Parliamo di scarpe

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Parliamo di scarpe

Messaggio  Rei il Dom Ago 02 2009, 09:31

Diciamolo: qui siamo quasi tutti maschietti.
E le donne? Perse le antiche sane tradizioni, prima della guerra contadine e mondine erano SEMPRE scalze da marzo ad ottobre, oggi la donna media è una collezionista di scarpe; ho trovato questo articolo illuminante sul sito del Corriere del Veneto:

http://ineout.corrieredelveneto.corriere.it/veneto/articoli/2009/07/donne_scarpe.html

ma poi le vediamo scalzarsi senza problemi per tornare a casa dopo una serata su dei trampoli da 12 cm.
Qualche giorno fa ero in farmacia e prima di me stavano servendo la mia vicina. Era in infradito con vistose vesciche in guarigione causate da micidiali sandali alla moda. Io, ovviamente, scalzo.
Così sparo la mia sentenza:
"Quando un uomo odia le donne, ma le odia tanto, e vuole fare loro del male, ma tanto..."
La farmacista, una simpatica signora anziana, mi guarda incuriosita, cercando di capire dove voglio arrivare.
"... allora diventa stilista di scarpe."
La farmacista e la mia vicina sono scoppiate in una sonora risata, con la farmacista che annuiva e diceva "Come ha ragione!"
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2620
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  bfpaul il Dom Ago 02 2009, 21:19

Rei ha scritto:Diciamolo: qui siamo quasi tutti maschietti.
E le donne? Perse le antiche sane tradizioni, prima della guerra contadine e mondine erano SEMPRE scalze da marzo ad ottobre, oggi la donna media è una collezionista di scarpe; ho trovato questo articolo illuminante sul sito del Corriere del Veneto:

http://ineout.corrieredelveneto.corriere.it/veneto/articoli/2009/07/donne_scarpe.html

ma poi le vediamo scalzarsi senza problemi per tornare a casa dopo una serata su dei trampoli da 12 cm.
Qualche giorno fa ero in farmacia e prima di me stavano servendo la mia vicina. Era in infradito con vistose vesciche in guarigione causate da micidiali sandali alla moda. Io, ovviamente, scalzo.
Così sparo la mia sentenza:
"Quando un uomo odia le donne, ma le odia tanto, e vuole fare loro del male, ma tanto..."
La farmacista, una simpatica signora anziana, mi guarda incuriosita, cercando di capire dove voglio arrivare.
"... allora diventa stilista di scarpe."
La farmacista e la mia vicina sono scoppiate in una sonora risata, con la farmacista che annuiva e diceva "Come ha ragione!"
Sacrosanto, Rei!
Sono sicuro che la maggioranza assoluta delle donne (ma anche degli uomini!), a vedere certi programmi TV (Tabu') avrebbe una risposta di orrore per una che si spara un chiodo nel naso o si fa appendere con dei bei ganci per la carne della schiena (e non dico cosa si trova in internet di ragazzini che si sparano fermagli, chiodi e quant'altro).
Beh, é meno folle andare su tacchi 12 appena si ha il piede lungo per poterlo adottare (max 15 anni) e poi trovarsi a trenta, max 40 anni con i piedi devastati da spaventosi calli, alluci valghi, e altre deformazioni permanenti?
Qualunque donna giudicherebbe folle o autolesionista la donna che fa quello spettacolo, ma magari è andata a vederlo con un bel tacco 12!
Ditemi dove sta la logica.
Il giorno dopo andrà in farmacia a comprarsi tutta la serie di ripara-calli, lividi, e chi più ne ha, più ne metta, e naturalmente aborre semplicemente la possibilità di mettere un piede "a terra"...

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2957
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Gianni da Genova il Lun Ago 24 2009, 21:34

Purtropo viviamo in una società che si comporta come gli altri vogliono che ci si comporti.
Parti dall'abbronzatura o dalle unghie finte ed extra lunghe. Sono tutti messaggi per comunicare "Sono tanto ricco da poter non lavorare e quindi sono sempre al mare" oppure "sono tanto ricca da poter non lavorare perchè con le unghie così........."

E' buffo pensare che 60 o 70 anni fa le ragazze, per lo stesso motivo, dovevano sembrare il più bianco possibile perchè chi lavorava in campagna si abbronzava e chi non lavorava era bianco. Question

Cosa dire di quelle scarpe e stivali con punte lunghissime precedute da altre scarpe con la punta perfettamente quadra. Il trionfo dell'ergonomia Very Happy
avatar
Gianni da Genova

Numero di messaggi : 61
Età : 62
Data d'iscrizione : 24.08.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  ChiccoB il Dom Ott 18 2009, 01:21

Rei ha scritto:Diciamolo: qui siamo quasi tutti maschietti.
E le donne? Perse le antiche sane tradizioni, prima della guerra contadine e mondine erano SEMPRE scalze da marzo ad ottobre, oggi la donna media è una collezionista di scarpe; ho trovato questo articolo illuminante sul sito del Corriere del Veneto:

http://ineout.corrieredelveneto.corriere.it/veneto/articoli/2009/07/donne_scarpe.html

ma poi le vediamo scalzarsi senza problemi per tornare a casa dopo una serata su dei trampoli da 12 cm.
Qualche giorno fa ero in farmacia e prima di me stavano servendo la mia vicina. Era in infradito con vistose vesciche in guarigione causate da micidiali sandali alla moda. Io, ovviamente, scalzo.
Così sparo la mia sentenza:
"Quando un uomo odia le donne, ma le odia tanto, e vuole fare loro del male, ma tanto..."
La farmacista, una simpatica signora anziana, mi guarda incuriosita, cercando di capire dove voglio arrivare.
"... allora diventa stilista di scarpe."
La farmacista e la mia vicina sono scoppiate in una sonora risata, con la farmacista che annuiva e diceva "Come ha ragione!"
Mi viene da fare una riflessione. Nella mia famiglia,tutti i componenti (nonni paterni,nonni materni,mio padre e mia madre) hanno l'alluce valgo. I più gravi erano mio padre e mia nonna paterna. Io per adesso non soffro di alluce valgo,credo di essere l'unico in famiglia a non averlo. Guardando le foto dei miei quando avevano più o meno la mia età,(foto del mare),ho notato che già da giovani soffrivano di questa patologia. Io sono a rischio di alluce valgo? So che non sempre dipende dal tipo di scarpe che si indossa. Chicco.

ChiccoB

Numero di messaggi : 958
Età : 45
Data d'iscrizione : 05.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Enzo il Dom Ott 18 2009, 11:31

-


Ultima modifica di Enzo il Gio Dic 02 2010, 22:34, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  ChiccoB il Lun Ott 19 2009, 01:00

Enzo ha scritto:Dalla rivista dei podologi "A piede libero" (un tempo "Notiziario Podologico", il cambio di titolo la dice lunga):

"L’alluce valgo è dato da una sublussazione tra la prima testa metatarsale e la base della falange prossimale dell’alluce, che rappresentano i capi articolari della prima articolazione metatarso falangea.
Le cause di questa deformità sono molteplici ed esistono varie interpretazioni. Possiamo affermare che la componente genetica gioca un ruolo importante, si può evidenziare una certa familiarità molto simile a quella delle ernie inguinali e delle vene varicose. Insieme al fattore genetico,ci sono altri importanti fattori eziologici:
lassità capsulo - legamentosa, sindrome pronatoria, piede piatto, che favoriscono l’instaurarsi della patologia. Da non dimenticare inoltre, l’uso di calzature strette come fattore aggravante per il quadro clinico."

Quanto scritto conferma la mia modesta convinzione che cioè il fattore determinante è quello genetico di una lassità capsulo-legamentosa, ma l'aspetto genetico è una base di partenza sulla quale costruiamo il nostro corpo con lo stile di vita (nel mio caso con un pessimo risultato, anche se la colpa va ricercata in primis negli obiettivi prioritari impostati dai miei genitori: la scuola al primo posto). Ne deriva, sempre a mio modesto parere, che i ragazzini che crescono scalzi, secondo natura, rafforzano i legamenti e difficilmente soffriranno di piede piatto e alluce valgo; se invece piedi crescono dentro le scarpe, spesso di misura inadeguata, potranno andare incontro a questi problemi.
Penso che il bf potrà giovare certamente, specie se il valgismo non è già in atto, ma bisognerà fare i modo, che i legamenti si rafforzino, nonostante l'età, cosa che richiede impegno e attenzione.
Quindi in sostanza,sarei a rischio potenziale dell'alluce valgo per motivi genetici. Sin dalla prima infanzia (dalle prime classi elementari) mi ordinarono di inserire dentro le scarpe i plantari ortopedici,se ricordate la famosa ditta "BALDUCCI". Ricordo ancora l'enorme fastidio che provavo quando indossavo qugli scarponcini marroni con annessi plantari. Quanto li ho odiati!! Siccome avevo (ed ho ancora ma grazie al barefooting è migliorato) il piede piatto,i miei genitori su consiglio del medico,mi imposero di indossarle. Questo per qualche anno,con il risultato che il piede piatto non è migliorato,ma in compenso il male patito è stato tanto. Un altra calzatura che non sono mai riuscito a portare,per via della conformazione del mio piede ma anche per come è modellato, è il classico zoccolo Sholl's chiamato "pescura". Per intenderci quegli zoccoli in legno a pianta stretta,con il cinturino color pelle. Un male all'arcata del piede (che non ho,per via del piattismo dei piedi) che mi ha sempre impedito di portarli. Li ho regalati,ancora nuovi ad un amico che a differenza di me,li porta molto sul lavoro (è farmacista). Spero vivamente che praticando il barefooting regolarmente,almeno riesca a limitare il processo degenerativo del valgismo del piede. Anche perchè ho notato,già da tempo che camminando scalzo,mi si sta lentamente riformando l'arco plantare. (Ma non tornerò ad indossare gli zoccoli anatomici Wink ....) Chicco.

ChiccoB

Numero di messaggi : 958
Età : 45
Data d'iscrizione : 05.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Rei il Lun Ott 19 2009, 06:48

federicob ha scritto:Io sono a rischio di alluce valgo? So che non sempre dipende dal tipo di scarpe che si indossa. Chicco.
Dipende solo dal fatto di indossare le scarpe.
La predisposizione genetica all'alluce valgo è appunto una predisposizione. Nella persona predisposta l'alluce si deforma più facilmente di altri se compresso nelle punte delle scarpe. In assenza di compressione, niente deformazione.
Nelle popolazioni costantemente scalze (o al massimo in infradito) l'alluce valgo è una patologia sconosciuta. Non è una questione di geni presenti (o assenti) in quelle popolazioni: se alle stesse persone si mettono le scarpe, l'alluce valgo compare nella stessa percentuale delle popolazioni calzate da tempo.
Una curiosità: gli archeologi hanno stabilito che le scarpe sono state inventate 10.000/12.000 anni fa osservando che negli scheletri di quell'epoca compaiono per la prima volta le deformazioni del piede provocate dalle scarpe, alluce valgo in primis.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2620
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Enzo il Lun Ott 19 2009, 14:21

-


Ultima modifica di Enzo il Gio Dic 02 2010, 22:34, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Rei il Lun Ott 19 2009, 16:39

Enzo ha scritto:a detta degli ortopedici tradizionalisti, quelli della Balducci Very Happy , è un errore cominciare a camminare scalzi in casa senza aver prima rinforzato i piedi perché un piede debole, con una tendenza al piattismo, o a qualsiasi altro difetto, collassa e il difetto si accentua.
Quelli bravi invece sostengono che la teoria dei tradizionalisti è una fesseria. Camminare scalzi fa bene sempre; se non si possono affrontare terreni naturali, anche solo in casa è meglio che mettere le scarpe.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2620
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Enzo il Mar Ott 20 2009, 13:12

-


Ultima modifica di Enzo il Gio Dic 02 2010, 22:34, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  alex65 il Mar Ott 20 2009, 16:22

Ho una (splendida) bimba di 16 mesi che zampetta per casa.
Se è vero che il pavimento perfettamente piatto e rigido non è un terreno naturale è anche vero che i bimbi, oltre a camminare, passano il tempo ad arrampicarsi, a saltare su (morbidi) divani, a tccarsi i iedi...
avatar
alex65

Numero di messaggi : 303
Età : 52
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  ChiccoB il Mer Ott 21 2009, 03:22

alex65 ha scritto:Ho una (splendida) bimba di 16 mesi che zampetta per casa.
Se è vero che il pavimento perfettamente piatto e rigido non è un terreno naturale è anche vero che i bimbi, oltre a camminare, passano il tempo ad arrampicarsi, a saltare su (morbidi) divani, a tccarsi i iedi...
Beh,togli pure quella parentesi tonda sulla parola "splendida". La tua pupa,sarà senz'altro splendida,e ogni genitore ha tutti i diritti di dirlo a caratteri cubitali!!!! Ecco,per quanto riguarda i divani,mia madre che non ha mai mostrato,onestamente parlando,obiezioni per il mio stare scalzo,anche fuori casa,temo che salissi,con i miei piedoni scalzi,(come li so conciare io dopo una bella camminata di un paio d'ore,per esempio) sui divani NUOVI di casa,la sentireste anche da casa vostra,tutti quanti!!!! What a Face What a Face What a Face Chicco.

ChiccoB

Numero di messaggi : 958
Età : 45
Data d'iscrizione : 05.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Parliamo di piedi

Messaggio  Marco53 il Mer Ott 21 2009, 10:56

Anche perchè ho notato,già da tempo che camminando scalzo, mi si sta lentamente riformando l'arco plantare.
Non c'é niente di meglio di quello che tu dici, caro Chicco. Io da anni soffrivo di dolori di schiena, dovuti a posture sballate, e un inizio di lordosi (colonna vertebrale piegata in avanti nella parte bassa) accentuata dalla mia panza, e camminata a papera con consumo abnorme delle suole delle scarpe sui lati esterni. In certi giorni l'indolenzimento era tale da dover prendere degli antinfiammatori e talvolta per giorni di seguito.
Il nostro cervello è lento a capire le cose ma il dialogo con gli altri, per esempio scoprendo i Natiscalzi, mette in comune un mucchio di informazioni e allora si assiste a uno spettacolare fenomeno della messa in comune dei cervelli stessi, e della loro capacità di elaborazione. Così scocca la scintilla Idea della conoscenza o della presa di coscienza. Per esempio si scopre che camminare a piedi nudi non solo si può, che è bello, è salutare, non danneggia nessuno ecc ecc. ma dà dei benefici VERI. Per qualcuno sarà riguardo il piede piatto (anche se ciò avviene per quanto possibile in relazione all'età in cui "scocca la scintilla"): posso anche citare un caro amico che lascia scalzo tutto il giorno il figlio perché appunto è afflitto da questo problema e scalzo ne trae giovamento (irrobustimento dei muscoli e tendini dei piedi ecc ecc). A qualcun altro, come il sottoscritto, per i problemi di postura e di mal di schiena (beh... per la panza è un altro discorso Embarassed ).
Resta il fatto che negli ultimi 6 anni di incrementato scalzismo (e non importano qui i finti sandali o le finte scarpe perché influenti solo per la sfera psicologica, ma ininfluenti sul fatto che la camminata torna ad essere naturale), alla bella età di 56 anni, ho riguadagnato un modo di camminare naturale, che mi dà benessere, che mi stanca meno e non mi infiamma più le terminazioni nervose della schiena. Possibile ?
Dovete fidarvi della mia parola. Ma non lo dico perché fa trend o per farmi interessante sul sito.
Lo dico perché è davvero conseguenza di una scelta, quella di usare le scarpe meno possibile. Su qualunque terreno (meno - come ho già detto in altre occasioni - i sottoboschi di castagno e la ricerca delle more in mezzo ai rovi Wink ). E le vostre discussioni non fanno che dimostrarlo per ciò che ognuno di voi "scopre".
Dopo i 50 anni sarà difficile per me recuperare del tutto le posture scorrette della colonna vertebrale, ma se solo si riescono a evitare gli antinfiammatori tongue , è già una vittoria epocale !!!
Saluti abolizionisti (di scarpe, pantofole, tacchi a spillo...)
Marco
avatar
Marco53

Numero di messaggi : 797
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  ChiccoB il Mer Ott 21 2009, 23:41

Marco53 ha scritto:
Anche perchè ho notato,già da tempo che camminando scalzo, mi si sta lentamente riformando l'arco plantare.
Non c'é niente di meglio di quello che tu dici, caro Chicco. Io da anni soffrivo di dolori di schiena, dovuti a posture sballate, e un inizio di lordosi (colonna vertebrale piegata in avanti nella parte bassa) accentuata dalla mia panza, e camminata a papera con consumo abnorme delle suole delle scarpe sui lati esterni. In certi giorni l'indolenzimento era tale da dover prendere degli antinfiammatori e talvolta per giorni di seguito.
Il nostro cervello è lento a capire le cose ma il dialogo con gli altri, per esempio scoprendo i Natiscalzi, mette in comune un mucchio di informazioni e allora si assiste a uno spettacolare fenomeno della messa in comune dei cervelli stessi, e della loro capacità di elaborazione. Così scocca la scintilla Idea della conoscenza o della presa di coscienza. Per esempio si scopre che camminare a piedi nudi non solo si può, che è bello, è salutare, non danneggia nessuno ecc ecc. ma dà dei benefici VERI. Per qualcuno sarà riguardo il piede piatto (anche se ciò avviene per quanto possibile in relazione all'età in cui "scocca la scintilla"): posso anche citare un caro amico che lascia scalzo tutto il giorno il figlio perché appunto è afflitto da questo problema e scalzo ne trae giovamento (irrobustimento dei muscoli e tendini dei piedi ecc ecc). A qualcun altro, come il sottoscritto, per i problemi di postura e di mal di schiena (beh... per la panza è un altro discorso Embarassed ).
Resta il fatto che negli ultimi 6 anni di incrementato scalzismo (e non importano qui i finti sandali o le finte scarpe perché influenti solo per la sfera psicologica, ma ininfluenti sul fatto che la camminata torna ad essere naturale), alla bella età di 56 anni, ho riguadagnato un modo di camminare naturale, che mi dà benessere, che mi stanca meno e non mi infiamma più le terminazioni nervose della schiena. Possibile ?
Dovete fidarvi della mia parola. Ma non lo dico perché fa trend o per farmi interessante sul sito.
Lo dico perché è davvero conseguenza di una scelta, quella di usare le scarpe meno possibile. Su qualunque terreno (meno - come ho già detto in altre occasioni - i sottoboschi di castagno e la ricerca delle more in mezzo ai rovi Wink ). E le vostre discussioni non fanno che dimostrarlo per ciò che ognuno di voi "scopre".
Dopo i 50 anni sarà difficile per me recuperare del tutto le posture scorrette della colonna vertebrale, ma se solo si riescono a evitare gli antinfiammatori tongue , è già una vittoria epocale !!!
Saluti abolizionisti (di scarpe, pantofole, tacchi a spillo...)
Marco
il tuo quadro "clinico" è molto simile al mio. Infatti mi identifico molto nelle tue affermazioni! camminare scalzi,fa bene davvero! Non sono balle!Da circa un mese mi sono iscritto in palestra,per ovvi motivi. Bene,leggendo il mio resoconto sulla mia scheda,l'istruttore ha sritto:"iperlordosi". Indipendentemente dalla diagnosi fatta,(ormai quello che ho me lo tengo..),ho parlato anche con gli altri istruttori della palestra,raccontando loro del mio essere berefooter. Tutti,nessuno escluso (anche se poi nessuno di loro ha mai praticato il barefooting,se non in casa) ha obiettato sui suoi benefici. Anzi,anche stasera,al mio arrivo in palestra,scherzosamente mi hanno lanciato la solita simpatica frecciatina:"Ancora in infradito? Oggi non sei venuto scalzo?" Io ho fatto finta di nulla,ridendo fra me,ma all'uscita della palestra,a fine allenamento,quando mi hanno visto con le infradito,hanno sgranato gli occhi e hanno detto "ma questo va scalzo veramente"! A parte le battute,ho espresso il mio parere con loro,dicendo che preferirei fare gli allenamenti scalzo,ma poi,ho riflettuto,perchè anche se usassi i calzini,lascerei impronte,quindi per chi si allenna assieme a me,potrebbe dare fastidio. Poi,non ultimo,alcune "macchine",potrebbero essere pericolose,se utilizzate scalzi. Chicco.

ChiccoB

Numero di messaggi : 958
Età : 45
Data d'iscrizione : 05.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  alex65 il Gio Ott 22 2009, 10:13

E' logico usare scarpe in palestra per motivi di sicurezza (se le macchine richiedono che si stia calzati, tocca farlo) immagino pesi che ossono cadere sui piedi, etc.

Pero' sse si sta scalzi non si dvrebbero lasciare imronte. Con i calzini si, perche' il piede suda e lascia l'impronta unida, ma se è scalzo non dovrebbe succedere.
Il piede è sempre oiù pulito i qualsiasi scarpa che, anche se usata solo in palestra, non viene mai lavata.
E se prprio dovesse sudare un po. allora tutti dovrebbero avere tute assorbenti e cuffie che imediscano al sudore di gocciolare qua e la'
avatar
alex65

Numero di messaggi : 303
Età : 52
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Rei il Gio Ott 22 2009, 11:11

alex65 ha scritto:immagino pesi che possono cadere sui piedi, etc.
Il "colpo di grazia" alle mie paure di farmi vedere in pubblico scalzo, soprattutto dai vicini, fu quando mi cadde su un piede un manubrio da tre chili mentre ero in casa, scalzo. Mi venne un ematoma sul collo del piede che mi impedì di indossare qualunque calzatura, infradito comprese, per almeno 5 giorni. E così feci di necessità virtù e uscii scalzo per andare a fare la spesa al supermercato, altrimenti avrei dovuto digiunare.
Oltre al fatto che nessuno dei dipendenti del supermercato batté ciglio, fu quello che mi disse il medico che mi sorprese.
Mi disse infatti che avevo avuto la fortuna di non indossare scarpe quando il manubrio era caduto. Infatti, a meno di indossare abitualmente scarpe antiinfortunio a punta metallica in casa propria a ferragosto, un normale paio di scarpe non offre alcuna protezione in un incidente del genere, anzi, impedendo alle ossa del piede di allargarsi per attutire il colpo, causa sicure fratture alle ossa stesse. Io, invece, essendo scalzo e con le ossa del piede libere di allargarsi, non ho riportato altri danni che un ematoma, un forte dolore e qualche anno di meritato purgatorio per le imprecazioni che ho tirato.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2620
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  hadashi il Gio Ott 22 2009, 23:15

sí, l'ho sentito anch'io! Se ti cade un peso sui piedi, o indossi scarpe anti-infortunistica (con la punta rinforzata), o sei scalzo. Altrimenti rottura (nel vero senso della parola Wink)
Christian
avatar
hadashi

Numero di messaggi : 772
Età : 46
Data d'iscrizione : 08.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  ChiccoB il Ven Ott 23 2009, 00:28

alex65 ha scritto:E' logico usare scarpe in palestra per motivi di sicurezza (se le macchine richiedono che si stia calzati, tocca farlo) immagino pesi che ossono cadere sui piedi, etc.

Pero' sse si sta scalzi non si dvrebbero lasciare imronte. Con i calzini si, perche' il piede suda e lascia l'impronta unida, ma se è scalzo non dovrebbe succedere.
Il piede è sempre oiù pulito i qualsiasi scarpa che, anche se usata solo in palestra, non viene mai lavata.
E se prprio dovesse sudare un po. allora tutti dovrebbero avere tute assorbenti e cuffie che imediscano al sudore di gocciolare qua e la'
Mhhhh....per quanto riguarda l'igiene,ci hanno obbligato (giustamente),a stendere un asciugamano quando si devono fare sercizi sulle panche o sulle varie macchine. Trovo sia giusto farlo. Per il fatto dei piedi scalzi,la mia idea era quella di indossare calzini puliti al momento di entrare in palestra,cioè subito prima di iniziare gli esercizi. Visto che viaggio in infradito. Perchè se arrivassi in palestra già scalzo,non potrei indossare alcunchè,prima di essermi lavato le estremità,e fare questo sarebbe troppo laborioso. Già sono una lungaggine per cambiarmi:prima i pantaloni,poi la maglietta,e via tutto il resto. Comunque,il tapis roulant (si scrive così vero??Vabbè ,ve lo beccate come ,l'ho scritto!),voglio provare a farlo scalzo,nei prossimi giorni. Aspetto però di avere acquistato un po' di confidenza con gli istruttori. Non voglio creare polemiche. Ho appena iniziato il corso...... Chicco.

ChiccoB

Numero di messaggi : 958
Età : 45
Data d'iscrizione : 05.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  ChiccoB il Ven Ott 23 2009, 00:36

Rei ha scritto:
alex65 ha scritto:immagino pesi che possono cadere sui piedi, etc.
Il "colpo di grazia" alle mie paure di farmi vedere in pubblico scalzo, soprattutto dai vicini, fu quando mi cadde su un piede un manubrio da tre chili mentre ero in casa, scalzo. Mi venne un ematoma sul collo del piede che mi impedì di indossare qualunque calzatura, infradito comprese, per almeno 5 giorni. E così feci di necessità virtù e uscii scalzo per andare a fare la spesa al supermercato, altrimenti avrei dovuto digiunare.
Oltre al fatto che nessuno dei dipendenti del supermercato batté ciglio, fu quello che mi disse il medico che mi sorprese.
Mi disse infatti che avevo avuto la fortuna di non indossare scarpe quando il manubrio era caduto. Infatti, a meno di indossare abitualmente scarpe antiinfortunio a punta metallica in casa propria a ferragosto, un normale paio di scarpe non offre alcuna protezione in un incidente del genere, anzi, impedendo alle ossa del piede di allargarsi per attutire il colpo, causa sicure fratture alle ossa stesse. Io, invece, essendo scalzo e con le ossa del piede libere di allargarsi, non ho riportato altri danni che un ematoma, un forte dolore e qualche anno di meritato purgatorio per le imprecazioni che ho tirato.
Ammazza oh!!!! Un peso sul piede??? E dove sono le riprese? Voglio vedere la scena!!!!! Ovviamente scherzo,e mi dispiace molto per questo tuo incidente. Che per altro,vista la mia attuale "destrezza" ad usare i pesi,non sarebbe anche per me un'eventualità remota. Nel caso,mi sentireste sin dalle vostre abitazioni!!!!! affraid affraid affraid affraid Comunque,non sapevo che una calzatura normale,potesse creare più danni al piede,in caso di incidente come il peso,piuttosto se scalzi. Quasi quasi,provo a tirarmi un manubrio sul piede....così per vedere quel che succede..... Chicco.

ChiccoB

Numero di messaggi : 958
Età : 45
Data d'iscrizione : 05.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Daniela il Ven Ott 23 2009, 00:43

Le salviettine umidificate sono una invenzione molto utile quando lavarsi i piedi porta via troppo tempo. Anche se non pulisci proprio perfettamente i piedi come faresti lavandoli in maniera accurata, non cambia niente, tanto i calzini finiscono nella roba sporca un'oretta dopo.

Daniela

Numero di messaggi : 127
Data d'iscrizione : 01.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  ChiccoB il Ven Ott 23 2009, 00:52

Daniela ha scritto:Le salviettine umidificate sono una invenzione molto utile quando lavarsi i piedi porta via troppo tempo. Anche se non pulisci proprio perfettamente i piedi come faresti lavandoli in maniera accurata, non cambia niente, tanto i calzini finiscono nella roba sporca un'oretta dopo.
Confesso che alle salviettine non avevo pensato. Terrò in considerazione.... Anche se il mio timore,è quello di essere giudicato male,nei confronti degli istruttori. Cioè,vedendomi arrivare scalzo in palestra (questo ci sta benissimo,non farei nessuna fatica a farlo),potrebbero avere delle remore sul fatto di essermi poi,infilato i calzini sui piedi neri. (Vai a spiegare che prima di essermi infilato i calzini puliti,mi sono passato la salviettina umidificata). Magari è solo una mia "pippa" mentale,magari non succedera mai ciò. Vedremo nei prossimi giorni,qualche cosa combinerò.......... Chicco.

ChiccoB

Numero di messaggi : 958
Età : 45
Data d'iscrizione : 05.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Rei il Ven Ott 23 2009, 09:48

federicob ha scritto:Anche se il mio timore,è quello di essere giudicato male,nei confronti degli istruttori. Cioè,vedendomi arrivare scalzo in palestra (questo ci sta benissimo,non farei nessuna fatica a farlo),potrebbero avere delle remore sul fatto di essermi poi,infilato i calzini sui piedi neri. (Vai a spiegare che prima di essermi infilato i calzini puliti,mi sono passato la salviettina umidificata).
Fammi capire: arrivi in palestra scalzo, chiami tutti gli istruttori a vedere e quando ci sono tutti ti metti i calzini?
federicob ha scritto:Magari è solo una mia "pippa" mentale...
Sì, è una pippa mentale.
avatar
Rei

Numero di messaggi : 2620
Data d'iscrizione : 03.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  bfpaul il Ven Ott 23 2009, 12:40

federicob ha scritto:
Daniela ha scritto:Le salviettine umidificate sono una invenzione molto utile quando lavarsi i piedi porta via troppo tempo. Anche se non pulisci proprio perfettamente i piedi come faresti lavandoli in maniera accurata, non cambia niente, tanto i calzini finiscono nella roba sporca un'oretta dopo.
Confesso che alle salviettine non avevo pensato. Terrò in considerazione.... Anche se il mio timore,è quello di essere giudicato male,nei confronti degli istruttori. Cioè,vedendomi arrivare scalzo in palestra (questo ci sta benissimo,non farei nessuna fatica a farlo),potrebbero avere delle remore sul fatto di essermi poi,infilato i calzini sui piedi neri. (Vai a spiegare che prima di essermi infilato i calzini puliti,mi sono passato la salviettina umidificata). Magari è solo una mia "pippa" mentale,magari non succedera mai ciò. Vedremo nei prossimi giorni,qualche cosa combinerò.......... Chicco.
Primo: non ci sono indicazioni in proposito, in palestra?
Secondo: prendi un po' di confidenza con gli istruttori e chiedi se puoi fare l'attività scalzo
Terzo: se ti dicessero di no, vorrei capire che differenza faccia avere i calzini o non averli
Quarto: La visione delle suole nere è un ulteriore tabù?

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2957
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Enzo il Ven Ott 23 2009, 15:04

-


Ultima modifica di Enzo il Gio Dic 02 2010, 22:35, modificato 1 volta

Enzo

Numero di messaggi : 579
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  paolo fratter il Ven Ott 23 2009, 18:51

Caro Federico, scordati di poter stare in palestra....scalzo! Due miei tentativi fatti peraltro in due palestre diverse sono miseramente falliti! Una prima volta mi sono presentato in sala attrezzi con regolare tuta ginnica e pantaloni lunghi ma in infradito....dicendo che avevo dimenticato le scarpe da ginnastica a casa (ovviamente era una balla!!!). L'istruttrice mi ha immediatamente beccato e fatto notare che così (cioè con le infradito) non avrei potuto stare poichè mi sarebbero state di intralcio e pericolose nell'eseguire gli esercizi (e forse in questo aveva anche un po' ragione!). Detto fatto rispondo prontamente che non c'erano problemi perchè avrei potuto fare gli esercizi scalzo (...uhmmm stavo già pregustando la vittoria e il piacere di fare per la mia prima volta la ginnastica in palestra scalzo....)....ma mi viene ribadito con fermezza che no, assolutamente no, nemmeno se avessi indossato un paio di calzini, poichè sussisteva ugualmente il rischio che mi potessi fare male (tipo scivolate o cadute di pesi o altri attrezzi sui piedi...) e che l'eventuale responsabilità sarebbe ricaduta proprio sugli istruttori per non aver controllato adeguatamente l'abbigliamento degli atleti. Controbatto dicendo che oramai ero lì e lì ci volevo restare e completare la tabella dei miei esercizi e che non mi sarei mai sognato lontanamente di ritornarmene a casa a prendere le scarpette ginniche. Beh... "per questa volta se proprio vuoi rimanere e fare un po' di esercizi scalzo fallo pure (...così mi viene detto e concesso alla fine...) ma devi prima sottoscriverci una dicharazione di manleva con la quale ti assumi le tue responsabilità...!!!". Ovviamente la sottoscrivo e mi faccio la mia ora di palestra tranquillamente scalzo. Ad un certo punto vedo comparire con stupore un ragazzo molto giovane anche lui in infradito...rido sotto i baffi e mi rivedo la scena..!!!!! Solita scontata occhiataccia da parte dell'istruttrice e conseguente cazziatone...come quello fatto in precedenza a me! Scambio due parole con il ragazzo che vedendomi scalzo mi sorride con complicità... anche tu hai dimenticato le scarpe?...gli chiedo io ..sì....solo che lui le aveva dimenticate veramente!!!!! Segue la stessa identica manfrina successa a me.... o firmi la manleva o te ne vai a casa perchè così in palestra non ci puoi stare!!! Questa la prima prima conclusione: scalzi in palestra no per motivi di sicurezza e incolumità...!!!!! Altra palestra......stessa cosa....gironzolo in sala attrezzi in infradito....sembra che tutto vada bene, nessuno mi nota e nessuno mi dice niente...boh che strano...adesso mi scalzo e mi va alla grande... dico fra me e me! Salgo sul tapis roulant..ovviamente scalzo... ed inizio la mia corsa di jogging...le suole si anneriscono subito correndo sul nastro di gomma... "E tu che ci fai sul nastro scalzo...????.."..mi sento all'improvviso gradare dietro le spalle.... Recito la solita commedia delle scarpe dimenticate. Qui l'istruttore si dimostra più malleabile e meno intransigente ma mi dice che così non potrei stare "..anche per una questione di igiene tua e degli altri.." facendo forse riferimento alle mie suole sporche. A questo punto non controbatto più di tanto e con i piedi nudi e neri mi infilo deluso ed abbacchiato negli spogliatoi.Dunque niente da fare nemmeno in questa palestra. Motivi di sicurezza o di igiene = niente piedi nudi in palestra!!!!! Questa la mie esperienza e la mia definitiva conclusione al riguardo e dunque forse l'unico caso in cui si possano praticare gli esercizi scalzi in palestra rimane solo ed esclusivamente quello delle arti marziali. Qualcuno ha altre esperienze da raccontare in argomento? Saluti a tutti.
Paolo F.

paolo fratter

Numero di messaggi : 397
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parliamo di scarpe

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum