Zecche

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Zecche

Messaggio  disc il Mer Giu 08 2016, 00:02

In questo topic (http://natiscalzi.forumattivo.com/t2536-weekendone-scalzo#29027) Young e Spyro hanno tra l'altro raccontato di essere stati stati morsi dalle zecche.
Siccome mi piace camminare nei luoghi selvaggi, anche a me capito` in passato di essere punto da queste bestiacce. Ora vi daro` alcuni consigli per minimizzare questo rischio.
Dalla letteratura sappiamo che le zecche vivono preferibilmente in luoghi UMIDI ed OMBROSI, e dove c'e` la presenza di animali (selvatici o domestici) indispensabili alle zecche per la riproduzione. Inoltre si consigliano pantaloni lunghi infilati dentro alle scarpe chiuse per evitare il contatto con le zecche durante le escursioni.
Ora invece vi do alcuni suggerimenti dovuti alla mia personale esperienza.
Confermo il fatto che i luoghi piu` a rischio siano umidi ed ombrosi: specialmente il sottobosco ricco di vegetazione bassa tipo felci ecc..., ma anche la bassa boscaglia ed i bordi dei sentieri che non vengono falciati regolarmente, ovvero luoghi "chiusi" ed ombreggiati.
Invece camminando nei giardini dove l'erba viene tagliata spesso non ho mai riscontrato la loro presenza, e neanche nei prati con erba alta ma falciata regolarmente per la fienagione (di solito si fanno 3 sfalci all'anno), cosi` come dove la vegetazione e` rada come in zone pietrose-sabbiose. Che fare dunque?
Piuttosto che pantaloni lunghi e scarpe chiuse, io invece consiglio pantaloni corti (se il clima lo permette, e per i piedi sapete gia`) ed adesso vi spiego perche`.
Quando camminate nei luoghi a rischio che vi ho elencato cercate di minimizzare il contatto con la vegetazione, ed appena usciti in un luogo piu`aperto controllate immediatamente i piedi e le gambe (su di me le zecche si sono sempre introdotte dal basso, comunque date uno sguardo anche alle braccia): la zecca attende il passaggio della "preda" nella vegetazione e si lascia cadere sull'ospite, per fortuna pero` non punge subito, ma cammina anche per molti minuti per trovare il luogo ideale dove mordere, spesso nelle zone dove la nostra pelle e` piu` sottile: se durante il controllo vedete un piccolo insetto che cammina su di voi, prendete uno stecco o qualcosa di simile e la fate cadere a terra prima della puntura (mentre sta ancora camminando), fate caso che e` piuttosto "attaccaticcia" e non cade facilmente come una formica, ma bisogna insistere con lo stecchetto fino a farla cadere. I pantaloni corti facilitano il controllo delle gambe, se avete quelli lunghi e` bene risvoltarli per evitare che striscino a terra e per facilitare il controllo visivo.
Con questo metodo da alcuni anni tante zecche hanno camminato su di me, ma nessuna mi ha morso perche` l'ho fatta cadere in tempo.
Spero che cio` vi sia utile per le vostre future escursioni "wild" Smile

disc

Numero di messaggi : 68
Data d'iscrizione : 23.06.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  young_barefooter il Mer Giu 08 2016, 08:33

Grazie mille per i tuoi suggerimenti!
Con l'esperienza fatta e i consigli giusti spero che la cosa non si ripeta.
avatar
young_barefooter

Numero di messaggi : 938
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  GECO il Sab Giu 18 2016, 17:25

Per mia esperienza ho notato che le zecche sono molto più frequenti sugli appennini piuttosto che sulle Alpi. In generale consiglio di stare sopra la quota dei pascoli (diciamo 1500m). Se una zecca ti 'morde' per toglierla usa una pinzetta girando in senso anti orario in modo che non rimanga infetto. Segnati il giorno e se dopo qualche giorno vedi che c'è qualche cosa che non funziona corri in ospedale spiegando l'accaduto.
Ciao
Andrea

GECO

Numero di messaggi : 265
Data d'iscrizione : 25.05.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  bfpaul il Sab Giu 18 2016, 21:25

GECO ha scritto:Per mia esperienza ho notato che le zecche sono molto più frequenti sugli appennini piuttosto che sulle Alpi. In generale consiglio di stare sopra la quota dei pascoli (diciamo 1500m). Se una zecca ti 'morde' per toglierla usa una pinzetta girando in senso anti orario in modo che non rimanga infetto. Segnati il giorno e se dopo qualche giorno vedi che c'è qualche cosa che non funziona corri in ospedale spiegando l'accaduto.
Ciao
Andrea
Da noi le zecche sono abbastanza comuni.
Se vedete la zecca che vi cammina ddosso è abbastanza facile scacciarla e quasi sempre non vi pungerà; il problema è quando la ritrovate dopo ore già "installata" e magari gonfia del sangue che vi ha succhiato.
Non tiratela via, le sue tenaglie resteranno dentro e se è infetta non avrete risolto niente.
Ci sono vari metodi per staccarle ma non ha importanza: andate al Pronto Soccorso e sapranno come farlo.
Non vi lasceranno andar via senza fare accertamenti e prescrivervi - purtroppo - alcune medicine.
Ma, credetemi, meglio quelle che la febbre bottonosa e se la scampate i parametri del sangue sconvolti a vita...

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2901
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  disc il Sab Giu 18 2016, 23:07

bfpaul ha scritto:
GECO ha scritto:Per mia esperienza ho notato che le zecche sono molto più frequenti sugli appennini piuttosto che sulle Alpi. In generale consiglio di stare sopra la quota dei pascoli (diciamo 1500m). Se una zecca ti 'morde' per toglierla usa una pinzetta girando in senso anti orario in modo che non rimanga infetto. Segnati il giorno e se dopo qualche giorno vedi che c'è qualche cosa che non funziona corri in ospedale spiegando l'accaduto.
Ciao
Andrea
Da noi le zecche sono abbastanza comuni.
Se vedete la zecca che vi cammina ddosso è abbastanza facile scacciarla e quasi sempre non vi pungerà; il problema è quando la ritrovate dopo ore già "installata" e magari gonfia del sangue che vi ha succhiato.
Non tiratela via, le sue tenaglie resteranno dentro e se è infetta non avrete risolto niente.
Ci sono vari metodi per staccarle ma non ha importanza: andate al Pronto Soccorso e sapranno come farlo.
Non vi lasceranno andar via senza fare accertamenti e prescrivervi - purtroppo  - alcune medicine.
Ma, credetemi, meglio quelle che la febbre bottonosa e se la scampate i parametri del sangue sconvolti a vita...

bfpaul

No Paolo, devo dissentire.
La zecca che è gia penetrata nella pelle VA TOLTA SUBITO, perchè il rischio di trasmissione di malattie (se la zecca dovesse essere infetta, fortunatamente solo una piccola percentuale lo è) aumenta con il tempo, prima la si rimuove meglio è. Se rimossa entro 1 o 2 giorni il rischio di infezione è basso, questo perchè durante il loro pasto di sangue, dopo un certo periodo esse "rigurgitano" una parte del loro contenuto, che se dovesse essere infetto vi trasmetterebbe la malattia. E' si possibile andare al pronto soccorso, ma potrebbe capitarvi (come è capitato a me) di aspettare 3-4 ore inutilmente. La somministrazione di medicine preventive è sconsigliata, solo se si notasse qualche alone strano nei pressi della puntura alcuni giorni dopo si dovrebbe andare dal medico per diagnosticare una eventuale malattia come il morbo di Lyme, che è comunque curabile. Il vero problema  (come disse Spyro) è la TBE (encefalite da zecche) per la quale non esiste cura risolutiva ma almeno c'é un vaccino: consiglio di vaccinarvi se frequentate zone dove la TBE è presente, come qui in Friuli.
La rimozione della zecca comunque non è difficoltosa, basta avere delle pinzette piccole (come quelle per le sopracciglia) afferrarla bene alla base e tirare.
Se dovesse rimanere il rostro attaccato nella pelle, esso non è comunque pericoloso per la trasmissione di infezioni.
Va afferrata alla base per evitare di schiacciarne il corpo e quindi rigurgitare il suo contenuto, per lo stesso motivo va evitata l'applicazione di olio o creme perchè essa, sentendosi affogare, rilascerebbe si la presa, ma rigurgitando nel vostro corpo, e quindi aumentando la probabilità di infezione.
Qui ci sono alcuni siti interessanti per avere informazioni:

https://www.regione.fvg.it/rafvg/export/sites/default/RAFVG/salute-sociale/zecche/allegati/1001203_Regione_ZECCHE_depli.pdf
http://sv.units.it/spirochete/links.htm

Documentatevi anche voi, ma ricordatevi che il metodo migliore rimane quello di controllarsi le gambe appena usciti all'aperto da una zona a rischio e di fare cadere la zecca con una bastoncino mentre ancora sta camminando su di voi.
A presto!

disc

Numero di messaggi : 68
Data d'iscrizione : 23.06.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  disc il Sab Giu 18 2016, 23:53

Ancora due siti utili:

http://www.villaggiodegliorsi.it/documenti%20PDF/ZECCHE%20-%20Comportamenti%20e%20prevenzione.pdf
http://www.ass6.sanita.fvg.it/it/servizi_al_cittadino/_contenuti/zecche.html

E' opinione comune che le zecche questi ultimi anni si siano moltiplicate in modo esponenziale, infatti io ho preso la prima nel 2004 - 2005, ed avevo scarpe chiuse, calzetti e pantaloni lunghi. Prima di allora non prendevo mai precauzioni, mi inoltravo allegramente nelle selve più fitte e selvagge senza problemi. Poi ho imparato (a mie spese, dopo averne prese alcune) ad usare il metodo che vi ho già illustrato. All'inizio ero un po' ossessionato, mi sembrava di vedere zecche ovunque, poi ho capito quali sono i luoghi a rischio, un controllo veloce e sto tranquillo.
Comunque la mia esperienza sui luoghi rischiosi si riferisce al Friuli pedemontano-collinare, può essere che in altre zone le condizioni cambino, che anche i prati da sfalcio siano a rischio, ecc...

Comunque, per concludere: le zecche le prendono anche quelli che hanno le scarpe Wink

disc

Numero di messaggi : 68
Data d'iscrizione : 23.06.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  bfpaul il Dom Giu 19 2016, 10:41

disc ha scritto:
bfpaul ha scritto:
GECO ha scritto:Per mia esperienza ho notato che le zecche sono molto più frequenti sugli appennini piuttosto che sulle Alpi. In generale consiglio di stare sopra la quota dei pascoli (diciamo 1500m). Se una zecca ti 'morde' per toglierla usa una pinzetta girando in senso anti orario in modo che non rimanga infetto. Segnati il giorno e se dopo qualche giorno vedi che c'è qualche cosa che non funziona corri in ospedale spiegando l'accaduto.
Ciao
Andrea
Da noi le zecche sono abbastanza comuni.
Se vedete la zecca che vi cammina ddosso è abbastanza facile scacciarla e quasi sempre non vi pungerà; il problema è quando la ritrovate dopo ore già "installata" e magari gonfia del sangue che vi ha succhiato.
Non tiratela via, le sue tenaglie resteranno dentro e se è infetta non avrete risolto niente.
Ci sono vari metodi per staccarle ma non ha importanza: andate al Pronto Soccorso e sapranno come farlo.
Non vi lasceranno andar via senza fare accertamenti e prescrivervi - purtroppo  - alcune medicine.
Ma, credetemi, meglio quelle che la febbre bottonosa e se la scampate i parametri del sangue sconvolti a vita...

bfpaul

No Paolo, devo dissentire.
La zecca che è gia penetrata nella pelle VA TOLTA SUBITO, perchè il rischio di trasmissione di malattie (se la zecca dovesse essere infetta, fortunatamente solo una piccola percentuale lo è) aumenta con il tempo, prima la si rimuove meglio è. Se rimossa entro 1 o 2 giorni il rischio di infezione è basso, questo perchè durante il loro pasto di sangue, dopo un certo periodo esse "rigurgitano" una parte del loro contenuto, che se dovesse essere infetto vi trasmetterebbe la malattia. E' si possibile andare al pronto soccorso, ma potrebbe capitarvi (come è capitato a me) di aspettare 3-4 ore inutilmente. La somministrazione di medicine preventive è sconsigliata, solo se si notasse qualche alone strano nei pressi della puntura alcuni giorni dopo si dovrebbe andare dal medico per diagnosticare una eventuale malattia come il morbo di Lyme, che è comunque curabile. Il vero problema  (come disse Spyro) è la TBE (encefalite da zecche) per la quale non esiste cura risolutiva ma almeno c'é un vaccino: consiglio di vaccinarvi se frequentate zone dove la TBE è presente, come qui in Friuli.
La rimozione della zecca comunque non è difficoltosa, basta avere delle pinzette piccole (come quelle per le sopracciglia) afferrarla bene alla base e tirare.
Se dovesse rimanere il rostro attaccato nella pelle, esso non è comunque pericoloso per la trasmissione di infezioni.
Va afferrata alla base per evitare di schiacciarne il corpo e quindi rigurgitare il suo contenuto, per lo stesso motivo va evitata l'applicazione di olio o creme perchè essa, sentendosi affogare, rilascerebbe si la presa, ma rigurgitando nel vostro corpo, e quindi aumentando la probabilità di infezione.
Qui ci sono alcuni siti interessanti per avere informazioni:

https://www.regione.fvg.it/rafvg/export/sites/default/RAFVG/salute-sociale/zecche/allegati/1001203_Regione_ZECCHE_depli.pdf
http://sv.units.it/spirochete/links.htm

Documentatevi anche voi, ma ricordatevi che il metodo migliore rimane quello di controllarsi le gambe appena usciti all'aperto da una zona a rischio e di fare cadere la zecca con una bastoncino mentre ancora sta camminando su di voi.
A presto!

Grazie per la documentazione.
Avevo qualche informazione "a memoria" ma non ho consultato niente; non immaginavo proprio che in Friuli ci fosse questo problema e quindi questa attenzione alle zecche.
Ora ho un'informazione "seria" data da chi di dovere e ne terrò conto.

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2901
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  GECO il Dom Giu 19 2016, 22:31

Visto l'interesse per l'argomento vi allego 2 pagine del libro 'prima che venga il lupo' di Marco Fazion che è stato mio istruttore.





Scusate la seconda immagine sul PC è dritta ma qui la mette rovesciata...

Le pinzette in questione sono queste: http://www.gevmodena.it/mioweb/IMAGES/pinzetta_zecche.jpg
Come detto vanno bene anche quelle normali l'importante è di toglierle con una rotazione antioraria. In caso di dubbi andare al pronto soccorso.

GECO

Numero di messaggi : 265
Data d'iscrizione : 25.05.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  Orso il Dom Giu 19 2016, 23:31

http://qualacoda.it/h3d-o'tom-tick-twister-the-original-togli-zecche-cani-gatti

Io uso queste quà invece e trovo che funzionano veramente bene!

Ottimi i consigli di disc soprattutto quello di controllarsi appena si arriva in una zona aperta. Comunque per la mia esperienza le zecche sono aumentate, rispetto a poco tempo fa ne trovo in posti dove prima non esistevano!

Riguardo andare dal medico o al pronto soccorso per farle rimuovere ho da dire qualcosa, non sempre si trova personale che sappia come trattarle. La prima volta che sono stato morso il mio medico ha fatto tutto quello che poi informandomi non avrebbe dovuto fare.

Orso

Numero di messaggi : 8
Data d'iscrizione : 09.09.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  disc il Mar Giu 21 2016, 01:18

bfpaul ha scritto:
disc ha scritto:
bfpaul ha scritto:
GECO ha scritto:Per mia esperienza ho notato che le zecche sono molto più frequenti sugli appennini piuttosto che sulle Alpi. In generale consiglio di stare sopra la quota dei pascoli (diciamo 1500m). Se una zecca ti 'morde' per toglierla usa una pinzetta girando in senso anti orario in modo che non rimanga infetto. Segnati il giorno e se dopo qualche giorno vedi che c'è qualche cosa che non funziona corri in ospedale spiegando l'accaduto.
Ciao


Grazie per la documentazione.
Avevo qualche informazione "a memoria" ma non ho consultato niente; non immaginavo proprio che in Friuli ci fosse questo problema e quindi questa attenzione alle zecche.
Ora ho un'informazione "seria" data da chi di dovere e ne terrò conto.

bfpaul

Di niente Paolo, è sempre un piacere condividere utili informazioni con gli amici scalzi  Very Happy
Grazie anche a Geco per le 2 pagine che hai inserito, c'è un bel riassunto di ciò che va saputo.

disc

Numero di messaggi : 68
Data d'iscrizione : 23.06.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  GECO il Mer Giu 22 2016, 15:12

Orso ha scritto:http://qualacoda.it/h3d-o'tom-tick-twister-the-original-togli-zecche-cani-gatti
Riguardo andare dal medico o al pronto soccorso per farle rimuovere ho da dire qualcosa, non sempre si trova personale che sappia come trattarle. La prima volta che sono stato morso il mio medico ha fatto tutto quello che poi informandomi non avrebbe dovuto fare.

Purtroppo è vero. Se uno sa come fare fa da se ma se è la prima volta in teoria il medico o il pronto soccorso dovrebbero essere più esperti.... Medico e pronto soccorso sono necessari se si presentassero complicazioni per avere i medicinali necessari.

GECO

Numero di messaggi : 265
Data d'iscrizione : 25.05.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  Spyro il Gio Giu 23 2016, 11:05

Grazie a tutti per le informazioni accurate al riguardo, vi siete spiegati benissimo.
Io uso proprio la pinza toglizecca postata da Geco, è molto pratica e me la porto sempre dietro quando vado in escursione, così se mi accorgo, posso togliermi la zecca subito di dosso senza aspettare di tornare a casa.
Purtroppo il clima tropicale di questi ultimi anni ha purtroppo diffuso il loro areale; gli inverni non sono più così freddi.
Molti scalzisti possono dar fastidio un inverno rigido ma io voglio che l'inverno sia più rigido possibile (anche -15 gradi in pianura, non mi danno fastidio) per cercare di diminuire la popolazione di questi parassiti ai quali auguro una veloce estinzione (assieme alle zanzare) ma ahimè....le mie invocazioni vanno sempre perse... u.u
avatar
Spyro

Numero di messaggi : 637
Età : 31
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Zecche

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum