A pieds nus au Salon de Geneve

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

A pieds nus au Salon de Geneve

Messaggio  Marco53 il Lun Mar 15 2010, 09:02

Un bagno di folla e auto (quasi più folla che auto) per cinque ore completamente scalzi all’interno dei mega padiglioni che ospitano il Salone dell’Automobile di Ginevra.
Questa è la bella prestazione di Valerio e mia lo scorso venerdì, in una bella ma fredda giornata che ci ha consentito di scollinare le Alpi e dirigerci senza rischi nella città elvetica alla volta del mitico Salone. Una cosa che per me si ripete ormai da 26 anni, ma solo negli ultimi 4 finalmente sono passato senza remora alcuna allo scalzismo integrale dal primo momento della visita. Very Happy
Non vi dico quante facce curiose o stravolte si sono accorte di questi quattro piedi scalzi che andavano a passo sicuro fra uno stand e l’altro, assaporandone le diverse superfici (dall’asfalto a grana grossa alle moquette pelose morbidissime), godendo ogni minimo dettaglio proveniente dal suolo, ivi compresi certi pavimenti a piastrelle veramente freschi idonei a dare un po’ di refrigerio alle estremità…
Come sempre io, che per “mestiere” e passione, raccolgo cataloghi d’auto, fonte di documentazione primaria per un appassionato. E di nuovo sono rimasto colpito dal fatto di essere riuscito a raccogliere alcuni pezzi normalmente non facili da avere e che in Italia forse non avrebbero dato a una persona che si presenta scalza manco fosse uno zingaro (ormai raro da vedere senza scarpe silent ). Così ho la nuova Bentley Mulsanne (naturalmente solo cartacea), la nuovissima Rolls Royce Ghost e niente meno che un libretto rilegato sulla Maybach, oltre che ai cataloghi di Porsche e Jaguar. I commessi, per nulla impressionati dai miei rosei visibilissimi 46 larghi, sono stati cortesi e mi hanno “mollato” le prede anche più ambite per un collezionista di questo genere Laughing
Un avviso ai naviganti: il Salone di Ginevra non è affatto Barfußfreundlich Evil or Very Mad cioé non è molto amico dei camminatori scalzi. Ci sono molte trappole costituite da spigoli acuminati degli Stand, piccoli gradini poco visibili (su di uno a momenti mi cappottava Valerio), grandi gradini, e rifiniture metalliche su bordi e spigoli Evil or Very Mad che devono essere valutati con molta attenzione da chi cammina scalzo. Con la folla poi è più difficile ancora No perciò se qualcuno vuol seguire le nostre orme (è il caso di dirlo) è avvisato !
Dopo 5 ore di visita e chilometri percorsi su e giù per gli Stand, Valerio era un po’ stanco causa scarso allenamento invernale e ha capitolato al paio di comode Birkenstock che si era portato dietro, ma io sono uscito dal salone scalzo e così com’ero ho preso l’autobus navetta per i parcheggi e le scarpe sono riapparse solo sistemando le borse nel bagagliaio della vettura, prima del rientro. Very Happy Very Happy Very Happy
A presto le nostre foto in photogallery….
Saluti a quattro ruote.
Marco
avatar
Marco53

Numero di messaggi : 801
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: A pieds nus au Salon de Geneve

Messaggio  ChiccoB il Lun Mar 15 2010, 23:40

Marco53 ha scritto:Un bagno di folla e auto (quasi più folla che auto) per cinque ore completamente scalzi all’interno dei mega padiglioni che ospitano il Salone dell’Automobile di Ginevra.
Questa è la bella prestazione di Valerio e mia lo scorso venerdì, in una bella ma fredda giornata che ci ha consentito di scollinare le Alpi e dirigerci senza rischi nella città elvetica alla volta del mitico Salone. Una cosa che per me si ripete ormai da 26 anni, ma solo negli ultimi 4 finalmente sono passato senza remora alcuna allo scalzismo integrale dal primo momento della visita. Very Happy
Non vi dico quante facce curiose o stravolte si sono accorte di questi quattro piedi scalzi che andavano a passo sicuro fra uno stand e l’altro, assaporandone le diverse superfici (dall’asfalto a grana grossa alle moquette pelose morbidissime), godendo ogni minimo dettaglio proveniente dal suolo, ivi compresi certi pavimenti a piastrelle veramente freschi idonei a dare un po’ di refrigerio alle estremità…
Come sempre io, che per “mestiere” e passione, raccolgo cataloghi d’auto, fonte di documentazione primaria per un appassionato. E di nuovo sono rimasto colpito dal fatto di essere riuscito a raccogliere alcuni pezzi normalmente non facili da avere e che in Italia forse non avrebbero dato a una persona che si presenta scalza manco fosse uno zingaro (ormai raro da vedere senza scarpe silent ). Così ho la nuova Bentley Mulsanne (naturalmente solo cartacea), la nuovissima Rolls Royce Ghost e niente meno che un libretto rilegato sulla Maybach, oltre che ai cataloghi di Porsche e Jaguar. I commessi, per nulla impressionati dai miei rosei visibilissimi 46 larghi, sono stati cortesi e mi hanno “mollato” le prede anche più ambite per un collezionista di questo genere Laughing
Un avviso ai naviganti: il Salone di Ginevra non è affatto Barfußfreundlich Evil or Very Mad cioé non è molto amico dei camminatori scalzi. Ci sono molte trappole costituite da spigoli acuminati degli Stand, piccoli gradini poco visibili (su di uno a momenti mi cappottava Valerio), grandi gradini, e rifiniture metalliche su bordi e spigoli Evil or Very Mad che devono essere valutati con molta attenzione da chi cammina scalzo. Con la folla poi è più difficile ancora No perciò se qualcuno vuol seguire le nostre orme (è il caso di dirlo) è avvisato !
Dopo 5 ore di visita e chilometri percorsi su e giù per gli Stand, Valerio era un po’ stanco causa scarso allenamento invernale e ha capitolato al paio di comode Birkenstock che si era portato dietro, ma io sono uscito dal salone scalzo e così com’ero ho preso l’autobus navetta per i parcheggi e le scarpe sono riapparse solo sistemando le borse nel bagagliaio della vettura, prima del rientro. Very Happy Very Happy Very Happy
A presto le nostre foto in photogallery….
Saluti a quattro ruote.
Marco
Come sempre,hai di nuovo collezionato una serie di successi. Non avevo dubbi sul brillante risultato,del resto! Wink Forse,la "pubblicità capillare",come hai fatto tu e Valerio,è il migliore metodo per fare conoscere e divulgare questsa filosofia di vita.Per pubblicità capillare,intendo farsi vedere,anche non in massa,ma semplicemente in compaglia di altri amici calzati,mentre noi siamo scalzi,fra la gente. Secondo me è il metodo che funziona meglio. Io stesso,quando esco con amici,(loro sempre rigorosamente calzati),mi unisco a loro sia a piedi nudi, sia in infradito (anche in pieno inverno). Dico questo perchè,fondalmentalmante,come ho detto più e più volte,mi piace veramente stare scalzo,e lo faccio quando e quanto più posso. Non è raro,che alcune persone mi segnalino,di avvistare per città qualche altra persona che cammina scalzo. Ogni volta,ribadisco loro quanto sia bello camminare liberi da costrizioni come le scarpe. Chicco.

ChiccoB

Numero di messaggi : 958
Età : 45
Data d'iscrizione : 05.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum