Roma e Milano 2oo9

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Roma e Milano 2oo9

Messaggio  bfpaul il Lun Mag 25 2009, 23:45

Capisco che stavate aspettando il mio resoconto, ma sono tornato solo ieri notte, stanco morto e devo raccontare anche di Roma, no?
E' vero, ho risposto a C. perché il suo è un problema che desta in me più attenzione perché sta male, di fare in fretta un resoconto.
Ma insomma, eccomi.
Sono partito giovedì ed ho pure rischiato di non partire perché, pur passando indenne i controlli aeroportuali dove nessuno ha fiatato né mostrato di essersi accorto di me (che ero scalzo, si intende), mi cambiano il gate senza un c***o di avviso, e meno male che mi preoccupo perché l’aereo stava aspettandomi e per fortuna che era vicino perché ci sono potuto arrivare di corsa.
Ho spiegato un po’ concitato il disguido agli steward e ancora una volta nessun commento o sguardo particolare. Forse, non mi hanno preso per matto …
Arrivo a Fiumicino e chiamo Rei con cui ero d’accordo e che mi viene a prendere il stazione. Facciamo un po’ di giri per mercatini e poi partiamo per Ostia dove dobbiamo incontrare Antonella.
Beh, nel mentre che Antonella arriva in Stazione c’erano due, uno suonato, l’altro ubriaco che venivano allontanati da un sorvegliante; noi eravamo lì tranquilli e non ci ha proprio considerato ….
Con Antonella siamo andati a mangiare all’indiano dove Rei ha raccontato un po’ del suo inesauribile bagaglio di aneddoti e poi Antonella ci ha riaccompagnato in Stazione.
Antonella, ha mantenuto tutte le promesse per chi se ne era fatto un’idea: persona franca e schietta, intelligente e fuori da gli schemi; insomma una barefooter come meglio non potrebbe essere.
Peccato che è troppo impegnata per trovare il tempo da scrivere sul Forum, ma sarebbe interessante starla a sentire.
E va bene.
Tornati a Roma a casa di Rei, arriva come era previsto, il nostro primo Past-president Enzo col quale facciamo una chiacchierata ma senza uscire perché aspettiamo un’amica di Rei che potrebbe essere scalza, e quindi Claudia.
Enzo dopo un poco ci lascia, quindi arrivano Donatella e Claudia.
All’ora prevista scendiamo all’incrocio per incontrare LaStraniera e nell’attesa si fermano accanto due ragazze sui 15-16 anni che ci osservano con curiosità. Mostro la T-shirt e chiedono di fare alcune foto a l gruppo ed alla mia suola mostrando interesse per i nostri invito a provare. Ho lasciato il mio bigliettino da visita dei NatiScalzi invitandole a scrivere qui. Ragazze, se leggete, chiamate e vi darò istruzioni per l’account sul Forum!!!
L’amica di Rei non ha voglia riandare scalza e si va a cena, dopodiché un giretto per il quartiere e i saluti finali. Ormai cominciavo ad essere un po’ stanco e quindi si va a dormire. Mi ospita Rei.
E così termina la prima giornata.
Venerdì, sveglia mattutina e via di fretta alla stazione perché ho deciso di raggiungere Milano con la Freccia Rossa.
Rei mi accompagna in Stazione e quindi lo saluto e ringrazio per la piacevole e generosa ospitalità.
Parto per Milano e puntuale come fossi arrivato con un treno svizzero, vengo deposto alla Stazione Centrale alle 13:30. Vado in albergo e lo trovo al 2° colpo; mi riposo un po’ e quindi chiamo il nuovo presidente Flavio per sapere quando arriva.
Esco e mi faccio un largo giro, passo e ripasso per Corso Buenos Aires, nella più totale indifferenza dei passanti; non è che mi meravigli, sia chiaro ….
Un po’ prima del tempo sono a Piazzale Loreto e mentre siedo sul bordo di un’aiola e con gli occhiali in mano mi stropiccio un occhio un passante mi chiede se ci sia un problema.
Rispondo prontamente di no e se va rassicurato; sono convinto che se avessi avuto le scarpe non mi avrebbe chiesto niente.
Poi arriva Marco e attraversata la piazza troviamo Flavio, Nancy, Stefano e Alessandro e finalmente si va a cena. Cominciavo ad essere affamato!!
A cena, lunghe chiacchiere; racconti sull’incontro del sabato precedente con l’olandese volante o contessa scalza che dir si voglia.
Le cinesi della pizzeria hanno pensato che stessimo facendo una festa, ho lasciato un altro dei miei bigliettini da visita …
Andiamo al centro e finalmente dopo una passeggiata, eccoci in Piazza Duomo e siamo già all’una ma ormai sembra che non vogliano dormire. Io invece si, ho sulle spalle due giornate pesanti e domattina devo essere a Lecco, e prima ci arrivo, meglio è.
Vabbé torniamo verso l’albergo e Marco dopo averci salutati va a prendere la macchina al parcheggio, ma dopo pochi minuti richiama: lo hanno lasciato fuori!
Andiamo verso gli alberghi e Marco resta con gli amici mentre io vado al mio albergo che era ormai pieno. La mattina dopo, parto di buonora per Lecco. Arrivo, attraverso la città e mi sistemo in albergo, poi torno alla stazione ad attendere gli altri.
Imprevisto, hanno visto male l’orario o non so cosa, arrivano in ritardo. Andiamo a cercarci un posto per mangiare perché io ho il pomeriggio occupato e dopo un po’ troviamo un ristorante. Mi dispiace, mangio una cosa veloce e scappo.
Grazie agli amici, sono venuti fin qui per girare insieme ma non posso trattenermi più di tanto …
Spero che abbiate potuto girare Lecco con un minimo di alma perché è un posto magnifico.
Il giorno dopo sono stato assorbito dai miei impegni e dopo una lunga giornata fra treni, autobus e aerei, eccomi di nuovo a casa.
Insomma, come sempre è stato un piacere incontrare gli amici, finalmente si vede una situazione “in movimento “ a Roma, dove però aspettavo che si facesse viso qualcuno che non si è fatto sentire; o meglio, una chiamata c’è stata, ma la comunicazione non è iniziata. Che devo pensare? Chi vuol parlare come ed ha il mio numero, può farlo , non mi nascondo mica …..
E scusate il racconto piatto, per provare a fare il poeta ci avrei messo troppo; restano da fare mooooolte considerazioni. Vediamo, incominciate e vedrò di rispondere.

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  Rei il Mar Mag 26 2009, 08:49

Caro Paolo, hai dimenticato di dire che quando Antonella ci ha lasciato alla stazione del treno Roma Ostia (una diversa dall'andata) c'erano due vigilanti e uno ha provato, con un po di sicumera, a dire che non si poteva entrare scalzi.
Ho sommessamente "ruggito" che era vietato solo sulle scale mobili (traduzione: io ho letto il regolamento e tu no).
E lui, colto alla sprovvista e sulla difensiva: "Ma sui treni?"
"Anche sui treni si può, ho pure telefonato all'ATAC per sicurezza" (Traduzione: ho chiamato i tuoi capi, fammi storie e ti faccio licenziare).
Ora abbiamo due guardie giurate che sanno che NON è vietato andare scalzi su treni e metropolitane e quindi, se fanno passare persone scalze non vanno nei guai. E magari lo dicono agli altri.


"Colpirne uno per educarne cento" (Mao Tze Tung)
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  bfpaul il Mar Mag 26 2009, 11:55

Rei ha scritto:Caro Paolo, hai dimenticato di dire che quando Antonella ci ha lasciato alla stazione del treno Roma Ostia (una diversa dall'andata) c'erano due vigilanti e uno ha provato, con un po di sicumera, a dire che non si poteva entrare scalzi.
Ho sommessamente "ruggito" che era vietato solo sulle scale mobili (traduzione: io ho letto il regolamento e tu no).
E lui, colto alla sprovvista e sulla difensiva: "Ma sui treni?"
"Anche sui treni si può, ho pure telefonato all'ATAC per sicurezza" (Traduzione: ho chiamato i tuoi capi, fammi storie e ti faccio licenziare).
Ora abbiamo due guardie giurate che sanno che NON è vietato andare scalzi su treni e metropolitane e quindi, se fanno passare persone scalze non vanno nei guai. E magari lo dicono agli altri.


"Colpirne uno per educarne cento" (Mao Tze Tung)

Oh si, hai ragione; e con l'occasione mi hai dato alcune "dritte" che non riporto perché se vuoi, lo farai meglio di me.
(Ieri sera ero ancora "cotto" dalla stanchezza e me ne sono dimenticato).

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  vocedicane il Mar Mag 26 2009, 15:01

io posso solo aggiungere che il nostro bfpaul stavolta e' stato molto piu' loquace rispetto all'incontro dell'anno scorso
e mi sono trovata benissimo a scambiare chiacchiere con lui come vecchi amici..
sara' stato merito della birra cinese??
drunken lol!

ciao,
c.
avatar
vocedicane

Numero di messaggi : 54
Età : 52
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  lucignolo il Mar Mag 26 2009, 21:16

Rei ha scritto:Ora abbiamo due guardie giurate che sanno che NON è vietato andare scalzi su treni e metropolitane e quindi, se fanno passare persone scalze non vanno nei guai. E magari lo dicono agli altri.
Ciao, Rei.
In attesa di fare un resoconto della seconda giornata "nazionale" (sono diventato un pigrone) ti dico che a me è andata meno bene, nel senso che, appena varcato i tornelli, due impiegati ATM mi hanno invitato ad indossare delle calzature.
Nancy ha assicurato che le avrebbe indossate sulle scale mobili, ma la loro risposta è stata perentoria: non si può in metropolitana.
Non ho fatto storie per due motivi:

  1. il regolamento c'è, semmai si può obiettare che dovrebbe essere esposto e ben visibile prima che il cliente compri il biglietto; mi sono ricordato che Cristiana non aveva calzature al seguito: cosa avrebbero fatto? L'avrebbero frustata pubblicamente?
  2. ero di ottimo umore perché ero entrato scalzo in ogni luogo, senza assurde contestazioni, in Hotel a tre - quattro stelle e nei ristoranti, nelle stazioni ferroviarie, ecc. ed essendo appagato ero poco battagliero
Ho consultato il sito ufficiale di ATM e devo segnalare che il regolamento appeso nei convogli e nei corridoi della metropolitana è in netto contrasto con quanto pubblicato su internet, perché qui non esiste alcun accenno agli scalzi.
Allora, qual'è il regolamento valido?
E d'altronde il 90% degli scalzi ti risponderebbe che è meglio tacere ed infilarsi un paio di infradito.
Non condivido assolutamente, ma rispetto il loro punto di vista.
Il tuo ruggito sarebbe stato efficace a Milano?
Scusami la "tirata", perché la penso come te, ma in due non si sconfiggono i divieti idioti. Wink
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  contessa scalza il Mar Mag 26 2009, 23:47

lucignolo ha scritto:[list=1]
[*]il regolamento c'è, semmai si può obiettare che dovrebbe essere esposto e ben visibile prima che il cliente compri il biglietto; mi sono ricordato che Cristiana non aveva calzature al seguito: cosa avrebbero fatto? L'avrebbero frustata pubblicamente? [/color]
Non sò che avrebbero fatto loro ma devo dire che ho avuto fortuna infatti nel pomeriggio a Milano ero stata proprio in giro con il metrò e sono passata quei tibugi che dici sempre senza scarpe appresso (roba incredibile con i biglietti che convalidi passando come fossi una macchina nei parcheggi a pagamento...), e anche ai baracchini a fare i biglietti sono andata due volte perchè mia figlia ha perso il biglietto e quindi al ritorno ne ho comperato un altro. Ho chiesto pure al tipo che vendeva i biglietti se erano validi 24 ore o solo il giorno stesso ma non mi sentiva che aveva le cuffiette e o ascoltava musica o telefonava bò.
Comunque se mi avessero fermato avrei sicuramente risposto sorpresa che non lo sapevo, e poi aggiungendo con un sorriso un "mi scusi, pensavo fosse vietato al massimo nelle scale mobili ma uso le scale normali e non ho visto altri divieti...". Poi se mi dicevano ancora che proprio non si può in tutta la metropolitana, bè gli avrei chiesto se fosse possibile constatare il divieto e in quel caso allora se davvero c'è e me lo indicano, mi scuso allora e chiedo come posso al meglio ora andare fuori visto che scarpe appresso non le ho. Li ringrazierei dell'avviso, e me ne andrei in direzione indicata.

Se invece non c'è un divieto esposto ed esplicito e quindi non mi sanno indicare dove poterlo constatare, allora le cose cambierebbero perchè in quel caso gli direi che se non è cambiato improvvisamente qualcosa, ovunque nel mondo il divieto è al massimo esteso per via di sicurezza alle scale mobili e che se non vi è un esplicito divieto esposto io non stò facendo nulla che non sia nei miei diritti. Comunque se poi insistono lo stesso e non mi indicano un articolo del regolamento o dove il divieto sia leggibile, cercherei di farmi dare i loro nomi in modo io possa informarmi a riguardo.
Se sono nel corretto essi non esiteranno a dare i loro nomi e se non sono certi di quando richiesto mi diranno qualcosa come vabbè per stavolta, ma la prossima si metta le scarpe e se ne andrebbero... .
Ma nella metro a Milano il divieto a quanto leggo c'è realmente!!! E... buò, lo avevo dimenticato... seriamente. Non ero cosciente di infrangere delle regole tanto mi pare impossibile che in questa forma ci siano, ma solo a Milano o in tutte le metro italiane?
Ciao
C.
P.S.:considerazioni su racconto incontro Roma-Milano e lezioni di cui abbiamo parlato, un altro giorno, oggi il mio gatto stava male e mi ha preso tutto il tempo. Si è scorticato tutte le zampe e gli mancano delle unghie come la pelle dei polpastrelli superiori...
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 53
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  Rei il Mer Mag 27 2009, 08:11

lucignolo ha scritto:

  1. il regolamento c'è, semmai si può obiettare che dovrebbe essere esposto e ben visibile prima che il cliente compri il biglietto; mi sono ricordato che Cristiana non aveva calzature al seguito: cosa avrebbero fatto? L'avrebbero frustata pubblicamente?
  2. ero di ottimo umore perché ero entrato scalzo in ogni luogo, senza assurde contestazioni, in Hotel a tre - quattro stelle e nei ristoranti, nelle stazioni ferroviarie, ecc. ed essendo appagato ero poco battagliero
Ho consultato il sito ufficiale di ATM e devo segnalare che il regolamento appeso nei convogli e nei corridoi della metropolitana è in netto contrasto con quanto pubblicato su internet, perché qui non esiste alcun accenno agli scalzi.
[/color]

Non essendo passato da Milano da molto tempo l'unico regolamento che conosco è quello su internet. Dovrei vedere quello esposto sui vagoni e nei corridoi per dare un giudizio. Rinnovo l'appello di qualche mese fa: qualche anima buona lo può fotografare? (Fatelo in un vagone, non nei corridoi dove potrebbero contestarvi il divieto di fotografare. Nei vagoni non vi beccano)
In ogni caso, se PRIMA di entrare nella metropolitana l'unico regolamento consultabile non vieta l'ingresso scalzo, giuridicamente (cioè in un ricorso in tribunale) è l'unico valido. Sul posto, purtroppo si è in balia dell'arbitrio del personale che, forse ignorando l'esistenza di due regolamenti diversi, a seconda dei casi chiude un occhio o applica il regolamento esposto internamente, forse solo per paura di un richiamo o di una punizione.
A Roma, ed in altri luoghi, le cose per fortuna sono più chiare: c'è un solo regolamento e su quello ci si basa.

Ora due considerazioni:

  1. Anche se sei di ottimo umore, appagato e poco battagliero, MAI, e ripeto MAI permettere che qualcuno calpesti un tuo diritto, che sia lo stare scalzo o sederti su una panchina anche se il colore della tua pelle è diverso dall'imbecille che te lo vuole proibire. Si comincia con le piccole cose e si finisce con farsi calpestare i diritti fondamentali. Difendere la propria libertà è un esercizio costante ed attivo, non un lasciare fare passivo.
  2. Se riuscissi a mettere le mani sul famoso regolamento interno (una foto! mandatemi una foto!), chiederei un chiarimento, prima all'azienda e, se non accolto, al difensore civico o altra autorità, per sapere quale dei due sia quello valido e che quindi dentro e fuori la metropolitana sia esposto uno ed un solo regolamento, facendo notare che quello pubblicato su internet, essendo l'unico realmente pubblicato ufficialmente, dovrebbe essere il "vincitore". Punto.
    Nessun accenno allo scalzismo, nessun accenno a a regole che penalizzano tizio o caio. Solo un rilievo burocratico, in cui vince il regolamento formalmente più valido e dove non si entra in giudizi di merito che potrebbero far pendere la scelta per quello che più soddisfa i pregiudizi delle persone giudicanti.
    Come in ogni contestazione, la strategia vincente è sempre che il punto NON è lo scalzismo, ma la violazione di un diritto, la forma e la lettera di un regolamento o un cavillo burocratico. MAI entrare nel merito di una scelta (nel caso specifico, lo scalzismo) che costringa la parte giudicante a formulare un giudizio sulla scelta in sé (che potrebbe essere negativa) ma solo ed esclusivamente sul diritto ad esercitarlo come "effetto collaterale" del giudizio che è chiamato ad esprimere.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  Enzo il Mer Mag 27 2009, 10:15

-


Ultima modifica di Enzo il Ven Dic 03 2010, 14:46, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  Marco53 il Mer Mag 27 2009, 13:27

Siamo purtroppo filo-americani e gli USA sono l'unico altro Paese dove abbia visto il divieto a usare scalzi le scale mobili. Non in Germania, Svizzera, Austria, Finlandia, Francia, Norvegia, Estonia, Lettonia e Lituania tanto per dire posti dove sono stato in giro scalzo. Ad ogni modo a Milano con Valerio abbiamo sfidato tutto e raggiunto il Duomo prima e la Centrale poi, entrambi scalzi e usando le scale mobili. Credo che se ci avessero detto qualcosa avremmo tentato l'approccio del regolamento scritto, ma per fortuna non è successo niente perché su queste cose imbecilli che ledono la sfera personale ho la tendenza a prender fuoco come un cerino. E' vero che mi spengo presto e non mi porto dietro i nervi a lungo, però conosco il mio carattere...
Saluti regolamentati.
Marco
avatar
Marco53

Numero di messaggi : 801
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  lucignolo il Mer Mag 27 2009, 21:13

Ufficio del difensore civico <c.selloni@comune.roma.it>

gentile signore,
a seguito della sua segnalazione abbiamo chiesto chiarimenti sia al museo vittoriano che ad altri musei italiani e stranieri. Tutti hanno trovato ben poco idonea la sua richiesta per un problema generale di educazione e rispetto nei confronti del patrimonio culturale che i musei ospitano. Pur rispettando la sua scelta, riteniamo anche noi che la libertà degli individui passi attraverso ben altre affermazioni che non quella di entrare scalzi in un luogo della cultura che accoglie persone diverse l'una dall'altra e che è bene quindi che ci siano "regole" uguali per tutti.
Cordialmente
Ufficio difensore civico - area comunicazione"
Enzo, francamente cosa ti aspettavi?
Mi piacerebbe sapere da certi illuminati intelligentoni chi è davvero razzista.
"Tutti hanno trovato ben poco idonea la sua richiesta per un problema generale di educazione e rispetto nei confronti del patrimonio culturale che i musei ospitano"
Tutti chi? Un conclave di pinguini incravattati che scambiano un paio di scarpe per l'educazione e che poi trattano con disprezzo una persona che viene qui a fare lavori che i nostri signorini straviziati non possono più fare perché troppo acculturati? Il rispetto del patrimonio culturale, come vedi, lo si misura dalle calzature e non dalla mente.
Non so cosa ci sia di diverso fra un paio di infradito ed un piede nudo, ma, evidentemente, per un bacchettone in giacca e cravatta la differenza c'è, come c'è fra un povero pellerossa con una penna sulla testa ed il capo tribù dotato di cento penne colorate.
".....riteniamo anche noi che la libertà degli individui passi attraverso ben altre affermazioni che non quella di entrare scalzi in un luogo della cultura che accoglie persone diverse l'una dall'altra e che è bene quindi che ci siano "regole" uguali per tutti"
Ecco, come volevasi dimostrare.
Tutti si sciacquano la bocca con belle parole lucenti senza venire al nocciolo della questione.
E quali sarebbero quelle "altre affermazioni"?
Regole uguali per tutti: si fa presto.
Tutti in marsina e profumati, perché è da lì che passa la vera cultura, quella che porta disprezzo e morte per i popoli arretrati in quanto non indossano mutandine e ciabatte, quella che giustifica i genocidi in nome di un progresso ipocrita e che ci fa dimenticare che fino a ieri eravamo noi quelli che mendicavano lavoro, rappresentando il terzo mondo, scalzi e con le pezze sul didietro.
Ma è inutile parlarne: infiliamoci 'ste infradito e smettiamola di fare i cafoni.
Oh, sia ben chiaro: mi sento meglio perché mi sono sfogato.
Non vogliatemene se ogni tanto mi infiammo.
E poi, perché citare i musei stranieri, dove non fanno problemi?
La cultura da loro esposta richiede meno rispetto della nostra?
Figuriamoci se i signori pinguini hanno interpellato i musei stranieri: ce li vedi a perdere tempo a mandare mail e fax ad un numero rappresentativo di musei esteri, i quali si perdono, a loro volta, a rispondere?
Ho dei dubbi molto seri in proposito.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  Andrea77 il Mer Mag 27 2009, 23:48

Ho consultato il sito ufficiale di ATM e devo segnalare che il regolamento appeso nei convogli e nei corridoi della metropolitana è in netto contrasto con quanto pubblicato su internet, perché qui non esiste alcun accenno agli scalzi.
---

Flavio inizio a pensare che tu abbia il radar x i guardiani rompi.... / zelanti.
Nessun altro è stato pizzicato mentre entrava in metrò scalzo. Solitamente i 'guardiani' ai tornelli dormono alla grande e potrebbe passare un elefante che nn se ne accorgerebbero. Evidentemente hai avuto sfortuna.
La questione è già stata trattata.
Il sito ATM riporta il regolamento x i mezzi di superficie dove puoi salire scalzo.
La mancanza di ATM è quella di mettere il regolamento della metrò FUORI dai tornelli e non DENTRO e sui treni dove comunque è scritto a chiare lettere il divieto agli scalzi e quindi c'è poco da discutere. Effettivamente sarei stato curioso di vedere la loro reazione se uno era veramente senza scarpe. Certo avrebbero potuto mandarlo via ma certo che con i mezzi pubblici devi spesso fare dei giri lunghi nel traffico. Onestsamente nn vedo il motivo del divieto ma essendoci credo si possa fare ben poco.
Diciamo che di norma nn ti vedono o nn dicono nulla ma se ti fermano e insistono non ritengo opportuno contravvenire ad un regolamento anche se stupido e mal esposto.
Tra l'altro uscito dal metrò puoi comunque usare il biglietto sui mezzi urbani x 75' anche se mi rendo conto che soprattutto x uno inesperto nn sia proprio agevole muoversi per milano con i mezzi di superficie e se hai fretta sei rovinato.

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  lucignolo il Gio Mag 28 2009, 00:27

Andrea77 ha scritto:La mancanza di ATM è quella di mettere il regolamento della metrò FUORI dai tornelli e non DENTRO e sui treni dove comunque è scritto a chiare lettere il divieto agli scalzi e quindi c'è poco da discutere.
Il fatto è che l'utente deve essere informato di certe limitazioni prima di comprare il biglietto.
Poi, quel regolamento che io stesso ho letto cita due riferimenti legislativi: il D.P.R. 753/80 (di cui posseggo il testo integrale) ed il Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Milano (idem).
Né l'uno, né l'altro parlano di scalzi: allora il divieto se l'è inventato l'ATM e se si tratta di un suo parto illuminato poteva fare anche a meno di citare un testo di legge ed un Regolamento di Polizia Urbana.
La vostra azienda poteva semplicemente omettere quei riferimenti e dire: "Così parlò Zaratustra" oppure "Vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole. E più non dimandare (Virgilio a Caronte, Divina Commedia).
Peccato che quella della vostra metropolitana non sia una commedia divina.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  Enzo il Gio Mag 28 2009, 06:11

-


Ultima modifica di Enzo il Ven Dic 03 2010, 14:46, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  vocedicane il Gio Mag 28 2009, 10:57

Enzo ha scritto:
Il fatto che si passi o no a certi controlli non dipende come dice Rei dall'atteggiamento, ma solo dal caso: se ti notano o no, se l'addetto è più o meno stupido.

daccordissimo. pero' un atteggiamento deciso aiuta..
avatar
vocedicane

Numero di messaggi : 54
Età : 52
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  Ares il Gio Mag 28 2009, 22:21

Spero di non essere finito nella sezione sbagliata ...

Volevo fare i miei complimenti a tutti i fautori della riuscita dell'incontro a Roma: come ho più volte segnalato, per esperienza personale la Città Eterna (dove ho vissuto tanti anni) con il suo contintuo e costante andi-rivieni di turisti/pellegrini da ogni parte del mondo ed i suoi incantevoli (ed unici al mondo) mille volti e scorci è la città che meglio si presta alle passeggiate/escursioni scalze.
Le volte che ci sono stato scalzo ho avvertito un senso di libertà che non avverto neanche a Milano, dove pure vedi ogni specie di persona, e dove la gente in generale corre isterica dalla matttina alla sera, figurarsi se si ferma ferma a guardarti!

Mi raccomando, non aspettate ancora un anno per incontrarvi, non è necessario fare sempre adunate di massa, basta poco, anche essere in due o tre per una pizza, un aperitivo .... una bella cenetta nelle golose ed ospitali trattorie all'aperto di Trastevere o dei Castelli (quanto mi mancano ...): quì a Milano, sia pur con la difficoltà di avere il tempo di incontrarsi, ha funzionato.

Mi fa piacere, vorrà dire che la prossima volta che mi troverò a Roma con più calma (la prossima volta, il 30 giugno/1 luglio, sarò purtroppo di passaggio per lavoro, dovendo rientraresubito a Milano), volentieri conoscerò qualche b.f. romano.

Ares

Numero di messaggi : 169
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e Milano 2oo9

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum