Coppietta a piedi nudi

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  october il Mar Mag 04 2010, 19:49

hadashi ha scritto:credo che portare delle magliette/polo/cappellini/etc. (che facciano riferimento al club) quando camminiamo scalzi rassicurerebbe la gente (perchè vede che c'è una ragione del perchè lo facciamo, anche se magari non comprende qual'è; secondo me avrebbe cmq un effetto rassicurante)

Ho dei dubbi sull'effetto rassicurante. Invece temo che ci farebbe passare per dei "fissati." Non credo che lo stare scalzi debba essere visto come un elemento di definizione—non più di quanto lo possa essere il portare una maglietta blu o avere la barba.

Preferisco inserire il barefooting in un contesto di comportamento condivisibile o considerato "normale" (virgolette perché questa è una parola estremamente instabile) invece di aggiungere altri motivi di turbamento. Ma a ciascuno il suo, naturalmente.

october

Numero di messaggi : 124
Età : 41
Data d'iscrizione : 29.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  contessa scalza il Mar Mag 04 2010, 19:49

Marc_63 ha scritto:A tal proposito ieri ho realizzato un lavoretto che potrebbe scaturire in un progetto e che potrebbe essere utile, non solo a noi ma anche agli altri.
Conto di ultimarne almeno una parte entro pochi giorni e di metterlo a disposizione, come "assaggio", di tutti coloro che ne volessero prendere visione ed esprimere un loro parere.
Ne spiegherò il senso e il fine in un messaggio apposito.
Che buone notizie!!! Sono ovviamente incuriosita e aspetto con piacere di gustare la visione d'assaggio Very Happy
Marc_63 ha scritto:Se ci rimbocchiamo le maniche possiamo fare tanto e tanto bene alla nostra società.
Ne sono certa.
Ciao
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 53
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  contessa scalza il Mar Mag 04 2010, 21:25

october ha scritto:Ho dei dubbi sull'effetto rassicurante. Invece temo che ci farebbe passare per dei "fissati." Non credo che lo stare scalzi debba essere visto come un elemento di definizione—non più di quanto lo possa essere il portare una maglietta blu o avere la barba.

Preferisco inserire il barefooting in un contesto di comportamento condivisibile o considerato "normale" (virgolette perché questa è una parola estremamente instabile) invece di aggiungere altri motivi di turbamento. Ma a ciascuno il suo, naturalmente.
Capisco ciò che intendi e lo condivido, ma bisogna anche tenere conto che siamo diversi fra noi, ci muoviamo in campi diversi e talvolta abbiamo anche esigenze diverse.
Alcuni di noi partecipano a gare correndo, altri sono oltre a barefooter anche ciclisti, e alcuni trovano che portare un messaggio simpatico e personalizzato su una bella e elegante maglietta potrebbe contribuire a "spiegare" alle persone che li vedono di che si tratta e chi siamo.
Mica le dobbiamo portare tutti, o sempre?
Dipende appunto dal contesto e dal volerlo fare. E che questa possibilità anche ci sia...
Avere diverse opzioni e diverse possibilità per far conoscere il barefooting e per farci conoscere come comunità all'esterno, non la trovo una strategia negativa o poco rassicurante.
Quali vie o strategie più mirate pensi sarebbe meglio adottare come comunità e come singoli?
Ciao
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 53
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  october il Mar Mag 04 2010, 23:02

contessa scalza ha scritto:Capisco ciò che intendi e lo condivido, ma bisogna anche tenere conto che siamo diversi fra noi, ci muoviamo in campi diversi e talvolta abbiamo anche esigenze diverse.
Alcuni di noi partecipano a gare correndo, altri sono oltre a barefooter anche ciclisti, e alcuni trovano che portare un messaggio simpatico e personalizzato su una bella e elegante maglietta potrebbe contribuire a "spiegare" alle persone che li vedono di che si tratta e chi siamo.
Mica le dobbiamo portare tutti, o sempre?
Ma certo che siamo diversi, ci mancherebbe altro. Ognuno ha il proprio modo di affrontare l'argomento con altri. La maglietta e il cappellino posson far comodo a qualcuno, ma non credo che possano essere una strategia che vada al di là dell'evento occasionale.

contessa scalza ha scritto:Dipende appunto dal contesto e dal volerlo fare. E che questa possibilità anche ci sia...
Avere diverse opzioni e diverse possibilità per far conoscere il barefooting e per farci conoscere come comunità all'esterno, non la trovo una strategia negativa o poco rassicurante.
Quali vie o strategie più mirate pensi sarebbe meglio adottare come comunità e come singoli?
Ciao
Cristiana

Scusa, Cristiana, se rispondo con una domanda: di che strategie parliamo? Se si tratta di farci rispettare nella vita quotidiana, un cappellino non farà la differenza. Se non riusciamo neanche a farci rispettare da famiglia e amici, credo che abbiamo problemi più grossi del barefooting. Quando siamo soli, nel nostro quartiere, nella nostra città, o anche altrove, le strategie di gruppo non ci aiutano, perché non siamo una comunità—lo siamo a malapena quando ci troviamo a scrivere qui sopra. Il barefooting è un fatto accidentale, contingente, e non ci rende sufficientemente simili da poter diventare comunità.

Qui sono nuovo e non vorrei mai farmi la fama dello stronzo, ma ho già detto che faccio fatica a non dire quello che penso: credo che la ragione per cui, a quanto capisco, i vari meeting o falliscono o sono scarsamente popolati sia proprio l'accidentalità del legame di gruppo, che evidentemente è sentita più di quanto non venga detto in modo esplicito.

Torno alla questione della maglietta e del cappellino. Portandoli non forniamo una ragione di quello che stiamo facendo (come suggeriva invece hadashi). Nel migliore dei casi, mostriamo che lo facciamo con cognizione di causa. Nel caso peggiore, come dicevo, rischiamo di passare per fissati che non hanno altro per la testa—questa sì che sarebbe una strategia fallimentare.

Se parliamo di riconoscimento sociale e culturale, di libertà personale (contro regolamenti stupidi tipo Pavia), la maglietta e il cappellino possono essere un segno di riconoscimento, ma non molto di più. Il barefooting non ha abbastanza traino e non è una questione abbastanza vitale da poter sfondare nell'opinione pubblica da sola. Inoltre, le ragioni per cui stiamo scalzi e le modalità con cui lo facciamo sono così diverse che non sarà possibile individuare una strategia "mirata" finché non si sarà capito a che cosa sia mirata. Troviamoci d'accordo su uno scopo (o più scopi) e allora potremo parlare di strategia.

october

Numero di messaggi : 124
Età : 41
Data d'iscrizione : 29.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  lucignolo il Mar Mag 04 2010, 23:38

october ha scritto:....ho già detto che faccio fatica a non dire quello che penso: credo che la ragione per cui, a quanto capisco, i vari meeting o falliscono o sono scarsamente popolati sia proprio l'accidentalità del legame di gruppo, che evidentemente è sentita più di quanto non venga detto in modo esplicito.
Strano a dirsi, eppure il gruppo lombardo funziona e sono nate amicizie piuttosto stabili.
L'essere scalzi, poi, continua ad essere cosa accessoria e questo mi sembra giusto.
Si dovrebbe imparare che l'andare scalzi, amare fare questa cosa può essere un occasione per incontrarsi, conoscersi e provarsi; e che non è obbligo vedersi solo per camminare a piedi nudi.
Alla fine, però, se si ha davvero piacere, se ci si sente così liberi a calpestare il suolo senza scarpe non ci si dovrebbe dimenticare che insieme si potrebbe realizzare qualcosa di buono in nome di una passione comune.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  Andrea77 il Mar Mag 04 2010, 23:48

X me il discorso del cappellino o della maglietta può avere un senso xchè magari quando uno ci vede scalzi e sgrana gli occhi affraid spero che veda pure la maglietta o il cappellino e magari capisce già qualche cosa ancor prima che noi apriamo bocca x dare qualche spiegazione.
Scusate in giro si vedono magliette e cappellini con ogni tipo di scritta e loghi nn vedo che cosa ci sia di male a far vedere che esistiamo pure noi come il club della pesca o altro.

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  october il Mar Mag 04 2010, 23:52

Andrea77 ha scritto:X me il discorso del cappellino o della maglietta può avere un senso xchè magari quando uno ci vede scalzi e sgrana gli occhi affraid spero che veda pure la maglietta o il cappellino e magari capisce già qualche cosa ancor prima che noi apriamo bocca x dare qualche spiegazione.
Scusate in giro si vedono magliette e cappellini con ogni tipo di scritta e loghi nn vedo che cosa ci sia di male a far vedere che esistiamo pure noi come il club della pesca o altro.

Ciao
Andrea

Nulla di male. Dico solo che non credo sia così efficace come strumento comunicativo che serva a dare spiegazioni, perché è molto facile che, nel mare di loghi e scritte, passi del tutto inosservato. Tutto qua.

october

Numero di messaggi : 124
Età : 41
Data d'iscrizione : 29.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  Marc_63 il Mer Mag 05 2010, 10:50

Secondo me il problema non sta nel "magliette si o magliette no", ribadisco che una maglietta ha senso solo se l'utilizzo è preceduto da una sera e diffusa "campagna informativa" e se esse stesse diventano segno distintivo di un'associazione che opera in una certa direzione e che si propone di illustrare e di motivare un certo "modello di vita". Vi faccio un esempio : se noi vediamo una maglietta con scritto WWF e con il logo del panda, sappiamo di cosa si tratta perchè già conosciamo il WWF, sappiamo di cosa si occupa, l'ambito in cui lavora, le battaglie che sostiene e sappiamo che è sinonimo di serietà e di rispetto per la vita. Che effetto ci farebbe vedere una maglietta WWF se non conoscessimo l''organizzazione ? Passerebbe o inosservata, o verrebbe considerata alla stessa stregua delle magliette "de puta madre" che andavano un paio d'anni fa. Allora dico : prima di realizzare le magliette cerchiamo di strutturare un po' meglio la nostra organizzazione; facciamo vedere che è diffusa in tutt'Italia e che in molte città sono presenti dei referenti che possono incontrare e seguire, come ho già detto, i simpatizzanti, gli aspiranti e i neofiti o anche coloro che magari desidererebbero vivere l'esperienza dello scalzismo e non lo fanno per paura o perchè vittime di luoghi comuni. Noi bf siamo diffusi in tante città d'Italia e in tanti centri minori, ognuno dei quali dispone di almeno un sito Internet dove sono presenti riferimenti ad associazioni, strutture e organizzazioni turistiche, sportive e ricreative di vario genere presenti nel territorio.... Una volta che abbiamo individuato tra noi le persone che sarebbero disposte a dedicare un po' del loro tempo a svolgere la funzione di referenti e di "trainer" (con vari compiti già stabiliti) nella zona di residenza; potremmo chiedere ai gestori del sito in questione di inserire il nostro link e/o il nostro banner nel loro portale, strutturando ovviamente il nostro sito (www.natiscalzi.org) in modo che ogni città possa disporre della sua pagina e che dal sito internet o dal portale di ogni città ci si possa, collegare direttamente alla pagina specifica del nostro. Esempio : http//www.natiscalzi.org/cagliari.... o http//www.natiscalzi.org/firenze . La pagina del nostro sito, per ciascuna citta, dovrà contenere, oltre alle indicazioni del referente di zona, anche informazioni specifiche, notizie, e una serie di iniziative, itinerari documentati che un bf possa seguire, sia nella fase di inizio che successivamente; itinerari con vari livelli di difficoltà. Altro compito del referente sarebbe quello di prendere contatti (anche tramite telefono o e-mail) con le varie organizzazioni sportive della sua zona (centri sportivi, palestre e quant'altro), individuare le strutture "barefoot friendly " (cioè che accetta i bf) e inserire il link o l'indirizzo della struttura nella "pagina della città".

Il lavoretto di cui vi ho parlato in un post precedente consiste nella descrizione, corredata di fotografie, di un percorso, di bassa difficoltà che un bf neofita può seguire per iniziare il suo allenamento.
Lo metto a vostra disposizione perché tutti ne possiate prendere visione, valutarne l’impostazione, i contenuti e l’utilità ed esprimere un vostro parere a proposito.
Ho pensato di realizzare questo lavoro perché nelle nostre città non esistono percorsi costruiti appositamente per i bf, e allora occorre individuare per lo meno i punti e le zone che potrebbero assolvere ad un’analoga funzione.
Preciso che questo è solo il primo di una serie di itenerari che intendo realizzare per Cagliari e dintorni; itinerari con vari livelli di difficoltà, per poi renderli disponibili (spero nel nostro sito alla pagina di Cagliari) come materiale informativo…. anche a carattere culturale, turistico e naturalistico.
Potete scaricare il file in formato pdf da qui:

4shared.com BF_Cagliari_1_a.htm

Se poi lo riterrete valido e utile, ciascuno potrebbe realizzare lo stesso tipo di lavoro per la propria città e sarebbe una buona occasione per andare in giro scalzi a scattere foto e rappresenterebbe un valido e stimolante supporto informativo per chiunque lo volesse utilizzare.
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  october il Mer Mag 05 2010, 10:56

Questo è propositivo, Marc. Mi piace.

Il sito però ha bisogno di una bella ristrutturazione (funzionale ed estetica) prima di poter essere all'altezza. (La butto là, anche se so che questo commento potrebbe risultare impopolare.)

october

Numero di messaggi : 124
Età : 41
Data d'iscrizione : 29.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  bfpaul il Mer Mag 05 2010, 11:35

Marc_63 ha scritto:Secondo me il problema non sta nel "magliette si o magliette no", ribadisco che una maglietta ha senso solo se l'utilizzo è preceduto da una sera e diffusa "campagna informativa" e se esse stesse diventano segno distintivo di un'associazione che opera in una certa direzione e che si propone di illustrare e di motivare un certo "modello di vita".
........
Allora dico : prima di realizzare le magliette cerchiamo di strutturare un po' meglio la nostra organizzazione; facciamo vedere che è diffusa in tutt'Italia e che in molte città sono presenti dei referenti che possono incontrare e seguire, come ho già detto, i simpatizzanti, gli aspiranti e i neofiti o anche coloro che magari desidererebbero vivere l'esperienza dello scalzismo e non lo fanno per paura o perchè vittime di luoghi comuni.

Le T-shirt sono state create dal creatore del sito e del Club ed il sottoscritto ha la seconda magliatta esistente in Italia che mi venne regalata da Franco.
Ne ho fatto una ventina forse e le hanno solo i Soci, vale a dire con le T-shirt si è fatto o non si è fatto "proselitismo" a seconda di come si interpreta la parola. Probabilmente diverse persone che avrebbero voluto chiedermi qualcosa si sono sentite appagate nel leggere di cosa si trattasse ed hanno potuto evitarsi di "mettersi in relazione con me"; anche questo è "proselitismo" in forma estremamente soft. Pensare che questo mezzo possa fare un proselismo davvero importante senza far conoscere al pubblico tramite atti concreti chi siamo e cosa facciamo, può avvenire solo se ne stampassimo un paio di milioni e avessimo la fortuna di venderle.
Due ipotesi:
- la cosa potrebbe destare la curiosità di qualche media che ci chiederebbe interviste o altro, nelle quali probabilmente l'opinione riportata sarebbe quella che l'intervistatore attribuisce al suo pubblico e non la nostra, cioè quella del Club.
Non la nostra, ripeto; perché neppure i Soci hanno tutti la stessa idea del barefooting, quindi si potrebbero avere molte opinioni personali diverse. E questo non contribuisce a dare un'immagine corretta di un Club.
- uno qualunque che porta una maglietta perchè l'ha comprata, lo fa per "motivi estetici" e non perché sia un barefooter, quindi da un possessore di maglietta non ci si può aspettare che faccia proselitismo. Anzi, potrebbe essere pure contrario al bf! Quindi, a mio parere, almeno per ora le T-shirt solo ai soci, poi vedremo

Marc_63 ha scritto:Noi bf siamo diffusi in tante città d'Italia e in tanti centri minori, ognuno dei quali dispone di almeno un sito Internet dove sono presenti riferimenti ad associazioni, strutture e organizzazioni turistiche, sportive e ricreative di vario genere presenti nel territorio.... Una volta che abbiamo individuato tra noi le persone che sarebbero disposte a dedicare un po' del loro tempo a svolgere la funzione di referenti e di "trainer" (con vari compiti già stabiliti) nella zona di residenza; potremmo chiedere ai gestori del sito in questione di inserire il nostro link e/o il nostro banner nel loro portale, strutturando ovviamente il nostro sito (www.natiscalzi.org) in modo che ogni città possa disporre della sua pagina e che dal sito internet o dal portale di ogni città ci si possa, collegare direttamente alla pagina specifica del nostro. Esempio : http//www.natiscalzi.org/cagliari.... o http//www.natiscalzi.org/firenze. La pagina del nostro sito, per ciascuna citta, dovrà contenere, oltre alle indicazioni del referente di zona, anche informazioni specifiche, notizie, e una serie di iniziative, itinerari documentati che un bf possa seguire, sia nella fase di inizio che successivamente; itinerari con vari livelli di difficoltà. Altro compito del referente sarebbe quello di prendere contatti (anche tramite telefono o e-mail) con le varie organizzazioni sportive della sua zona (centri sportivi, palestre e quant'altro), individuare le strutture "barefoot friendly " (cioè che accetta i bf) e inserire il link o l'indirizzo della struttura nella "pagina della città".
Idee apprezzabili.
Ma non capisco da dove ti derivi questa percezione della nostra diffusione; la maggior parte dei barefooter registrati in questo Forum, o Soci sono al nord; a Roma facciamo una fatica boia da anni per incontrarci ed è il terzo anno di fila che ci vado riuscendo ad incontrare a malapena tre-quattro persone per poche ore, senza riuscire neppure a parlare di "strategie". A sud di Roma, ZERO.
Per cui, le idee che proponi - ottime ripeto - per ora non hanno gambe o se preferisci non hanno piedi su cui camminare. Del resto, noi due nella stessa città non siamo ancora riusciti ad incontrarci da un anno a questa parte!
Tutti hanno da fare, nessuno si prende una mezza giornata, una serata libera per il barefooting ....
Se dovessi esprime a fondo cosa penso, scadrei nel turpiloquio.

Marc_63 ha scritto:Il lavoretto di cui vi ho parlato in un post precedente consiste nella descrizione, corredata di fotografie, di un percorso, di bassa difficoltà che un bf neofita può seguire per iniziare il suo allenamento.
Lo metto a vostra disposizione perché tutti ne possiate prendere visione, valutarne l’impostazione, i contenuti e l’utilità ed esprimere un vostro parere a proposito.
Ho pensato di realizzare questo lavoro perché nelle nostre città non esistono percorsi costruiti appositamente per i bf, e allora occorre individuare per lo meno i punti e le zone che potrebbero assolvere ad un’analoga funzione.
Preciso che questo è solo il primo di una serie di itenerari che intendo realizzare per Cagliari e dintorni; itinerari con vari livelli di difficoltà, per poi renderli disponibili (spero nel nostro sito alla pagina di Cagliari) come materiale informativo…. anche a carattere culturale, turistico e naturalistico.
Ho visto il lavoro, lo trovo ben fatto; mi piace ancora di più l'idea di farne altri su Cagliari in un contesto più ampio che mostri anche la nostra città. Ma ne parleremo fra noi appena sarà possibile.
Marc_63 ha scritto:Potete scaricare il file in formato pdf da qui:

4shared.com BF_Cagliari_1_a.htm

Se poi lo riterrete valido e utile, ciascuno potrebbe realizzare lo stesso tipo di lavoro per la propria città e sarebbe una buona occasione per andare in giro scalzi a scattere foto e rappresenterebbe un valido e stimolante supporto informativo per chiunque lo volesse utilizzare.

Questa è una proposta da inserire nel Forum soci fra quelle possibili e senza costi.

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  contessa scalza il Mer Mag 05 2010, 12:23

Avevamo già cominciato a muoverci in quella direzione e dalla ricerca interna fatta dall'ex direttivo fra i soci, risultavano solo un piccolo numero disposti ad accompagnare nella loro stessa città (un paio di volte all'anno), un gruppetto di neofiti o interessati.
A me pareva che anche se in pochi, si poteva già cominciare a organizzare un qualcosa di interessante da poter offrire. Per fare un idea, se otto persone sono disposte un paio di giorni all'anno, potremmo offrire già sedici appuntamenti in giro per le regioni italiane e altrettanti percorsi. Era un inizio.

Non è proseguito per la difficoltà di molti nell'investire tempo in questo (come ha spiegato bfpaul), e nella difficoltà di avere la disponibilità di persone sufficientemente preparate che si sentano di istruire o di accompagnare altri.

Vi è anche un fattore costi connesso, che giustamente possono essere ridotti al minimo se uno propone percorsi nella sua stessa zona, ma non sempre è fattibile.
Esempio: se qualcuno vuole venire dove mi trovo, raggiungermi non è semplice visto che non abito in città, e per venire io ogni volta incontro, costerebbe a me il non poter venire ai raduni perchè le mie disponibilità finanziarie sono per anno limitate, e sarei quindi costretta a optare per una cosa o per l'altra.

Sono comunque dell'opinione che, anche se piccolo, sarebbe un buon inizio che col tempo potremmo espandere allargando man mano la mappa a più regioni.

Vi aspetto fra i soci per parlarne più dettagliatamente nell'altro forum.
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 53
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  Rei il Mer Mag 05 2010, 13:47

Marc_63 ha scritto:Erano una giovane coppia che conosco di vista perchè abitano entrambi vicino a casa mia.
Tornando a bomba...
Li hai più visti quei due (scalzi o calzati)?
E se li hai visti, ci hai parlato?
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  Marc_63 il Mer Mag 05 2010, 14:04

Tornando a bomba...
Li hai più visti quei due (scalzi o calzati)?
E se li hai visti, ci hai parlato?

Purtroppo non li ho più visti da quel giorno....
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  Marc_63 il Mer Mag 05 2010, 14:09

Sono comunque dell'opinione che, anche se piccolo, sarebbe un buon inizio che col tempo potremmo espandere allargando man mano la mappa a più regioni.

Ne sono più che convinto !
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Coppietta a piedi nudi

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum