Non tutta la pubblicità viene per nuocere

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Non tutta la pubblicità viene per nuocere

Messaggio  october il Ven Ago 05 2011, 14:10

Non mi pare che altri l'abbiano segnalato, quindi ecco lo spot della nuova Mercedes SLK, il cui protagonista ha, a suo dire, una dipendenza da strada che lo porta non solo a guidare l'auto pubblicizzata, ma anche ad andarsene in giro di corsa scalzo. L'associazione positiva è innegabile. E, peraltro, il fatto che il tipo guidi scalzo (dato come sottinteso) risulta del tutto normale.

http://www.youtube.com/watch?v=B8XLaIQ69CA

october

Numero di messaggi : 124
Età : 41
Data d'iscrizione : 29.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non tutta la pubblicità viene per nuocere

Messaggio  Luca T il Lun Ago 08 2011, 15:17

Concordo pienamente.
Questo spot è utile perché dimostra molte cose che alcuni “scalzi timidi” hanno bisogno di capire:
Perché mai agli autori è venuto in mente di fare uno spot con un protagonista scalzo, di cui si sottolinea bene questo aspetto?
Perché, come dice october, l’essere scalzo è un segnale positivo.
Positivo perché?
Il protagonista se ne va scalzo perché è sicuro di sé e dei suoi desideri, sa quello che vuole e cerca di realizzarlo. La sicurezza dei propri desideri indica forza mentale, e quindi il nostro, che sa quel che vuole, corre e gira scalzo e per questo sa riconoscere al volo la qualità del prodotto.
Possiamo quindi dedurre che chi va scalzo è sicuro di sé, sa quel che vuole e cerca di soddisfare i propri desideri.E trasmette questo messaggio all'inconscio di chi lo vede, suscitando curiosità e forse invidia o desiderio di emulazione. Certo, se si parla dell'inconscio, possono scattare pensieri fobici (le siringhe, le cacche, i vetri..) ma si tratta di pure resistenze a lasciarsi andare.
Inoltre viene fatto percepire che le sensazioni di piacere che si provano nell’andare scalzi sono assimilabili a quelle di chi guida quella bellissima automobile, la quale dal canto suo vuole essere guidata da uno scalzo, mica da un fighetto di mezza tacca!
Così funziona il linguaggio non verbale: deve "bucare" i pensieri convenzionali per spingere oltre.
Devo dire che quella macchina è un'opera d’arte.
Allora, visto che non me la posso permettere, andrò scalzo in modo da godere gratuitamente del piacere che l’Artista Supremo ha creato nella pianta dei miei piedi.
Saluti a tutti
Luca
avatar
Luca T

Numero di messaggi : 202
Età : 69
Data d'iscrizione : 02.01.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non tutta la pubblicità viene per nuocere

Messaggio  october il Lun Ago 08 2011, 16:53

Ho letto da qualche parte (e ovviamente non trovo più il link) che il regista è un corridore scalzo, cosa che mi pare sia stata fondamentale per la riuscita dello spot.

october

Numero di messaggi : 124
Età : 41
Data d'iscrizione : 29.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non tutta la pubblicità viene per nuocere

Messaggio  bfpaul il Lun Ago 08 2011, 20:06

Luca T ha scritto:Concordo pienamente.
Questo spot è utile perché dimostra molte cose che alcuni “scalzi timidi” hanno bisogno di capire:
Perché mai agli autori è venuto in mente di fare uno spot con un protagonista scalzo, di cui si sottolinea bene questo aspetto?
Perché, come dice october, l’essere scalzo è un segnale positivo.
Positivo perché?
Il protagonista se ne va scalzo perché è sicuro di sé e dei suoi desideri, sa quello che vuole e cerca di realizzarlo. La sicurezza dei propri desideri indica forza mentale, e quindi il nostro, che sa quel che vuole, corre e gira scalzo e per questo sa riconoscere al volo la qualità del prodotto.
Possiamo quindi dedurre che chi va scalzo è sicuro di sé, sa quel che vuole e cerca di soddisfare i propri desideri.E trasmette questo messaggio all'inconscio di chi lo vede, suscitando curiosità e forse invidia o desiderio di emulazione. Certo, se si parla dell'inconscio, possono scattare pensieri fobici (le siringhe, le cacche, i vetri..) ma si tratta di pure resistenze a lasciarsi andare.
Inoltre viene fatto percepire che le sensazioni di piacere che si provano nell’andare scalzi sono assimilabili a quelle di chi guida quella bellissima automobile, la quale dal canto suo vuole essere guidata da uno scalzo, mica da un fighetto di mezza tacca!
Così funziona il linguaggio non verbale: deve "bucare" i pensieri convenzionali per spingere oltre.
Devo dire che quella macchina è un'opera d’arte.
Allora, visto che non me la posso permettere, andrò scalzo in modo da godere gratuitamente del piacere che l’Artista Supremo ha creato nella pianta dei miei piedi.
Saluti a tutti
Luca
Grazie Luca!
Ogni tanto bisogna sentirsi dire le cose che pure sappiamo, da chi le "dice bene".
Grazie ancora, questa è la forza del nostro forum ....

bfpaul
avatar
bfpaul
past President del Club NatiScalzi

Numero di messaggi : 2969
Data d'iscrizione : 18.11.07

http://www.nati-scalzi.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non tutta la pubblicità viene per nuocere

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum