Ma quanti siamo?

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ma quanti siamo?

Messaggio  lucione il Mar Set 13 2011, 06:42

Ho voluto mettere questo titolo perché mi piacerebbe sapere quanti - alla fine - girellano a piedi nudi per mari, monti e città. Insomma, mettiamola così: possibile mai che io, che pure sono anni che pratico questa nobile arte, non abbia mai, dico mai incontrato alcun "collega"?
E non è che vivo in un eremo montano, lontano da tutto e da tutti... sto a Milano, zona Magenta/corso Vercelli... Chi conosce la mia città sa che sto parlando di una delle zone semi-centrali più popolate e frequentate.
Specialmente nella bella stagione, al sabato (ma anche nelle tarde serate, dalle 18,30 sino alle 20) giro a piedi nudi per la zona, entro nei negozi, cammino per corso Vercelli, via Marghera (vie trafficatissime), entro a piedi nudi a Mondadori Informatica, a Media World (quest'anno, già una ventina di volte), vado in piazza Baracca a prendere il gelato... e poi non solo a Milano, ovviamente...! Non perdo occasione per restare a piedi nudi anche durante le trasferte (vacanze o altro) nel Nord e nel Centro Italia... ad esempio, quest'estate ho girato per Assisi, Foligno, Arezzo, Ivrea, Asti... e mai, dico mai che abbia visto qualcuno scalzo come me!
Scusate, non è uno sfogo, ma è solo una constatazione. Ma quanti siamo? e dove siamo?
Ah, per la cronaca, non ho mai avuto problemi (del tipo: "qui scalzo lei non entra"... oppure "guarda quello, è a piedi nudi!"). E sì che, come avevo già detto una volta, per antica abitudine porto alcune decine di anellini d'oro alle dita dei piedi (tranquilli... ho quattro figli e tre nipoti...) per cui l'attenzione della gente inevitabilmente viene catalizzata dalle mie estremità. Ma niente, mai problemi o momenti di imbarazzo. Sarà che ormai il girare a piedi nudi lo considero un pò il mio secondo essere (o il primo? chissà).
E non vi dico quante volte sono stato fermato da persone apaprtenenti a classi di età assai differenti, giovani e meno giovani, anche anziani... a farmi i complimenti! Incredibile. E sapete cosa mi dice la gente? "Oh, guardi, sapesse come vorrei anch'io fare come lei!".
E naturalmente io dispenso consigli ed esortazioni a lasciare a casa calze e scarpe...
Bene, vedo che sto uscendo un pò dall'argomento. Saluti a tutti.
lucione
avatar
lucione

Numero di messaggi : 84
Età : 69
Data d'iscrizione : 22.05.08

http://www.studiobertoluzzi.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  hadashi il Mar Set 13 2011, 10:15

Ciao Lucione,

nemmeno io finora ho incontrato persone scalze in giro tranne che in rarissime occasioni (d'estate alcune ragazze giovani). Sarà che giro scalzo in città da poco, però anch'io mi aspettavo di incontrare altri scalzi ogni tanto.
D'altronde, è anche normale; secondo me non siamo nemmeno COSI' pochi, ma non siamo neanche tanti; e anche se p.es. ci sono una decina di scalzi in una città, secondo me è plausibilie non incontrarsi mai (cioè quanto alte sono le probabilità che 2 o 3 persone di un gruppo di 10 (su centomila o anche milioni di abitanti) si ritrovino nello stesso luogo allo stesso momento (e poi si devono anche vedere) ? Secondo me quasi nulle.... (del resto, è la stessa cosa coi miei amici; anche se abitano nella stessa città, non li incontro praticamente mai per caso; ci dobbiamo sempre mettere d'accordo quando ci vogliamo incontrare).

Interessante la storia degli anellini; sai che una volta ci ho pensato anch'io di mettermi un anello ? (e anch'io ho inconfutabili prove "tranquillizzanti" dalla mia parte;) ) In qualche maniera mi sembra che dica "SI', VADO SCALZO, E NE SONO FIERO!", che mandi un chiaro segnale che si è convinti di quel che si fa, che non ci si vergogna (e che eventuali opinioni negative da parte degli altri sono neuroni sprecati) Very Happy
E se è vero che da un lato probabilmente non giova al pregiudizio scalzo=svitato, dall'altra lato potrebbero anche diminuire il pregiudizio scalzo=zozzone (secondo me un gioiello, nel subconscio, dice che la parte del corpo è cmq curata).

Anche se poi non credo che riuscirei a mettermi un anello al piede (si solito non porto gioielli, mi danno fastidio), facci una foto; sono curioso! (è più probabile che mi faccio un tatuaggio sulla caviglia Wink)

Christian

avatar
hadashi

Numero di messaggi : 772
Età : 45
Data d'iscrizione : 08.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  october il Mar Set 13 2011, 10:26

lucione ha scritto:(tranquilli... ho quattro figli e tre nipoti...)

"Tranquilli"? C'era qualcosa che ci doveva mettere a disagio? :-)

october

Numero di messaggi : 124
Età : 40
Data d'iscrizione : 29.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  hadashi il Mar Set 13 2011, 11:22

october ha scritto:
"Tranquilli"? C'era qualcosa che ci doveva mettere a disagio? :-)

Ma daaaaaai, che doveva essere una strizzata d'occhia ai vari pregiudizi associati allo stare scalzi Very Happy (almeno io l'ho capita così)

Secondo me, ad un uomo che gira scalzo con degli anelli ai piedi daranno sicuramente del legionario (e si sa che quelli della legione straniera non possono sposarsi se non in particolari condizioni) Wink
avatar
hadashi

Numero di messaggi : 772
Età : 45
Data d'iscrizione : 08.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  october il Mar Set 13 2011, 11:46

hadashi ha scritto:Secondo me, ad un uomo che gira scalzo con degli anelli ai piedi daranno sicuramente del legionario (e si sa che quelli della legione straniera non possono sposarsi se non in particolari condizioni) Wink

Ah, ecco. Avevo capito bene ;-)

october

Numero di messaggi : 124
Età : 40
Data d'iscrizione : 29.04.10

Tornare in alto Andare in basso

anellini alle dita dei piedi

Messaggio  lucione il Mar Set 13 2011, 13:25

Ma sì, è vero, alla fine il messaggio è: "vado in giro a piedi nudi, e non faccio nulla per nascondermi".
Anzi, evidenzio le estremità in quel modo strano.
E il fatto che gli anellini in qualche modo diano un senso di piedi curati, è vero anche quello, proprio così.
Ah già, ma qui io mi differenzio un bel pò dalla maggioranza di coloro che girano a piedi nudi, o quantomeno, da quelli che scrivono qui.
Nel senso che io NON ho e NON voglio avere le piante dei piedi ridotte a suole "tipo Vibram", quindi se non callose almeno molto indurite e coriacee.
Io infatti (in modo naturale) ben difficilmente sviluppo callosità o indurimenti particolari, e comunque ogni sera (dico ogni sera, anche nei periodi invernali di astensione allo scalzismo) passo e ripasso con le apposite raspe abrasive, pietre allo zolfo eccetera.
Con la massima cura ed attenzione, ovviamente. Poi una crema (rigorosamente priva di derivati dal petrolio) e via a letto.
Perché? Sì, c'è un perché. Mi piace "sentire" il terreno sotto ai miei piedi, voglio assaporare ogni granellino, ogni piccola diffrenza fra un suolo e l'altro... e questo solo se la pianta dei miei piedi resta morbida! Per intenderci, è appena un poco più spessa del palmo delle mani!
Va da sé che questo mi preclude le passeggiate sulla ghiaia (se non per brevi tratti) ed in genere sui fondi un pò difficili. Ma non è un problema: siccome di solito non porto con me neppure le infradito, in emergenza uso un rotolo di nastro "americano" di tela assai spessa, da appiccicare provvisoriamente sotto la pianta dei piedi, giusto per superare il momento difficile. Provato, funziona benissimo! E non si vede neppure!
Per finire, se qualcuno mi dice come si fa a postare una foto, mando quella con gli anellini.......
lucione
avatar
lucione

Numero di messaggi : 84
Età : 69
Data d'iscrizione : 22.05.08

http://www.studiobertoluzzi.it

Tornare in alto Andare in basso

anellini ecc.

Messaggio  lucione il Mar Set 13 2011, 14:09

Mi è venuto in mente che nella mia galleria fotografica ci sono alcune foto (fatte in Australia) dove si vedono bene i famosi anellini. Non c'è bisogno di postare altre foto! Poi basta leggere le note che a suo tempo avevo aggiunto, per scoprire anche uno dei motivi per i quali li porto.
Saluti a tutti!
lucione
avatar
lucione

Numero di messaggi : 84
Età : 69
Data d'iscrizione : 22.05.08

http://www.studiobertoluzzi.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  hadashi il Mar Set 13 2011, 14:19

lucione ha scritto:Nel senso che io NON ho e NON voglio avere le piante dei piedi ridotte a suole "tipo Vibram", quindi se non callose almeno molto indurite e coriacee
lucione ha scritto:Perché? Sì, c'è un perché. Mi piace "sentire" il terreno sotto ai miei piedi, voglio assaporare ogni granellino, ogni piccola diffrenza fra un suolo e l'altro... e questo solo se la pianta dei miei piedi resta morbida!

E chi ti dice che la maggioranza di noi ha suole "tipo Vibram" ? Wink Vero che percorrendo terreni "impegnativi" a piedi nudi la pelle si adatta, ma è lontana dall'essere callosa o indurita. E' diventata più spessa ed elastica, quello sì, ed alcune piccole aree potrei anche
definirle "coriacee" (nel mio caso 3 "punti d'appoggio", due sull'avanpiede ed uno sul tallone), ma la sensibilità è diminuita pochissimo; ho ritenuto comunque gran parte della sensibilità che avevo con i piedi non allenati, prima che cominciassi ad andare/correre scalzo (che poi io definisco uno stato "iper-sensibilizzato", non uno stato "naturale").

Devo dire che il tuo argomento mi convince poco; evitando che la pianta del piede si adatti all'andare scalzi (in fondo, è quello che fai...), probabilmenti senti le superfici morbidi e facili in maniera leggermente più intensiva, ma ti precludi anche tanti tipi di terreno che non puoi percorrere (o sei obbligato a mettere un nastro sulla pianta del piede, che pur essendo sottile non ti permette più di sentire direttamente il terreno) perchè i piedi sono troppo sensibili. A me personalmente piace avere un piede "ben allenato", capace di assaporare tutti i terreni che la natura può offrire. Poi sono anche convinto che "più mano si mette ai piedi", più si abassano le loro diffese naturali.

Ma ovviamente tutti devono vivere il loro andare scalzi come gli aggrada di più, ci mancherebbe altro; questo è solo il mio punti di vista!

Christian
avatar
hadashi

Numero di messaggi : 772
Età : 45
Data d'iscrizione : 08.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  october il Mar Set 13 2011, 14:43

hadashi ha scritto:E' diventata più spessa ed elastica, quello sì

È la stessa descrizione che do io delle mie. Le suole Vibram sono pur sempre corpi estranei, ma avere le suole più dure ed elastiche della media degli umani occidentali fa parte del gioco di chi va scalzo. E come dico sempre agli scettici, non vuol dire avere i piedi devastati—tutt'altro.

Per quanto riguarda la levigazione a pietra, io non la faccio tutte le sere. Primo perché la mia pigrizia me lo impedirebbe, e poi perché da quando ho cominciato a correre a piedi nudi ho bisogno di lasciarle riposare un paio di giorni prima di tentare operazioni riparative. Intervenire con la pietra sulla pianta appena sottoposta a chilometri di corsa non sarebbe una scelta saggia. Christian potrà confermare.

Comunque sia, una pianta allenata, anche se non ripassata a pietra tutte le sere, mantiene tutte le sue proprietà tattili. Sul mio percorso di allenamento c'è una maledetta pista ciclabile ai lati della quale hanno pensato bene di piantare delle querce, e vi garantisco che quei cappucci di ghianda me li becco tutti.

october

Numero di messaggi : 124
Età : 40
Data d'iscrizione : 29.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  hadashi il Mar Set 13 2011, 18:30

october ha scritto:Comunque sia, una pianta allenata, anche se non ripassata a pietra tutte le sere, mantiene tutte le sue proprietà tattili.
Ti "confesso" che io non uso più ne pietre leviganti ne creme già da parecchio tempo (su consiglio di un dermatologo esperto), e la mia pelle sta proprio b-e-n-e (inclusa le sue proprietà tattili) cheers

october ha scritto:Intervenire con la pietra sulla pianta appena sottoposta a chilometri di corsa non sarebbe una scelta saggia. Christian potrà confermare.
Assolutamente; secondo la mia esperienza non fa altro che danneggiare inutilmente la pelle sollecitata dall'asfalto, impedendole di auto-rigenerarsi (cosa che fa con un paio di giorni di pausa). Frequenza e durata di questi "periodi di riposo" variano da persona a persona, e dipendono anche dall'allenamento, tipo di terreno, etc. etc.; cmq una volta scoperto la giusta "dose" la pelle "fa da sola" Very Happy

Ciao
Christian
avatar
hadashi

Numero di messaggi : 772
Età : 45
Data d'iscrizione : 08.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  Alexey il Mar Set 13 2011, 19:27

hadashi ha scritto:
october ha scritto:Comunque sia, una pianta allenata, anche se non ripassata a pietra tutte le sere, mantiene tutte le sue proprietà tattili.
Ti "confesso" che io non uso più ne pietre leviganti ne creme già da parecchio tempo (su consiglio di un dermatologo esperto), e la mia pelle sta proprio b-e-n-e (inclusa le sue proprietà tattili) cheers

october ha scritto:Intervenire con la pietra sulla pianta appena sottoposta a chilometri di corsa non sarebbe una scelta saggia. Christian potrà confermare.
Assolutamente; secondo la mia esperienza non fa altro che danneggiare inutilmente la pelle sollecitata dall'asfalto, impedendole di auto-rigenerarsi (cosa che fa con un paio di giorni di pausa). Frequenza e durata di questi "periodi di riposo" variano da persona a persona, e dipendono anche dall'allenamento, tipo di terreno, etc. etc.; cmq una volta scoperto la giusta "dose" la pelle "fa da sola" Very Happy

Ciao
Christian

Sono perfettamente d'accordo con te, mi piace lasciare la natura fare il suo corso senza "stressare" troppo le mie estremità con prodotti ed interventi "troppo artificiali", il nostro corpo in molti casi sa benissimo cosa fare.
Per quanto riguarda gli incontri con i colleghi barefooter penso anch'io che siamo ancora troppo in pochi, visto che anche supponendo di arrivare a 1000 barefooter in Italia su una popolzione di circa 50 milioni di persone è altamente improbabile incontrarne uno se non ci si mette d'accordo, ed inoltre tra i barefooter quanti sono permanenti e/o integrali?
Occorrerebbe quindi azzeccare anche la combinazione stagione/uscita scalzi/circostanza, il che rende ancora più improbabile l'avvistamento, perchè se ad esempio vieni dove lavoro è certo che non mi vedi scalzo, anche se senza saperlo hai visto un "collega".
Ciao
Alessio

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 36
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  bfpaul il Mar Set 13 2011, 22:33

Alexey ha scritto:Sono perfettamente d'accordo con te, mi piace lasciare la natura fare il suo corso senza "stressare" troppo le mie estremità con prodotti ed interventi "troppo artificiali", il nostro corpo in molti casi sa benissimo cosa fare.
Insomma si tratta di diverse modalità di praticare il barefooting: c'è chi preferisce usare i piedi "come se fossero le scarpe" e cercare di camminare dappertutto limitandosi alla semplice pulizia, e chi cura di più i piedi con pomate o regolare uso di abrasivi seppure leggeri.
Tutte le due modalità sono lecite, ciascuno cammina scalzo come si sente di fare.


Alexey ha scritto:Per quanto riguarda gli incontri con i colleghi barefooter penso anch'io che siamo ancora troppo in pochi, visto che anche supponendo di arrivare a 1000 barefooter in Italia su una popolzione di circa 50 milioni di persone è altamente improbabile incontrarne uno se non ci si mette d'accordo, ed inoltre tra i barefooter quanti sono permanenti e/o integrali?
Occorrerebbe quindi azzeccare anche la combinazione stagione/uscita scalzi/circostanza, il che rende ancora più improbabile l'avvistamento, perchè se ad esempio vieni dove lavoro è certo che non mi vedi scalzo, anche se senza saperlo hai visto un "collega".
Ciao
Alessio
Come è chiaro, qui ci sono oltre 200 utenti registrati e non tutti sono davvero barefooters, per cui "molto prudenzialmente" considererei 100 barefooters più o meno attivi nel nostro paese.
Se volete sapere quanti sono i Soci del Club, dovete essere Soci ...
bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2860
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  hadashi il Mer Set 14 2011, 01:05

bfpaul ha scritto:
Insomma si tratta di diverse modalità di praticare il barefooting: c'è chi preferisce usare i piedi "come se fossero le scarpe" e cercare di camminare dappertutto limitandosi alla semplice pulizia, e chi cura di più i piedi con pomate o regolare uso di abrasivi seppure leggeri.
Tutte le due modalità sono lecite, ciascuno cammina scalzo come si sente di fare.
Certo, ci mancherebbe altro! E' solo sull'affermazione che le piante dei piedi diventino callose/indurite/coriacee perdendo la sensibilità se non vengono continuamente lavorate con attrezzi abrasivi che non posso essere d'accordo! Per tutto il resto: de gustibus non disputandum est Wink
Christian
avatar
hadashi

Numero di messaggi : 772
Età : 45
Data d'iscrizione : 08.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  bfpaul il Mer Set 14 2011, 11:17

hadashi ha scritto:
bfpaul ha scritto:
Insomma si tratta di diverse modalità di praticare il barefooting: c'è chi preferisce usare i piedi "come se fossero le scarpe" e cercare di camminare dappertutto limitandosi alla semplice pulizia, e chi cura di più i piedi con pomate o regolare uso di abrasivi seppure leggeri.
Tutte le due modalità sono lecite, ciascuno cammina scalzo come si sente di fare.
Certo, ci mancherebbe altro! E' solo sull'affermazione che le piante dei piedi diventino callose/indurite/coriacee perdendo la sensibilità se non vengono continuamente lavorate con attrezzi abrasivi che non posso essere d'accordo! Per tutto il resto: de gustibus non disputandum est Wink
Christian
Perfetto!!!
Personalmente sono fra quelli che fa "piedutenzione" minima e indispensabile ... Suspect
bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2860
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  Massimo il Mer Set 14 2011, 11:35

bfpaul ha scritto:Perfetto!!!
Personalmente sono fra quelli che fa "piedutenzione" minima e indispensabile ... Suspect
bfpaul

"Piedutenzione" è una parola bellissima! Very Happy

Massimo

Numero di messaggi : 158
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  Alexey il Mer Set 14 2011, 20:26

bfpaul ha scritto:

Insomma si tratta di diverse modalità di praticare il barefooting: c'è chi preferisce usare i piedi "come se fossero le scarpe" e cercare di camminare dappertutto limitandosi alla semplice pulizia, e chi cura di più i piedi con pomate o regolare uso di abrasivi seppure leggeri.
Tutte le due modalità sono lecite, ciascuno cammina scalzo come si sente di fare.


Assolutamente d'accordo!!

Alexey

Numero di messaggi : 1416
Età : 36
Data d'iscrizione : 11.04.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  lucione il Gio Set 15 2011, 06:57

Lo sapevo, lo sapevo che l'argomento "suole dure.... oppure piante dei piedi morbide?" attirava l'attenzione degli amici barefooters (italianizzato sarebbe "barefottisti" ma non suona bene...!).
Sì, è vero, io sono un pò fissato con la faccenda della pianta morbida e dei piedi sempre puliti: quando giro scalzo approfitto delle vasche e delle fontane che incontro per tenere puliti i piedi (ma anche per rinfrescarli: è bellissimo).
Ma per la pulizia si tratta di una faccenda di rispetto verso gli altri, oltre a tutto è più facile ottenere di entrare (quasi) dappertutto, con i piedi per quanto possibile puliti: per cui è anche una questione di convenienza.
Invece, per la questione della suola dura, della suola morbida, della suola... che non c'è, ciascuno si regola come meglio crede, però io ho riscontrato che una manutenzione costante (almeno nel mio caso) evita il rischio delle fessurazioni del calcagno, così fastidiose e dolorose.
Tutto qua.
Ma per ultima cosa, lasciatemi esprimere la sorpresa per il numero (pure approssimato) degli scalzisti italiani. Cento? Duecento? Ma anche fossero dieci volte di più, siamo davvero sorprendentemente pochi. E la sorpresa è maggiore considerando che nel nostro Paese ci sarebbero le condizioni ideali per girellare quasi sempre a piedi nudi, con "metodo" e non solo occasionalmente. (beato chi lo può fare).
saluti
lucione
avatar
lucione

Numero di messaggi : 84
Età : 69
Data d'iscrizione : 22.05.08

http://www.studiobertoluzzi.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  hadashi il Gio Set 15 2011, 11:12

lucione ha scritto:Ma per la pulizia si tratta di una faccenda di rispetto verso gli altri, oltre a tutto è più facile ottenere di entrare (quasi) dappertutto, con i piedi per quanto possibile puliti: per cui è anche una questione di convenienza.
E cosa ti fa pensare che la pensiamo diversamente? Shocked Spero non vorrai insinuare che chi non tratta continuamente i propri piedini con spugne, lime & creme non sia pulito ? Wink

Sono il primo a dire che i piedi devono avere un aspetto curato, e concordo sulla questione del rispetto - anche se non affraid uso pietre abrasive, acqua ossigentata e creme, tranne che in casi eccezionali. Li spazzolo con acqua e sapone quando rientro dalle uscite, e tengo le unghie tagliate e pulite. Poi basta, nient'altro.
Nonostante tutto i miei piedi non danno affatto fastidio esteticamente. Anzi! Una volta sono entrato in un ristorante, e sono entrato in argomento con il gestore quando mi ha notato. E sai qual'era il suo "verdetto" ? <<"Si vede che hai dei piedi sani!">>
Quello che l'aveva colpito era la naturalezza di un piede allenato, del quale si notava che era abituato a girare scalzo; in qualche maniera dava l'impressione di essere una cosa normale che io fossi lì scalzo.

Sei sicuro che se i piedi sono "immacolati", rosei, teneri, pulitissimi, che sembrano freschi di manicure, sia meno "invadente" ? Non ne sono convinto... Secondo me potrebbero anche dare l'impressione di essere ... "fuori luogo"; di non essere "abituati a girare scalzi" (cioè quasi come se di solito si girasse con le scarpe, ma si ci fosse scalzati appositamente per l'occasione). E questo secondo me potrebbe anche essere più disturbante di uno suola leggermente scura o qualche rughetta.

Ovviamente ho scritto tutto in maniera un pò esagerata; la cosa più importante è che ognuno faccia come si sente più a suo agio. Se tu ti senti più a tuo agio coi piedi "immacolati", chiaro che fai bene ad agire così! E' solo la possibile illazione che altrimenti non si sia abbastanza puliti e rispettosi che bisogna soffocare sul nascere Wink

Christian
avatar
hadashi

Numero di messaggi : 772
Età : 45
Data d'iscrizione : 08.05.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  Elan il Gio Set 15 2011, 14:49

Non vedo perchè dovrei curare i piei piedi più di quanto curi il mio viso o le mie mani .... anche io, come Hadashi, li lavo (uso una spugnetta per piatti, dalla parte ruvida e molto sapone da bucato) e cerco di tenere le unghie corte e pulite. Basta. Del resto non uso mai creme, detesto persino le creme protettive contro le scottature e preferisco stare all' ombra, piuttosto. Beh, insomma, non ho scelto Dinamite Bla come avatar senza una ragione Smile Non credo che porterò mai anellini o cavigliere, anche se mi piace tanto vederli sui piedi della mia donna: non posso immaginare Dinamite Bla con anellini o collanine.

avatar
Elan

Numero di messaggi : 1083
Età : 64
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  Elan il Gio Set 15 2011, 14:50

Considerazione: vuoi vedere che è per via della doppietta che nessuno mi fa mai commenti sgradevoli?
avatar
Elan

Numero di messaggi : 1083
Età : 64
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  Massimo il Gio Set 15 2011, 15:42

lucione ha scritto:ogni sera (dico ogni sera, anche nei periodi invernali di astensione allo scalzismo) passo e ripasso con le apposite raspe abrasive, pietre allo zolfo eccetera.
Con la massima cura ed attenzione, ovviamente. Poi una crema (rigorosamente priva di derivati dal petrolio) e via a letto.
Perché? Sì, c'è un perché. Mi piace "sentire" il terreno sotto ai miei piedi, voglio assaporare ogni granellino, ogni piccola diffrenza fra un suolo e l'altro... e questo solo se la pianta dei miei piedi resta morbida!

Nei periodi in cui cammino scalzo più assiduamente e le mie suole si irrobustiscono, non ho mai riscontrato un calo della sensibilità tattile. Anzi, come ha osservato giustamente Hadashi, posso affrontare una superiore varietà di terreni e sperimentare di conseguenza una maggiore quantità di sensazioni.
Inoltre, ma questo è un parere personalissimo, una suola particolarmente "molle" non mi piace neanche esteticamente. Ne preferisco una naturalmente "forte" (pur senza eccessi).

Massimo

Numero di messaggi : 158
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  paolo fratter il Gio Set 15 2011, 16:18

Concordo con Hadashi e Elan. Personalmente pur girando scalzo anche in città io cerco di tenere sempre in ordine i miei piedi, con unghie tagliate e pulite ma senza esagerare ad usare creme e limette abrasive che secondo me tendono ad indebolire eccessivamene la pelle delle suole. Se poi giro scalzo per Milano (cosa che ho fatto abbastanza spesso di recente) non è che mi preoccupo più di tanto delle mie suole ultranere che ne sono la logica conseguenza e vado alla ricerca di fontanelle per ripulirle! Purtuttavia non penso che i miei piedi abbiano lo stesso aspetto di quelli di un barbone o senzatetto che pure loro ahimè si vedono sempre meno in giro scalzi come a una volta....(pur con tutto il massimo rispetto che nutro per loro...sia ben chiaro!). Piuttosto una volta a casa una bella lavata con una spugna ruvida e un po' di crema solo sui talloni se screpolati...e vi posso assicurare di avere piedi belli, perfetti e sicuramente più sani e forti di quelli dei calzati integrali! Quanto agli anellini sinceramente non li amo molto perchè ritengo siano elementi che possano attirare maggiormente l'attenzione o la curiosità della gente molto di più che non il solo fatto di essere in giro scalzi! Da ultimo caro Lucione consolati perchè anch'io quest'anno in giro per Milano non ho incontrato uno - dico uno - scalzo come me! Boh sinceramente non so che dire, neppure in altre importanti città d'arte e turistiche sia in Italia che all'estero mi sembra che gli avvistamente di scalzi siano aumentati, anzi il contrario! Teoricamente dovremmo essere in tanti ma poi i fatti sembrerebbero dimostrare il contrario! saluti a tutti.
paolo F.

paolo fratter

Numero di messaggi : 390
Data d'iscrizione : 27.12.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  cyberteam il Ven Set 16 2011, 13:42

paolo fratter ha scritto:.... barbone o senzatetto che pure loro ahimè si vedono sempre meno in giro scalzi come a una volta....

Il che almeno un risvolto positivo lo ha, in pochi potranno dirti "ma che fai, vai in giro scalzo come un barbone ?".
Una battuta cretina in meno a disposizione dei nostri detrattori. Twisted Evil

Comunque anche io visto veramente pochi casi di persone scalze in giro, e dire che questa estate ho fatto una crociera, quindi ho pure visitato un sacco di posti di mare frequentatissimi di turisti.
Le volte che sono andato scalzo, l'ho fatto in mezzo a migliaia di calzati (ovviamente non conto chi stava sulla spiaggia oppure a bordo piscina).
avatar
cyberteam

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 16.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  ChiccoB il Sab Set 17 2011, 22:32

lucione ha scritto:Ho voluto mettere questo titolo perché mi piacerebbe sapere quanti - alla fine - girellano a piedi nudi per mari, monti e città. Insomma, mettiamola così: possibile mai che io, che pure sono anni che pratico questa nobile arte, non abbia mai, dico mai incontrato alcun "collega"?
E non è che vivo in un eremo montano, lontano da tutto e da tutti... sto a Milano, zona Magenta/corso Vercelli... Chi conosce la mia città sa che sto parlando di una delle zone semi-centrali più popolate e frequentate.
Specialmente nella bella stagione, al sabato (ma anche nelle tarde serate, dalle 18,30 sino alle 20) giro a piedi nudi per la zona, entro nei negozi, cammino per corso Vercelli, via Marghera (vie trafficatissime), entro a piedi nudi a Mondadori Informatica, a Media World (quest'anno, già una ventina di volte), vado in piazza Baracca a prendere il gelato... e poi non solo a Milano, ovviamente...! Non perdo occasione per restare a piedi nudi anche durante le trasferte (vacanze o altro) nel Nord e nel Centro Italia... ad esempio, quest'estate ho girato per Assisi, Foligno, Arezzo, Ivrea, Asti... e mai, dico mai che abbia visto qualcuno scalzo come me!
Scusate, non è uno sfogo, ma è solo una constatazione. Ma quanti siamo? e dove siamo?
Ah, per la cronaca, non ho mai avuto problemi (del tipo: "qui scalzo lei non entra"... oppure "guarda quello, è a piedi nudi!"). E sì che, come avevo già detto una volta, per antica abitudine porto alcune decine di anellini d'oro alle dita dei piedi (tranquilli... ho quattro figli e tre nipoti...) per cui l'attenzione della gente inevitabilmente viene catalizzata dalle mie estremità. Ma niente, mai problemi o momenti di imbarazzo. Sarà che ormai il girare a piedi nudi lo considero un pò il mio secondo essere (o il primo? chissà).
E non vi dico quante volte sono stato fermato da persone apaprtenenti a classi di età assai differenti, giovani e meno giovani, anche anziani... a farmi i complimenti! Incredibile. Esapete cosa mi dice la gente? "Oh, guardi, sapesse come vorrei anch'io fare come lei!".
E naturalmente io dispenso consigli ed esortazioni a lasciare a casa calze e scarpe...
Bene, vedo che sto uscendo un pò dall'argomento. Saluti a tutti.
lucione
Ho voluto mettere questo titolo perché mi piacerebbe sapere quanti - alla fine - girellano a piedi nudi per mari, monti e città. Insomma, mettiamola così: possibile mai che io, che pure sono anni che pratico questa nobile arte, non abbia mai, dico mai incontrato alcun "collega"?
Bene,anche io mi sono fatto spesse volte la tua stessa domanda. Probabilmente,quelli che girano scalzi a parte quelli iscritti al forum,sono davvero pochi. Anzi,io penso che vada bene se ce n'è uno solo per ogni città. Chicco.

ChiccoB

Numero di messaggi : 958
Età : 45
Data d'iscrizione : 05.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  lucione il Dom Set 18 2011, 11:32

Insomma, ho capito: siamo davvero pochi! Non so se uno solo per città (a Milano siamo senz'altro di più), comunque pochi.
Forse dipende dal fatto che non tutti fanno "outing"! Nel senso, un conto è dire: "Ah, ragazzi, oggi sono andato/andata in giro a piedi nudi e sono arrivato/arrivata sino a bar vicino a casa, dove ho preso un caffé e poi sono rientrato/a, dopo dodici minuti e 39 secondi"...........!
Va bene anche così, s'intende, ma ben diverso invece è uscire di casa la mattina del sabato (parlo per me) a piedi nudi, fermarsi dal portiere per questioni condominiali, vedendo così almeno venti persone che passano e salutano, poi andare sino a corso Vercelli, passeggiare su e giù per negozi per un paio d'ore, poi entrare a Mondadori Informatica, all'EsseLunga, poi nel pomeriggio... ecc ecc (non vi tedio ulteriormente). Nella zona ormai nessuno ci fa più caso, anzi se ho le scarpe mi chiedono il perché.
E dato che non tutti hanno raggiunto il coraggio (o la ragionata consapevolezza, e l'immenso piacere) di "stare", di "vivere" una intera giornata a piedi nudi, facendo esattamente tutte le cose che i "calzati" fanno... ecco che è ben difficile che ci si incontri per caso.
Stamattina pensavo di fare un salto al parco di Bresso, a vedere la famosa Bare Foot Run, al "festival della biodiversità" (anche se non mi sento "bio-diverso"!), ma la pioggia battente mi ha fatto desistere. Peccato, poteva essere l'occasione di scambiare finalmente quattro chiacchiere con altri piedinudisti.
saluti a tutti
lucione
avatar
lucione

Numero di messaggi : 84
Età : 69
Data d'iscrizione : 22.05.08

http://www.studiobertoluzzi.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma quanti siamo?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum