NY Times

Andare in basso

NY Times Empty NY Times

Messaggio  Arky il Lun Feb 03 2020, 12:02

Ho trovato quest'articolo, ma non so se qualcuno l'avesse già segnalato.
Mi sembra interessante.

https://www.nytimes.com/2019/07/17/well/move/born-to-walk-barefoot.html


Arky
Arky

Numero di messaggi : 189
Data d'iscrizione : 21.02.12

Torna in alto Andare in basso

NY Times Empty Re: NY Times

Messaggio  Grand Choeur il Mar Feb 04 2020, 11:41

Interessante.
Condivido.

_________________
L'impossibile non esiste.
Grand Choeur
Grand Choeur
Admin

Numero di messaggi : 1185
Età : 43
Data d'iscrizione : 31.03.12

https://www.youtube.com/user/MicheleGinanneschi?feature=mhee

Torna in alto Andare in basso

NY Times Empty Re: NY Times

Messaggio  bfpaul il Mar Feb 04 2020, 17:20

Sono d'accordo con chi mi ha preceduto; sono cose che abbiamo scritto molti anni fa sempre seguendo le affermazioni di Lieberman che oggi può finalmente portare prove, secondo quanto afferma Nature.
Riporto qui sotto la traduzione automatica che si può leggere tramite il link.


Indossare scarpe quando camminiamo cambia il modo in cui i nostri piedi interagiscono con il terreno sotto di noi, secondo un nuovo studio sulla rivista Nature, lo stato dei loro piedi e l'entità delle forze che generano ad ogni passo.
Lo studio, che riecheggia alcune delle ricerche che hanno prima reso popolare la corsa a piedi nudi, rileva che i camminatori si muovono in modo diverso quando sono scalzi o calzati e hanno una sensibilità diversa al suolo, influenzando potenzialmente l'equilibrio e il carico articolare. Risultati intendono che potrebbero esserci dei vantaggi a vagare a piedi nudi, non ultimo dei quali, sorprendentemente, comporta lo sviluppo di calli.
Noi umani siamo nati per camminare. La corsa a distanza durante le cacce potrebbe essere stata importante per la sopravvivenza dei primi homo sapiens, concordano molti biologi evoluzionisti. Ma i nostri antenati hanno quasi certamente trascorso molto più tempo a camminare che a fare jogging, proprio come fanno i moderni cacciatori-raccoglitori.
Le scarpe, tuttavia, sono nuove per noi. Reperti archeologici indicano che gli umani hanno iniziato a indossare sandali rudimentali circa 40.000 anni fa, un battito di ciglia nella nostra storia come specie. Prima di allora, la natura sembra aver ritenuto che la nostra migliore protezione per i piedi nudi sarebbe stata la pelle dura. Quindi, le persone che camminano senza scarpe sviluppano calli duri e coriacei sui talloni e sulle zampe dei piedi che possono ridurre le sensazioni di dolore quando superano piccoli ostacoli come la ghiaia.
Oggi, molti di noi potrebbero considerare tali calli sgradevoli e spiacevoli. Ma Daniel Lieberman, un biologo evoluzionista dell'Università di Harvard che, con vari colleghi, ha condotto gran parte delle prime ricerche sulla corsa a piedi nudi, ha iniziato a chiedersi di recente se quei calli potrebbero avere un'utilità e una bellezza nascoste. Potrebbero, si chiese, proteggere e guidare i piedi durante la camminata in modi che le scarpe non possono? E, in caso affermativo, cosa ci dice di camminare e calzature?
Per saperne di più, lui e un team di collaboratori hanno viaggiato in Kenya per il nuovo studio con una macchina ad ultrasuoni portatile e un dispositivo che invia lievi punture di corrente elettrica attraverso la pelle per testare le reazioni nervose.
Per saperne di più, lui e un team di collaboratori hanno viaggiato in Kenya per il nuovo studio con una macchina ad ultrasuoni portatile e un dispositivo che invia lievi punture di corrente elettrica attraverso la pelle per testare le reazioni nervose.
In Kenya, hanno reclutato 81 uomini e donne locali, circa la metà dei quali erano cresciuti in città indossando scarpe, mentre gli altri avevano trascorso la maggior parte della loro vita camminando a piedi nudi. Hanno chiesto a tutti di togliersi le scarpe, se le indossavano, ed hanno esaminato la pelle rivelata.
Come si aspettavano, scoprirono che le persone che erano cresciute camminando a piedi nudi avevano in piedi calli grandi e duri. Le letture degli ultrasuoni hanno mostrato che questi cerotti erano più spessi del 25-30% circa rispetto a qualsiasi callo ai piedi del gruppo che di solito indossava scarpe.
Più inaspettati, i calli erano sensibili, in modi specializzati. Il Dr. Lieberman e i suoi colleghi avevano pensato che la pelle indurita potesse bloccare i nervi profondi all'interno della pelle dal percepire il terreno, il che potrebbe influenzare l'equilibrio e il movimento. Ma quando hanno misurato le reazioni di quei nervi nelle persone con e senza calli, hanno trovato poche differenze, suggerendo che mentre i calli riducono la sensazione delle persone di camminare sui ciottoli, non ci impediscono di sentire la terra.

Infine, per verificare se essere scalzi e avere dei calli influenzano il modo in cui le persone si muovono, il Dr. Lieberman e i suoi collaboratori hanno chiesto ad alcuni kenioti di camminare su un piatto che misura le forze generate mentre si cammina. La lastra non registrava quasi nessuna variazione nei loro passi, che avessero calli spessi o nessuno.
Ma tornando a Boston per l'ultimo elemento dello studio, i ricercatori hanno scoperto che le scarpe possono scuotere una passeggiata. Quando i volontari di sesso maschile e femminile hanno passeggiato sui tapis roulant nel laboratorio del dottor Lieberman a piedi nudi, hanno colpito il terreno più o meno allo stesso modo dei camminatori selvaggi in Kenya.
Ma quando quegli stessi volontari indossavano scarpe da ginnastica normali e imbottite, le loro camminate si alteravano leggermente. Iniziarono a colpire il terreno un po' più leggermente all'inizio, presumibilmente perché l'ammortizzazione delle calzature assorbiva parte della forza, ma gli impatti di ogni falcata persistevano più a lungo di quando erano scalzi.
Tali impatti persistenti tendono a salire e a dissiparsi attraverso le ossa delle gambe, le caviglie e le articolazioni del ginocchio, mentre i sussulti più corti e più acuti creati quando camminiamo a piedi nudi hanno maggiori probabilità di sollevarsi attraverso i nostri muscoli e tendini molli, afferma il dott. Lieberman.
Ciò che queste scoperte suggeriscono, in totale, è che ciò che indossiamo sui nostri piedi modella il modo in cui camminiamo e che la natura farebbe un ingegnere calzaturiero di qualità, afferma il Dr. Lieberman. Le scarpe proteggono i nostri piedi e assorbono un po' del leggero martellamento durante una passeggiata, dice, ma alterano anche i nostri passi e potrebbero, nel tempo, aumentare la pressione e l'usura delle articolazioni delle gambe. Nel frattempo, i calli ci proteggono da alcuni dei disagi e degli oggetti appuntiti che incontriamo a piedi nudi, ma non riducono il nostro contatto e sentiamo il terreno.
Quindi, il messaggio dello studio sembrerebbe essere che le persone che hanno preoccupazioni circa il loro equilibrio o le loro ginocchia ma non le loro pedicure potrebbero considerare a volte camminare a piedi nudi, dice.
"Camminare a piedi nudi può essere divertente", dice, anche se non è adatto a tutti o ad ogni situazione. Quando l'inverno finisce e il calore ritorna ad Harvard, spesso perde le scarpe e incoraggia nuovi calli, dice. "Ma indosso scarpe per la maggior parte del tempo."
bfpaul
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 3246
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Torna in alto Andare in basso

NY Times Empty Bello, ma...

Messaggio  aldo1953 il Mer Feb 05 2020, 10:19

Tutto condivisibile, ci mancherebbe, ma come la mettiano con i divieti di sindaci che potrebbero pensare a cose più utili, mogli /parenti sofistici, false convinzioni sulla cosiddetta "decenza" ?
Sono questi i nostri nemici, non certo il buon senso di fare una cosa giusta.
La traduzione (non che io sia un inglesista perfetto, anzi) è però tale da ingenerare molti dubbi e anche, purtroppo, certezze nei nostri nemici, quando parla di "calli" che sappiamo esistere dentro le scarpe ma non fuori e di indurimento della pianta (idem come sopra). E poi stupenda la conclusione : non è per tutti e io porto quasi sempre scarpe, come dire : sì sì fa bene ma io non lo faccio, non lo farei e comunque non tutti possono farlo.
Più che un incitamento mi sembra una proposta utopica e come tale non raggiungibile. E poi quel "selvaggi" sa molto di vetero colonialismo in contrapposizione agli evoluti cittadini.
E c' era bisogno di andare in Kenia ? Appunto vetero colonialismo.
E che dire della poca attenzione alla pedicure ? Non sa che proprio il camminare scalzi induce a una maggiore attenzione ai nostri strumenti naturali per camminare ?
Scusate l' opinione personale.

aldo1953

Numero di messaggi : 1094
Età : 66
Data d'iscrizione : 08.11.11

Torna in alto Andare in basso

NY Times Empty Re: NY Times

Messaggio  bfpaul il Mer Feb 05 2020, 18:23

aldo1953 ha scritto:Tutto condivisibile, ci mancherebbe, ma come la mettiano con i divieti di sindaci che potrebbero pensare a cose più utili, mogli /parenti sofistici, false convinzioni sulla cosiddetta "decenza" ?
Sono questi i nostri nemici, non certo il buon senso di fare una cosa giusta.
La traduzione (non che io sia un inglesista perfetto, anzi) è però tale da ingenerare molti dubbi e anche, purtroppo, certezze nei nostri nemici, quando parla di "calli" che sappiamo esistere dentro le scarpe ma non fuori e di indurimento della pianta (idem come sopra). E poi stupenda la conclusione : non è per tutti e io porto quasi sempre scarpe, come dire : sì sì fa bene ma io non lo faccio, non lo farei e comunque non tutti possono farlo.
Più che un incitamento mi sembra una proposta utopica e come tale non raggiungibile. E poi quel "selvaggi" sa molto di vetero colonialismo in contrapposizione agli evoluti cittadini.
E c' era bisogno di andare in Kenia ? Appunto vetero colonialismo.
E che dire della poca attenzione alla pedicure ?  Non sa che proprio il camminare scalzi induce a una maggiore attenzione ai nostri strumenti naturali per camminare ?
Scusate l' opinione personale.

Ciao Aldo, la tua opinione personale è benvenuta, ci mancherebbe!
Non ho voluto procurarmi una traduzione "ben fatta" perché sarebbe arrivata chissà quando; il termine "calli" per esempio è fuorviante perché le nostre naturali callosità un po' rinforzate come capita ai barefooters non sono "calli" nel senso comune che si da' al termine. Almeno per me.
David Lieberman "the barefoot professor" è comunque ben noto ( https://www.youtube.com/watch?v=7jrnj-7YKZE ) e finalmente porta dati rilevati scientificamente a sostegno di varie nostre affermazioni, da sempre.
Questo credo sia importante, e non è l'unico perché in Germania hanno fatto negli anni diverse trasmissioni televisive dove alcuni barefooter venivano accuratamente monitorati e se ne traevano conclusioni serie e non chiacchiere.
In ogni caso, in trasmissioni di questo genere, nei paesi anglosassoni corrisponde sempre un vero interesse dei conduttori e non i sorrisetti da presa per culo della nostra TV quando pure ha ospitato un qualche barefooter...

bfpaul


Ultima modifica di bfpaul il Lun Feb 17 2020, 12:25, modificato 1 volta
bfpaul
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 3246
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Torna in alto Andare in basso

NY Times Empty Re: NY Times

Messaggio  Biagio il Dom Feb 16 2020, 16:41

Questo articolo lo rinominerei "la leggenda dei calli".

Mi muovo a piedi liberi almeno da una decina d'anni. Per tenermi in forma percorro ad andatura sostenuta mediamente una cinquantina di chilometri al mese sui terreni più vari come solo in campagna si può fare e non mi è mai venuto un callo. Certamente la pianta dei piedi nei punti a contatto con il terreno è robusta, ma nemmeno tanto. Un tempo pensavo che si sarebbe inspessita sempre più, ma mi sbagliavo: non passerò mai sulla ghiaia grossa senza fastidio o su una spina di rosa senza pungermi.

Credo che ci siano solamente due modalità:
  1) pelle di bebè di chi ha i piedi sempre a macerare nelle scarpe
  2) pelle normalmente robusta, come hanno sempre avuto i nostri simili per centinaia di migliaia di anni.

Conosco anch'io di fama Lieberman, ma la scoperta scientifica che una pianta dei piedi normalmente sana e robusta permetta una normale percezione tattile... scusatemi... è veramente una scoperta del piffero!
Cosa pensava, che sotto ai piedi crescesse la suola degli scarponi?!

Condivido poi al 100% le considerazioni di Aldo sul condurre la ricerca sul campo in Kenya, dove sappiamo che vivono tutti scalzi, abitano nelle capanne di paglia e cucinano gli esploratori nei pentoloni. Penoso.
Biagio
Biagio

Numero di messaggi : 319
Data d'iscrizione : 19.10.10

Torna in alto Andare in basso

NY Times Empty Re: NY Times

Messaggio  cyberteam il Lun Feb 17 2020, 08:03

aldo1953 ha scritto:
E c' era bisogno di andare in Kenia ? Appunto vetero colonialismo.


Biagio ha scritto:
Condivido poi al 100% le considerazioni di Aldo sul condurre la ricerca sul campo in Kenya, dove sappiamo che vivono tutti scalzi, abitano nelle capanne di paglia e cucinano gli esploratori nei pentoloni. Penoso.

Va bene filosofeggiare ma non perdiamo il senso della realtà.

Uno studio comparativo tra chi non ha MAI indossato calzature e chi lo fa abitualmente, di grazia, dove potevano farlo ?
A Parigi, sugli champs d'elysees ?
Ed anche volendo intraprendere lo studio contattando le risibili comunità di barefooters occidentali, esse sono al 99,5% costituite da persone che sono barefooters "di ritorno" e che hanno adottato tale stile di vita per i più svariati motivi: per salute, per anticonformismo, perche sono "VEG-qualchecosa",perche arrivati ad una certa età chi se ne importa, etc. etc.  ...  
Non sarebbero quindi un campione né rappresentativo né in grado di fornire un dato sperimentale esente da "rumore".

Se si vuole fare Scienza lo si deve fare seriamente, basandosi su dati raccolti in modo metodologicamente corretto.
Altrimenti ci ripetiamo solo i triti e ri-triti aneddoti sulla risposta immunitaria, sui funghi e sul mal di schiena della zia.
cyberteam
cyberteam

Numero di messaggi : 694
Data d'iscrizione : 16.04.09

Torna in alto Andare in basso

NY Times Empty Re: NY Times

Messaggio  bfpaul il Lun Feb 17 2020, 12:37

cyberteam ha scritto:
aldo1953 ha scritto:
E c' era bisogno di andare in Kenia ? Appunto vetero colonialismo.


Biagio ha scritto:
Condivido poi al 100% le considerazioni di Aldo sul condurre la ricerca sul campo in Kenya, dove sappiamo che vivono tutti scalzi, abitano nelle capanne di paglia e cucinano gli esploratori nei pentoloni. Penoso.

Va bene filosofeggiare ma non perdiamo il senso della realtà.

Uno studio comparativo tra chi non ha MAI indossato calzature e chi lo fa abitualmente, di grazia, dove potevano farlo ?
A Parigi, sugli champs d'elysees ?
Ed anche volendo intraprendere lo studio contattando le risibili comunità di barefooters occidentali, esse sono al 99,5% costituite da persone che sono barefooters "di ritorno" e che hanno adottato tale stile di vita per i più svariati motivi: per salute, per anticonformismo, perche sono "VEG-qualchecosa",perche arrivati ad una certa età chi se ne importa, etc. etc.  ...  
Non sarebbero quindi un campione né rappresentativo né in grado di fornire un dato sperimentale esente da "rumore".

Se si vuole fare Scienza lo si deve fare seriamente, basandosi su dati raccolti in modo metodologicamente corretto.
Altrimenti ci ripetiamo solo i triti e ri-triti aneddoti sulla risposta immunitaria, sui funghi e sul mal di schiena della zia.

Sono d'accordo.
Credo che essere andati con strumenti a rilevare dati in Kenya sia stata una buona idea, l'importante è che finalmente ci sono "dati" su cui ragionare, numeri su cui riflettere che consentiranno di progettare altri esperimenti. Speriamo che le conclusioni siano utili e che non arrivino nel 2500 ...

bfpaul
bfpaul
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 3246
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Torna in alto Andare in basso

NY Times Empty Re: NY Times

Messaggio  Biagio il Lun Feb 17 2020, 19:41

cyberteam ha scritto:
Se si vuole fare Scienza lo si deve fare seriamente, basandosi su dati raccolti in modo metodologicamente corretto.
Avete perfettamente ragione, il metodo scientifico è quello però, da grezzo uomo di strada, faccio molta fatica a prendere sul serio dei ricercatori che da una prestigiosa università degli Stati Uniti vanno fino nel cuore dell'Africa per scoprire che un piede normale (siamo tutti d'accordo che un piede libero è fisiologicamente più normale di uno calzato, vero?)... ha una normale percezione sensoriale!

Quanto ai selvaggi, mi sono letto l'articolo in inglese e non ce n'è traccia. Si parla semplicemente di "unshod walkers of Kenia", di "camminatori scalzi del Kenia". In quel passaggio la traduzione in italiano è decisamente sbagliata e a ripensarci era inconcepibile che una testata come importante come il NYT se ne uscisse con una scorrettezza del genere. Perciò ritiro subito il pentolone bollente. Very Happy
Biagio
Biagio

Numero di messaggi : 319
Data d'iscrizione : 19.10.10

Torna in alto Andare in basso

NY Times Empty Re: NY Times

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum