A proposito di antitetanica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

A proposito di antitetanica

Messaggio  alberto66 il Sab Mag 29 2010, 10:25

Domenica scorsa ho trovato il pavimento della "bella" Milano ridotto ad una vetreria, tanto che non sono riuscito con le mie suole che a fare pochi passi
completamente scalzi qua e la' dove si poteva. A parte questo pero' mi e' venuto in mente di controllare bene la scadenza della mia vacc. antitetanica in
vista anche dell' estate e delle opportunita' di andare un po scalzo. Ho potuto cosi' vedere che sarei coperto ancora per 1 anno e qualche mese rispetto
all'ultimo richiamo fatto ormai quasi 9 anni fa;semra ieri! confused Allora la curiosita' che mi e' venuta e' questa (so che in questo forum ci sono almeno
1 o + medici o chi ne sa piu di me) :avvicinandosi allo scadere del periodo l' efficacia si puo' dire che sia sempre al 1oo% oppure con piu' ci si allontana dal
richiamo piu' le garanzie diminuiscono? Credo che questa curiosita' possa interessare non solo me anche molti.Mi picerebbe sapere un parere.Fine del disccorso.
Un saluto,specialmente a quelli che ho potuto conoscere personalmente per la prima volta al raduno di domenica.
Alberto
avatar
alberto66

Numero di messaggi : 97
Data d'iscrizione : 12.03.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: A proposito di antitetanica

Messaggio  bfpaul il Sab Mag 29 2010, 12:40

alberto66 ha scritto:Domenica scorsa ho trovato il pavimento della "bella" Milano ridotto ad una vetreria, tanto che non sono riuscito con le mie suole che a fare pochi passi
completamente scalzi qua e la' dove si poteva. A parte questo pero' mi e' venuto in mente di controllare bene la scadenza della mia vacc. antitetanica in
vista anche dell' estate e delle opportunita' di andare un po scalzo. Ho potuto cosi' vedere che sarei coperto ancora per 1 anno e qualche mese rispetto
all'ultimo richiamo fatto ormai quasi 9 anni fa;sembra ieri! confused Allora la curiosita' che mi e' venuta e' questa (so che in questo forum ci sono almeno
1 o + medici o chi ne sa piu di me) :avvicinandosi allo scadere del periodo l' efficacia si puo' dire che sia sempre al 1oo% oppure con piu' ci si allontana dal
richiamo piu' le garanzie diminuiscono? Credo che questa curiosita' possa interessare non solo me anche molti.Mi picerebbe sapere un parere.Fine del disccorso.
Un saluto,specialmente a quelli che ho potuto conoscere personalmente per la prima volta al raduno di domenica.
Alberto
Ciao Alberto, ti devo chiedere scusa per domenica scorsa, in quanto non è capitato fra le tante cose accadute di fare una chiaccherata fra noi; mi ha fatto però piacere vederti e spero che in seguito tu sia presente alle uscite che sicuramente il "gruppo del nord" organizzerà.
Non sono un medico, ma credo che l'efficacia dell'antitetanica diminuisca un po' nel tempo, per questo si fanno i richiami. In questo caso la copertura dovrebbe restare del 100%. Ma sentiamo gli esperti.

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: A proposito di antitetanica

Messaggio  alex65 il Gio Giu 03 2010, 12:05

Leggo solo ora ma e' un po' che non riesco a collegarmi...

Io avevo l'antitetanica bella e scaduta, ma quando ho chiesto al medico curante di farmi la ricetta mi ha consigliato di fare un'analisi del sangue per vedere se ero coperto
(anche perche' mi stava comunque facendo una impegnativa per delle analisi di controllo). Cosi' ho fatto ed e' risultato che avevo anticorpi a sufficienza.
Certo... non so cosa mi sarebbe costato meno dato che l'analisi per il tetano si e' fatta pagare
avatar
alex65

Numero di messaggi : 303
Età : 52
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: A proposito di antitetanica

Messaggio  lucignolo il Gio Giu 03 2010, 22:13

alberto66 ha scritto:Non sono un medico, ma credo che l'efficacia dell'antitetanica diminuisca un po' nel tempo, per questo si fanno i richiami. In questo caso la copertura dovrebbe restare del 100%. Ma sentiamo gli esperti.
Ciao, Alberto.
La risposta vaccinale è estremamente individuale, perciò non è detto che essere vaccinati voglia dire immunità.
Esistono i non-responder, cioè persone che pur vaccinate non producono anticorpi specifici.
Per questo motivo ad ogni vaccinazione dovrebbe seguire (dopo un mesetto) un dosaggio degli anticorpi che ci interessano e vedere se si è effettivamente protetti.
Ma non è cosa sostenibile come screening di massa, soprattutto per motivi economici.
Quante sono le probabilità che un soggetto vaccinato non risponda? Pochissime, allora si sceglie di fidarsi del sistema immunitario medio.
Sei vaccinato, allora hai altissime probabilità di essere protetto.
Gli operatori sanitari vengono tutti vaccinati, ad esempio, per l'epatite B: negli ultimi anni si preferisce dosare quanti anticorpi hai, cioè il cosiddetto titolo anticorpale: se hai tanti anticorpi, allora sei protetto e non sarai vaccinato.
Perché vaccinare se non ne hai bisogno? Ecco, questo dovrebbe essere il nuovo approccio immunologico.
Che non è applicabile in massa. Costa meno vaccinare, che fare test di screening.
Inoltre per essere sicuro dovresti fare un test almeno ogni sei mesi, mentre si da per scontato, su base statistico-epidemiologica, che una vaccinazione dura almeno un certo numero di mesi.
Insomma, la tua domanda è più profonda di quanto immagini e tocca una problematica complessa e di difficile soluzione.
Proprio per questo motivo si preferisce fare riferimento ai protocolli approvati dall'OMS, saldamente fondati su dati ricavati da indagini vastissime e su intervalli temporali di generazioni.
Ogni individuo è diverso dall'altro e se si ha tempo, voglia e denaro da spendere la cosa migliore è effettuare un monitoraggio personale; in caso contrario ci si deve attenere a protocolli chiari e ben collaudati http://www.nati-scalzi.org/INFO/medicina/med.htm.
Ricordati che avere in mano un certificato vaccinale è fondamentale per non ricevere dosi di vaccino inutili o addirittura pericolose.
Ora, non riceverai dosi di vaccino se sei stato vaccinato da meno di cinque anni; in caso contrario tutto dipende dalle tue ferite.
Se queste sono gravi e visibilmente contaminate e sei stato vaccinato da più di cinque anni, allora è meglio effettuare un richiamo.
Sì, l'efficienza vaccinale decade col tempo, ma non è una correlazione diretta.
Dipende dal tuo sistema immunitario, dalle tue abitudini di vita e dalle tue caratteristiche individuali.
Sono convinto, e mi piacerebbe poter scrivere un lavoro specifico sull'argomento, che i barefooters hanno tutti titoli anticorpali anti-tetano abnormi, perché sono iperstimolati da una situazione anti-igienica, ma servono prove.
Nel dubbio e considerando l'importanza di avere in mano un certificato vaccinale in caso di incidente, non rinuncerei al classico richiamo decennale.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: A proposito di antitetanica

Messaggio  alberto66 il Ven Giu 04 2010, 18:57

Ok per ora grazie per queste risposte,quella di Flavio per altro molto approfondita.Si insomma praticamente non bisogna farsi troppi problemi...
Affidarsi ai richiami "imposti" e stop. Poi anche perche' se no non si vive piu' no?!
avatar
alberto66

Numero di messaggi : 97
Data d'iscrizione : 12.03.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: A proposito di antitetanica

Messaggio  lucignolo il Ven Giu 04 2010, 22:28

alberto66 ha scritto:Affidarsi ai richiami "imposti" e stop. Poi anche perche' se no non si vive piu' no?!
Vedi, il problema è che quando si ha a che fare con i grandi numeri bisogna per forza trovare una regola che valga per tutti e che sia il miglior compromesso fra costi e benefici.
Il pericolo è che lo sfigato colpito dalla legge di Murphy paghi per tutti, ma non abbiamo molta scelta nel momento in cui diventiamo parte del tutto.
La probabilità di essere colpito dalla legge di Murphy è più vicina ad una battuta statistica che alla realtà e non è maggiore di quella che avresti di cadere durante un viaggio aereo.
Tieni presente che in caso di incidente potresti essere incosciente; l'operatore sanitario cercherà qualcosa di sicuro, ad esempio il tuo gruppo sanguigno ed i tuoi certificati vaccinali.
Funziona così.
In assenza di certezze documentate l'operatore sanitario potrebbe essere messo nella condizione di prendere decisioni azzardate che potrebbero nuocere alla tua salute.
Una vaccinazione antitetanica nei tempi prestabiliti costa poco, non crea problemi e ci salvaguarda da gravi inconvenienti.
E.......portate sempre con voi il vostro certificato vaccinale antitetanico ed il vostro certificato del gruppo sanguigno: ne va della vostra vita!
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: A proposito di antitetanica

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum