Mai dire mai

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Mai dire mai

Messaggio  lucignolo il Dom Apr 06 2008, 22:37

Le giornate si fanno più lunghe, più tiepide, perciò la voglia di farsi una passeggiata scalza aumenta, così come aumenta la lunghezza del percorso.
È ora di rinforzare le suole, perché ho in mente un bel po' di azione.
Noto con piacere che cammino senza quell'iniziale senso di angoscia che provavo lo scorso anno; è stato un inverno duro, pieno di interrogazioni e di dubbi, ma il risultato è stato il raggiungimento di un nuovo livello di equilibrio.
Ora è piacevole camminare scalzi, per me stesso, perché, scusate la strana affermazione, me lo merito, perché me lo devo, perché non voglio avere rimpianti, perché non voglio trovare giustificazioni, perché mi voglio bene.
Così parlo tranquillamente con mia moglie senza nemmeno voltarmi a guardare la reazione delle persone; non me ne curo e fa bene alla mia salute.
Di certo non vi annoierò più spiegandovi il motivo, semmai dirò semplicemente che funziona.
Percorriamo un tratto erboso: si può fare, l'erba è stata tagliata di recente e posso vedere cosa si nasconde.
C'è un delizioso sentierino in terra battuta, a tratti coperto da un tappeto verde; si tratta di un caleidoscopio sensitivo da non perdere.
Mia moglie mi chiede se ne vale la pena: certo che sì, ma con le calze percepirebbe ben poco.
Trattengo il respiro, quasi temendo di rompere una magia; no, scusate, a volte i sogni sono così vividi e realistici che risulta difficile distinguere il loro percorso da quello dello stato di veglia.
Attendo il suono della sveglia, mi desterò e penserò che avrei potuto raccontare una cosa strana agli amici del forum.
Mentre aspetto il bip bip elettronico, mia moglie afferra i calzini e se li toglie davanti ad un marito che sembra lo scemo del villaggio.
Però è un po' ridicola, ma, per carità, meglio tacere: sembra un papero che attraversa l'aia.
Scelgo per lei un tragitto facile, ora sembra capire: percepisce e tasta con cura il suolo.
Freddo, caldo, erba, terra e asfalto: il canale sensoriale è aperto, il vaso di Pandora cessa di essere un mito.
Che belle suole nere! Lei è un po' impressionata, ma le ricordo che esistono acqua e sapone e che nessuno è mai morto per questo.
La invito ad evitare qualche scheggia di vetro, facendole notare il loro evidente luccichio.
Ne individuo una, la valuto e la calpesto deliberatamente: si incolla, poi si stacca spontaneamente senza conseguenze.
È piatta e non può nuocere.
Un esempio che vale più di mille parole.
Diventerà una di noi?
Non lo so, ma il seme è stato gettato.
Ancora una volta mi viene confermato che pazienza e buon esempio sono la formula risolutiva.
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mai dire mai

Messaggio  Andy il Dom Apr 06 2008, 23:02

lucignolo ha scritto:Le giornate si fanno più lunghe, più tiepide, perciò la voglia di farsi una passeggiata scalza aumenta, così come aumenta la lunghezza del percorso.
È ora di rinforzare le suole, perché ho in mente un bel po' di azione.
Noto con piacere che cammino senza quell'iniziale senso di angoscia che provavo lo scorso anno; è stato un inverno duro, pieno di interrogazioni e di dubbi, ma il risultato è stato il raggiungimento di un nuovo livello di equilibrio.
Ora è piacevole camminare scalzi, per me stesso, perché, scusate la strana affermazione, me lo merito, perché me lo devo, perché non voglio avere rimpianti, perché non voglio trovare giustificazioni, perché mi voglio bene.
Così parlo tranquillamente con mia moglie senza nemmeno voltarmi a guardare la reazione delle persone; non me ne curo e fa bene alla mia salute.
Di certo non vi annoierò più spiegandovi il motivo, semmai dirò semplicemente che funziona.
Percorriamo un tratto erboso: si può fare, l'erba è stata tagliata di recente e posso vedere cosa si nasconde.
C'è un delizioso sentierino in terra battuta, a tratti coperto da un tappeto verde; si tratta di un caleidoscopio sensitivo da non perdere.
Mia moglie mi chiede se ne vale la pena: certo che sì, ma con le calze percepirebbe ben poco.
Trattengo il respiro, quasi temendo di rompere una magia; no, scusate, a volte i sogni sono così vividi e realistici che risulta difficile distinguere il loro percorso da quello dello stato di veglia.
Attendo il suono della sveglia, mi desterò e penserò che avrei potuto raccontare una cosa strana agli amici del forum.
Mentre aspetto il bip bip elettronico, mia moglie afferra i calzini e se li toglie davanti ad un marito che sembra lo scemo del villaggio.
Però è un po' ridicola, ma, per carità, meglio tacere: sembra un papero che attraversa l'aia.
Scelgo per lei un tragitto facile, ora sembra capire: percepisce e tasta con cura il suolo.
Freddo, caldo, erba, terra e asfalto: il canale sensoriale è aperto, il vaso di Pandora cessa di essere un mito.
Che belle suole nere! Lei è un po' impressionata, ma le ricordo che esistono acqua e sapone e che nessuno è mai morto per questo.
La invito ad evitare qualche scheggia di vetro, facendole notare il loro evidente luccichio.
Ne individuo una, la valuto e la calpesto deliberatamente: si incolla, poi si stacca spontaneamente senza conseguenze.
È piatta e non può nuocere.
Un esempio che vale più di mille parole.
Diventerà una di noi?
Non lo so, ma il seme è stato gettato.
Ancora una volta mi viene confermato che pazienza e buon esempio sono la formula risolutiva.
----------------------------------------------------
W O W ! ! ! ! Very Happy cheers Very Happy
Fossero TUTTI così! Razz Provare, nel nostro caso, non costa NULLA, ma proprio nulla!! Sad
100000000000000000000000000 auguri!

Ciaooo!!!
A--N--D--Y-- geek
avatar
Andy

Numero di messaggi : 262
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mai dire mai

Messaggio  bfpaul il Lun Apr 07 2008, 13:26

lucignolo ha scritto:Le giornate si fanno più lunghe, più tiepide, perciò la voglia di farsi una passeggiata scalza aumenta, così come aumenta la lunghezza del percorso.
È ora di rinforzare le suole, perché ho in mente un bel po' di azione.
Noto con piacere che cammino senza quell'iniziale senso di angoscia che provavo lo scorso anno; è stato un inverno duro, pieno di interrogazioni e di dubbi, ma il risultato è stato il raggiungimento di un nuovo livello di equilibrio.
Ora è piacevole camminare scalzi, per me stesso, perché, scusate la strana affermazione, me lo merito, perché me lo devo, perché non voglio avere rimpianti, perché non voglio trovare giustificazioni, perché mi voglio bene.
Così parlo tranquillamente con mia moglie senza nemmeno voltarmi a guardare la reazione delle persone; non me ne curo e fa bene alla mia salute.
Di certo non vi annoierò più spiegandovi il motivo, semmai dirò semplicemente che funziona.
Percorriamo un tratto erboso: si può fare, l'erba è stata tagliata di recente e posso vedere cosa si nasconde.
C'è un delizioso sentierino in terra battuta, a tratti coperto da un tappeto verde; si tratta di un caleidoscopio sensitivo da non perdere.
Mia moglie mi chiede se ne vale la pena: certo che sì, ma con le calze percepirebbe ben poco.
Trattengo il respiro, quasi temendo di rompere una magia; no, scusate, a volte i sogni sono così vividi e realistici che risulta difficile distinguere il loro percorso da quello dello stato di veglia.
Attendo il suono della sveglia, mi desterò e penserò che avrei potuto raccontare una cosa strana agli amici del forum.
Mentre aspetto il bip bip elettronico, mia moglie afferra i calzini e se li toglie davanti ad un marito che sembra lo scemo del villaggio.
Però è un po' ridicola, ma, per carità, meglio tacere: sembra un papero che attraversa l'aia.
Scelgo per lei un tragitto facile, ora sembra capire: percepisce e tasta con cura il suolo.
Freddo, caldo, erba, terra e asfalto: il canale sensoriale è aperto, il vaso di Pandora cessa di essere un mito.
Che belle suole nere! Lei è un po' impressionata, ma le ricordo che esistono acqua e sapone e che nessuno è mai morto per questo.
La invito ad evitare qualche scheggia di vetro, facendole notare il loro evidente luccichio.
Ne individuo una, la valuto e la calpesto deliberatamente: si incolla, poi si stacca spontaneamente senza conseguenze.
È piatta e non può nuocere.
Un esempio che vale più di mille parole.
Diventerà una di noi?
Non lo so, ma il seme è stato gettato.
Ancora una volta mi viene confermato che pazienza e buon esempio sono la formula risolutiva.

Evviva!

So che tua moglie legge il nostro Forum; credo che pian piano capirà le tante cose che ci diciamo e ripetiamo continuamente per tutti gli indecisi e i timorosi: provare si può!
Con calma, dosando le sensazioni perchè davvero è un mondo che si apre, che dà dimostrazione fisica con le suole nere, ma molto più perché la tempesta di sensazioni raggiunge il nostro cervello ed ha per risposta una migliore comprensione del mondo.
Sono sicuro che tua moglie diventerà una barefooter e sarà delle migliori, perchè lo farà per convinzione derivante dalla risoluzione di molti dubbi. Benevenuta fra noi!!!

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mai dire mai

Messaggio  Andrea77 il Mer Apr 09 2008, 22:39

Come si dice 'è un piccolo passo x un uomo ma un grande passo x l'umanità'? Very Happy
Esagero?
Beh dal racconto l'enfasi è quella del primo passo sulla luna.
Congratulazioni a tua moglie! Finalmente si è decisa! E compimenti a te che ti sei mosso in modo da farle capire che SI PUO' FARE!lol! (scusate il riferimento politico)
Ben venuta tra noi cheers
Anzi era già ben venuta prima ma ora lo è di +.
Una domanda a caldo alla nuova barefooter 'signora cos'ha provato quando si è scalzata'?
'Ci può descrivere le sensazioni e magari anche la faccia dello 'scemo del villaggio':-)'?Laughing

Ciao
Andrea
avatar
Andrea77

Numero di messaggi : 1101
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mai dire mai

Messaggio  lucignolo il Ven Apr 11 2008, 22:30

Andrea77 ha scritto:Una domanda a caldo alla nuova barefooter 'signora cos'ha provato quando si è scalzata'?
'Ci può descrivere le sensazioni e magari anche la faccia dello 'scemo del villaggio':-)'?Laughing
Ciao, leoncino.
La signora fa un po' la timida, ma ammette che le sensazioni sono state inaspettatamente super. Piano con la nuova barefooter: non è ancora matura, ma ci conto. Vorrei che scrivesse, almeno semplicemente come simpatizzante.
Lo scemo del villaggio? Ecco, Shocked....... uguale!
avatar
lucignolo

Numero di messaggi : 2661
Età : 63
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mai dire mai

Messaggio  Gigor il Dom Apr 13 2008, 19:48

Ciao Flavio,

come hai scritto tu stesso in altro post:

lucignolo ha scritto: La goccia scava la pietra. Credo molto nelle azioni continue, implacabili ed apparentemente insignificanti; non turbano le coscienze Very Happy , ma, come certi veleni, agiscono per accumulo.

quindi congratulazioni a te per la pazienza e la perseveranza e complimenti a tua moglie per aver "osato" !

Saluti. Gigor

Gigor

Numero di messaggi : 25
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mai dire mai

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum