Roma: la calata dei longobardi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Roma: la calata dei longobardi

Messaggio  lucignolo il Gio Giu 03 2010, 21:06

L’idea era partita come una semplice gita: una coppia (io-Lucignolo e Nancy-Lucina) più due amici (Ares-Alessandro e Stefano) che scendono a Roma.
In realtà, essendo tutti barefooters, un’ideuzza mi frullava per la testa: conoscere personalmente qualche scalzista romano.
Non vi racconterò della nostra gita, ma solo delle impressioni da me percepite.

Partiamo sabato 29 maggio da Milano P.ta Garibaldi con la veloce Freccia Rossa ed alle ore 11:50 siamo nella città eterna.
Mi viene un po’ da ridere e mi godo la scena, perché essendo l’ultimo dei quattro vedo sfilare uno dopo l’altro i miei compagni di viaggio rigorosamente calzati proprio sotto il naso di Rei, che mi aveva preannunciato che sarebbe venuto ad accoglierci alla stazione di Roma Termini.
Siamo gli ultimi passeggeri scesi dal treno e, forse, Rei pensava di essere stato bidonato. Very Happy
Passo davanti a questo signore scalzo che si guarda attorno un po’ perplesso: quasi quasi faccio finta di nulla e vediamo che succede. Very Happy
Ma no, gli vado incontro e mi presento.
Chiamo gli altri che mi vengono incontro perplessi: ma ragazzi, è Rei ed è scalzo.
In effetti lui è basito: ma come, non vi avrei riconosciuti, così calzati (a parte le mie infradito)!
Ci diamo appuntamento per ora di cena e noi quattro ci dirigiamo all'hotel sul Gianicolo: se volete un po’ di emozioni forti provate i tassinari locali.
Io, che stavo davanti, ho viaggiato saldamente attaccato alla maniglietta laterale, con una gamba leggermente sollevata, in attesa del tragico impatto.

Entriamo subito in azione scalzi in un ristorantino poco distante dalla nostra base.
A dire il vero non mi sembra che l’asfalto bruci, perciò decido di insistere.
Prima impressione: la gente ti guarda, ma è lo sguardo di chi vede una cosa insolita, non un commento, non una faccia allibita, né contrariata.
Sali sugli autobus, scendi in metropolitana, attraversi una via affollata fra l’indifferenza generale.
Non c’è divieto di accesso agli scalzi nelle metropolitane, solo sulle scale mobili per evidenti motivi di sicurezza.

L’asfalto non è difficile, anche se a tratti decisamente ruvido, semmai sono i lunghissimi tratti di sampietrini a mettere in crisi.
Non sono cubetti di porfido rossiccio come quelli che si vedono nelle nostre città del nord, ma cubetti neri come la pece, di forma piuttosto irregolare.
Al sole si arroventano e bisogna stare piuttosto attenti.
Poi sono decisamente sconnessi e distanti fra di loro: allora il piede, specie se nudo, deve fare un esercizio continuo di adattamento, cercando di plasmare muscoli e tendini ad una superficie mai uguale.
Se le cose fossero così, camminare scalzi a Roma non sarebbe affatto difficile; il problema è che si finisce per piantare il tallone ripetutamente fra un cubetto e l’altro.
Una volta, due volte, dieci volte……e si comincia a pensare di ricalzarsi.
In piazza San Pietro si fa la coda per visitare la Basilica: sono il primo dei quattro a varcare i sistemi di sicurezza ed un’agente della Polizia di Stato mi domanda perché sono scalzo: rispondo che uso pochissimo le scarpe, anzi, quasi mai.
Un po’ perplesso mi risponde che mi verranno i piedi durissimi, mi guarda come se temesse di essere preso per i fondelli, ma non fa obiezioni.
Prima di entrare in Basilica si deve passare davanti a dei custodi; un giovanottello imberbe si lancia su Nancy parlando in inglese, con il dito puntato sui piedi: <No shoes, no, no>.
Nancy lo riceve con un sorriso: <Ma non mi ringrazia, ‘ché non le rovino quei bellissimi pavimenti della basilica?> e gli sforna un battito di occhi che sembra quasi aver raddoppiato la lunghezza delle ciglia.
Il custode vacilla e sbanda come colpito da un gancio destro, ma prima che mi cada addosso gli chiedo: <PERCHÉ?>.
Il giovanotto sbanda dalla parte opposta e farfuglia qualcosa di poco chiaro, è imbarazzato e non sa che dire, da un’occhiata ai suoi colleghi poco distanti e, vista la loro indifferenza, ci lascia passare.
Quel portone della Basilica mi sembrava l’Arco di Trionfo. cheers

La sera la stanchezza comincia a farsi sentire e questo mi porta a sbagliare spesso l’appoggio sui sampietrini; ricordo che dovrei privilegiare l’appoggio di avampiede, ma allora finisco con le dita nei buchi ed è decisamente peggio.
Diamine, non voglio cedere così facilmente, anche se gli altri si sono già infilate le infradito.
Rei, invece, come vedremo dopo cena, si trova a suo perfetto agio.

Nei pressi del Colosseo abbiamo il piacere di incontrare il timido romano76, con il quale, purtroppo, trascorreremo solo pochi minuti.

La giornata seguente la trascorrerò interamente scalzo e questa ondata di entusiasmo mi presenterà il conto il terzo giorno.
Davanti al Pantheon abbiamo conosciuto il simpaticissimo Enzo, che ci ha piacevolmente accompagnati per le vie di Roma, fino al Foro Romano, dove ci siamo lasciati per incontrare di nuovo l’instancabile Rei.

Il terzo ed ultimo giorno…..sorpresa!
Si è unito a noi un carissimo compagno di gite scalze: il romagnolo Paolo Grandi.
Rigorosamente a piedi nudi sembrava una gazzella sui sampietrini, mentre io mi sentivo distrutto.
Ci accompagnerà per un paio d’ore.

Non riesco proprio a camminare scalzo nemmeno per 10 metri e ci sono muscoli che non sapevo nemmeno di avere che mi urlano la loro dolorosa protesta; controllo le piante dei piedi, perché c’è qualcosa che non mi quadra.
Non si vede nulla, ma togliendo un po’ di nero già presente anche dopo pochi metri di camminata a piedi nudi ecco il guaio: un paio di turgide vesciche, tanto piccole, quanto dolorose sotto il piede sinistro, di solito sempre intatto.
Grosso errore quello di aver scelto le infradito che, essendo antiscivolo, hanno una soletta ruvida che sembra una limetta che infierisce sulle due vesciche; siamo costretti ad abusare dei mezzi di trasporto, ma stringendo i denti (e stringendoli molto) riesco a raggiungere l’Aventino.
Ecco, qui sopra, in un parco attraversato da stradelle ghiaiose vedo qualcosa che non avrei mai pensato di vedere: una mamma accompagna una bambinetta di circa due anni che zampetta senza problemi sulla ghiaia a piedi nudi!!
Sì, avete letto bene.
E da come si muoveva non sembrava affatto in difficoltà: a questo punto dovevo proprio avvicinarmi e sentire che lingua parlava la mamma.
Sicuramente tedesca o del nord Europa…….e sono rimasto lì con la mandibola pendula per la meraviglia: italiana, italianissima! Ma nooooo, non è possibile. What a Face
Esistono ancora queste mamme senza paturnie iperprotettive; non è che si può clonare? Wink

Clippete, cloppete, ridiscendiamo al piano in direzione Trastevere, con il malumore che comincia decisamente a serpeggiare fra le fila a causa della stanchezza sempre più pressante; i nostri ciceroni sono sempre là davanti, Rei e soprattutto quello con la barba nera, Alessandro, che si lamenta dei dolori ai polpacci, ma cammina come un soldato innamorato, che corre proprio perché innamorato ed ha fretta di incontrare la fidanzata dopo mesi di vita militare: ‘no, ddue, ‘no, ddue…..passooo.
Rallenta un poco forse paralizzato da qualche maledizione potentissima lanciata da tre persone contemporaneamente. Mad

Trastevere: un locale in particolare ci toglie il fiato.
Una taverna antica e bellissima ci appare in tutto il suo splendore, mi immagino persino di trovarci due centurioni intenti a giocarsi la paga lanciando i dadi, illuminati dalla calda luce di alcune lucerne ad olio.
Ma, mannaggia, è chiusa di lunedì.
Ci accontenteremo di una vicina (si fa per dire) pizzeria dove ci raggiungerà un cugino di Stefano.
Ma sapete cosa hanno combinato quei furbacchioni di Ares e Stefano? Hanno convinto il simpaticissimo personaggio, vestito di tutto punto, a togliersi scarpe e calze ed a essere fotografato con i barefooters……e lui se la rideva, imbarazzato, ma divertito.
E mentre in un angolino cercava di ricalzarsi ecco l’implacabile Ares infierire su di lui con una mitragliata di lampi del flash, mentre io gridavo: <Stanno arrivando i vigili!>.
<Ci mancherebbe solo questa>, gemeva il poveretto, inchiodato da decine di sguardi divertiti e richiamati dalla nostra fiammata di goliardia.

È tardi ed è purtroppo giunto il momento di lasciarci.
Salutiamo Rei e ci dirigiamo alla base con molta tristezza nel cuore.

Un sentito grazie da parte di Lucignolo, Ares, Nancy e Stefano ai simpatici romani ed alla loro grande disponibilità e pazienza.

E……arrivederci Roma. flower
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Roma: la calata dei Longobardi ... e dei Romagnoli

Messaggio  Paolo G il Ven Giu 04 2010, 08:18

Già un altro romagnolo ben più importante (!?) di me e sicuramante non a piedi nudi era sceso nel 1922 a Roma.
Ma visto che avevo un impegno di lavoro nella capitale il giorno 3, ho deciso di prendermi un bel ponte e di scendere a Roma a farmi un po' di vacanze.
Veramente il calnedario è stato stravolto all'ultimo minuto, poichè dal 31 a 2 sarei stato ospite di alcuni amici a Bracciano, e quindi avrei avuto tutto il giorno 2 giugno per vedre Roma e mi sarebbe piaciuto visitare il giordini del Quirinale (scazo? perchè no?). Invece il imo amico mi annuncia che non avrà di ferie il 31 e che quindi solo il 31 pomeriggio sarà libero e, visto che lavora a Roma, mi passerà a prendere da qualche parte.
Già avevo allertato Rei delle mia venuta, ma il cambio di data è stato favorevole: anche il gruppo dei lombardi era nella capitale!
Così, dopo aver incontrato Rei abbiamo raggiunto i lombardi in Piazza Barberini Io e Rei scalzi, loro con le infradito (!)
Chi si lamentava di piedi rotti il giorno prima sui sampietrini (dove effettivamente non è facile girare scalzi ed anche a me è voluto un po' di allenamento in questi anni), chi del calore della pietra, fatto sta che la compagnia si è mossa e a passo quasi militare ha percosro un bel tratto della Città Eterna. Unico luogo ove ho infilato le infradito: Piazza del Popolo dove i piedi stavano per arrostirsi.
Dopo pranzo via di nuovo al passo ed anche il tempo ci regala una bella pioggia romana, che affronto sempre a piedi nudi (con le infradito scivolo).
Dopo passi su passi percorsi dall'Ara Pacis a Via Giulia, Ponte sito, l'IsolaTiberina, la Bocca della Verità, lascio la compagnia perchè è ora di rientrare a Termini per l'appuntamento con l'amico. a Circo Massimo prendo la metro e poco dopo di me sale un ragazzo tutto griffato con due o tre ragazzine e cominciano "nun je pestate i pedi" "je dovemo comprà un paro de scarpe" "an dove viene questo'".
Ma per me è stato un non ti curar di lor maguarda e passa.
Una bellissima giornata quindi con gli amici lombardi ed una piacevolissima passeggiata nella sempre bella Roma.
I giorni successivi, con gli amici che stanno a Bracciano, abbiamo visitato i paesini sul lago, ed altre luoghi e, dove ho potuto, sono stato scalzo.
Purtroppo ieri mattina i piedi non stavano nelle scarpe e fare quei 300 metri dall'albergo al Ministero è stato un supplizio. Poi per vedere Brunetta (mi ero attrezzato di binocolo perpvederlo) che non si è presentato (.... o non lo abbiamo visto)
PAOLO G.

Paolo G

Numero di messaggi : 150
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum