Barefoot running per principianti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Barefoot running per principianti

Messaggio  Piedi Neri il Dom Ott 25 2015, 22:14

Ciao a tutti,
quest’autunno, al contrario di quanto mi accadeva gli scorsi anni, sto continuando con le mie uscite scalze anche con i primi freddi e le prime piogge, con una frequenza di una / due volte la settimana.
In genere privilegio i parchi cittadini, alternando asfalto, tratti in cemento, terra battuta.
A passo spedito posso camminare per circa due ore su terreni umidi, mentre sull’asciutto posso proseguire fino a quasi tre ore. Questi sono sempre stati i miei limiti: insistere oltre queste durate mi procura delle abrasioni longitudinali all’avampiede, all’altezza dell’alluce, dalla forma di mezze lune.
In genere esse guariscono dopo circa quattro giorni, ma la guarigione non è completa e tendono a ripresentarsi durante l’uscita successiva. Non ho più invece problemi di vesciche, che gli scorsi anni si producevano nella stessa posizione dell’avampiede, e sulla parte esterna dei talloni.

Quest’anno volevo approfittare dei mesi autunnali ed invernali per passare gradualmente dalla camminata veloce al running, ma ho letteralmente paura di “bruciarmi le suole”.
Spesso infatti durante le mie uscite, spinto dall’entusiasmo e dal piacere di percorrere scalzo sentieri nella natura, tendo ad eccedere con la durata e la percorrenza, e non mi rendo conto di aver raggiunto il limite.

Per questo volevo chiedere a barefooter più esperti di me (io ho iniziato circa due anni fa) ed in particolare a chi già pratica il running, consigli su come passare alla corsa scalza, tenendo presente che la mia età si avvicina ai 50 e che non ho mai praticato running nemmeno in giovane età.

Quali terreni privilegiare? Inizialmente pensavo alla terra battuta, ma in questa stagione i percorsi sono spesso umidi e scivolosi… D’altra parte l’asfalto, anche quando è più liscio, mi sembra ancora troppo abrasivo. L’ideale sarebbe forse qualche fondo sintetico… o devo rassegnarmi al tapis roulant?

Come cominciare? Ok, senza esagerare, ma è sufficiente alternare brevi tratti di corsa a tratti percorsi camminando? Con quali durate e quale progressione? Sono da ritenersi valide le tabelle pubblicate su riviste o libri anche per chi vuole iniziare a correre scalzo?

Come migliorare la resistenza delle “suole”, considerando che esse sono ben più sollecitate che durante le camminate? E come curare queste abrasioni in modo che guariscano al più presto e mi permettano di dare continuità alle uscite aumentando tempi e distanze percorse?
avatar
Piedi Neri

Numero di messaggi : 48
Età : 51
Data d'iscrizione : 27.08.13

Tornare in alto Andare in basso

Barefoot running per principianti

Messaggio  Mauro12 il Lun Ott 26 2015, 09:21

Non ci sono regole esatte che valgano per tutti, siccome siamo tutti diversi.
Guardati il post seguente:

http://natiscalzi.forumattivo.com/t2344-corsa-scalza-primo-tentativo


Nel tuo caso, se non hai mai corso, e d'altra parte come il caso di chiunque non corre da molto, devi fare un test d'ingresso. Cioè correre per quanto il tuo corpo ti consente (devi ascoltarti pazientemente e attentamente).
Diciamo che puoi correre per 100 metri senza sentire alcun tipo di dolore né subito dopo né il giorno dopo?
Allora lascia passare un giorno di riposo e dopo corri per 110 metri. Corri un po' di volte 110 metri finché non sei sicuro di non aver conseguenze, sempre correndo un giorno sì e uno no. Quando ti senti di aumentare corri per 121 e così di seguito.
Comunque non è importante per quanti km si corre, ma come si corre. Informati sul Chi Running.
avatar
Mauro12

Numero di messaggi : 24
Età : 69
Data d'iscrizione : 05.03.12

http://manifestostorico.xoom.it/

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum