Barefoot Beyond Beglik Tash

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Mar Ott 26 2010, 11:20

Ciao a tutti, e un saluto di benvenuti fra noi anche agli ultimi arrivati che non ho avuto ancora modo di salutare!

Eccomi con una nuova avventura a piedi scalzi Smile .
Un viaggio attraverso la Bulgaria fino all'antico santuario naturale di Beglik Tesh, e oltre!

Beglik Tash è stato scoperto nel 2003 e sembra essere uno dei più antichi santuari della Tracia.
Usato già a partire dalla fine dell'Età del Bronzo, secondo gli archeologi l'attività è proseguita fino all'insediamento dei primi cristiani.
Il culto della fertilità, e il culto alla Dea Madre o Madre Terra può essere visto come collegato al santuario. I ricercatori e studiosi hanno trovato semi, frutta, resti di grano e pietre semi-preziose, che sarebbero state offerte alla dea. L'altare non conservava alcuna prova di sacrifici animali. Presso l'altare vi è un labirinto dove solo le persone innocenti potevano passare. Colui che lo attraversava, era considerato puro.

Stampate nella pietra, in questo santuario si trovano anche le impronte dei piedi nudi della Dea Madre!!! cheers

Ecco il trailer della serie. Buona visione.



Ciao Cristiana






Ultima modifica di contessa scalza il Lun Nov 01 2010, 08:43, modificato 2 volte
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

1 - Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Ven Ott 29 2010, 11:48

È sabato 24 di luglio del 2010 quando il mio viaggio a piedi nudi verso il santuario di Beglik Tash comincia con la partenza da casa verso l'areoporto di Amsterdam.
Chi frequenta il mio canale di YouTube ha già visto le immagini di questa prima giornata perchè le immagini hanno partecipato all'avvenimento mondiale "La vita in un giorno" e sono state quindi pubblicate grezze e senza rielaborazione come erano richieste per lo scopo.
Sarebbe stato un peccato però, per questo motivo, cominciare il racconto di viaggio senza l'inizio... . Spero quindi che, la rielaborazione e le mie impressioni raccontate sopra, compensino questa piccola ripetizione.

Sulla caraffa d'acqua che viene gettata al suolo all'inizio nel video volevo dire che: è una tradizione, un rito antichissimo forse, che ho appreso e ereditato dalla bisnonna di mia figlia. Quando la visitavamo gli anni scorsi prima che per vecchiaia ci lasciasse, lo faceva sempre quando ripartivamo. Mi feci quindi spiegare perchè lo facesse. Mi raccontò che è un usanza che risale alla notte dei tempi (nessuno sà più bene come e quando... ) e che è un augurio di buon viaggio a modo che tutto scorra bene come l'acqua che ti viene versata davanti ai tuoi primi passi fuori casa.
Non sono superstiziosa ma a me è piaciuta come idea e ora che lei non c'è più la continuo io a tenere nella tradizione Wink Smile.



Ciao a tutti
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

2 - Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Lun Nov 01 2010, 09:23

Non lo ho raccontato fin ora..., ma i quattro giorni prima della partenza per il viaggio mia figlia ha partecipato con successo alla famosa marcia internazionale di resistenza chiamata la 4 giorni di Nijmegen http://www.4daagse.nl/index.php/en.html
Sinceramente io pensavo di dover partire per la vacanza-viaggio con mia figlia in carrozzella (i primi giorni) perchè pur essendosi preparata per 6 mesi, un paio di volte la settimana, non aveva mai percorso 4 giorni consecutivamente 40 km sull'asfalto e sotto il sole.... (con scarponi da trekking). Io ero pronta ad andare a riprenderla in ogni momento nel caso avesse deciso di fermarsi, e sono rimasta tutti i 4 giorni a disposizione telefonica con le chiavi dell'auto in mano Very Happy .
Non è stato necessario e lei non si è fermata, ma dovendo anche partire il mattino seguente di buon ora per la vacanza, chiaramente lei era stanca e io ne ho dovuto tenere conto nel piano di viaggio, almeno finchè le visciche dei suoi piedi non si sono riassorbite.

Così, dopo una visita al nonno, che dopo che mi ha visto l'anno scorso andare per i sentieri del bosco scalza, quest'anno ci ha accolto in casa sua a piedi scalzi e mi ha detto che lui scalzo (per ora.. Wink ) ci rimane per tutta l'estate, e aver trascorso insieme la serata, ripartiamo per attraversare la Bulgaria e arrivare alla seconda tappa del nostro viaggio.

Non abbiamo fretta e quindi per strada ci fermiamo anche a visitare un piccolo paese in cui quest'anno le cicogne hanno nidificato. Un paesino piccolissimo di poche case e con le stradine imbrattate dagli escrementi degli animali da traino.
Per gli schizzinosi sicuramente impensabile camminarci a piedi nudi sopra, per me invece un occasione di dare al mio sistema immunitario una carica in più.



Buona visione!
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

3 - Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Mar Nov 02 2010, 13:35

Per arrivare alla seconda tappa del nostro viaggio, prima di poter fare l'escursione al santuario di Beglik Tash, dobbiamo attraversare tutta la Bulgaria.
Non ho niente da fare per strada in auto, e così per passare il tempo mi viene in mente di filamre le suole dei miei piedi. Sono ancora sporche dagli escrementi calpestati sulle stradine del paesino dove c'erano le cicogne... Wink , ma siccome molte persone che seguono i miei video in YouTube nel corso degli anni spesso mi hanno chiesto di mostrarle, se ci sono foto di queste da qualche parte da scaricare, e quanto sono spesse, larghe, lunghe, callose, duronate, etc.... , ho bensato: bene se le volete proprio vedere, eccole qua!!! Very Happy Very Happy Very Happy

Chiaramente in tema di cuccagne... Wink , vi mostro una specialità Bulgara che chiunque visiti il paese impara a conoscere: la Banizka .... mhhh...

Sembra quasi un copione già visto...., infatti non è la prima volta che accade. Arrivo io.... e si scarica il cielo! Tuoni, fulmini, saette, grandine, diluvio e cosa di più? Bè, niente, come da copione all'arrivo ci aspetta un bellissimo arcobaleno. Questa volta pure uno doppio.

Consumiamo una cena frugace e ce ne andiamo a riposare.
La giornata seguente la dedichiamo al relax collettivo e all'acclamatizzarsi alle temperature. Anche se il giorno prima ha piovuto, la temperatura è sui 33 gradi e il sole scotta.
Come prima attività vacanziera, decidiamo di goderci la giornata lasciandoci cullare dalle acque del fiume Ropotamo fino al suo estuario.



Buona visione. Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  lucignolo il Mar Nov 02 2010, 23:28

contessa scalza ha scritto:Per arrivare alla seconda tappa del nostro viaggio, prima di poter fare l'escursione al santuario di Beglik Tash, dobbiamo attraversare tutta la Bulgaria.
Ciao, Cristiana.
Per il momento non ho dato sufficiente risalto ai tuoi ultimi filmati, ma ci sarebbe davvero bisogno di ribadire la tua bravura?
Penso che sarebbe utile, in un futuro libro sul barefooting, qualche tuo articolo su come realizzare un buon filmato sulle proprie imprese scalze.
Che ne pensi?
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  Mastrom90 il Mer Nov 03 2010, 07:57

lucignolo ha scritto:
Penso che sarebbe utile, in un futuro libro sul barefooting, qualche tuo articolo su come realizzare un buon filmato sulle proprie imprese scalze.
Non sarebbe un po' fuori tema in un libro del genere? Embarassed
avatar
Mastrom90

Numero di messaggi : 212
Età : 27
Data d'iscrizione : 25.08.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  Rei il Mer Nov 03 2010, 09:00

lucignolo ha scritto:Penso che sarebbe utile, in un futuro libro sul barefooting, qualche tuo articolo su come realizzare un buon filmato sulle proprie imprese scalze.
Libri e manuali su come realizzare (filmare, ma soprattutto montare, che in questo caso è la parte più difficile) film e documentari (quelli di Cristiana tecnicamente sono documentari) ne esistono a iosa e non mi sento di consigliarne uno in particolare.
Fare un filmato sul barefooting è esattamente come farlo su qualsiasi altro argomento: serve tecnica (e ci sono libri e manuali per impararla), talento (e questo o lo si ha o non lo si ha) e stile.
Quest'ultimo è qualcosa di personale ed unico, nelle persone di talento.
Lo stile di Cristiana è unico, imitarlo vorrebbe dire fare solo una copia senz'anima del suo lavoro.
Ciò non toglie che chiunque di noi possa farsi il suo filmato, ma che sia con il suo stile, non quello di un altro.

A chi si volesse cimentare nella realizzazione di filmati consiglio una buona telecamera HD, con registrazione su hard-disk o schede di memoria, evitando quelle a cassette. Se ne avete già una, usate quella.
Per montare la cosa migliore, per un "dilettante" è, come ha fatto Cristiana, usare un MacIntosh e il programma, gratuito e di serie, iMovie.
Per chi se lo può permettere, Premiere (Mac e Windows), Final Cut Express (Mac), hanno lo stesso costo e prestazioni simili (io, da buon Mac User, preferisco Final Cut). Se poi vi volete sentire James Cameron, Final Cut (non Express) è il programma che ha soppiantato il mitico Avid negli studi professionali e con il quale si montano film come Avatar, Star Wars, eccetera.

Ma tutta questa attrezzatura non farà di voi dei cineasti provetti: serve esperienza: prima di raggiungere il livello di Cristiana si deve provare, sbagliare, provare ancora e affinare la propria tecnica.
Come uno scalatore non scala l'Everest dopo due giorni di scuola di roccia, anche in questo campo ci si deve allenare un po' prima di ottenere dei buoni risultati.


Ultima modifica di Rei il Mer Nov 03 2010, 11:48, modificato 1 volta
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2640
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Mer Nov 03 2010, 11:25

lucignolo ha scritto:
contessa scalza ha scritto:Per arrivare alla seconda tappa del nostro viaggio, prima di poter fare l'escursione al santuario di Beglik Tash, dobbiamo attraversare tutta la Bulgaria.
Ciao, Cristiana.
Per il momento non ho dato sufficiente risalto ai tuoi ultimi filmati, ma ci sarebbe davvero bisogno di ribadire la tua bravura?
Se lo chiedi alla testa questa risponde che sa leggere i numeri, se lo chiedi al lato creativo anche questo non se ne cura molto perchè è fine a se stesso, ma se invece lo chiedi all'animo allora esso ti risponde che: sì che c'è ne è bisogno!!!! eccome!!!! Perchè questa oltre a essere l'unica ricompensa che riceve, è anche l'unico modo per sapere se agli altri è gradito (o utile) il frutto del sudore della tua fronte Very Happy .

lucignolo ha scritto:Penso che sarebbe utile, in un futuro libro sul barefooting, qualche tuo articolo su come realizzare un buon filmato sulle proprie imprese scalze.
Che ne pensi?
Un DVD da allegare o ordinare separatamente non sarebbe meglio?
Grazie ancora
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Mer Nov 03 2010, 13:47

Rei ha scritto:
lucignolo ha scritto:Penso che sarebbe utile, in un futuro libro sul barefooting, qualche tuo articolo su come realizzare un buon filmato sulle proprie imprese scalze.
Libri e manuali su come realizzare (filmare, ma soprattutto montare, che in questo caso è la parte più difficile) film e documentari (quelli di Cristiana tecnicamente sono documentari) ne esistono a iosa e non mi sento di consigliarne uno in particolare.
Fare un filmato sul barefooting è esattamente come farlo su qualsiasi altro argomento: serve tecnica (e ci sono libri e manuali per impararla), talento (e questo o lo si ha o non lo si ha) e stile.
Quest'ultimo è qualcosa di personale ed unico, nelle persone di talento.
Lo stile di Cristiana è unico, imitarlo vorrebbe dire fare solo una copia senz'anima del suo lavoro.
Ciò non toglie che chiunque di noi possa farsi il suo filmato, ma che sia con il suo stile, non quello di un altro.

A chi si volesse cimentare nella realizzazione di filmati consiglio una buona telecamera HD, con registrazione su hard-disk o schede di memoria, evitando quelle a cassette. Se ne avete già una, usate quella.
Per montare la cosa migliore, per un "dilettante" è, come ha fatto Cristiana, usare un MacIntosh e il programma, gratuito e di serie, iMovie.
Per chi se lo può permettere, Premiere (Mac e Windows), Final Cut Express (Mac), hanno lo stesso costo e prestazioni simili (io, da buon Mac User, preferisco Final Cut). Se poi vi volete sentire James Cameron, Final Cut (non Express) è il programma che ha soppiantato il mitico Avid negli studi professionali e con il quale si motano film come Avatar, Star Wars, eccetera.

Ma tutta questa attrezzatura non farà di voi dei cineasti provetti: serve esperienza: prima di raggiungere il livello di Cristiana si deve provare, sbagliare, provare ancora e affinare la propria tecnica.
Come uno scalatore non scala l'Everest dopo due giorni di scuola di roccia, anche in questo campo ci si deve allenare un po' prima di ottenere dei buoni risultati.

Che dire? Prima di tutto GRAZIE molte del riconoscimento qui testimoniato!
It Made My Day!!! Wink Very Happy
Secondo, GRAZIE anche della competente e corretta risposta che hai dato riguardo le informazioni tecniche su come realizzare un buon filmato. Non avrei potuto scriverle meglio.

Io purtroppo sono costretta a lavorare con mezzi a dire poco dilettantistici, vedete infatti che filmo con una camera da poche centinaia di euro (che però ha la qualità di poter essere controllata da una sola mano), e di montare e sincronizzare i filmati con i mezzi in dotazione al mac (senza extras), ma ho in cambio la dote naturale di saper creare dal nulla un qualcosa, qui si dice "trasformare una grotta in un castello", e questa capacità mi da una mano a superare le restrittezze tecniche....

Indipendentemente dai mezzi tecnici più o meno sofisticati (di solito meglio lavorare con due camere o almeno una videocamera e una fotocamera), per creare dei filmati su un argomento che siano questi documentari o di altro genere, c'è bisogno prima di tutto di un concetto e di un piano. Un piano che abbia testa e coda e un filo conduttore. E un concetto su cosa si vuole rappresentare, o mostrare, e come si vuole farlo.
Nel caso di un documentario ad esempio, quando si filma, si deve essere coscienti tutto il tempo che hai l'occhio della camera sempre acceso con te, ed è paragonabile ad accompagnare in viaggio anche un amico invisibile che può solo vedere tramite l'occhio della tua telecamera e sentire tramite le tue parole. Questo qualcuno, è lo spettatore del video poi.
In pratica te lo porti a spasso dall'inizio alla fine del viaggio. Un terzo occhio insomma Wink .

È necessario fare delle ricerche culturali e storiche approfondite sul luogo che si va a visitare, anche se poi una volta nel posto bisogna lasciare spazio invece all'intuito per scoprire anche i posti insoliti, interessanti, o particolari. In quel momento bisogna lasciare lavorare la logica dell'istinto e insieme all'occhio dell'amico invisibile, lasciarti sorprendere da dove arriverete.

Le capacità tecniche basilari per montare poi il fimato, fare i tagli e le transizioni, scrivere i testi e farli leggere da una macchina (a cui si deve insegnare la dizione), scegliere la musica adatta etc., si possono imparare studiandole negli appositi manuali anche se non in un giorno.
Il talento di coordinare e sincronizzare il tutto fino a che esso formi uno specchio esatto della rappresentazione, è lo stesso che può avere un pittore che dipinge quadri.
Per questo più si esercita e più migliorerà la sua tecnica, ma lo stile invece è un altra cosa, questa è la firma personale che è sempre unica (è come per la grafia della scrittura) e per cui lo si può distinguere fra tutti gli altri.
Più la persona ha un carattere individuale e ha sviluppato un suo proprio modo di "vedere" le cose, più nella creatività questo suo stile espressivo sarà unico o originale, perchè non conformato o abituale nel suo genere.
Quindi, il mio consiglio per fare dei video? Imparate la tecnica, ma usate la fantasia!

Ciao
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  bfpaul il Mer Nov 03 2010, 14:17

contessa scalza ha scritto:
Indipendentemente dai mezzi tecnici più o meno sofisticati (di solito meglio lavorare con due camere o almeno una videocamera e una fotocamera), per creare dei filmati su un argomento che siano questi documentari o di altro genere, c'è bisogno prima di tutto di un concetto e di un piano. Un piano che abbia testa e coda e un filo conduttore. E un concetto su cosa si vuole rappresentare, o mostrare, e come si vuole farlo.
Nel caso di un documentario ad esempio, quando si filma, si deve essere coscienti tutto il tempo che hai l'occhio della camera sempre acceso con te, ed è paragonabile ad accompagnare in viaggio anche un amico invisibile che può solo vedere tramite l'occhio della tua telecamera e sentire tramite le tue parole. Questo qualcuno, è lo spettatore del video poi.
In pratica te lo porti a spasso dall'inizio alla fine del viaggio. Un terzo occhio insomma Wink .

È necessario fare delle ricerche culturali e storiche approfondite sul luogo che si va a visitare, anche se poi una volta nel posto bisogna lasciare spazio invece all'intuito per scoprire anche i posti insoliti, interessanti, o particolari. In quel momento bisogna lasciare lavorare la logica dell'istinto e insieme all'occhio dell'amico invisibile, lasciarti sorprendere da dove arriverete.

Le capacità tecniche basilari per montare poi il fimato, fare i tagli e le transizioni, scrivere i testi e farli leggere da una macchina (a cui si deve insegnare la dizione), scegliere la musica adatta etc., si possono imparare studiandole negli appositi manuali anche se non in un giorno.
Il talento di coordinare e sincronizzare il tutto fino a che esso formi uno specchio esatto della rappresentazione, è lo stesso che può avere un pittore che dipinge quadri.
Per questo più si esercita e più migliorerà la sua tecnica, ma lo stile invece è un altra cosa, questa è la firma personale che è sempre unica (è come per la grafia della scrittura) e per cui lo si può distinguere fra tutti gli altri.
Più la persona ha un carattere individuale e ha sviluppato un suo proprio modo di "vedere" le cose, più nella creatività questo suo stile espressivo sarà unico o originale, perchè non conformato o abituale nel suo genere.
Quindi, il mio consiglio per fare dei video? Imparate la tecnica, ma usate la fantasia!

Ciao
Cristiana
Arrivo sempre ultimo o quasi, ma una ragione c'é.
Mi vado a godere subito il tuo lavoro che è sempre originale ed ha fantasia, stile e personalità di rilevo e dimentico regolarmente le congratulazioni; sappi però che apprezzo in genere i tuoi lavori e che mi sembra quasi inutile dirlo per ogni nuova uscita.
Poi, riflettendoci, hai ragione. Un bel lavoro in cui si mette testa e cuore, ha anche bisogno di essere riconosciuto. Il mio apprezzamento è in ogni caso sincero.
E ora aspetto le prossime puntate, sono certo di non restare deluso. Continua così!

bfpaul

avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Mer Nov 03 2010, 18:11

bfpaul ha scritto:Arrivo sempre ultimo o quasi, ma una ragione c'é.
Mi vado a godere subito il tuo lavoro che è sempre originale ed ha fantasia, stile e personalità di rilevo e dimentico regolarmente le congratulazioni; sappi però che apprezzo in genere i tuoi lavori e che mi sembra quasi inutile dirlo per ogni nuova uscita.
Poi, riflettendoci, hai ragione. Un bel lavoro in cui si mette testa e cuore, ha anche bisogno di essere riconosciuto. Il mio apprezzamento è in ogni caso sincero.
E ora aspetto le prossime puntate, sono certo di non restare deluso. Continua così!

bfpaul

Grazie Paolo. Farò del mio meglio.
Se mi riesce, ne carico un altra stasera. Al massimo domani.
Anche se in queste prime puntate non mi si vede camminare molto, non preoccupatevi che nelle prossime puntate di camminate scalze in terreni difficili ne vedrete parecchie Wink .
Ciao
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  lucignolo il Mer Nov 03 2010, 22:50

contessa scalza ha scritto:....ma se invece lo chiedi all'animo allora esso ti risponde che: sì che c'è ne è bisogno!!!! eccome!!!! Perchè questa oltre a essere l'unica ricompensa che riceve, è anche l'unico modo per sapere se agli altri è gradito (o utile) il frutto del sudore della tua fronte Very Happy .
Certo che l'ho chiesto all'anima! E siccome hai anche la testa, al di la dei numeri, avrai sicuramente ascoltato il mio applauso fra le righe!
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  ALEBO il Gio Nov 04 2010, 12:49

contessa scalza ha scritto:Per arrivare alla seconda tappa del nostro viaggio, prima di poter fare l'escursione al santuario di Beglik Tash, dobbiamo attraversare tutta la Bulgaria.
Non ho niente da fare per strada in auto, e così per passare il tempo mi viene in mente di filamre le suole dei miei piedi. Sono ancora sporche dagli escrementi calpestati sulle stradine del paesino dove c'erano le cicogne... Wink , ma siccome molte persone che seguono i miei video in YouTube nel corso degli anni spesso mi hanno chiesto di mostrarle, se ci sono foto di queste da qualche parte da scaricare, e quanto sono spesse, larghe, lunghe, callose, duronate, etc.... , ho bensato: bene se le volete proprio vedere, eccole qua!!! Very Happy Very Happy Very Happy

Chiaramente in tema di cuccagne... Wink , vi mostro una specialità Bulgara che chiunque visiti il paese impara a conoscere: la Banizka .... mhhh...

Sembra quasi un copione già visto...., infatti non è la prima volta che accade. Arrivo io.... e si scarica il cielo! Tuoni, fulmini, saette, grandine, diluvio e cosa di più? Bè, niente, come da copione all'arrivo ci aspetta un bellissimo arcobaleno. Questa volta pure uno doppio.

Consumiamo una cena frugace e ce ne andiamo a riposare.
La giornata seguente la dedichiamo al relax collettivo e all'acclamatizzarsi alle temperature. Anche se il giorno prima ha piovuto, la temperatura è sui 33 gradi e il sole scotta.
Come prima attività vacanziera, decidiamo di goderci la giornata lasciandoci cullare dalle acque del fiume Ropotamo fino al suo estuario.



Buona visione. Cristiana

I tuoi video sono sempre molto piacevoli ed interessanti.
A proposito , ho visto le suole dei tuoi piedi sono perfette. Io, invece ho le suole screpolate che a volte mi fanno male. Ho seguito i tuoi consigli come dal tuo video sulla " manutenzione" dei piedi ed ho anche acquistato dei prodotti che tu consigliavi in quel video, ma con risultati scarsi. Forse dipenderà dal tipo di pelle o dai percorsi che faccio e che sono soprattutto in zone di campagna che sono molto accidentati e con parecchi sassolini?
avatar
ALEBO

Numero di messaggi : 448
Data d'iscrizione : 26.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Gio Nov 04 2010, 13:44

lucignolo ha scritto:Certo che l'ho chiesto all'anima! E siccome hai anche la testa, al di la dei numeri, avrai sicuramente ascoltato il mio applauso fra le righe!
Sicuramente che lo ho fatto..., infatti scrivevo GRAZIE ancora! Ma meglio che lo dica nuovamente: GRAZIE, mi ha fatto molto felice che tu lo abbia chiesto! Fallo liberamente tutte le volte che ti senti di farlo, mi farà sempre piacere! Grazie.
Cristiana Smile
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Gio Nov 04 2010, 14:05

ALEBO ha scritto:I tuoi video sono sempre molto piacevoli ed interessanti.
A proposito , ho visto le suole dei tuoi piedi sono perfette. Io, invece ho le suole screpolate che a volte mi fanno male. Ho seguito i tuoi consigli come dal tuo video sulla " manutenzione" dei piedi ed ho anche acquistato dei prodotti che tu consigliavi in quel video, ma con risultati scarsi. Forse dipenderà dal tipo di pelle o dai percorsi che faccio e che sono soprattutto in zone di campagna che sono molto accidentati e con parecchi sassolini?
Grazie Alebo, è proprio questo che spero. Dicevo proprio ieri a un barefooter inglese: mostrare la "normalità" del barefooting è il mio scopo principale. Più persone percepiscono il camminare scalzi come una cosa normale, più questo sarà accettato anche dal resto delle persone.
Mi dispiace per le tue suole.... Sad , sicuramente ha a che fare con il tipo di pelle, di questo ormai me ne sono convinta da quello che fin ora hai scritto. Ma avendo provato ormai di tutto, e io credo che tu lo abbia fatto anche intensamente, ci deve essere qualcos'altro che impedisce la guarigione. Può anche essere che ci siano anche altri fattori, un sistema immunitario debole, un alimentazione scarsa di grassi vegetali, o anche forse fattori psicologici somatizzati che contribuiscono a mantenere il problema.
Tu hai già fatto visita a un dermatologo ed escluso che si possa trattare di un tipo di fungo?
Il percorso descritto dovrebbe essere ottimo per nutrire le suole e renderle elastiche... Neutral
Fammi sapere di più... qualcosa non torna.
Ciao Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

4 - Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Gio Nov 04 2010, 14:10

La prima giornata in Ahtopol, come annunciato, viene usata a scopo unicamente vacanziero per rilassarci mentre ci acclamatizziamo alle temperature del luogo. In questo video quindi non si vedono grandi camminate, ma è anche l'ultimo prima che queste veramente comincino.
Ci sono comunque in questo video molte belle immagini e curiosità da vedere. Specialmente per gli amanti della natura.

Questo video mi è stato anche utile per fare delle prove tecniche sulla velocità dei frame, impostazioni dei videofilmati e sulla lunghezza. Da un po' di tempo a questa parte infatti, non so esattamente quando questo è avvenuto, in YouTube è possibile caricare video anche fino ai 15 minuti di lunghezza, mentre prima c'era una restrizione ai soli 10 minuti.
5 minuti di contenuto in più, sembrano pochi ma sono invece parecchi. Può essere quindi che guardando questo video si abbia l'effetto di percepirlo come un po' lungo. È un effetto che viene rinforzato anche dal fatto che nel video accade poco, mentre nel prossimo che è anche di 15 minuti ma dove invece c'è molto movimento, l'effetto affievolisce.

Per chi è interessato a informazioni sul luogo (magari per una vacanza futura), in questo video le trova. Per chi invece non visiterà mai questi luoghi, questo video vi offre la possibilità di vederli e di conoscerli, essendo questi parte del patrimonio naturale dell'umanità.



Buona visione.
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

5 - Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Ven Nov 05 2010, 13:40

Eccomi finalmente nel sentiero che conduce al santuario!

La temperatura è alta e nella foresta le zanzare affamate sono senza pietà. Il terreno è cosparso di pietriccio acuminato che, misto alla terra umida, irrita e erode lo strato gommoso delle suole dei piedi. Uscire dal sentiero per camminare nel tappeto di foglie della foresta, sconsigliato perchè pieno di serpenti Neutral .

La camminata a piedi nudi fino al santuario e ritorno, non è da consigliare a chi ha appena deciso di fare del barefooting. Per farla bisogna già aver formato uno strato resistente di suola sotto i piedi e aver anche sviluppato un buon grado di resistenza di sopportazione ai piccoli fastidi. Ma la visione che si apre al visitatore dopo un oretta di cammino (nel video dico una mezz'ora perché così è descritto ovunque, e io mi sono spesso fermata per riprendere con la videocamera…), ne valgono proprio la pena!

In ringraziamento al sostegno ricevuto, dedico questo e il prossimo video a Flavio, Rei, Paolo Selis e Alebo. A voi che con me avete meritato di arrivare scalzi fino a lì!



Buona visione
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  bfpaul il Sab Nov 06 2010, 21:43

contessa scalza ha scritto:Eccomi finalmente nel sentiero che conduce al santuario!

La temperatura è alta e nella foresta le zanzare affamate sono senza pietà. Il terreno è cosparso di pietriccio acuminato che, misto alla terra umida, irrita e erode lo strato gommoso delle suole dei piedi. Uscire dal sentiero per camminare nel tappeto di foglie della foresta, sconsigliato perchè pieno di serpenti Neutral .

La camminata a piedi nudi fino al santuario e ritorno, non è da consigliare a chi ha appena deciso di fare del barefooting. Per farla bisogna già aver formato uno strato resistente di suola sotto i piedi e aver anche sviluppato un buon grado di resistenza di sopportazione ai piccoli fastidi. Ma la visione che si apre al visitatore dopo un oretta di cammino (nel video dico una mezz'ora perché così è descritto ovunque, e io mi sono spesso fermata per riprendere con la videocamera…), ne valgono proprio la pena!

In ringraziamento al sostegno ricevuto, dedico questo e il prossimo video a Flavio, Rei, Paolo Selis e Alebo. A voi che con me avete meritato di arrivare scalzi fino a lì!



Buona visione
Cristiana, mi hai ricordato certi monumenti rupestri che abbiamo qui in Sardegna ...
Comunque, come sempre Voto: ottimo (i numeri in Italia non si usano più da un pezzo ....) Aspetto il prossimo episodio, perché mi sto divertendo molto. Sentivo le pietroline sotto i piedi, l'umido e il secco...

bfpaul
bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Dom Nov 07 2010, 00:05

bfpaul ha scritto:Cristiana, mi hai ricordato certi monumenti rupestri che abbiamo qui in Sardegna ...
Comunque, come sempre Voto: ottimo (i numeri in Italia non si usano più da un pezzo ....) Aspetto il prossimo episodio, perché mi sto divertendo molto. Sentivo le pietroline sotto i piedi, l'umido e il secco...
bfpaul
Very Happy anche a me, specialmete quelli che non compaiono nelle cartine geografiche...
Grazie per il voto Smile . Sto caricando nel canale la sesta puntata, che è la continuazione di questa prima escursione al santuario. Ci vorranno diverse ore prima che il video sia caricato e visibile, ma domani è online. Poi lo posto come gli altri qui.
Dovrete poi attendere un paio di giorni per le altre puntate, perchè mi è giunto inaspettato un lavoro urgente da eseguire che aveva priorità sulla produzione dei video e la cui esecuzione mi impegnato diversi giorni non previsti.
Ciao Cristiana

avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  ALEBO il Dom Nov 07 2010, 10:27

Tu hai già fatto visita a un dermatologo ed escluso che si possa trattare di un tipo di fungo?
Il percorso descritto dovrebbe essere ottimo per nutrire le suole e renderle elastiche... Neutral
Fammi sapere di più... qualcosa non torna.
Ciao Cristiana
Non si tratta di un fungo, di questo ne sono sicuro. Fino all'estate scarsa ho camminato scalzo anche su sentieri di montagna senza particolari problemi e su strade con sassi (tipo quelli del tuo ultimo video) solo da due o tre mesi ho avuto di questi problemi, sono convinto che mi passeranno presto. Grazie del tuo interessamento e della dedica fattami prima del tuo ultimo video.
Ciao. Alebo.
avatar
ALEBO

Numero di messaggi : 448
Data d'iscrizione : 26.01.09

Tornare in alto Andare in basso

6 - Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Dom Nov 07 2010, 12:41

Eccola la sesta puntata!
Qui siamo all'interno del santuario stesso che, come potrete vedere, non è senza pericoli. Saltando da alcune pietre all'interno del labirinto mi sono fatta male. D'altra parte è anche logico dovendo tenere con una mano la videocamera e con l'altra la giacca, la borsa e il materiale informativo, non me ne sono rimaste di libere per appoggiarmi mentre saltavo giù. Ho cercato di appoggiarmi un po' con il gomito, ma ahimè la superfice delle roccie era abrasiva e così mi sono beccata una bella grattata. Con delle erbe raccolte nelle vicinanze, ho disinfettato la ferita e fermato il sanguinamento.
Non so se si riesce a vedere l'altezza del salto nel video, ma era più o meno un metro e settanta. Nell'atterraggio anche le fascie laterali esterne del ginocchio sinistro hanno risentito del colpo e hanno subito cominciato a farmi male (èh, mica sono Angelina io... Very Happy ).
Per fortuna, come racconto nel video, un paio di "belle" sorprese per strada riusciranno a farmi dimenticare il dolore al ginocchio e tornare indietro fino alla automobile con le mie stesse gambe. L'indomani però sono stata costretta a usare i bastoncini da trekking per sostenermi, ma questo si vedrà nella prossima puntata.



Buona visione
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  freealex il Dom Nov 07 2010, 12:42

Gazie Cristiana, il tuo reportage è veramente trascinante ... un' ispirazione per tutti noi.

Grazie nuovamente.

alex
avatar
freealex

Numero di messaggi : 155
Età : 53
Data d'iscrizione : 06.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Lun Nov 08 2010, 14:48

freealex ha scritto:Gazie Cristiana, il tuo reportage è veramente trascinante ... un' ispirazione per tutti noi.

Grazie nuovamente.

alex
rabbit Grazie Alex!
E il tuo commento ispira me a rimettermi di buona lena al lavoro Wink . Sono dietro finire la 7 puntata.
Ciao Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

7 - Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  contessa scalza il Mer Nov 10 2010, 11:18

Settima puntata.

Nonostante le fascie del ginocchio sono ancora doloranti (o forse proprio per questo), decidiamo di passare la giornata nella vicina spiaggia di Sinemorets sull'estuario del Veleka.
Non posso camminare molto bene e ho bisogno dei bastoncini da trekking per sostenermi, come dell'aiuto dei presenti per poter riprendere la passeggiata. Per arrivarci ci ho messo almeno il doppio del tempo che normalmente è necessario, mi sentivo proprio vecchia e malconcia a camminare così Very Happy ma sapevo anche di andare in un posto che per la sua potente energia mi avrebbe rinvigorito e ringiovanito almeno di dieci anni. Lo sforzo quindi valeva la pena Wink .
Il giorno seguente il ginocchio dolora meno ma non sono ancora in condizioni da mettermi a fare salti o percorrere lunghe distanze su terreni sconnessi. Andiamo a fare un escursione a cavallo nella baja di Silistar a un santuario della Tracia poco conosciuto o visitato.
Riprendere con la videocamera durante il percorso diventa impossibile. Non solo devo tenere l'andatura e guidare Borok su un sentiero sconnesso e roccioso che sale e scende nel bosco fra rami di alberi che devi spostare se non vuoi che ti arrivino in faccia Very Happy attraversando ruscelli e torrenti, ma anche sventolare come un parabrezza con una frasca per difendermi dall'attacco crudele di zanzare e tafani Evil or Very Mad (maledetti). Lo spray antizanzare e altri insetti con cui ci eravamo praticamente fatti la doccia prima di partire, non è servito a nulla. Il risultato infatti lo potrete vedere alla fine del video.

Bello il posto sì, ma per ritornarci devono prima procurarmi una rete anti tafani per me e per il cavallo.... altrimenti mi dimenticano No



Buona visione
Cristiana
avatar
contessa scalza

Numero di messaggi : 853
Età : 54
Data d'iscrizione : 03.01.08

http://www.calmart.nl

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  lucignolo il Mer Nov 10 2010, 22:28

contessa scalza ha scritto:Nonostante le fascie del ginocchio sono ancora doloranti (o forse proprio per questo), decidiamo di passare la giornata nella vicina spiaggia di Sinemorets sull'estuario del Veleka.
Non posso camminare molto bene e ho bisogno dei bastoncini da trekking per sostenermi, come dell'aiuto dei presenti per poter riprendere la passeggiata.
Accidenti!
Sei atterrata male su una superficie irregolare ed hai scaricato l'energia della torsione sui legamenti delle ginocchia.
Hai le caviglie forti, ma le tue ginocchia non lo sono più altrettanto.
Lascia stare Angelina: lei è giovane e ben allenata e poi anche le sue piante martellate duramente ogni tanto si ribellano con un calo di resistenza cutanea.
Direi normale per chi sollecita duramente il proprio corpo.
Per fortuna le piante guariscono in fretta, mentre i legamenti richiedono tempi di recupero molto lunghi.
Auguri e attenta: certi frutti sono al di la della nostra stagione.
Spero che non ti offenderai.
Io sono anche peggio.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Barefoot Beyond Beglik Tash

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum