Scalzo dall'assicuratore

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Scalzo dall'assicuratore

Messaggio  young_barefooter il Gio Giu 16 2016, 09:41

Mercoledì pomeriggio dovevo andare dall'assicuratore (l'agenzia si trova vicino alla Stazione Centrale di Milano) per il rinnovo annuale della polizza dell'auto. Inizialmente avevo pensato di andarci scalzo ma poi ho avuto qualche dubbio di troppo preferendo andarci con le scarpe.

Peccato (o meglio per fortuna) il meteo ha deciso di darmi un aiutino!
All'uscita dal lavoro c'era un'aria da tempesta imminente ma non sembrava voler piovere nell'immediato. MA arrivato in Piazza Caiazzo, all'uscita dalla metro si è scatenato all'improvviso un nubifragio terribile con pioggia a catinelle e vento forte.
Le possibilità erano due: attendere nella stazione della metro che smettesse di piovere (con probabile grande perdita di tempo) oppure sfidare le intemperie proseguendo sotto la pioggia.
Naturalmente ho scelto quest'ultima opzione, peccato che i mocassini di pelle scamosciata che indossavo non avrebbero molto gradito quel bagno fuori programma...
Così ho pensato bene di toglierli e riporli all'asciutto nello zaino e via scalzo sotto la pioggia battente!

L'ombrellino da viaggio che avevo con me mi proteggeva ben poco e così ho dovuto camminare rasente i muri per non bagnarmi eccessivamente. A metà tragitto ho incrociato sul marciapiede un signore con un grande ombrello rosso, apparentemente pakistano o giù di lì, che si è fermato di colpo (giuro che a momenti lo travolgevo!) per osservare i miei piedi con aria esterrefatta. Volevo attaccare discorso ma pioveva troppo per fermarsi a chiacchierare.

Sono arrivato infine all'agenzia e sono entrato tranquillamente scalzo - tanto ero più che giustificato date le condizioni meteo - e bagnato come un pulcino. Sia il titolare che l'impiegata credo nemmeno abbiano notato le mie non-calzature, piuttosto mi hanno chiesto se fossi venuto senza ombrello.
Abbiamo poi scherzato sul fatto che probabilmente mi conveniva assicurare un natante più che un'automobile, poi ho pagato, ho ritirato i vari incartamenti e sono uscito dall'agenzia, il tutto senza il minimo riferimento da parte loro ai miei piedi scalzi.
Uscendo ho notato le bellissime orme dei miei piedi nudi che avevo lasciato sulla moquette rossa nell'androne del palazzo.

Nel frattempo aveva smesso di piovere quasi del tutto, così ho potuto godermi con più calma la camminata di ritorno verso la
stazione centrale tra pozzanghere e marciapiedi ancora tiepidi e zuppi d'acqua. Arrivato in stazione nessun problema da parte degli addetti al controllo biglietti ai gate di ingresso, poi ho trovato il mio treno e mi sono goduto, seppur un po' bagnato, il viaggio scalzo di ritorno. All'arrivo a Lodi ero perfettamente asciutto e di ottimo umore per questo nuovo passo avanti (grazie maltempo per l'aiuto!).
avatar
young_barefooter

Numero di messaggi : 955
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scalzo dall'assicuratore

Messaggio  Pigreco il Gio Giu 16 2016, 11:02

Come si diceva in altri post la maggior parte dei nostri problemi sono solo nella nostra mente Very Happy
avatar
Pigreco
Vicepresidente Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 156
Età : 20
Data d'iscrizione : 24.03.16

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum