Incontri a Roma e Milano

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Incontri a Roma e Milano

Messaggio  bfpaul il Lun Mag 24 2010, 17:47

Ed eccomi tornato diopo tre giorni di giri in giro.
Venerdì Roma.
Arrivo col primo volo. Ho incontrato privatamente Enzo, Rei e vocedicane. Antonella ha avuto un impegno e non ci sarà; Michela è lost in space.. Grande chiaccherata nella quale ho spiegato alcune idee guida relativamente al Club. (ne sentirete parlare in altro spazio). Sleep

Sabato, Roma.
Incontro ufficiale. Presenti il sottoscritto, Enzo, Rei. Alex79 ha avuto un contrattempo e si è perso la nostra compagnia. Peccato, eravamo simpatici ... Al pomeriggio partenza per Milano.

Sabato Milano.
Incontro privato con Flavio, Nancy, Ares, Stefano. Altra grande chiaccherata ad urla perché c'erano gli interisti in giro a fare casino. Appuntamento per domenica. Sleep

Domenica, Milano.
Appuntamento in Stazione Centrale. Pino ha avuto uno stupido incidente e mi segnala che non potrà arrivare; andiamo ad attendere tutti quelli che arrivano in treno. Alle 11 ci siamo tutti e partiamo per il Parco delle Cave. Nell'entrare in Metro due vengono alleggeriti del portafoglio. Scendiamo in Duomo e via alla Polizia a fare la denuncia; rinunciamo al Parco delle Cave, chiamiamo chi ci era già arrivato in auto (Valerio e Marco) e ci troviamo in zona Duomo; si è fatto abbastanza tardi e decidiamo di restare in zona Castello. Prendiamo un panino e finalmente possiamo sederci sull'erba e parlare. Spiego anche qui le cose che intendevo far conoscere e che avevamo anche rielaborato con gli amici di Roma.
Diciamo che a grande maggioranza siamo d'accordo, non ci sono pareri contrari ma solo alcune astensioni; questa non era un'assemlea ufficiale e non si è deciso niente. Lo faremo in Assemblea.
Decidiamo di andare al Parco e mentre ci avviamo Andrea viene richiamato con urgenza a casa. Ci saluta e va via. Decidiamo di tornare verso Stazione Centrale dove continuiamo le chiacchere finché devo lasciare gli ultimi rimasti per avviarmi verso Linate.

Totale:
Fra assenze, Coppe dei Campioni, borseggi, incidenti e lost in space, ce la siamo comunque cavata; porto a casa la richiesta di continuare sulla strada del Club e così si farà. cheers

Un saluto a tutti i "romani", Enzo, Rei e Claudia ed ai "milanesi" Alberto B., Alberto G., Alessandro B, Alessandro S., Andrea, Christian, Flavio, Gianni, Guido, Marco, Nadia, Nancy, Paolo F., Stefano, Valerio.
Ci sentiamo in privato e prepariamo per bene l'Assemblea del Club; a chi si chiede "che ci azzecca" parlarne in questo Forum, la risposta é che le decisioni che prenderemo riguarderanno anche tutti gli aventi diritto di accesso a questo Forum. bounce

Riceverete informazioni sulla posta personale.

bfpaul

continua .......


Ultima modifica di bfpaul il Mer Giu 16 2010, 20:15, modificato 2 volte
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

RE: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Luca L il Lun Mag 24 2010, 18:28

Ciao a tutti.

Mi dispiace di non aver potuto parecipare all'incontro di domenica ma ho dovuto privilegiare la famiglia che dopo un mese di pioggia aveva voglia di fare una gita nella prima domenica di bel tempo.
Non so cosa è stato detto e che verrà comunicato più avanti, ma io sono del parere che sia utile istituire una quota minima (ad es. 5 euro) di rinnovo al club per i tesserati (una volta all'anno od una volta ogni due anni) come segnale per sostenere il forum.

Ciao.

Luca L
avatar
Luca L

Numero di messaggi : 30
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Enzo il Lun Mag 24 2010, 20:48

-


Ultima modifica di Enzo il Gio Dic 02 2010, 08:02, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  lucignolo il Lun Mag 24 2010, 21:49

Enzo ha scritto:Strano, non è la prima volta che gli scalzi vengono alleggeriti ai raduni, chi lo sa perché.
Di certo i bf non vengono presi per barboni, quindi l'effetto barbone esiste solo per alcuni preposti al controllo.
Non confondiamo.
La maggior parte della gente sa che i soldi li abbiamo, ma ci considera sporchi o indecenti, con qualche rotella fuori posto.
Il borseggiatore se ne infischia: gli bastano cinquanta euro qui, cinquanta euro là.
Per cui come preda va bene anche il naturista a Barcellona, basta che abbia una tasca da qualche parte. Smile
Immagino che in polizia non abbiano fatto problemi, ma qualcuno ha chiesto il motivo?
Il motivo di cosa?
Pensi che la denuncia si sia svolta a piedi nudi?
In realtà scalzi eravamo noi fuori in attesa, i denuncianti erano in infradito.
Tieni presente che arrivavamo da una Piazza Duomo schifosamente invasa dalle schegge di vetro e persino io ero in infradito. Giunti davanti alla questura nessuno ha pensato di togliersi le ciabatte per entrare scalzi nell'Ufficio Denunce.
Piuttosto, un'agente di polizia ha chiamato Gianni di Genova e gli ha chiesto se appartevamo a qualche setta.
Alla risposta negativa di Gianni l'agente ha risposto: <Sa, io sono della polizia...> Very Happy
Però spezzo una lancia in favore di Polizia e Carabinieri: se ci sarà qualcuno che ci darà fastidio, penso proprio che loro saranno gli ultimi.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Enzo il Mar Mag 25 2010, 07:45

-


Ultima modifica di Enzo il Gio Dic 02 2010, 08:02, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  lucignolo il Mar Mag 25 2010, 09:49

Enzo ha scritto:Ha chiesto se eravate di una setta perché in infradito? A Roma tutti gli stranieri e molte ragazze sono in infradito Very Happy
No, no.
I denuncianti (due) erano in infradito; gli altri, in attesa nella piazza, avevano deciso di riscalzarsi.
Perciò un agente, vedendo tutti quei piedi nudi, si è incuriosito.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Marc_63 il Mar Mag 25 2010, 11:34

Ha chiesto se eravate di una setta perché in infradito? A Roma tutti gli stranieri e molte ragazze sono in infradito


Very Happy Very Happy Very Happy ..ma perchè solo gli stranieri e molte ragazze ? I maschi romani hanno paura di mettersi in infradito ? Laughing Laughing
Qui a Cagliari già da questo periodo è un'abitudine diffusissima a tutte le età, in tutti i ceti sociali e altrettanto diffusa fra maschi e femmine.
Comunque, un amico di Benevento, mi diceva che (anche) da loro non si usa circolare per strada con gli infradito, tanto che si è meravigliato quando gli ho detto che qui da noi l'infradito fa parte (d'estate) del comune abbigliamento casual, sia con pantalone lungo che con pantalone corto e/o gonna per le ragazze; e questo sia la mattina che la sera.
Se tanto mi da tanto ho l'impressione che a Benevento (che tra l'altro è una bellissima cittadina, anche se poco conosciuta), circolare in città addirittura a piadi nudi dev'essere peggio che a Pavia.....e non è una città del Nord.... Wink
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  ALEBO il Mar Mag 25 2010, 12:17

lucignolo ha scritto:
Enzo ha scritto:Ha chiesto se eravate di una setta perché in infradito? A Roma tutti gli stranieri e molte ragazze sono in infradito Very Happy
No, no.
I denuncianti (due) erano in infradito; gli altri, in attesa nella piazza, avevano deciso di riscalzarsi.
Perciò un agente, vedendo tutti quei piedi nudi, si è incuriosito.

Io ero uno dei 2 borseggiati , a questo proposito devo ringraziare tutti per l'appoggio morale e non solo. Un ringraziamento particolare a Nancy, Nadia e Gianni. Saluti e al prossimo incontro.
avatar
ALEBO

Numero di messaggi : 448
Data d'iscrizione : 26.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Incontri a Roma e Milano/2

Messaggio  bfpaul il Mar Mag 25 2010, 14:15

.... continua dalla puntata precedente.

Cari amici, avete letto forse il sintetico resoconto degli incontri di Roma e Milano dei giorni scorsi.
Avrei voluto discutere meglio e più a fondo le idee che abbiamo elaborato e che elaboreremo ancora in attesa di presentarle in forma compiuta all’Assemblea dei Soci del Club per le opportune decisioni.
Desidero esporvele, abbiate Vi prego, la pazienza e la cortesia di seguirmi nel discorso.
Il creatore del sito lo lasciò a suo tempo completamente in mano mia ed io ho creduto bene di creare un sito con Soci reali e con strutture democratiche reali, anche nella prospettiva di poter fare in seguito diverse attività.
Ho inizialmente riunito attorno a me alcuni amici con i quali abbiamo approvato i primi Soci, studiato uno Statuto da proporre all’Assemblea. Questa è stata interrotta in un primo momento per divergenze personali insorte e poi ripresa a quasi un anno di distanza. Finalmente è stata portata a termine, è stato approvato lo Statuto (con riserva di un articolo) ed abbiamo avuto un Direttivo eletto.
Purtroppo le cose sono andate per le lunghe ed i nuovi, motivatissimi dirigenti, si sono visti eleggere da un’Assemblea numericamente ridotta all’osso, il che ha lasciato un po’ di amaro in bocca. Fatto sta che il Presidente ed il vicepresidente hanno dichiarato dopo pochi mesi di volersi dimettere e queste dimissioni verranno portare ufficialmente all’Assemblea per le opportune decisioni.
Le prospettive sono queste:
1 – tornare ad un Club virtuale di Soci virtuali o senza soci, dove nessuno ha impegni, doveri o impicci e fa il barefooter per conto proprio e beato chi gli crede;
2 – proseguire nella creazione del Club “reale” con i Soci reali che sono barefooter e che hanno l’interesse a trovarsi, discutere, organizzare attività e far conoscere il loro magnifico hobby o lifestyle, a seconda di come si vedano le cose.
Se si sceglie la prima prospettiva, il discorso finisce qui, possiamo tenerci in contatto fra amici e niente più.
Se si sceglie la seconda prospettiva, sono necessari alcuni passi iniziali per procedere e che devono essere compiuti dal Direttivo.
Lo faremo quanto prima e ci serve un tempo minimo per preparare tutto il lavoro da svolgere in Assemblea in modo da concluderla rapidamente, per quanto possibile. L’Assemblea dovrà approvare in modo definitivo lo Statuto che subirà alcune modifiche necessarie per strutturare in modo diverso e più funzionale l’attività del Club. Il Direttivo eletto potrà finalmente sistemare una serie di questioni a nome del Club, avendone avuto l'incarico.
Dicevo prima che questo discorso interessa tutti gli utenti del Forum, soci e non soci.
La ragione verrà esposta in direttivo per essere esaminata ed approvata e l’Assemblea che verrà convocata godrà dei benefici di questa decisione.
A presto, seguiteci sempre e tenete presente che sul Forum continueremo a dare tutte le informazioni necessarie.

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  contessa scalza il Mar Mag 25 2010, 14:45

Mentre grattavo e verniciavo le porte finestre di un armadietto, scalza in giardino al sole, questo fine settimana passato vi pensavo con un po' di dispiacere per non essere potuta venire. Dopo aver letto il resoconto degli accadimenti nella città Milanese però, mi sono sentita molto meglio... Very Happy per il fatto di non esserci potuta venire.... altrimenti i scippati magari divenivano 3, e questo mi avrebbe procurato un sacco di rogne. Mi dispiace per i scippati in ogni modo. Sad

Per via dell'assemblea, Flavio fissi una data tu?
Anche se per questa assemblea non sarà oggetto di discussione, volevo dirti che se proponi per il prossimo anno ritrovo a Brescia lo supporto sicuramente! Sarebbe un ottima cosa!
Ciao a tutti
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 53
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Gianni da Genova il Mar Mag 25 2010, 15:05

Un grazie a tutti gli scalzisti incontrati a Milano.
Un grazie alle forze di Polizia che ci hanno chiesto se facciamo parte di una setta religiosa "Ma nemmeno una setta secondaria?" Very Happy
Un grazie a tutti gli interisti per aver coperto Piazza del Duomo con un tappeto di bottiglie rotte Evil or Very Mad

Sperando che le nostre future scelte portino a farci incontrare e conoscere, e far togliere le scarpe a qualcuno che ne avrebbe voglia ma si vergogna!
avatar
Gianni da Genova

Numero di messaggi : 61
Età : 62
Data d'iscrizione : 24.08.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Andrea77 il Mar Mag 25 2010, 19:22

ma perchè solo gli stranieri e molte ragazze ? I maschi romani hanno paura di mettersi in infradito ?

---

Pensa che quando sono dovuto andar via dal raduno milanese ero ad aspettare l'autobus in infradito e uno straniero (credo sudamericano?) mi chiede 'da dove vieni?' Io lo guardo un po' perplesso e gli rispondo 'sono di Milano' e lui 'strano in infradito'...

Credo che passata la moda delle infradito la città della moda le ritenga poco eleganti e accettabili solo da stranieri e ragazze...

---
X il raduno mi dispiace che la giorata sia andata diversamente dal previsto.
Paolo mi pare che le tue conclusioni siano un po' eccessive. Io credo che si possa fare molto anche senza un club reale. Il nocciolo della questione è quanta voglia abbiamo di fare le cose. Se tu convochi un direttivo per eleggere il presidente del club e vi trovate in 3 mi pare che l'interesse sia nullo.
Io sono disponibile ad organizzare e a partecipare ad incontri (cosa che si può fare benissimo senza club) ma non ho il tempo e la voglia di impegnarmi ulteriormente. Credo che questa sia la visione maggioritaria ma silente e dormiente dei circa 200 iscitti al forum libero che è un numero abnorme rispetto a coloro che scrivono con una certa assiduità o partecipano alle iniziative che credo si possano ridurre a 20.
E anche tra questi molti come me vedono l'andare scalzi come una bella cosa da fare tra amici senza pubblicizzare la cosa e senza eccessivi impegni.
Credo che se solo si riuscisse ad incrementare il numero delle uscite e il numero dei partecipanti ai raduni sarebbe già un ottima cosa.
Poi se qualcuno si vuol prendere la briga di fare altro (e non solo di parlare) ben venga.
Facendo un parallelo con il CAI c'è chi è socio ma nn partecipa mai, c'è chi è socio e partecipa alle gite ma non vuole prendersi la briga di accompagnare, c'è chi si da da fare diventando capogita, istruttori e altro assumendosi oneri e onori, c'è chi si presta a fare il presidente,... C'è poi chi va in montagna senza neppure essere socio ma con questo non è che sia meno bravo degli altri soltanto preferisce impegnarsi solamente nell'attività escursionistica-alpinistica senza avere la neccessità di faresi una tessera. Magari perchè fa questa attività saltuariamente ma non è detto. Magari va in montagna + spesso e meglio del presidente del CAI che è + un burocrate che un alpinista.

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  lucignolo il Mar Mag 25 2010, 21:27

Andrea77 ha scritto:Facendo un parallelo con il CAI c'è chi è socio ma nn partecipa mai, c'è chi è socio e partecipa alle gite ma non vuole prendersi la briga di accompagnare, c'è chi si da da fare diventando capogita, istruttori e altro assumendosi oneri e onori, c'è chi si presta a fare il presidente,... C'è poi chi va in montagna senza neppure essere socio ma con questo non è che sia meno bravo degli altri soltanto preferisce impegnarsi solamente nell'attività escursionistica-alpinistica senza avere la neccessità di faresi una tessera. Magari perchè fa questa attività saltuariamente ma non è detto. Magari va in montagna + spesso e meglio del presidente del CAI che è + un burocrate che un alpinista.
A volte mi sembri una di quelle mosche che continuano a sbattere contro il vetro, senza accorgersi che a dieci centimetri c'è un varco grande come una montagna.
Non offenderti, ma non ti rendi conto che continui a girare e rigirare sugli stessi argomenti.
Tu devi essere libero di fare ciò che ti senti, ma continuo a pensare che ti devi sbranare, come si dice dalle nostre parti, cioè uscire dallo stato di imbranato (per chi non lo sapesse).
Che ti piaccia o no, io continuo a ritenerti uno dei più forti barefooters del Nord Italia.
Se non te la senti di esporti e di entrare in conflitto con i tuoi cari, sappi che nessuno te lo può imporre.
Però non frenare e dai la possibilità a chi se la sente di continuare a remare.
Dico che abbiamo il dovere di tentare di nuovo e che Paolo ha ragione a dire che devono diventare soci TUTTI.
E ci saranno quelli attivi e quelli che preferiscono stare ai margini e questo succede anche nel CAI.
State attenti tutti e considerate che il nostro marchio va difeso ad oltranza, perché ci sarà qualche sito fetish che ce lo ruberà e qualche avvisaglia l'abbiamo già ricevuta.
A me NON va che un domani mi isolino o mi additino come uno di quei feticisti che usano i piedi nudi a scopi sessuali.
Il nostro logo, il nostro nome NON SI TOCCA!
E per avere l'autorità di impedire abusi si deve avere uno statuto ed un marchio registrato.
Quindi un CLUB.
È chiaro il concetto?
Questo non vuol dire che tutti devono fare interviste o vedersi pubblicare sui giornali, ma coloro che se la sentono devono essere legittimati a parlare in nome di qualcosa che è ufficialmente registrato.
Perciò io ribadisco che il minimo che possiamo fare è RIPROVARCI.
Condivido il pensiero di Selis: non puoi parlare con un giornalista senza quantificare dei soci, altro che volemosi tutti bene ogni tanto e, soprattutto, utilizzare l'arma dei delegati.
Siamo pochi, ma possiamo costituire un gruppo di 200 soci e quest'ultima parola è quella che conta, quella che ha il peso dell'ufficialità.
Non tutti attivi, non tutti disposti a metterci la faccia, ma tutti convinti che scalzi è bello, come tutti i soci del CAI sono concordi su una cosa: che la montagna è un bene meraviglioso che appartiene a tutti.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  lucignolo il Mar Mag 25 2010, 21:33

contessa scalza ha scritto:Per via dell'assemblea, Flavio fissi una data tu?
Sì, pensavo ad una data posteriore al 2 giugno.
Vista la calata dei lombardi a Roma, lasciami qualche giorno per decidere, poi dobbiamo rimetterci in careggiata.
Anche se per questa assemblea non sarà oggetto di discussione, volevo dirti che se proponi per il prossimo anno ritrovo a Brescia lo supporto sicuramente! Sarebbe un ottima cosa!
C'è un anno di tempo, ma mi piacerebbe sapere cosa ne pensano i barefooters più lontani: ritengono loro che Brescia possa essere una meta papabile e facilmente raggiungibile?
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  bfpaul il Mar Mag 25 2010, 22:06

lucignolo ha scritto:
contessa scalza ha scritto:Per via dell'assemblea, Flavio fissi una data tu?
Sì, pensavo ad una data posteriore al 2 giugno.
Vista la calata dei lombardi a Roma, lasciami qualche giorno per decidere, poi dobbiamo rimetterci in careggiata.
Anche se per questa assemblea non sarà oggetto di discussione, volevo dirti che se proponi per il prossimo anno ritrovo a Brescia lo supporto sicuramente! Sarebbe un ottima cosa!
C'è un anno di tempo, ma mi piacerebbe sapere cosa ne pensano i barefooters più lontani: ritengono loro che Brescia possa essere una meta papabile e facilmente raggiungibile?

Per cortesia, evitiamo di scrivere cose che interessano il Club, tipo le decisioni da prendere, su questo Forum.
Rendiamoci conto che leggono TUTTI e poi ci troviamo le cazzate che si dicono su Google!
Se rileggete il mio post, ho evitato - a costo di essere generico - di dire cosa dobbiamo fare; inoltre, ripeto l'Assemblea deve essere preparata e ci sono PRIMA decisioni da prendere da parte del Direttivo.
Quindi andremo verso fine giugno, non ce la facciamo certo agli inizi del mese.

bfpaul


Ultima modifica di bfpaul il Mer Giu 16 2010, 20:16, modificato 1 volta
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  lucignolo il Mar Mag 25 2010, 22:18

Ah, ragazzi, a proposito di Milano.
Paolo Selis era appena partito per l'aeroporto di Linate.
Io, Nancy e Stefano ci stavamo godendo qualche minuto di chiacchiera in un baretto di via Pisani, dove fino a qualche decina di minuti prima ci eravamo riposati con Christian, Paolo e Nadia.
Vedo un paio di belle ragazze che percorrono il porticato.
Una delle due aveva qualcosa di strano.
Infradito minimali, le ragazze sono tipiche per queste cose.
Invece resto senza parole: è scalza, con due suole nero carbone.
Porca miseria, mi alzo, la inseguo, invece resta tutto nel mondo delle idee.
Allerto gli altri: è scalza, guardate, è scalza.
Mi guardano come se avessi la demenza senile, i ragazzi seduti ai tavoli guardano lei come se fosse un'aliena.
Non posso rincorrerla, perché sembrerebbe una scusa per rimorchiarla (magari....uuuhhhmmmm).
Nancy, vai!!
Occasione perduta. Accidentaccio.
Aveva in mano un paio di scarpette eleganti.
Avrà rotto il tacco? O l'avrà fatto per provare il piacere di andare scalza per la strada?
Ho pensato a Rei ed alla sua teoria del tacco spezzato. Wink
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  lucignolo il Mar Mag 25 2010, 22:25

bfpaul ha scritto:Per cortesia, evitiamo di scrivere cose che interessano il Club, tipo le decisioni da prendere, su questo Forum.
Rendiamoci conto che leggono TUTTI e poi ci troviamo le cazzate che si dicono su Google!
Se rileggete il mio post, ho evitato - a costo di essere generico - di dire cosa dobbiamo fare; inoltre, ripeto l'Assemblea deve essere preparata e ci sono PRIMA decisioni da prendere da parte del Direttivo.
Quindi andremo verso fine giugno, non ce la facciamo certo agli inzi del mese.

bfpaul
Le future mete non devono riguardare il club, ma tutti quanti.
Se continuiamo a mantenere il club su una terra aliena andremo poco lontano.
Siccome non condividi ed io non ci riesco, ti autorizzo a cancellare i miei post non pertinenti.
E fallo rapidamente, per favore.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  hadashi il Mar Mag 25 2010, 22:25

Andrea77 ha scritto:Paolo mi pare che le tue conclusioni siano un po' eccessive. Io credo che si possa fare molto anche senza un club reale
[...]
Io sono disponibile ad organizzare e a partecipare ad incontri (cosa che si può fare benissimo senza club) ma non ho il tempo e la voglia di impegnarmi ulteriormente.

E perchè NON si dovrebbe provare a fare un club come si deve ? Chi non vuole partecipare, mica è obbligato a farlo; può limitarsi a frequentare il forum, e finita lì. Anche se ci sarà un club attivo, chiunque vuole stare nascosto può limitarti al forum! Ma perchè frenare anche gli altri che vogliono diventare attivi ?

Christian
avatar
hadashi

Numero di messaggi : 772
Età : 46
Data d'iscrizione : 08.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  bfpaul il Mar Mag 25 2010, 22:33

Andrea77 ha scritto:Paolo mi pare che le tue conclusioni siano un po' eccessive. Io credo che si possa fare molto anche senza un club reale. Il nocciolo della questione è quanta voglia abbiamo di fare le cose. Se tu convochi un direttivo per eleggere il presidente del club e vi trovate in 3 mi pare che l'interesse sia nullo.
Abbi pazienza, Andrea, io e tutti i soci evidentemente la vediamo in modo diverso; le ragioni le ho spiegate a Roma e a Milano e su di esse erano d'accordo tutti, anche i non soci, salvo due o tre che non si sono espressi.
Poi quando dici "Se convochi un direttivo per eleggere il presidente del club e vi trovate in 3 mi pare che l'interesse sia nullo" sbagli perché:
1) si convoca un'Assemblea per questo, non un Consiglio Direttivo; in Direttivo siamo stati sempre tutti presenti
2) in Assemblea non eravamo presenti in tre (da dove è venuto questo numero?)
3) la percentuale dei presenti era fisiologicamente bassa, (circa il 20%)
4) non dico quanti eravamo perché sono fatti del Club e non di chi non gli interessa.

Andrea77 ha scritto:Credo che questa sia la visione maggioritaria ma silente e dormiente dei circa 200 iscitti al forum libero che è un numero abnorme rispetto a coloro che scrivono con una certa assiduità o partecipano alle iniziative che credo si possano ridurre a 20.
E anche tra questi molti come me vedono l'andare scalzi come una bella cosa da fare tra amici senza pubblicizzare la cosa e senza eccessivi impegni.
Questa è una supposizione assolutamente fondata, ma tutti questi amici non hanno alcuna voce in capitolo su ciò che deve o vuole fare il Club, bisognerebbe renderlo possibile facendo diventare Soci tutti quelli a cui interessa. Fatto questo, non saranno 200 ma meno e siccome hanno deciso di essere Soci non dovrebbero essere disinteressati alla sorte del Club. Potranno essere inattivi e questo è normale; in nessun Club tutti sono attivi allo stesso modo, c'è chi si impegna molto, chi poco e chi niente.

Andrea77 ha scritto:Facendo un parallelo con il CAI c'è chi è socio ma nn partecipa mai, c'è chi è socio e partecipa alle gite ma non vuole prendersi la briga di accompagnare, c'è chi si da da fare diventando capogita, istruttori e altro assumendosi oneri e onori, c'è chi si presta a fare il presidente,... C'è poi chi va in montagna senza neppure essere socio ma con questo non è che sia meno bravo degli altri soltanto preferisce impegnarsi solamente nell'attività escursionistica-alpinistica senza avere la neccessità di faresi una tessera. Magari perchè fa questa attività saltuariamente ma non è detto. Magari va in montagna + spesso e meglio del presidente del CAI che è + un burocrate che un alpinista.
Bravo, hai fatto il parallelo giusto e noi saremo proprio così.
Anche al CAI ci sono quelli che fanno alpinismo, quelli che fanno sci, quelli che fanno speleo, quelli che fanno escursionismo e tutto ciò a diversi livelli di impegno e competenza, ma nessuno si sogna di pretendere niente dai Soci perché si tratta, anche quando si fa Soccorso Alpino, di VOLONTARIATO.
E così sarà anche per noi.
Chi da utente del Forum diventerà Socio non sarà obbligato a far niente, sarà un Socio che ci stima e parteciperà alle attività quando e come vorrà e/o potrà. Gli diremo comunque grazie.
Chi vorrà, potrà partecipare e contribuire con la quota e l'attività a rendere il Club "reale" cioè attivo, organizzando attività a lui congeniali. Ed avrà la riconoscenza di tutti.
Sinceramente non vedo cosa altro ci sia da discutere; sarà anche il caso di non continuare all'infinito a fare i sofisti perché questa è una delle cose negative che hanno finora frenato lo sviluppo del Club.

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Andrea77 il Mer Mag 26 2010, 23:24

Scusate provo a chiarire alcune cose.
1) Paolo non vedo cosa ci sia di male a scrivere sul forum cose che interessano il club visto che da quanto ho capito ci potrebbe essere un travaso degli iscritti al forum al club e quindi di questo non puoi parlarne nel forum del club dove gli altri nonnpossono accedere. Certo qui chiunque può leggere. E allora? Non mi pare che si stia organizzando un attentato!? Cosa c'è da nascondere?
2) Io non voglio frenare nessuno chi vuole fare il club lo faccia, chi vuole attivarsi si attivi.
Capisco e condivido il rischio che il nome e il marchio veda in cattive mani con il rischio di trovarci in cattiva luce.
Spero che capiate che alcuni vorrebbero rimanere 'invisibili' e potrebbero temere la pubblicità che volete fare.
A questo ci sarebbe come unico rimedio che costoro levino le proprie foto dal sito prima che sia troppo tardi.
3) Facciamo 4 conti xchè a dire che siamo 200 ci copriamo di ridicolo se uno va a vedere la statistica degli utenti:
Totale iscritti 174 di cui 94 non ha MAI scritto e di cui 67 non hanno mai acceduto al forum (cosa diamine hanno chiesto l'account non si sa?).
Ergo 80 hanno scritto almeno 1 volta.
Oltre 100 interventi siamo solo in 20.
Faccio una piccola osservazione.
Nadia si è iscritta il 21/4/2010 e ha già fatto 2 uscite! Complimenti! Gli altri dormono all'umido? (spero che ora dopo i complimenti non sparisca).

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  hadashi il Gio Mag 27 2010, 00:27

Andrea77 ha scritto:
Spero che capiate che alcuni vorrebbero rimanere 'invisibili' e potrebbero temere la pubblicità che volete fare.
A questo ci sarebbe come unico rimedio che costoro levino le proprie foto dal sito prima che sia troppo tardi.
Questo non lo capisco... le foto pubblicate su questo sito sono comunque visibili a tutti; non bisogna essere iscritti per poter accedere alla "fotogallery". Perchè caricare delle foto in primo luogo, se si vuole evitare a tutti i costi che qualcun altro ci veda ?
Poi, se già noi stessi ci "vergogniamo" di quello che facciamo, come possiamo sperare che gli altri accettino il nostro stare scalzi ?

Ciao
Christian
avatar
hadashi

Numero di messaggi : 772
Età : 46
Data d'iscrizione : 08.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Marc_63 il Gio Mag 27 2010, 02:18

Andrea77 ha scritto :
Paolo mi pare che le tue conclusioni siano un po' eccessive. Io credo che si possa fare molto anche senza un club reale. Il nocciolo della questione è quanta voglia abbiamo di fare le cose. Se tu convochi un direttivo per eleggere il presidente del club e vi trovate in 3 mi pare che l'interesse sia nullo.

Ho qualche dubbio, Andrea, che si possa fare molto senza avere alle spalle un’associazione o club che dir si voglia. Certo, se limitiamo il nostro agire a raduni o alla raccolta di esperienze personali o del poco materiale informativo che riusciamo a reperire e a condividere con gli altri amici, allora un club potrebbe anche non servire; basterebbe che due persone si prendessero l’incarico una di postare il materiale, l’altra di organizzare gli incontri e i giochi sarebbero fatti.
Tuttavia, attribuire al Club, una funzione così risicata mi pare troppo limitativo.
Un Club o un’Associazione che dir si voglia, deve in primo luogo assolvere una funzione rappresentativa di una certa fascia di persone che condividono una passione o un ideale e che desiderano che quella passione o quell’ideale possa essere prima di tutto conosciuto, poi illustrato nella maniera più corretta possibile e poi proposto come stile o semplicemente come un modo di essere o di fare, lecito e, quanto meno, accettabile.
Voglio dire che un’associazione assolve certamente meglio di quanto non potrebbe fare un singolo (o un gruppo di singoli riuniti solo dal vessillo di una comune “conoscenza su internet”) a determinate funzioni in cui si rende necessaria l’espressione di una volontà o di una esigenza comune, di una “categoria” di persone, e non di un singolo e di quattro amici che lo seguono….e per giunta senza volto e senza nome….
Poi consideriamo che un’associazione non deve avere come interlocutori solo i propri membri e i simpatizzanti, altrimenti implode prima ancora di nascere; ma essa deve prefigersi di interagire con altre associazioni, con altre realtà sociali allo scopo di creare quelle sinergie utili alla realizzazione di progetti di varia natura e che abbiano, ovviamente, attinenza con gli scopi associativi.
In buona sostanza, portare il nostro (seppur piccolo) contributo al lavoro altrui e trarre dal lavoro e/o dalla disponibilità altrui tutti quei vantaggi che possono alleggerire e facilitare il compito che ci siamo preposti, deve costituire una prassi ineluttabile del nostro agire come Club.
Considera, Andrea, la necessità, ad esempio, di doverci rivolgere ad un docente o ad un ricercatore universitario per ottenere da lui indicazioni o suggerimenti di varia natura (su testi, riviste, ricerche, scoperte ecc.) a vantaggio dei barefooters: una cosa sarebbe presentarci a lui come singoli, altra cosa come membri di una associazione impegnata in ricerche di un certo tipo. Non credi che l’impatto sarebbe diverso ? Oppure l’interazione nostra con associazioni sportive, culturali, ecologiste….presenti sul territorio….non credi che sarebbe utile per diffondere in maniera seria i nostri ideali, le nostre ragioni e le nostre motivazioni ?
E anche laddove emergessero, se non sono già emerse, da parte dei soci o dei simpatizzanti,, esigenze di tutela; l’associazione, sia pure valutando caso per caso, potrebbe assolvere a questo ruolo; un gruppo di singoli certamente no.

Andrea scrive ancora :
Magari (chi non è socio CAI) va in montagna + spesso e meglio del presidente del CAI che è + un burocrate che un alpinista.

Lo scrittore brasiliano Paulo Coelho, nel libro “Il cammino di Santiago”, domanda a Manolo, capo della tifoseria spagnola ai mondiali del Messico, come riuscisse a seguire il gioco, visto che volgeva sempre le spalle al campo per incitare la tifoseria.
Manolo risponde : “E’ questa la mia gioia, aiutare la tifoseria a credere nella vittoria”.
Penso che, altrettanto sia per il Presidente di una qualunque associazione o di un Club, aiutare gli altri nel credere in quello che fanno, nei risultati che il club può raggiungere, incoraggiando la partecipazione a tutti i livelli e sostenendo chi per stanchezza o per paura rischia di cedere al disfattismo. Grande ruolo quello di un presidente, non perché consista in un ruolo di comando, ma perché egli deve potersi mettere al servizio di tutti, rinunciando, il più delle volte, a quanto , magari, potrebbe piacergli di più per assolvere ad un ruolo importante quanto delicato e impegnativo, compreso quello di “tirare le orecchie” a qualcuno quando se lo merita….




Flavio scrive:
A volte mi sembri una di quelle mosche che continuano a sbattere contro il vetro, senza accorgersi che a dieci centimetri c'è un varco grande come una montagna.
Non offenderti, ma non ti rendi conto che continui a girare e rigirare sugli stessi argomenti.
Tu devi essere libero di fare ciò che ti senti, ma continuo a pensare che ti devi sbranare, come si dice dalle nostre parti, cioè uscire dallo stato di imbranato (per chi non lo sapesse).
Che ti piaccia o no, io continuo a ritenerti uno dei più forti barefooters del Nord Italia.
Se non te la senti di esporti e di entrare in conflitto con i tuoi cari, sappi che nessuno te lo può imporre.
Però non frenare e dai la possibilità a chi se la sente di continuare a remare.
Dico che abbiamo il dovere di tentare di nuovo e che Paolo ha ragione a dire che devono diventare soci TUTTI.
E ci saranno quelli attivi e quelli che preferiscono stare ai margini e questo succede anche nel CAI.
State attenti tutti e considerate che il nostro marchio va difeso ad oltranza, perché ci sarà qualche sito fetish che ce lo ruberà e qualche avvisaglia l'abbiamo già ricevuta.
A me NON va che un domani mi isolino o mi additino come uno di quei feticisti che usano i piedi nudi a scopi sessuali.
Il nostro logo, il nostro nome NON SI TOCCA!
E per avere l'autorità di impedire abusi si deve avere uno statuto ed un marchio registrato.
Quindi un CLUB.
È chiaro il concetto?
Questo non vuol dire che tutti devono fare interviste o vedersi pubblicare sui giornali, ma coloro che se la sentono devono essere legittimati a parlare in nome di qualcosa che è ufficialmente registrato.
Perciò io ribadisco che il minimo che possiamo fare è RIPROVARCI.
Condivido il pensiero di Selis: non puoi parlare con un giornalista senza quantificare dei soci, altro che volemosi tutti bene ogni tanto e, soprattutto, utilizzare l'arma dei delegati.
Siamo pochi, ma possiamo costituire un gruppo di 200 soci e quest'ultima parola è quella che conta, quella che ha il peso dell'ufficialità.
Non tutti attivi, non tutti disposti a metterci la faccia, ma tutti convinti che scalzi è bello, come tutti i soci del CAI sono concordi su una cosa: che la montagna è un bene meraviglioso che appartiene a tutti.

Un bell’intervento, Flavio, col quale tutti ci dovremmo confrontare e dal quale traspare severità ma anche affetto e stima sincera, tanto da leggersi come un forte incoraggiamento non solo per Andrea ma per tutti noi; dall’altra denota un rinnovato entusiasmo nell’andare avanti per la strada che abbiamo tracciato, oltre alla necessità di evitare i rischi che hai esposto e che sono più che reali.
Prima ancora che dalle carte “ufficiali” un club nasce da questi elementi: essere sempre positivi, incoraggianti, risoluti e dal credere fermamente in quello che si fa.

Christian scrive :
E perchè NON si dovrebbe provare a fare un club come si deve ? Chi non vuole partecipare, mica è obbligato a farlo; può limitarsi a frequentare il forum, e finita lì. Anche se ci sarà un club attivo, chiunque vuole stare nascosto può limitarti al forum! Ma perchè frenare anche gli altri che vogliono diventare attivi ?

Christian

Come sempre garbato e diretto, Christian. Staquoto il tuo intervento ! Wink

...e scrive ancora :
Questo non lo capisco... le foto pubblicate su questo sito sono comunque visibili a tutti; non bisogna essere iscritti per poter accedere alla "fotogallery". Perchè caricare delle foto in primo luogo, se si vuole evitare a tutti i costi che qualcun altro ci veda ?
Poi, se già noi stessi ci "vergogniamo" di quello che facciamo, come possiamo sperare che gli altri accettino il nostro stare scalzi ?]
Ciao
Christian

Onestamente non lo comprendo neppure io. Personalmente sarei ben felice se qualcuno vedesse le mie foto, altrimenti non le avrei postate…..
Anzi, se i miei conoscenti vedessero le mie foto nella fotogallery del sito e leggessero le motivazioni e le ragioni che spingono noi bf, sarebbe molto meglio che non vedermi camminare scalzo e non capire perché lo faccio, magari girando l’angolo e facendo finta di non vedermi…..E vi dirò di più, che in un post su Facebook ho linkato persino il nostro sito da cui possono vedere tranquillamente la gallery..
Eduardo De Filippo ne “Il Sindaco del Rione Sanità” diceva che “Un uomo, se è un uomo….sa amministrare tanto il suo coraggio quanto la sua paura”. Very Happy
Ciao.
Marcello.
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  bfpaul il Gio Mag 27 2010, 13:34

Andrea77 ha scritto:Scusate provo a chiarire alcune cose.
1) Paolo non vedo cosa ci sia di male a scrivere sul forum cose che interessano il club visto che da quanto ho capito ci potrebbe essere un travaso degli iscritti al forum al club e quindi di questo non puoi parlarne nel forum del club dove gli altri non possono accedere. Certo qui chiunque può leggere. E allora? Non mi pare che si stia organizzando un attentato!? Cosa c'è da nascondere?
Non c'è niente di male.
Solo che io sono una persona prudente e non dico gatto se non ce l'ho nel sacco.
Prima di dire che vogliamo fare una certa cosa con tutti gli utenti del forum in questo Forum, vorrei decidere esattamente cosa fare e visto che si tratta di una decisione che deve prendere il Direttivo del Club, ne parliamo dopo che è stata presa.
Ho voluto anticipare le linee da seguire con tutti gli amici che si trovavano a Milano - soci o non soci - perché era doveroso e perché a chi si è scomodato dovevo pure spiegare cosa si vorrebbe fare.
Agli altri che leggono magari per la prima volta questo Forum, può interessare e può anche non interessare.
Queste pagine potrebbero venir registrate su un motore di ricerca e ci resterebbero anni dopo che abbiamo risolto i nostri problemi, e questo non mi va.
Ora è chiaro?

Andrea77 ha scritto:2) Io non voglio frenare nessuno chi vuole fare il club lo faccia, chi vuole attivarsi si attivi.
Capisco e condivido il rischio che il nome e il marchio veda in cattive mani con il rischio di trovarci in cattiva luce.
Spero che capiate che alcuni vorrebbero rimanere 'invisibili' e potrebbero temere la pubblicità che volete fare.
A questo ci sarebbe come unico rimedio che costoro levino le proprie foto dal sito prima che sia troppo tardi.
Chiunque mi chieda di levare le sue immagini dalla galleria del sito verrà accontentato, ma sono sicuro che eventualmente lo farai solo tu.

Andrea77 ha scritto:3) Facciamo 4 conti xchè a dire che siamo 200 ci copriamo di ridicolo se uno va a vedere la statistica degli utenti:
Totale iscritti 174 di cui 94 non ha MAI scritto e di cui 67 non hanno mai acceduto al forum (cosa diamine hanno chiesto l'account non si sa?).
Ergo 80 hanno scritto almeno 1 volta.
Oltre 100 interventi siamo solo in 20.
E che c'è di strano?
Abbiamo 174 utenti del Forum di cui 94 non hanno mai scritto (e su questi 67 non hanno fatto neppure un accesso), 80 (poco più della metà) ha scritto solo una volta, 20 hanno scritto oltre 100 volte.
Molta gente si iscrive ad associazioni o Club e poi non partecipa a nessuna iniziativa. Legge - se legge - ed è contenta. Affari loro.
Ciò che si vuol fare è di motivare maggiormente tutte queste persone e non è detto che si si riesca ...

Faccio una piccola osservazione.
Andrea77 ha scritto:Nadia si è iscritta il 21/4/2010 e ha già fatto 2 uscite! Complimenti! Gli altri dormono all'umido? (spero che ora dopo i complimenti non sparisca).
Nadia è un campione. Bravissima davvero!

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Andrea77 il Gio Mag 27 2010, 22:54

Questo non lo capisco... le foto pubblicate su questo sito sono comunque visibili a tutti; non bisogna essere iscritti per poter accedere alla "fotogallery". Perchè caricare delle foto in primo luogo, se si vuole evitare a tutti i costi che qualcun altro ci veda ?
Poi, se già noi stessi ci "vergogniamo" di quello che facciamo, come possiamo sperare che gli altri accettino il nostro stare scalzi ?

----
Allora provo a spiegarmi meglio.
Se le cose restano come ora il sito viene visto da un numero limitato di persone e il rischio che qualche conoscente mi veda è remoto.
Se si incominciasse ad andare su giornali, TV o altro il sito verrebbe visto da molte + persone e la possibilità che qualcuno che mi conosce mi veda aumentano.
La questione non è che io mi vergogno ma che so per certo che molte persone prenderebbero a male se scoprissero questa mia passione e questo potrebbe anche danneggiarmi.
Di conseguenza prima di agire si deve anche capire quali potrebbero essere le conseguenze.

Per il discorso del Club si o no dipende cosa si vuole fare.
Se si vuole 'semplicemente' (e lo metto tra virgolette xchè visto i precedenti non è affatto semplice) continuare a fare raduni magari cercando di aumentarne il numero delle uscite e quello dei partecipanti il club non serve a nulla.
Se invece si vuole registrare il nome, il marchio, fare interviste e quant'altro sono d'accordo che ci vuole un club o associazione.
Quello che volevo sottolineare che quelli un minimo attivi sono 20 di cui ancora meno si vogliono impegnare seriamente quindi suggerisco prima di partire in quarta di contarci, o meglio di contarvi xchè io sono tra i 20 attivi ma di questi 20 faccio parte di quel gruppetto che non vuole andare oltre e che ritiene che il club non serve. Qualcuno di questi è pure socio del club ma come si è visto (come mi è stato detto) alle varie assemblee x eleggere il presidente si sono presentati in 3.
Uno è diventato presidente, l'altra vice e l'ultimo, che è poi quello che veramente tira le fila essendo il web muster, non ricordo cosa.
Se x voi questo ha senso andate pure avanti.
Come non ha senso far diventare tutti soci anche la metà degli iscritti che non hanno mai scritto nulla sul forum e che francamente non riesco a comprendere cosa abbiano chesto a fare un utenza visto che x leggere il forum uno può farlo anche senza iscriversi.

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Marc_63 il Ven Mag 28 2010, 13:59

Allora provo a spiegarmi meglio.
Se le cose restano come ora il sito viene visto da un numero limitato di persone e il rischio che qualche conoscente mi veda è remoto.
Se si incominciasse ad andare su giornali, TV o altro il sito verrebbe visto da molte + persone e la possibilità che qualcuno che mi conosce mi veda aumentano.
La questione non è che io mi vergogno ma che so per certo che molte persone prenderebbero a male se scoprissero questa mia passione e questo potrebbe anche danneggiarmi.
Di conseguenza prima di agire si deve anche capire quali potrebbero essere le conseguenze.

Per il discorso del Club si o no dipende cosa si vuole fare.
Se si vuole 'semplicemente' (e lo metto tra virgolette xchè visto i precedenti non è affatto semplice) continuare a fare raduni magari cercando di aumentarne il numero delle uscite e quello dei partecipanti il club non serve a nulla.
Se invece si vuole registrare il nome, il marchio, fare interviste e quant'altro sono d'accordo che ci vuole un club o associazione.
Quello che volevo sottolineare che quelli un minimo attivi sono 20 di cui ancora meno si vogliono impegnare seriamente quindi suggerisco prima di partire in quarta di contarci, o meglio di contarvi xchè io sono tra i 20 attivi ma di questi 20 faccio parte di quel gruppetto che non vuole andare oltre e che ritiene che il club non serve. Qualcuno di questi è pure socio del club ma come si è visto (come mi è stato detto) alle varie assemblee x eleggere il presidente si sono presentati in 3.
Uno è diventato presidente, l'altra vice e l'ultimo, che è poi quello che veramente tira le fila essendo il web muster, non ricordo cosa.
Se x voi questo ha senso andate pure avanti.
Come non ha senso far diventare tutti soci anche la metà degli iscritti che non hanno mai scritto nulla sul forum e che francamente non riesco a comprendere cosa abbiano chesto a fare un utenza visto che x leggere il forum uno può farlo anche senza iscriversi.

Ciao
Andrea

Andrea, il barefooting non è da considerarsi al pari di una sorta di "masturbazione" che molti praticano anche per il gusto del proibito e le cui esperienze e quant'altro, possono e debbano (in quel caso) essere condivise solo ed esclusivamente in una stretta cerchia di adepti legati dal giuramento della massima segretezza.
E non dobbiamo pensare che per il solo fatto che qualcuno ci proibisca o ci abbia proibito di camminare scalzi o che altri non condividano la nostra scelta, debba trattarsi di qualcosa di immorale tanto da attirarci gli anatemi altrui e quindi da praticare lontano da occhi indiscreti.
Anzi, il fatto che prima di vedermi per strada, i miei conoscenti, vengano a sapere che che pratico il barefooting, leggendo anche nel sito le ragioni che spingono me e altri a praticarlo, può solo avvantaggiarmi e preparare loro nel caso un giorno mi incontrassero per strada.
Se poi il mio nome è legato anche ad un Club o ad una Associazione, ancora meglio perchè dimostrerebbe che la pratica viene da me svolta con serietà e competenza e/o con motivazioni condivise anche da tanti altri. In oltre il Club non credi che abbia anche il compito di smussare certe mentalità che tu affermi ti possano addirittura danneggiare ? Alla fine, guarda, stiamo lavorando per questo....Wink

Andare sui giornali, in TV, su altri siti e fare conoscere le nostre ragioni, nei dovuti modi, è proprio uno degli obbiettivi del Club, magari ci riuscissimo, e magari riuscissimo a convogliare nel sito un numero sempre crescente di persone...."Una candela non la si accende per metterla sotto un moggio (uno straccio)". Ma scusa che senso avrebbe avuto realizzare un sito per poi non renderlo visibile e non rendere visibile il suo contenuto ? E'ovvio , Andrea, che, se le cose andranno come speriamo, non solo il sito sarà più visibile, ma sono certo che a noi si aggiungeranno altri, che magari non sospettano neppure l'esistenza di un club fatto di persone che amano camminare e/o correre a piedi nudi.
Certo è che, se già nell'anticamera del Club emergono atteggiamenti alla "cane di zia Giovanna - come si dice in una nostra zona - che non mangia e non lascia mangiare neppure gli altri" cani, credo che, al dilà degli sforzi individuali di coloro che ci credono sino in fondo, potremmo avere seri problemi nel fornire alla nostra iniziativa quel necessario supporto di credibilità.
Per quanto riguarda poi la scarsa presenza alle assemblee, a parte il fatto che meglio sarebbe, a mio avviso, che certe informazioni restassero all'interno del Club, (perchè sbandierando la cosa ai "quattro venti" rischiamo di gettare anche discredito ingiustificato su di esso), questo è un problema che, semmai riguarda coloro che non partecipano, perdendo l'occasione di esporre, democraticamente, il proprio pensiero; ma per nulla può essere addotta come motivazione dell'inutilità del Club stesso, anzi, più un Club è visibile e più c'è la possibilità che altri si aggiungano portando eventualmente un valido contributo, aggirando anche il problema che tu dici della scarsa partecipazione.
Guarda Andrea, io ho esperienza di diverse associazioni (che dispongono di sito internet, di forum e di mailing list ) alle quali sono stato e/o sono iscritto tutt'ora; ebbene, ci sono soci, iscritti da anni, che non sono mai intervenuti, ne' nelle discussioni, ne' alle assemblee, ne' hanno mai portato un loro contributo in termini di materiale e/o esperienza. Nonostante ciò sono i primi, il più delle volte, a rinnovare l'iscrizione annuale (e ti parlo di cifre che superano talvolta i 50 Euro annui ). Evidentemente il solo fatto di contribuire, anche con la sola quota sociale, il fatto di appartenere ad una associazione, di poter anche solo leggere gli interventi altrui (senza intervenire) da loro un senso di appagamento e di soddisfazione.....e ben venga !
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incontri a Roma e Milano

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum