8 km a quasi 0°C

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

8 km a quasi 0°C

Messaggio  Elan il Ven Ott 29 2010, 11:23

Ieri, trovandomi solo a casa e quindi senza nessuno che mi aspettasse, ho deciso di approfittare della luna e di fare un giro un po' più ampio del solito, sempre all' interno di una striscia collinare di territorio praticamente disabitato di circa 7km x 3km, che si estende tra due strade provinciali nel comune di Casole d'Elsa. Dalle foto satellitari avevo programmato il percorso che comprendeva la ricerca di un passaggio attrraverso una zona di bosco per collegare due miei itinerari già sperimentati. Da internet ho appreso che la luna sarebbe sorta alle 22.18, per cui alle 22 sono uscito di casa, indossando la consueta tuta da ginnastica di cotone blu. Questa volta mi ero portato anche uno zainetto, per riporre la tuta ed una di quelle piccolissime lampadine a LED che si caricano con una manovellina, in vendita da Decathlon a 4 Eurini; era un sacrificio in termini di purezza, perchè non ho mai portato una luce, ma mi sembrava un piccolo omaggio alla prudenza. Il percorso prevedeva anche il guado di un torrentello che attraversa tutta la zona. L'escursione, misurata su google maps in circa 8 km, è durata poi oltre due ore, essendo stato molto rallentato nell' attraversare il pezzo di bosco (e qui la mini-torcia è stata preziosa), ma ancora di più a causa del passaggio obbligato attraverso 500m di campo coltrato, che, nonostante le abbondanti piogge, la tramontana aveva reso di nuovo duro e decisamente massacrante anche per due piedi allenati. Inoltre sono dovuto tornare un paio di volte sui miei passi nella ricerca del passaggio favorevole. La luna è sorta puntuale e spettacolare e dalle 11 in poi mi ha notevolmente illuminato il cammino, per cui non ho più dovuto accendere la lampadina. Devo dire che faceva veramente freddo: raggiunta la macchina ho potuto leggere 2°C sul termometro, ma credo che tra i campi ed il torrente si stesse già intorno allo zero: l'erba bagnata bruciava la pelle dei piedi (l'acqua del torrente in confronto era tiepida). Dopo il primo chilometro mi sono liberato della tuta, ma un'ora dopo ho dovuto ri-indossarla perchè, nonostante il movimento, sentivo troppo freddo. La cosa più bella è stato fare l'ultimo km di corsa ... trovo che la corsa campestre scalzi sia veramente inebriante. Alle 0:20 sono ritornato alla macchina e quindi a casa a fare la solita doccia caldissima: i piedi erano veramente provati e doloranti. Ho dormito benissimo, ma stamattina ho dovuto estrarre 4 spine di rovo dai piedi, poi sono uscito per andare al lavoro e come consuetudine degli ultimi giorni, sono rimato a piedi nudi fino a destinazione. L'impegnativa escursione di 8 Km di ieri notte stabilisce il mio nuovo record personale e ne sono veramente fiero.

avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Enzo il Ven Ott 29 2010, 11:37

-


Ultima modifica di Enzo il Mer Dic 01 2010, 23:04, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Elan il Ven Ott 29 2010, 12:15

Perchè vai di notte .... buona domanda. Innanzitutto per ragioni di tempo.... non mi riferisco al semplice camminare scalzi, cosa che posso fare anche di giorno, magari limitatamente al sabato e domenica, parliamo di passeggiate impegnative di almeno un'ora, che, comunque mi è capitato anche spesso di fare di giorno. Quando le giornate sono lunghe, in effetti le faccio spesso verso sera, con la luce del giorno, ma da ora in avanti è più difficile.
Un altro motivo è che di giorno c'è in giro un sacco di gente, mentre di notte mi sento il padrone assoluto della campagna e del bosco.
Poi c'è la sfida: tutti hanno più o meno paura del buio, ed io ho sfidato e vinto la mia e mi muovo di notte senza luci e senza problemi. Spesso penso alla gente che per andare magari a fare funghi, si veste come se dovesse andare alla guerra, mentre io mi muovo di notte vestito come un aborigeno ... beh mi fa sorridere e mi da un discreto autocompiacimento ed ha aumentato la mia autostima.
Infine c'è il fascino della notte, che non può essere descritto, ma solo provato.
I pericoli ci sono e ne sono consapevole, per cui cerco di stare attento a non espormi a rischi inutili. Mi è capitato di cadere, ma vi sarete resi conto tutti che a piedi nudi si cade in modo diverso, non si possono prendere storte... al massimo scivoli e ti trovi seduto. Mi è capitato di passare su dei vetri, ma nel terreno morbido del bosco e del campo, in inverno, non sono molto pericolosi. Solo una volta ,all 'inizio, mi sono accorto mentre guidavo per tornare a casa che mi ero tagliato abbastanza profondamente l'alluce, tant'è che dovetti andare al pronto soccorso. Comunque, con la luce della luna, saresti sorpreso di quanto si vede bene tutto ... Del resto non è che si possa camminare guardando perennemente a terra ... di notte il terreno lo senti ed impari a sentirlo e a reagire automaticamente.
C'è una sola cosa a cui bisogna veramente stare attenti: mai portarsi dietro le chiavi della macchina. Io le nascondo sempre vicino alla vettura, in modo da essere sicuro di non poterle perdere. Un paio di volte ho contravvenuto a questa regola e mi sono cadute tra erba e foglie e ho dovuto ripercorrere il cammino a ritoroso frugando con le mani, con l'ansia di non poter tornare a casa ... ho avuto fortuna entrambe le volte, ma da allora sono ancora più ferreo: mai portare via le chiavi.
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Enzo il Ven Ott 29 2010, 13:12

-


Ultima modifica di Enzo il Mer Dic 01 2010, 23:04, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Andrea77 il Dom Ott 31 2010, 16:35

Quello che fai è sicuramente un ottimo esercizio e ti faccio i miei complimenti. Io mi rendo conto che quando non vedo dove metto i piedi mi spavento mi irrigidisco e rallento tantissimo o mi ricalzo. Effettivamente è vero quello che dici. Andando in giro a piedi nudi in un certo senso vedi anche senza gli occhi perché aiutati dal tatto dei piedi sul suolo.
Questa estate ero a Medjugorje e mi muovevo sulla collina delle apparizioni scalzo ma con una pila frontale quando ho visto una ragazza che avanzava scalza e senza luce con una rapidità e una sicurezza nei movimenti straordinarie tantè che non sono riuscito a starle dieto ed è parita.

OT:
Pila frontale che uso abitualmente quando vado su ghiacciai e che ho sempre nello zaino per emergenza. Per esperienza personale la consiglio a tutti coloro che fanno trekking perché restare al buio su un sentiero non è una bella esperienza e al contrario di altre pile hai le mani libere. Ottima l'idea della pila a manovella x emergenze non si scarica mai. Sempre x esperienza consiglio un telo termico
http://www.mercoledisantorescueadventure.it/popup_image.php?pID=21374&osCsid=9e37e2bde1b12efb96f29f5731fb9f6a

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Biagio il Lun Nov 01 2010, 20:29

Grande Elan, complimenti!
Credo di capire cosa provi uscendo di notte.
Io l'estate scorsa quando ero in vacanza uscivo alle 6 del mattino. Era bellissimo, non incontravo nessuno, la terra era fresca, la cascine silenziose, la campagna addormentata.
Anch'io esploravo percorsi sconosciuti trovati sulle mappe satellitari. Avventuroso, salubre, naturale.
Le corsa campestre a piedi liberi, poi, è fantastica: io avevo rinunciato a correre da tanti anni per problemi di infiammazione alle ginocchia. Credevo che il problema fossero le mie articolazioni, nessuno dice che il vero problema sono le scarpe!
Certo d'estate e con la luce è decisamente meno impegnativo...
Mai incontrato fauna selvatica? Cinghiali, rapaci notturni, piccoli mammiferi...?
avatar
Biagio

Numero di messaggi : 299
Data d'iscrizione : 19.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Marco53 il Lun Nov 01 2010, 21:39

Concordo che è molto bello nella natura attorno all'alba. Ma anche in città qualche volta viene bene, perché attorno alle 6 c'é davvero nessuno in giro. Un paio d'anni fa sono uscito scalzo a quell'ora per fotografare le "Luci d'artista" qui a Torino (sono una via di mezzo tra l'addobbo natalizio e le creazioni d'arte), scalzo in dicembre con la macchina fotografica mentre il cielo appena comincia a schiarier e tutte le luci sono ancora accese. Ho fatto delle foto mica male! E poi sono andato tranquillamente nel mio scamufficio rimettendomi le scarpe a pochi passi dall'entrata...
Saluti seminotturni
Marco
avatar
Marco53

Numero di messaggi : 801
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Elan il Lun Nov 01 2010, 23:55

Se c'è una cosa che mi riesce male è alzarmi presto:) ...... per questo preferisco andare a letto tardi e mi è capitato più di una volta di essere in giro scalzo dopo la mezzanotte. In effetti mi capita spesso di incontrare animali: caprioli, istrici, cinghiali... quest'ultimi mi allarmano un pochino, anche perchè di notte mi prendono sempre di sorpresa... ma grugniscono e scappano ed io, per sicurezza, batto le mani, per scacciarli. Ero più timoroso in estate, dato che la leggenda vuole che la scrofa possa attaccare per difendere i piccoli, ma non ho mai sentito di un caso testimoniale in cui ciò sia davvero successo, con tutto che ero cinghialaio e frequentavo gente di bosco.
Circa il correre il mio caso è simile al tuo: ho problemi ad entrambe le ginocchia (legamenti), tanto che per un certo periodo non potevo correre senza che mi cedesse il ginocchio dopo pochi passi (una volta ho rischiato di essere investito per avere attraversato una strada spiccando la corsa con immediato cedimento del ginocchio). Ora ci riesco nuovamente ... non credo che sia merito dell'andare scalzo, ma del maggiore allenamento che ho nei muscoli delle gambe a causa delle mie sistematiche passeggiate. Tuttavia, l'essere scalzo è molto d'aiuto, perchè il piede ha una tendenza molto minore a subire torsioni o flessioni laterali causate dalla suola rigida della scarpa in combinazione con le irregolarità del fondo.
Questo fine settimana allungato l'ho passato quasi sempre a piedi nudi, salvo che nei luoghi pubblici, perchè la mia compagna (eravamo nella sua città) non aveva piacere. Sono molto contento del maltempo perchè so già che troverò un terreno stupendo mercoledì sera per la mia prossima escursione.


avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Marc_63 il Mer Nov 03 2010, 14:40


......
Questa estate ero a Medjugorje e mi muovevo sulla collina delle apparizioni scalzo....

Credo che non ci sia cosa più bella che camminare scalzi nel contesto di un'esperienza mistica e spirituale. Questa estate sono stato al Santuario Francescano della Verna, provincia di Arezzo, luogo dove la tradizione vuole che San Francesco, il 17 Settembre 1224, ricevette le stimmate.
Ci sono stato ben due volte di seguito, ad Agosto e a Settembre, e in entrambi i casi a piedi nudi per tutta la durata delle visite. Il Santuario è contornato da boschi meravigliosi attraverso i quali si possono percorrere dei sentieri ove la vegetazione è così folta che sembra che manchi davvero la luce anche in pieno giorno.
Quando infatti ci rechiamo in un luogo di preghiera spesso ci limitiamo a guardare, osservare, fermarci in raccoglimento; ci facciamo coinvolgere emotivamente e spiritualmente dalla bellezza del posto o dall'atmosfera che si crea intorno a noi, ci immergiamo nel "mistero" del luogo, fosse esso un semplice luogo di memoria, il teatro della vita di un santo o un luogo di apparizioni mariane.
Purtroppo però, in pochi, oggi, hanno capito che vivere la stessa esperienza a piedi nudi, calpestando quei suoli, percependone la dolcezza e/o le asperità, provando alle volte piacere e alle volte dolore (a seconda del tipo di suolo che calpestiamo), è il modo più naturale di coinvolgere anche il nostro corpo in quella esperienza rendendola, passatemi il termine, "totalizzante", completa, in quanto impegnamo in essa non solo il nostro spirito ma anche il nostro corpo che diventa coprotagonista di ciò che viviamo.
Piuttosto, vorrei sapere da Andrea, se, a Medjugorje, l'esperienza dello stare scalzi si limita alla Collina delle Apparizioni o se è diffuso, quanto meno tollerato, il vivere scalzi l'intera esperienza...
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Andrea77 il Mer Nov 03 2010, 22:00

A Medjugorje sono in molti a salire e scendere scalzi dai 2 monti sacri, il Podbrdo che sarebbe la collina delle apparizioni e il Krizevac che è il monte della croce con la via crucis.
I percorsi sono pietrosi e vengono percorsi scalzi per penitenza o per voto alla Madonna.
Personalmente non ho trovato paticolarmente difficile la salita mentre la discesa è sicuramente più impegnativa (alcuni arrivati i cima si ricalzano proprio per questo).
A parte questi 2 luoghi ogni tanto trovi qualche persona scalza in paese o in chiesa. Ovviamente nessun albergo, ristorante, negozio,... dice nulla (almeno da quanto posso dire come mia esperienza) perché evidentemente vieni considerato un pellegrino scalzo. Più di una volta, nonostante la cosa sia molto frequente, ho trovato qualcuno che mi facesse i complimenti (o li facesse ad altri) x la 'bravura/coraggio' di fare il percorso scalzi.
Io ti parlo ovviamente della Medjugorje che ho visto in estate. In inverno credo che qulcuno salga comunque i monti sacri a piedi nudi ma in minor numero e credo che nessuno giri scalzo per il paese (questo però può valere anche in estate perché ti gerantisco che la temperatura tocca i 40° e se a stento cammini scalzo sul percorso pietroso 'correndo' da un omra all'altra sull'asfalto assolato diventa praticamente impossibile).
La situazione varia anche a seconda di alcune situazioni particolari.
Per esempio se vai a Medjugorje durante la settimana della gioventù che solitamente è la 1 d'agosto è molto più facile trovare ragazzi d'ogni nazionalità che stanno scalzi anche al di fuori dei 2 monti sacri.
In questa occasione c'è una nottte in cui una moltitudine di gente sale (anche a piedi scalzi) sul monte krizevac e si ferma poi a pregare sino all'alba. Alcuni riescono a salire senza neppure una luce affidandosi agli 'occhi' del tatto dei piedi.
Sul monte delle apparizioni è invece più facile vedere delle persone che ci salgono pure di notte perché il percorso è illuminato da alcuni lampioncini (che però non fanno molta luce e il percorso meno accidentato non sempre passa vicino ad essi quindi devi scegliere se stare più in luce ma su un percorso + accidentato o al buio (salvo che tu abbia una pila) su un percorso meno accidentato).
Anche qui credo 1 volta al mese c'è una particolare apparizione alle 22.00 sulla cima della collina e quindi anch ein questa occasione c'è ovviamente una moltitudine di persone che salgono di notte sulla collina.
Poi ovviamnete c'è anche il discorso meteo. Se piove il percorso diventa scivoloso ma questo non scoraggia più di tanto i fedeli a salire e scendere anche scalzi.

Ora sono io a chiederti info sul tuo pellegrinaggio. Eri l'unico scalzo? Che tu sappia c'è un occsione particolare in cui i pellegrini si recano scalzi in quei luoghi?

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Enzo il Mer Nov 03 2010, 22:35

-


Ultima modifica di Enzo il Mer Dic 01 2010, 23:04, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  freealex il Mer Nov 03 2010, 23:26

Tanto di cappello Elan!!! Ci vuole veramente tanta passione per andare in giro di notte e al freddo quando il resto del mondo è comodamente seduto sul divano davanti alla televisione o già a letto.

Provato ad usare una lampada frontale a led? ... hai qualche fascia riflettente? .... ti porti dietro il cellulare ... è bello andarsene in giro da soli nella natura ma non dimentichiamoci mai la ns sicurezza.

ciao alex
avatar
freealex

Numero di messaggi : 155
Età : 53
Data d'iscrizione : 06.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Elan il Gio Nov 04 2010, 12:45

Durante il giro di cui ho raccontato in questo post, per la prima volta avevo con me uno zainetto, in cui potevo riporre gli indumenti ed ho portato il telefonino e la lampadina a LED. Questo perchè sapevo che sarei rimasto fuori più a lungo e che, se non avessi trovato il passaggio attraverso il bosco, avrei dovuto camminare per un pezzo lungo la provinciale, cosa per la quale è preferibile essere vestiti. Di solito non porto il telefonino, anche perchè, nei luoghi da me scelti per le mie escursioni, difficilmente c'è il segnale, ma anche perchè mi sembra di andare fuori dal tema "ritorno al primitivo" se ho con me qualcosa come un cellulare. Mi facevo già dei problemi per il fatto di tenere l'orologio da polso Smile
Devo dire che la lucina a LED si è rivelata preziosa, per cui ho deciso di portarla sempre, anche se mi sforzo di accenderla solo in casi sporadici e per pochi secondi. Ieri, per esempio, ho esplorato un percorso nuovo e solo accendendo ogni tanto i LED potevo individuare lo stradello spianato dai trattori in mezzo al terreno dissodato (non c'era luna ieri). Tra l'altro, uno dei miei divertimenti è quello di evitare di essere visto, per esempio, quando devo passare per una strada carrabile e sono diventato abilissimo a tuffarmi nel fitto quando sento sopraggiungere un veicolo (a volte ritorno a casa tutto graffiato). Bene, ieri su di me incrociavano due elicotteri militari in addestramento al volo nutturno di bassa quota, a luci spente: è stato molto divertente cerca di tenermi sempre all' ombra o nel fitto quando li sentivo arrivare e muovermi veloce allo scoperto tra un passaggio e l'altro Very Happy ... devo dire che sono molto silenziosi, alla guida di un veicolo non ti accorgeresti ami di loro, ma non abbastanza per un uomo a piedi in un bosco.
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1086
Età : 65
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Marc_63 il Ven Nov 05 2010, 09:57

Andrea77 scrive :

Ora sono io a chiederti info sul tuo pellegrinaggio. Eri l'unico scalzo? Che tu sappia c'è un occsione particolare in cui i pellegrini si recano scalzi in quei luoghi?

Ciao
Andrea

Ciao Andrea, per non andare O.T. ti rho risposto in questo nuovo topic :

[url]://natiscalzi.forumattivo.com/andare-scalzi-e-bello-ed-e-per-tutti-f7/pellegrinaggi-scalzi-t882.htm#9969[/url]
avatar
Marc_63

Numero di messaggi : 683
Data d'iscrizione : 13.02.09

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1614025239

Tornare in alto Andare in basso

Re: 8 km a quasi 0°C

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum