Barefooting e piedi piatti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Barefooting e piedi piatti

Messaggio  ChiccoB il Sab Gen 31 2009, 22:45

Ciao ragazzi.Dopo mesi di "allenamento" scalzo,ho notato una cosa.Io ho i piedi piatti,e questa conformazione del piede.mi ha sempre creato problemi,tanto che per tutto il periodo scolare,(elementari),mi era stato prescritto dal pediatra un plantare anatomico.Ora potrete immaginare le sofferenze provate nell'indossare questi "attrezzi",solo dolore all'arcata plantare,e alla fine dell'opera nessun risultato:i piedi piatti,sono rimasti tali,non c'è stato nulla da fare!Ora che sto camminando scalzo in maniera oramai permanente,oltre ad avere avuto notevoli benefici in tutto il corpo,mi sono accorto di una cosa:se sino ad ora le impronte che lasciavo "marcavano" tutta la superfice del piede,in questi ultimi tempi ho notato che camminando sul bagnato,le impronte lasciate,si sono un poco corrette,infatti,l'orma che rimane è mancante dell'arcata plantare,cioè la forma del piede a terra ha preso una forma tradizionale.Non voglio dare sentenze affrettate ma credo che il piattismo dei piedi,mi si sia ridotto.Possibile? Chicco.

ChiccoB

Numero di messaggi : 958
Età : 45
Data d'iscrizione : 05.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefooting e piedi piatti

Messaggio  bfpaul il Dom Feb 01 2009, 13:28

federicob ha scritto:Ciao ragazzi.Dopo mesi di "allenamento" scalzo,ho notato una cosa.Io ho i piedi piatti,e questa conformazione del piede.mi ha sempre creato problemi,tanto che per tutto il periodo scolare,(elementari),mi era stato prescritto dal pediatra un plantare anatomico.Ora potrete immaginare le sofferenze provate nell'indossare questi "attrezzi",solo dolore all'arcata plantare,e alla fine dell'opera nessun risultato:i piedi piatti,sono rimasti tali,non c'è stato nulla da fare!Ora che sto camminando scalzo in maniera oramai permanente,oltre ad avere avuto notevoli benefici in tutto il corpo,mi sono accorto di una cosa:se sino ad ora le impronte che lasciavo "marcavano" tutta la superfice del piede,in questi ultimi tempi ho notato che camminando sul bagnato,le impronte lasciate,si sono un poco corrette,infatti,l'orma che rimane è mancante dell'arcata plantare,cioè la forma del piede a terra ha preso una forma tradizionale.Non voglio dare sentenze affrettate ma credo che il piattismo dei piedi,mi si sia ridotto.Possibile? Chicco.
Certo che si.
Evidentemente, l'uso corretto dei piedi - almeno nel tuo caso - sta dando risultati positivi; probabilmente se avessi incominciato a camminare scalzo da bambino, oggi ricorderesti il piattismo come una cosa totalmente passata.
Non ci sono controprove, e visto che non sei un illuso o un fanatico, goditi questi miglioramenti e spera che siano sempre più sensibili!

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefooting e piedi piatti

Messaggio  lucignolo il Dom Feb 01 2009, 14:36

bfpaul ha scritto:Certo che si.
Evidentemente, l'uso corretto dei piedi - almeno nel tuo caso - sta dando risultati positivi; probabilmente se avessi incominciato a camminare scalzo da bambino, oggi ricorderesti il piattismo come una cosa totalmente passata.
Non ci sono controprove, e visto che non sei un illuso o un fanatico, goditi questi miglioramenti e spera che siano sempre più sensibili!
La segnalazione di Federico è quanto mai interessante.
Ci fosse la possibilità di mettere a confronto un gruppo di controllo (piedi piatti con plantari) con un gruppo di scalzi con piedi piatti, allora si potrebbe dare almeno un'indizio sulla probabile associazione fra camminata scalza e rinforzo del sistema osteo-tendineo del piede.
Per esempio, come indicatore si potrebbe utilizzare la misura dell'area dell'impronta del piede nudo (avrei già un'idea su come fare) e valutare nel tenpo la sua diminuzione, confrontandola con quella del gruppo di controllo, che si suppone non avere variazioni degne di rilievo.
Ci sarebbe da scrivere un articolo su Lancet!
Piuttosto, avrei voluto sentire un parere da parte del podologo amico di Enzo (si era offerto per qualche consulenza o ho capito male?).
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefooting e piedi piatti

Messaggio  Andrea Grasselli il Dom Feb 01 2009, 22:33

federicob ha scritto:Non voglio dare sentenze affrettate ma credo che il piattismo dei piedi,mi si sia ridotto.Possibile? Chicco.
ciao federico,

sì, è possibile: a me è successa la stessa cosa!

un saluto dalla svizzera.
andrea
avatar
Andrea Grasselli

Numero di messaggi : 388
Età : 51
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefooting e piedi piatti

Messaggio  Rei il Lun Feb 02 2009, 10:55

Se guardate i miei post storici (all'epoca i mammouth non si erano ancora estinti), scoprirete che con un podologo io ci ho già parlato.
Per non ricominciare tutta la tiritera e scrivere un trattato sull'argomento, riassumerò il tutto in un decalogo che potete prendere per buono oppure prendervi una laurea in medicina, specializzarvi in podologia e scoprire che è tutto vero:

1) In persone sostanzialmente sane, nate cioè con un piede "normale", privo di malformazioni pesanti come focomelia o altro, e senza malattie invalidanti come l'artrite deformante o alcune forme di diabete, esiste solo UNA sola patologia del piede che si presenta alla nascita: il così detto "piede torto", facilmente curabile con apposite terapie.

2) TUTTE le altre patologie non causate da malattie invalidanti, nessuna esclusa, (piede piatto, piede cavo, alluce valgo, deformazioni varie, eccetera) sono causate dalle scarpe.

3) TUTTE le scarpe deformano il piede.

4) C'è una predisposizione genetica a certe patologie, ma la patologia si sviluppa SOLO portando le scarpe.

5) A meno che le scarpe abbiano portato a deformazioni troppo gravi (ad esempio l'accavallamento delle dita), stare e camminare scalzi, sempre o almeno per un tempo maggiore di quello passato calzati, porta all'arresto della progressione se non alla regressione parziale o totale della patologia.

6) A meno che le scarpe abbiano portato a deformazioni troppo gravi, stare scalzi funziona molto meglio dei plantari e costa pure meno.

7) Portare le scarpe implica un tacco, basso o alto non importa, e quindi uno sbilanciamento in avanti e relativa compensazione della colonna vertebrale. Questo implica una postura innaturale con conseguenti mal di schiena ed ernie del disco. La predisposizione nelle donne allo sbilanciamento dovuto al peso di un feto in gravidanza le aiuta a sopportare meglio quello dovuto ai tacchi. Ma visto che non possono reggerli entrambi, quando sono incinte anche le maniache del tacco 12 preferiscono stare scalze.

8) Le popolazioni scalze non soffrono di patologie del piede, salvo il piede torto e malattie invalidanti.

9) Le popolazioni scalze non soffrono di vene varicose.

10) Le popolazioni scalze non soffrono di mal di schiena ed ernia del disco da postura errata. Da troppo lavoro malpagato, sì.

Passando alla sociologia. le popolazioni scalze non rompono le bottiglie di vetro per strada, quelle maleducate, sì.


Ultima modifica di Rei il Mar Feb 03 2009, 07:15, modificato 1 volta
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefooting e piedi piatti

Messaggio  lucignolo il Lun Feb 02 2009, 21:35

Rei ha scritto:Per non ricominciare tutta la tiritera e scrivere un trattato sull'argomento, riassumerò il tutto in un decalogo che potete prendere per buono oppure prendervi una laurea in medicina, specializzarvi in podologia e scoprire che è tutto vero.
E non dubito di ciò che scrivi, però un lavoro statistico ben fatto non può che mettere con le spalle al muro i miscredenti.
Da come ti esprimi immagino che ci siano già fior di lavori sull'argomento.
Però Montesi (vade retro, nel nome del Padre, del Figlio...ecc. ecc.) ha una laurea in Medicina ed una specializzazione in Podologia e continua a sostenere il contrario, seguito da una certa corrente di pensiero.
Di solito ciò può accadere quando un fenomeno non è stato ancora studiato a fondo o quando ci sono dati contradditori. O mi stai dicendo che c'è stata una grossa evoluzione conoscitiva in questi ultimi anni?
Altro discorso è quello relativo ai soliti irriducibili ignoranti che continuano a sostenere che andare scalzi è un modo sicuro per andare incontro a delle infezioni (i soliti funghi presi a secco? Ma andate a studiarvi un po' di microbiologia elementare!).
Insomma, vuoi per l'influsso delle lobby calzaturiere, vuoi per il tremendo condizionamento sociale, che ci porta ad una ignoranza preconcetta, più che conoscitiva, credo che in campo podologico ci sia ancora un bel po' di strada da percorrere.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefooting e piedi piatti

Messaggio  bfpaul il Lun Feb 02 2009, 22:37

lucignolo ha scritto:
Rei ha scritto:Per non ricominciare tutta la tiritera e scrivere un trattato sull'argomento, riassumerò il tutto in un decalogo che potete prendere per buono oppure prendervi una laurea in medicina, specializzarvi in podologia e scoprire che è tutto vero.
E non dubito di ciò che scrivi, però un lavoro statistico ben fatto non può che mettere con le spalle al muro i miscredenti.
Da come ti esprimi immagino che ci siano già fior di lavori sull'argomento.
Però Montesi (vade retro, nel nome del Padre, del Figlio...ecc. ecc.) ha una laurea in Medicina ed una specializzazione in Podologia e continua a sostenere il contrario, seguito da una certa corrente di pensiero.
Di solito ciò può accadere quando un fenomeno non è stato ancora studiato a fondo o quando ci sono dati contradditori. O mi stai dicendo che c'è stata una grossa evoluzione conoscitiva in questi ultimi anni?
Altro discorso è quello relativo ai soliti irriducibili ignoranti che continuano a sostenere che andare scalzi è un modo sicuro per andare incontro a delle infezioni (i soliti funghi presi a secco? Ma andate a studiarvi un po' di microbiologia elementare!).
Insomma, vuoi per l'influsso delle lobby calzaturiere, vuoi per il tremendo condizionamento sociale, che ci porta ad una ignoranza preconcetta, più che conoscitiva, credo che in campo podologico ci sia ancora un bel po' di strada da percorrere.
Posso dire un'eresia?
Ho un grande rispetto per i saggi che sanno, e un grande, enorme disprezzo per quelli che credono o dicono di sapere.
Non è che sia tutta farina del mio sacco, però ...
Volevo dire che è più logico per me dare ascolto ad un medico che non è uno specialista in podologia e che ragiona in modo disinteressato ed a uno che va scalzo e sa di cosa parla, che ad uno specialista che deve vendere qualcosa, come minimo un suo parere. Dico in generale, non mi riferisco a specialisti noti e meno noti.
Credo di più ad uno che dice di aver ridotto il suo piattismo andando scalzo, che ad un signor specialista che dicesse la cosa impossibile.
Sono convinto che il nostro organismo, così viziato da noi per certi versi, e così maltrattato per altri, ha grandi margini di ripresa se si correggono abitudini sbagliate come usare le scarpe che danneggiano i piedi; e potrei continuare ...

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefooting e piedi piatti

Messaggio  Rei il Lun Feb 02 2009, 22:39

lucignolo ha scritto:Però Montesi (vade retro, nel nome del Padre, del Figlio...ecc. ecc.) ha una laurea in Medicina ed una specializzazione in Podologia e continua a sostenere il contrario, seguito da una certa corrente di pensiero

E' una questione di età: Montesi appartiene alla vecchia scuola, quella che prendeva atto delle patologie e le "curava" a forza di plantari e scarpe curative suggerite da ponderosi studi finanziati dalle ditte che fabbricavano i suddetti prodotti.
E funzionavano: se portavi PER TUTTA LA VITA plantari e scarpe correttive ti saresti tenuto il tuo problema, ma avresti camminato senza sofferenza.
Quanto alle cause, nessuno sospettava che fossero le scarpe, oggetto indispensabile di cui l'essere umano non può fare a meno, pena gravissimi danni a tutto l'organismo. Un po' come il busto per le donne dell'800: senza, pensavano, sarebbero state DEFORMI e POCO SANE.
E i popoli scalzi? Un'altra scienza contemporanea a quella vecchia scuola, lo studio nazista delle razze, ci informava che erano geneticamente diversi, e quindi non subivano i danni provocati dal piede nudo alle razze civilizzate.
Poi è finita l'era dei vecchi tromboni (salvo qualche allievo tipo Montesi) e i nuovi podologi si sono affidati alla SCIENZA, quella vera...
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefooting e piedi piatti

Messaggio  Andrea Grasselli il Mer Feb 04 2009, 07:21

bfpaul ha scritto:Volevo dire che è più logico per me dare ascolto ad un medico che non è uno specialista in podologia e che ragiona in modo disinteressato ed a uno che va scalzo e sa di cosa parla, che ad uno specialista che deve vendere qualcosa, come minimo un suo parere.
come minimo un suo parere... eh già, non ci avevo mai pensato: anche i pareri possono essere merce da vendere, per un ritorno economico diretto o per ricevere stima e considerazione o ancora per sentirsi al sicuro dentro le proprie convinzioni, anche se a volte possono essere castronerie!

saluti invernali.
andrea
avatar
Andrea Grasselli

Numero di messaggi : 388
Età : 51
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefooting e piedi piatti

Messaggio  lucignolo il Mer Feb 04 2009, 21:47

Andrea Grasselli ha scritto:come minimo un suo parere... eh già, non ci avevo mai pensato: anche i pareri possono essere merce da vendere, per un ritorno economico diretto o per ricevere stima e considerazione o ancora per sentirsi al sicuro dentro le proprie convinzioni, anche se a volte possono essere castronerie!
C'è un principio che sembra aver perso il suo valore nel tempo ed è quello che stabilisce che i pareri in ambito scientifico non dovrebbero esistere; si parte da un'osservazione, si formula un'ipotesi e si pone un'interrogativo a Madre Natura con esperimenti in condizioni controllate.
È chiaro che devono esistere gli specialisti, perché nei tempi attuali il campo conoscitivo è talmente vasto da non poter essere coperto integralmente, come una volta, da un singolo individuo; il pericolo è che si arrivi a chi sa tutto su come avvitare un bullone e chi sa tutto su come svitarlo.
Se manca uno dei due il bullone resta lì dov'è.
Rispetto tutti gli specialisti, anche se, a volte, mi sorprendo a criticarli, non perché mi ritenga superiore a loro, ma in quanto credo che non si possa prescindere da una raccolta di dati sperimentali incontestabili.
Ora, quello che mi lascia costernato è il fatto che ci siano podologi che si permettono di emettere valutazioni basate sul nulla.
In una società dove il 99.9998% della popolazione è calzata, qual'è la fonte conoscitiva di questi mostri di sapienza?
E come si può paragonare la realtà scalza di chi deve per forza andare al di la dei propri limiti biologici in un contesto socio-economico lontano mille miglia dal nostro, a quella di chi va scalzo per scelta, quando e come vuole?
A questo punto, mi perdonino gli specialisti, si vuole fare inferenza del tutto gratuita, cioè proiettare i pochi dati a disposizione su una popolazione di cui non si hanno elementi di valutazione e pretendere di definire delle leggi generali.
Mi dispiace , ma non è questa la scienza.
Siamo pochi, rappresentiamo un fenomeno marginale, ma noi barefooters siamo l'unica fonte attendibile, nel mondo tecnologico, da cui trarre dei dati su cui tentare di costruire un qualsiasi ragionamento.
Tutto il resto è una montagna di fanfaronate presuntuose.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefooting e piedi piatti

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum