Milano 2009: il ritorno degli scalzi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Milano 2009: il ritorno degli scalzi

Messaggio  lucignolo il Mar Mag 26 2009, 23:59

Fuori Uno, fuori Due!
Sott’acqua, insospettabile e silenzioso (non lo vedo, quindi non esiste) il sottomarino scalzo lancia due siluri a suo favore.
È appena partita l’Aliena, che approda a Milano un altro grande, quello con la barba, il Capo.
L’appuntamento è nel tranquillo Piazzale Loreto: fra nevrotiche strombazzate e sguardi aggressivi riesco a caricare il gruppo ed a farmi guidare dalla nostra bussola locale (Ares).
Ah, parcheggiamo e sono un po’ più rilassato.
Una bella stretta di mano a tutti, in particolare a Marco45 che incontro per la prima volta.
Alessandro, Stefano, Marco45, Nancy, Paolo Selis ed io.
Non male, no?
Fa decisamente caldo, ma la serata scorre piacevolmente all’aperto.
I cinesi, gestori del locale ridono e guardano i nostri piedi, guardano i nostri piedi e ridono, un po’ come quelle bombolette con un disco pre-registrato: tiri una cordicella e ripetono la stessa sequenza.
“Senza scalpe. È una festa?”. Ma no, è che ci piace, noi amiamo stare a piedi nudi.
Avete presente “Per qualche dollaro in più”? Il pistolero Paolo, veloce come il lampo, ha già in mano un bigliettino del Club dei Nati Scalzi.
I cinesi osservano, ci fissano negli occhi……….e ridono.
Ma capiranno o ci prendono per il culetto rosa?
Due passi dopo mangiato fanno davvero bene, scalzi poi……fa sempre una certa sensazione calpestare il centro della metropoli lombarda in un modo così poco conforme alla massa.
In piazza Duomo, fra granite e birra ci godiamo un po’ di brezza inaspettata: però, stando fermi…..quasi quasi un colbacchino ed un pellicciotto…..sintetici, naturalmente. Wink
Che tardi! Meglio rientrare.
Abbracciamo Marco45 e ci incamminiamo verso l’agognato giaciglio notturno.
Squilla un cellulare e rimaniamo sgomenti: Marco è rimasto chiuso fuori! affraid
E adesso? Beh, forse un posticino in albergo glielo troviamo.
Lui è irrevocabilmente scalzo, perché le calzature di emergenza sono rimaste nell’autovettura.
Ore 2.15 del mattino: varchiamo la soglia del nostro hotel, tutti e tre scalzi, con suole nere da far paura.
No, no, nemmeno un posto.
Mando Nancy in camera ed esco con il compagno d’avventura.
Toc toc: c’è un posticino per la notte, signore?
Ma si figuri, certo che no (fossi diavolino! Di notte a piedi nudi in un quattro stelle?).
Ri-toc toc e la storia si ripete, due, tre, quattro volte.
Marco insiste a mandarmi a dormire.
Non sono molto convinto, ma mi incammino verso l’hotel.
Caspita, non ho cellulare né documenti e sono le 2.30: ah, quella pattuglia di polizia si allontana.
Ci manca solo una notte in Questura per accertamenti.
È buio.
Nancy si preoccupa; la rassicuro, ma sono dispiaciuto.
Confido nella buona sorte, in un città straniera: ma l’oblio mi coglie all’improvviso.
Ore otto: Nancy mi butta giù dal letto.
Chi è, cos’è, una faglia tettonica?……..No, non è una faglia Very Happy Very Happy Very Happy
Sveglia, pelandroni! Pancia in dentro, petto in fuori!
Macché, Alessandro e Stefano sono in alto mare: emergeranno dalle tenebre della metropolitana solo all’alba delle ore 11.
Via sul treno, scalzi, non senza aver destato l’interesse di qualche famiglia.
Paolo Selis è la che ci aspetta paziente a Lecco, ma il fatto è che il previsto treno delle ore 10.50 partiva da…..Milano P.ta Garibaldi, perciò sbarchiamo nella città lacustre giusto in tempo per correre verso una tavola imbandita, dopo aver atteso il treno successivo.
Fa un caldo infernale e l’asfalto costringe i meno temprati a proteggersi con le infradito.
Ecco, un ristorante pizzeria gestito da signori dell’Est: piombiamo all’interno come un’orda d’invasione, a piedi nudi, lo sguardo torvo ed un filo di saliva che cola dalla bocca.
Che fame!
Sono incuriositi e divertiti e ci fanno accomodare in una ombrosa veranda.
Non si mangia affatto male. Forte quella “diavola di mare” superpiccante, da spegnere con due birrone fresche!!
Purtroppo Paolo ha un inderogabile appuntamento e ci deve lasciare.
Noi continueremo con un rapido giro per Lecco fino all’epilogo metropolitano milanese.
Ma sì, proviamoci.
Alessandro varca i tornelli, io mi appresto a seguirlo, quando una voce mi blocca: “Signori, capisco che abbiate caldo, ma qui non si circola scalzi”.
Nancy replica che non contravverrà alle norme di sicurezza relativa alle scale mobili, ma il guardiano è inflessibile: “No, non si va scalzi in metropolitana, né qui, né altrove”.
Io, francamente ne ho proprio piene le bounce bounce : getto a terra le infradito (che mi ero tolto un’attimo prima su allettante invito di Alessandro) e me le infilo.
Sono tranquillo ed appagato e non ho voglia di stare a discutere su regole risalenti ad un epoca morta e sepolta in cui gli scalzi chiedevano insistentemente l’elemosina, infastidendo gli utenti.
Le nostre strade si separano su un treno sotterraneo.
Un abbraccio, amici: come sempre è stato un vero piacere.
Arrivederci a presto.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Milano 2009: il ritorno degli scalzi

Messaggio  Andrea77 il Mer Mag 27 2009, 23:14

Come al solito complimenti x il racconto.

--
Sono tranquillo ed appagato e non ho voglia di stare a discutere su regole risalenti ad un epoca morta e sepolta in cui gli scalzi chiedevano insistentemente l’elemosina, infastidendo gli utenti.
--

Non direi tanto remoti. Proprio questa sera tornando a casa scendo dalla metrò gialla 3 in Duomo x prendere la rossa. Ad un certo punto fra la folla oceanica dell'ora di punta sento una donna che grida delle frasi senza senso in spagnolo. La guardo vestita in modo strano e scalza! Proprio una bella pubblicità...

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Milano 2009: il ritorno degli scalzi

Messaggio  lucignolo il Gio Mag 28 2009, 00:07

Andrea77 ha scritto:Ad un certo punto fra la folla oceanica dell'ora di punta sento una donna che grida delle frasi senza senso in spagnolo. La guardo vestita in modo strano e scalza! Proprio una bella pubblicità...
Mannaggia, esistono ancora!
Comunque poteva rompere le bounce bounce anche calzata, ma il fatto che fosse scalza: che schifoooo!!!
Però dico: se uno col piercing rapina una banca, che fai? Metti al bando tutti coloro che ne sono portatori?
Ma usiamo un po' la testolina, 'ché il nostro cervello si sta atrofizzando.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Milano 2009: il ritorno degli scalzi

Messaggio  Andrea77 il Gio Mag 28 2009, 00:17

Certo c'è un sacco di gente che rompre le p... calzata ma il fatto che questa fosse scalza rafforza una certa mentalità e una certa associazione di idee preconcette. Pensa se pure io fossi stato scalzo qualcuno avrebbe pensato 'guarda quei due matti'.
Di fatto l'associazione due scalzi due matti sarebbe stata abbastanza facile anche se grossolana.
Questa come la mendicante scalza vista in Duomo sono cattiva pubblicità x noi.
Purtroppo molti associano ancora l'andare scalzo al mendicante un po' matto.

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Milano 2009: il ritorno degli scalzi

Messaggio  Ares il Gio Mag 28 2009, 21:01

Grazie Flavio dei tuoi consueti resoconti (come sempre) da premio Pulitzer ... che altro aggiungere?

Rivedere Paolo per la terza volta a Milano (da quando lo conosco) è stato un piacere, e ancora una volta mi sono ripromesso di tornare prima o poi nella sua meravigliosa terra sarda ... a piedi scalzi ... great!

L'unico "imprevisto" - si fa per dire - quello accaduto nel metrò verde: in effetti io riuscii a superare i tornelli scalzo (biglietto munito, s'intende) e "indenne" perché l'addetto alla vigilanza non mi aveva notato e rapidamente guadagnai le scale per apprestarmi a fare una fotografia del resto del gruppo in postazione "non visibile", stante il divieto di fotografare nelle aree delle stazioni della sotterranea.
Ma dopo una giornata scalzi, un istante di infradito non è la fine del mondo ed la discussione è stata quindi saggiamente evitata, sebbene il rimprovero non fosse proprio fondato per tutte le questioni già ampiamente dibattute in merito al regolamento, rectius regolamenti, che "viaggiano" sui vari mezzi di trasporto ATM e/o che si possono leggere prima di varcare i tornelli.

Last but not least: il ritardo nell'arrivo a Lecco è unicamente allo scrivente addebitabile. Nel consultare rapidamente l'orario on line, ancora intorpidito di sonno, non avevo annotato la stazione di partenza ... che non era la Centrale ....

Ares

Numero di messaggi : 169
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Milano 2009: il ritorno degli scalzi

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum