. Se ad esempio sono molto stonato, non pretendo certo di essere il re del karaoke per poi andare a piangere a casa dopo aver cantato da schifo in mezzo alla gente! E la sera dopo lascio perdere, non ci riprovo pieno di fiducia e false speranze per poi deprimermi ancora di più. Spero di aver spiegato bene il concetto, scusate se sono così prolisso.

Capirete che salire scalzo a gennaio su di un treno pendolari pieno, con fuori 2 °C e la neve per le strade, NON è certamente il modo migliore per passare inosservati! A quel punto poi è il carattere di ognuno che fa il resto: chi è spigliato e se ne frega dei giudizi altrui ne uscirà elegantemente magari con una battuta che spiazza tutti, MA chi magari è meno sicuro di se potrebbe trovarsi un po' in difficoltà - e anche qui credo che lo psicologo sia superfluo. E così credo che sarebbe anche se su quel treno ci salissi in mezze maniche quando fuori nevica!

Tutto ciò chiaramente non cambia lo stato delle cose e qualcuno potrebbe chiedersi "embè?" o "e allora perchè vorresti andare a piedi nudi?".
Il motivo è che avere capito che le cose possono essere anche diverse da come ce le siamo sempre immaginate mi ha spinto a riconsiderare vari aspetti della vita e ad essere tentato di andare oltre i miei limiti, l'essere scalzo quando voglio è la metafora dell'essere davvero libero di essere esattamente come voglio quando lo voglio.
Perciò ci ho provato con tutte le forze, speravo che una "cura di impatto" potesse mano mano rendermi immune dall'imbarazzo di certe situazioni. Ma i limiti intrinsechi del proprio carattere non sono così facilmente superabili.

So che magari potrei essere ancora più sereno e felice, ma tutto sommato (problemi con lo scalzismo a parte) non posso certo lamentarmi della mia vita. Quindi dovrei andare dallo psicologo a dirgli che vorrei andare a piedi nudi ovunque ma la cosa mi crea imbarazzo? Non è che mi sto complicando la vita per niente?
avatar
young_barefooter

Numero di messaggi : 1030
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  young_barefooter il Mer Feb 18 2015, 15:56

Alexey ha scritto:Caro young, quest'anno non hai più scuse, ci vediamo al raduno 😉

Questo è purtroppo un altro tasto particolarmente dolente.
In tutta sincerità, dire a casa che vado a un raduno di camminatori scalzi mi imbarazza (e vorrei evitare di fare le cose di nascosto), e non ho voglia di spiegare il perchè e il percome. Potrei tentare di convincere mia moglie a partecipare ma ho qualche dubbio sul suo interesse per la cosa.

Secondariamente, pur essendo pienamente convinto del fatto che siate tutti delle persone splendide, non mi ci vedo ad andare a un raduno di barefooters, forse perchè alla prova dei fatti non sono così tanto convinto della cosa, o per paura dei miei consueti imbarazzi. Certamente sarà come una scampagnata tra amici e i piedi scalzi o meno passeranno in secondissimo piano, però mi sento ancora un po' bloccato in questo senso. E non capisco perchè! Ho fatto svariate gite tra amici restando tutto il giorno a piedi nudi senza problemi, non vedo qui cosa possa esserci di diverso.
Scusate!

Con pochi giri di parole, non credo che verrò - almeno allo stato attuale delle cose.
Magari poi se qualcosa cambierà nella mia mente bacata cercherò di esserci ma ho molti dubbi in proposito.
avatar
young_barefooter

Numero di messaggi : 1030
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  Elan il Gio Feb 19 2015, 11:56

Di che vai ad un raduno di gimnopodisti  ... è tutta un'altra cosa Smile
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1087
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  Arky il Gio Feb 19 2015, 12:22

young_barefooter ha scritto: Quindi dovrei andare dallo psicologo a dirgli che vorrei andare a piedi nudi ovunque ma la cosa mi crea imbarazzo?

Ma anche no...
Scusa eh, lo so che intervenendo molto poco sul forum (causa mancanza perenne di tempo) sono sicuramente il meno titolato nel dare consigli, ma comunque leggo tutto, o quasi, e qualche idea me la faccio...
Il problema per te non è andare scalzo...è qualcosa di più profondo e generalizzato; e, da come dici, te ne rendi conto anche tu. Considera anche che il problema di relazionarsi con gli altri, non è una tua esclusiva; tutti, chi prima, chi poi, chi in maniera molto superficiale chi invece in modo quasi ossessivo, siamo costretti, nostro malgrado, ad affrontarlo.
Dalle cose più banali a quelle più delicate e complesse. Il concetto di libertà, che per come la vedo io, in questa nostra società è un qualcosa di profondamente astratto ed utopico, è assolutamente vincolato al rapporto che dobbiamo/vogliamo avere con gli altri.
Lo stare scalzi è solo uno dei suoi molteplici aspetti.
Non saremo mai pienamente liberi, perché dovremo sempre sottostare a certe regole, implicite o meno, dirette e non, che il convivere ci impone. Possiamo solo ritagliarci degli spazi di una libertà magari tutta nostra, e goderne ogni volta che ci è possibile.
Ti parlo della mia esperienza.
in pochi anni sono molto cambiato; un po' perché cresciuto, un po' perché ho cominciato a capire che la vita è molto simile alla scaletta di un pollaio, ovvero corta, ripida e piena di merda (cit.), che pian pianino ho deciso di fregarmene di certe cose, ed ampliare sempre di più il mio "cortile di libertà".
Vogliamo rimanere in tema, e parlare di scalzismo? Ok. Ad oggi, vado scalzo dove VOGLIO, quando VOGLIO e come VOGLIO. Nota bene: non significa che vado scalzo sempre, ovunque ed in qualsiasi contesto. Significa che ci vado quando questo mi fa sentire bene; se non sto bene scalzo, semplicemente sto con le scarpe (e tante, forse troppe ancora, sono queste occasioni).
Viceversa, se stare scalzo mi fa sentire bene, a cagare tutto il resto. Qualcuno vuole commentare? libero di farlo, e io, SE (e solo se) voglio, di controbattere, anche duramente, se le circostanze dovessero richiederlo.
Qualcuno si schifa? Problemi suoi, non miei. Ognuno di schifo si tiene il proprio.
Ad esempio, il mio lavoro. Dire che sarebbe almeno inopportuno stare scalzo al lavoro è usare un blando eufemismo. Non mi sognerei neppure di presentarmi in abito e scalzo, mi sentirei il più ridicolo tra i ridicoli. Ma fuori del lavoro sono cavoli miei quello che faccio, ed il perché lo faccio. Per lavoro viaggio molto, e credimi, approfitto di ogni momento, se voglio. Sul finire dell'estate, dovevo andare un paio di giorni a Londra. Mi imbarco a Milano scalzo, ci arrivo a Francoforte per lo scalo, da Heatrow fino all'albergo sempre scalzo, doccia, abito, riunione, di nuovo albergo, e di nuovo per Londra scalzo. Il giorno dopo riunione, albergo, scalzo.
Se qualcuno mi avesse visto scalzo a Piccadilly? e sticazzi? l'ho fatto il mio dovere? Sì. Ero conforme al dress code che la mia posizione in quell'ambito richiedeva? Sì. Se poi tu che stavi in riunione con me, nonostante le praticamente nulle probabilità di incontrarmi in quel casino che è Londra, mi vedi che sto in pantaloncini, maglietta, scalzo e mangio un hamburger a Trafalgar Square, e ti schifi pure...saranno cavoli tuoi, la notte dormirò bene lo stesso.
Quindi goditi un pochino di più certi momenti, che potrebbero non tornare. Io ho imparato che se sto scalzo, o con uno stivaletto di cuoio, il mondo, alla fine, gira uguale.








avatar
Arky

Numero di messaggi : 151
Data d'iscrizione : 21.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  Alexey il Gio Feb 19 2015, 13:48

Bravo Arky, parole sacrosante

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 37
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  Elan il Gio Feb 19 2015, 17:51

se ci fosse cliccherei su "mi piace"  Smile
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1087
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  Elan il Gio Feb 19 2015, 17:53

Angelica, ricordami un attimo .... chi era Hartmann e in che film? non mi riesce di mettere a fuoco
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1087
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  Angelica il Gio Feb 19 2015, 19:35

Elan ha scritto:Angelica, ricordami un attimo .... chi era Hartmann e in che film?  non mi riesce di mettere a fuoco

Full Metal Jacket Very Happy
avatar
Angelica

Numero di messaggi : 314
Età : 30
Data d'iscrizione : 17.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  aldo1953 il Ven Feb 20 2015, 17:32

young_barefooter ha scritto:
Alexey ha scritto:Caro young, quest'anno non hai più scuse, ci vediamo al raduno 😉

Questo è purtroppo un altro tasto particolarmente dolente.
In tutta sincerità, dire a casa che vado a un raduno di camminatori scalzi mi imbarazza (e vorrei evitare di fare le cose di nascosto), e non ho voglia di spiegare il perchè e il percome. Potrei tentare di convincere mia moglie a partecipare ma ho qualche dubbio sul suo interesse per la cosa.

Secondariamente, pur essendo pienamente convinto del fatto che siate tutti delle persone splendide, non mi ci vedo ad andare a un raduno di barefooters, forse perchè alla prova dei fatti non sono così tanto convinto della cosa, o per paura dei miei consueti imbarazzi. Certamente sarà come una scampagnata tra amici e i piedi scalzi o meno passeranno in secondissimo piano, però mi sento ancora un po' bloccato in questo senso. E non capisco perchè! Ho fatto svariate gite tra amici restando tutto il giorno a piedi nudi senza problemi, non vedo qui cosa possa esserci di diverso.
Scusate!

Con pochi giri di parole, non credo che verrò - almeno allo stato attuale delle cose.
Magari poi se qualcosa cambierà nella mia mente bacata cercherò di esserci ma ho molti dubbi in proposito.

Ciao, prima di tutto mi sembra un poco presentuoso pensare che solo tu abbia dei problemi ad andare scalzo in pubblico, ora purtroppo non ho tempo ma appena ce la faccio vorrei raccontarti un po' di cose e magari darti qualche consiglio pratico, quelle cose cioè che mi hanno portato non a essere un camminatore scalzo (faccio un altro lavoro Razz ), ma ha gestire la cosa senza uccidermi di paturnie, anche se ciò, di fatto, vuol dire rinunciare spesso a farlo.
Quanto al raduno annuale, ho avuto la fortuna di esserci insieme a mia moglie due anni fa, l' anno scorso invece ero altrove ma mi (ci) è dispiaciuto non esserci. Ti consiglio di andare a leggere i varii post dell' epoca. Ti assicuro che per me è stata una bellissima esperienza e mia moglie (tutt' altro che scalzista) ha cambiato parecchio idea dopo avere conosciuto tanta gente simpatica e "normale".

aldo1953

Numero di messaggi : 1028
Età : 65
Data d'iscrizione : 08.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  John & Jane il Ven Feb 20 2015, 17:50

young_barefooter ha scritto:
Alexey ha scritto:Caro young, quest'anno non hai più scuse, ci vediamo al raduno 😉

Questo è purtroppo un altro tasto particolarmente dolente.
In tutta sincerità, dire a casa che vado a un raduno di camminatori scalzi mi imbarazza (e vorrei evitare di fare le cose di nascosto), e non ho voglia di spiegare il perchè e il percome. Potrei tentare di convincere mia moglie a partecipare ma ho qualche dubbio sul suo interesse per la cosa.

Secondariamente, pur essendo pienamente convinto del fatto che siate tutti delle persone splendide, non mi ci vedo ad andare a un raduno di barefooters, forse perchè alla prova dei fatti non sono così tanto convinto della cosa, o per paura dei miei consueti imbarazzi. Certamente sarà come una scampagnata tra amici e i piedi scalzi o meno passeranno in secondissimo piano, però mi sento ancora un po' bloccato in questo senso. E non capisco perchè! Ho fatto svariate gite tra amici restando tutto il giorno a piedi nudi senza problemi, non vedo qui cosa possa esserci di diverso.
Scusate!

Con pochi giri di parole, non credo che verrò - almeno allo stato attuale delle cose.
Magari poi se qualcosa cambierà nella mia mente bacata cercherò di esserci ma ho molti dubbi in proposito.
Young, ti do un mozzico in testa (virtuale) ma con affetto. Coraggio: lo stratega pianifica la battaglia!

John & Jane

Numero di messaggi : 383
Età : 69
Data d'iscrizione : 27.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  Grand Choeur il Ven Feb 20 2015, 18:09

Altrimenti ci costringerai a fare la bastardata di fare l'incontro davanti a casa tua.
avatar
Grand Choeur
Admin

Numero di messaggi : 1021
Età : 41
Data d'iscrizione : 31.03.12

https://www.youtube.com/user/MicheleGinanneschi?feature=mhee

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  bfpaul il Ven Feb 20 2015, 18:13

young_barefooter ha scritto:
Alexey ha scritto:Caro young, quest'anno non hai più scuse, ci vediamo al raduno 😉

Questo è purtroppo un altro tasto particolarmente dolente.
In tutta sincerità, dire a casa che vado a un raduno di camminatori scalzi mi imbarazza (e vorrei evitare di fare le cose di nascosto), e non ho voglia di spiegare il perchè e il percome. Potrei tentare di convincere mia moglie a partecipare ma ho qualche dubbio sul suo interesse per la cosa.

Secondariamente, pur essendo pienamente convinto del fatto che siate tutti delle persone splendide, non mi ci vedo ad andare a un raduno di barefooters, forse perchè alla prova dei fatti non sono così tanto convinto della cosa, o per paura dei miei consueti imbarazzi. Certamente sarà come una scampagnata tra amici e i piedi scalzi o meno passeranno in secondissimo piano, però mi sento ancora un po' bloccato in questo senso. E non capisco perchè! Ho fatto svariate gite tra amici restando tutto il giorno a piedi nudi senza problemi, non vedo qui cosa possa esserci di diverso.
Scusate!

Con pochi giri di parole, non credo che verrò - almeno allo stato attuale delle cose.
Magari poi se qualcosa cambierà nella mia mente bacata cercherò di esserci ma ho molti dubbi in proposito.
Come ben dice Aldo, puoi venire a trovarci il sabato sera alla solita pizzata e puoi portare certamente tua moglie. Noi saremo scalzi, tu fai come credi.
Non ci sono scuse che tenga, se non vieni sarò costretto a pensare che sei uno scrittore di romanzi a sfondo psicologico ...  Twisted Evil

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 3028
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  young_barefooter il Mar Feb 24 2015, 11:36

Per quanto riguarda la mia partecipazione alla pizzata e/o incontro devo prima fare chiarezza una volta per tutte con mia moglie (ma anche con me stesso) sulla questione. Vorrei infatti partecipare "alla luce del sole" senza balle o sotterfugi vari.

Sono sincero nel dire che fino ad'ora, per vari motivi, ho solo vagamente accennato qualche volta dell'esistenza della community dei Nati-scalzi in famiglia. A volte ho citato qualche episodio discusso sul forum, altre ho parlato dei miei interventi MA non ho mai mostrato il sito almeno a mia moglie e non le ho detto mai chiaro e tondo che in qualche modo di questa community ne faccio parte per davvero!

Non le ho mai detto che credo seriamente in questa cosa, che va oltre la bizzarra abitudine da mettere in pratica qualche volta ma che in realtà vorrei diventasse uno stile di vita (non tanto nel senso di andare scalzo sempre e ovunque, più che altro di andarci qualche volta ma senza timori e orgoglioso della mia libera scelta), semplicemente perchè io stesso NON ne ero (e in parte non lo sono ancora) sicuro al 100%.
Di conseguenza i paletti messi da mia moglie (e non solo) su dove/quando andare scalzo e quando no MI FANNO COMODO perchè mascherano le MIE paure e la MIA mancanza di volontà. Se per assurdo mia moglie mi consentisse di andare scalzo dove e quando voglio, sarei io stesso a tirarmi indietro gran parte delle volte, perchè dentro di me in certe situazioni il coraggio di stare scalzo proprio non ce l'ho.

Riguardo il nostro incontro so che in fondo si tratta solo di una pizza in compagnia, ma l'idea di "metterci la faccia" e uscire dal mio piccolo orticello di mezze verità e di comode scuse per fuggire dalla realtà delle cose mi mette in difficoltà e mi rende dubbioso!
(effettivamente credo che potrei farmi un futuro come scrittore di romanzi psicologici...)
avatar
young_barefooter

Numero di messaggi : 1030
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  cyberteam il Mar Feb 24 2015, 17:33

young_barefooter ha scritto:
Riguardo il nostro incontro so che in fondo si tratta solo di una pizza in compagnia, ma l'idea di "metterci la faccia" e uscire dal mio piccolo orticello di mezze verità e di comode scuse per fuggire dalla realtà delle cose mi mette in difficoltà e mi rende dubbioso!
(effettivamente credo che potrei farmi un futuro come scrittore di romanzi psicologici...)

Scusa Young, non per farmi gli affari tuoi (perché poi a ciascuno tocca convivere con se stesso), ma più metterci la faccia di andare scalzi su di un treno in pieno inverno a Milano ?
avatar
cyberteam

Numero di messaggi : 608
Data d'iscrizione : 16.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  bfpaul il Mar Feb 24 2015, 17:52

young_barefooter ha scritto:Per quanto riguarda la mia partecipazione alla pizzata e/o incontro devo prima fare chiarezza una volta per tutte con mia moglie (ma anche con me stesso) sulla questione. Vorrei infatti partecipare "alla luce del sole" senza balle o sotterfugi vari.

Sono sincero nel dire che fino ad'ora, per vari motivi, ho solo vagamente accennato qualche volta dell'esistenza della community dei Nati-scalzi in famiglia. A volte ho citato qualche episodio discusso sul forum, altre ho parlato dei miei interventi MA non ho mai mostrato il sito almeno a mia moglie e non le ho detto mai chiaro e tondo che in qualche modo di questa community ne faccio parte per davvero!

Non le ho mai detto che credo seriamente in questa cosa, che va oltre la bizzarra abitudine da mettere in pratica qualche volta ma che in realtà vorrei diventasse uno stile di vita (non tanto nel senso di andare scalzo sempre e ovunque, più che altro di andarci qualche volta ma senza timori e orgoglioso della mia libera scelta), semplicemente perchè io stesso NON ne ero (e in parte non lo sono ancora) sicuro al 100%.
Di conseguenza i paletti messi da mia moglie (e non solo) su dove/quando andare scalzo e quando no MI FANNO COMODO perchè mascherano le MIE paure e la MIA mancanza di volontà. Se per assurdo mia moglie mi consentisse di andare scalzo dove e quando voglio, sarei io stesso a tirarmi indietro gran parte delle volte, perchè dentro di me in certe situazioni il coraggio di stare scalzo proprio non ce l'ho.

Riguardo il nostro incontro so che in fondo si tratta solo di una pizza in compagnia, ma l'idea di "metterci la faccia" e uscire dal mio piccolo orticello di mezze verità e di comode scuse per fuggire dalla realtà delle cose mi mette in difficoltà e mi rende dubbioso!
(effettivamente credo che potrei farmi un futuro come scrittore di romanzi psicologici...)
Puoi venire alla pizzata anche con le scarpe ed in compagnia di tua moglie. Non sarà la sola signora con le scarpe, stai tranquillo.
Però almeno tutti saranno convinti che non sei un ectoplasma ...  Evil or Very Mad

Attento che non è poi così remota la possibilità che venga a sapere di noi (e di te su questo Forum) ed allora saranno affari tuoi  Twisted Evil

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 3028
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Beccato da un collega!

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum